Risparmio energetico e produzione flessibile con Atlas Copco

Pubblicato il 23 novembre 2020
SIAM e Atlas Copco - Compressore ZR160FF

L’acqua oligominerale Santa Maria, che sgorga da una sorgente all’estremità sud-orientale della Sicilia, è imbottigliata con cura e precisione nello stabilimento di Modica che ha recentemente rinnovato il suo impianto di aria compressa.

Il nuovo impianto, basato su tecnologia e progetto Atlas Copco, garantisce la purezza dell’aria e l’ottimizzazione dei consumi energetici grazie all’architettura modulare del sistema di aria compressa, alla tecnologia Oil-free dei compressori ed al programma di gestione e automazione della sala che garantisce in ogni momento un utilizzo efficiente di tutti i macchinari installati.

Lo stabilimento di Siam produce circa un milione di bottiglie al giorno di acqua minerale naturale, frizzante o leggermente frizzante destinate a utilizzi diversi: per l’utente singolo, per la famiglia, per i ristoranti e per le mense. Si tratta di due le linee produttive: una è dedicata esclusivamente a bottiglie di acqua naturale di due litri, mentre l’altra è dedicata ai formati dal mezzo litro ai due litri sia di acqua naturale che di acqua addizionata di anidride carbonica. La richiesta di aria compressa per la realizzazione di questi prodotti varia da un minimo di 300 m3/h a un massimo di 2.000 m3/h a pressione operativa di 29 bar(g).

La sfida di Atlas Copco, di fronte a una così elevata fluttuazione della richiesta, è stata quella di progettare un impianto in grado di adeguare in ogni momento il flusso dell’aria alle effettive necessità del cliente, con conseguente ottimizzazione dei consumi energetici. È stato pertanto implementato per Siam un programma di automazione e gestione realizzato su specifiche di progetto Atlas Copco che legge in ogni momento dagli apparati di misura installati nell’impianto i dati di pressione, di portata dell’aria e di consumo energetico, attivando quindi le macchine più idonee in funzione del flusso d’aria richiesto.  

Grazie al sistema ZD Flex di Atlas Copco, in base al quale una serie di serbatoi di bassa pressione disaccoppia le due sezioni di compressione rendendo le singole macchine perfettamente indipendenti fra loro, è stata garantita la flessibilità di esercizio e la possibilità di fornire aria di bassa pressione per i servizi ausiliari dello stabilimento. Nello specifico, sono stati installati due compressori bistadio a vite Oil-free raffreddati ad acqua con essiccatore ad assorbimento integrato, e due booster Oil-free a pistoni orizzontali e contrapposti. Per seguire al meglio le variazioni della produzione, sono stati inoltre previsti un booster con tecnologia VSD (Variable Speed Drive) e il compressore ZR 160 VSD+, insignito del premio “miglior prodotto dell’anno 2019” dalla rivista Plant Engineering. Questo compressore, grazie al suo motore a magneti permanenti in classe energetica IE5 (efficienza del 97%) ed al suo innovativo stadio di compressione, consente di raggiungere una efficienza di circa il 12% maggiore rispetto ai modelli precedenti, assicurando un minor impatto ambientale.

L’architettura modulare del progetto si è dimostrata vincente anche durante il lockdown, verificatosi nel passaggio dal vecchio impianto al nuovo. L’installazione era già infatti prevista in due fasi: la prima fase prevedeva l’inserimento di due dei sei compressori acquistati in una nuova area appositamente costruita per l’ampliamento dell’impianto, mentre durante la seconda fase sarebbero stati sostituiti gli ultimi compressori Atlas Copco con i nuovi modelli. Seguendo quindi questo processo anche durante il lock-down, scattato fra la prima e la seconda fase del progetto e coinciso con un aumento della richiesta di acqua minerale, è stata garantita la continuità di produzione nonostante l’emergenza sanitaria.

“Lavoriamo con Atlas Copco da circa vent’anni, quando abbiamo acquisito i nostri primi due compressori, e siamo sempre rimasti soddisfatti sia per l’affidabilità della tecnologia impiegata che dal grande spirito di collaborazione che abbiamo riscontrato in ogni occasione. Anche per l’installazione ed il collaudo del nuovo impianto siamo stati seguiti con professionalità e siamo stati supportati inoltre nella redazione della dichiarazione DM 329 necessaria per la messa in servizio in sicurezza delle attrezzature in pressione. Aggiungo che la silenziosità dell’impianto e la riduzione di vibrazioni sono state determinanti per migliorare l’ambiente di lavoro nella nostra sala compressori”, afferma Ottavio Dimartino, Responsabile Produzione di Siam.

“I dati per il monitoraggio forniti da Energy Team, la Energy Service Company che ci ha affiancato nel progetto ed ha fornito la strumentazione di misura di portata e di potenza, hanno evidenziato dei consumi specifici delle macchine superiori alle aspettative, con miglioramento complessivo dell’efficienza dell’impianto di circa il 25% che conseguentemente comporta un risparmio economico per il cliente. Ciò è stato merito sicuramente del nostro progetto combinato con una tecnologia innovativa, ma anche del programma di automazione e controllo che gestisce tutto l’impianto e che attiva i diversi compressori per ottimizzare il flusso di aria compressa in maniera costante, inoltre la sala compressori è monitorabile da remoto attraverso i più comuni device (smartphone, tablet, ecc.). Possiamo pertanto dire che le prestazioni della nuova sala compressori ci stanno dando grandi soddisfazioni. Ne siamo molto orgogliosi”, afferma Giorgio Ceron, Project Engineer di Atlas Copco che ha progettato l’impianto e seguito tutto il suo processo di implementazione.



Contenuti correlati

  • Decarbonizzazione più vicina per Coca Cola grazie a Siemens

    Lo stabilimento produttivo Coca-Cola European Partners di Jordbro, situato a sud di Stoccolma, ha raggiunto un nuovo traguardo. In meno di un anno, il sito di produzione (che si estende per 70.000 metri quadrati) ha abbattuto del...

  • Motori e azionamenti ABB ad alta efficienza per ridurre i consumi nell’industria

    Un whitepaper ABB svela il potenziale per importanti miglioramenti dell’efficienza energetica nel mondo dell’industria e delle infrastrutture, grazie all’ultima generazione di motori ad alta efficienza e azionamenti a velocità variabile. Secondo l’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA), l’industria rappresenta...

  • alpi acque gruppo di rilancio in rete ego energy certificati bianchi
    Come ottenere i Certificati Bianchi per gli interventi sugli acquedotti

    L’intervento di razionalizzazione del sistema acquedottistico di Fossano, in provincia di Cuneo, ha ottenuto i Certificati Bianchi. È stata infatti approvata dal Gse la pratica presentata da Ego Energy per Alpi Acque volta al riconoscimento degli incentivi...

  • LG Cassetta Dual Vane HVAC
    Come massimizzare l’efficienza degli uffici con i sistemi HVAC

    In questi mesi una grande quantità di uffici sono quasi deserti perché molte persone stanno lavorando in smart working. È quindi il momento perfetto per pensare ad una ristrutturazione dei sistemi HVAC per renderli più smart ed...

  • E.On Amcor trigenerazione
    Impianto di trigenerazione per imballaggi più sostenibili

    È entrato in funzione il nuovo impianto di trigenerazione realizzato da E.On presso lo stabilimento produttivo di Lugo di Vicenza (VI) di Amcor Flexibles, che a Lugo produce imballaggi flessibili per i settori alimentare, farmaceutico e cosmetico...

  • Apparecchiature ad aria compressa, Atlas Copco acquisisce DGM

    Atlas Copco ha acquisito DGM Srl, distributore italiano di apparecchiature di area compressa e servizi correlati. I clienti dell’azienda sono principalmente imprese industriali attive in Veneto, nell’area nord-est d’Italia. DGM è un’azienda privata nata nel 1972 e...

  • sede Ego Energy
    Mercato energetico, Ego Energy spinge l’acceleratore sulla digitalizzazione

    Il mercato energetico è profondamente mutato durante il difficile anno appena conclusosi: la pandemia ha ridotto drasticamente, soprattutto durante il lock down di primavera, i consumi energetici ed il prezzo dell’energia lasciando uno scenario piuttosto incerto per...

  • Per un consumo dell’acqua più sostenibile da parte del mondo industriale

    “Water for Life” è il nuovo progetto della campagna “The Only Progress is Human” di Dassault Systèmes volta ad aumentare la consapevolezza delle sfide sociali e ambientali e ad ispirare l’utilizzo di mondi virtuali per accelerare innovazioni...

  • Sistemi di filtrazione Atlas Copco
    Le soluzioni Atlas Copco per la filtrazione industriale

    Atlas Copco amplia il suo portafoglio d’offerta proponendo sacchi filtranti, cartucce e contenitori per la filtrazione di liquidi e gas destinati alle linee di produzione delle aziende, con particolare attenzione a quelle dei settori alimentari, farmaceutico e...

  • Essiccatori frigoriferi a basso GWP di Parker

    Con l’introduzione di due nuove serie di essiccatori frigoriferi, PSE (Polestar Smart-E) e SPS (Starlette Plus-E), Parker Hannifin ha aggiornato la sua gamma completa di essiccatori a bassa pressione, utilizzando il gas refrigerante a basso GWP (global...

Scopri le novità scelte per te x