Raddoppio della produttività energetica ed emissioni zero entro il 2040: l’impegno di Omron

Omron si impegna a raddoppiare la produttività energetica entro il 2040 allo scopo di conseguire emissioni zero. È la prima azienda manifatturiera giapponese a unirsi all’iniziativa EP100

Pubblicato il 20 dicembre 2022

Omron Corporation ha aderito all’iniziativa “EP100” (*) del Climate Group (**), diventando la prima impresa nipponica del settore manifatturiero nonché la quarta azienda del Paese a unirsi al progetto a cui hanno aderito oltre 120 organizzazioni che hanno adottato sistemi energetici all’avanguardia impegnandosi nella misurazione e rendicontazione dei miglioramenti nell’ambito dell’efficienza energetica.

Attraverso l’adesione all’iniziativa delle proprie divisioni Industrial Automation e Healtchare, Omron si impegna a raddoppiare la propria produttività energetica, puntando a duplicare, entro il 2040, il volume delle proprie vendite per GWh rispetto ai livelli del 2016. Con il termine ‘produttività energetica’ si intende infatti un indicatore che mira a ridurre il consumo energetico e, nel contempo, a stimolare la crescita economica.

Zero emissioni di carbonio nel 2050

Nella vision a lungo termine varata nell’aprile 2022, Omron ha confemato il proprio impegno ad affrontare e risolvere sfide che riguardano l’intera società attraverso la propria attività di business, trasformando l’organizzazione negli anni e rispondendo ad esigenze sociali come la carbon neutrality.

Omron è dedita alla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra e alla creazione di una società decarbonizzata attraverso la conservazione dell’energia e un consumo energetico più pulito. Omron sta aumentando lo sforzo a favore della creazione e conservazione di energia, impegnandosi parallelamente ad azzerare le emissioni di carbonio nei suoi 76 siti in Giappone entro il 2024, come delineato nel piano a medio termine ‘Shaping the Future Phase 1’ (Plasmare il Futuro Fase 1).

Iniziative uniche nel campo della produttività energetica

Da oltre un decennio, Omron lavora per conciliare i miglioramenti in termini di qualità e produttività con la salvaguardia dell’ambiente a livello globale nello stabilimento di Ayabe (la città di Ayabe, nella Prefettura di Kyoto) e in altre fabbriche in-house. La fornitura delle tecnologie e del know-how maturati attraverso tali sforzi permette a Omron di porsi come guida del settore manifatturiero nel miglioramento della produttività energetica, con prodotti e servizi che non vengono utilizzati solo nei siti di produzione proprietari, ma anche in quelli dei clienti Omron.

D’ora in poi, il segmento dell’automazione industriale visualizzerà il volume di produzione, la qualità e il consumo energetico, oltre a valutare il potenziale di riduzione dell’energia nelle rispettive basi di produzione del segmento sanitario. Attraverso la tecnologia di controllo dell’energia del segmento dell’automazione industriale, Omron costruirà un sistema in cui il miglioramento della produttività determinerà direttamente la riduzione dell’energia. Inoltre, tale segmento utilizzerà in modo proattivo le tecnologie e il know-how acquisiti attraverso queste iniziative per i propri clienti e partner, al fine di supportare i produttori di tutto il mondo non solo nella riduzione delle emissioni di gas serra, ma anche nella realizzazione di una produzione resiliente.

“Nella vision a lungo termine di Omron per i prossimi 10 anni ‘Shaping the Future 2030’, abbiamo identificato il ‘contributo al conseguimento della carbon neutrality’ tra le questioni sociali da affrontare attraverso le attività della nostra azienda” ha dichiatato Yoshihito Yamada, Presidente e CEO di Omron Corporation. “Omron si impegna con determinazione a far fronte alla questione sociale del cambiamento climatico e l’adesione a EP100 rappresenta un ulteriore passo fondamentale per realizzare l’ambizione di emissioni zero. Vogliamo promuovere la neutralità sotto il profilo delle emissioni di carbonio in tutta la nostra catena del valore, consentendo ai clienti di contenere le emissioni attraverso l’affidamento alle nostre iniziative e soluzioni. La consapevolezza climatica non fa solo parte della nostra responsabilità verso il pianeta, ma costituisce anche un fattore di differenziazione chiave per garantire la gestione di un business a prova di futuro. Omron si impegna ad assolvere la propria responsabilità sociale nei confronti del pianeta e della società, trasformando la carbon neutrality in un vantaggio competitivo per l’impresa e aumentando ulteriormente il valore aggiunto della catena del valore per incrementare di conseguenza anche il valore aziendale”.

“Siamo lieti che Omron abbia aderito a EP100, unendosi a oltre 120 membri che si sforzano di fare il massimo nei limiti e nelle risorse possibili” ha commentato Toby Morgan, Senior Manager di Built Environment presso Climate Group. “Impegnandosi a migliorare l’efficienza energetica, Omron sta dimostrando ambizione e leadership in Giappone, indicando alle altre aziende della regione la via verso la riduzione delle emissioni e dei costi, e accelerando così la transizione verso un’economia resiliente ai cambiamenti climatici”.

(*) EP100 è un’iniziativa globale del gruppo internazionale senza scopo di lucro Climate Group, che riunisce un numero crescente di aziende energeticamente intelligenti, impegnate a fare di più con meno, per migliorare la propria produttività energetica. Alla guida dell’innovazione tecnologica e della riduzione delle emissioni, con notevoli risparmi sui costi e una migliore competitività, i membri sono fonte d’ispirazione per gli altri a seguire l’esempio. #EP100

(**) Il Climate Group promuove azioni tempestive a favore del clima. Puntiamo a un mondo a zero emissioni nette di carbonio entro il 2050, con una maggiore prosperità per tutti. Ci concentriamo sui sistemi con le emissioni più alte e laddove le nostre reti hanno la maggiore chance di favorire il cambiamento. Lo facciamo costruendo grandi reti influenti, responsabilizzando le organizzazioni e trasformando gli impegni in azioni. Condividiamo i risultati ottenuti assieme per mostrare anche alle altre organizzazioni quello che possono fare. Siamo un’organizzazione internazionale senza scopo di lucro, fondata nel 2004, con uffici a Londra, Nuova Delhi e New York.

 



Contenuti correlati

  • Innovazione, collaborazione e sostenibilità

    Festo guida la trasformazione verso un futuro sostenibile, offrendo soluzioni all’avanguardia per l’automazione industriale Il mercato attuale presenta sfide significative, come le rapide evoluzioni tecnologiche e gli scenari normativi in continua evoluzione. Le aziende devono dimostrare grande...

  • Stefano Cappello Limenet startup
    Le start-up che accelerano il Net Zero con lo stoccaggio della CO2 nel mare

    L’Oceano è il più grande serbatoio di carbonio del pianeta, un sistema naturale che assorbe l’anidride carbonica in eccesso dall’atmosfera e la immagazzina. Circa il 25-30% di CO2 immessa in atmosfera nel corso in tutta l’era industriale...

  • Direttiva CSRD, i nuovi obblighi per essere sostenibili

    La Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD) è stata varata dalla Commissione Europea allo scopo di promuovere pratiche commerciali improntate alla sostenibilità sia negli scambi che avvengono tra le aziende dell’Unione che in quelli riguardanti le importazioni extra...

  • Fanuc CDP Climate A List
    Robot amici dell’ambiente: Fanuc è nella Climate A List di CDP

    Fanuc è stata riconosciuta come eccellenza nella sostenibilità aziendale e lotta al cambiamento climatico dall’organizzazione internazionale no-profit CDP, assicurandosi per la prima volta il posto nella sua esclusiva “A List” annuale. CDP (Carbon Disclosure Project) monitora regolarmente...

  • Gestione efficiente e sostenibile dell’acqua con Control Techniques

    L’approvvigionamento idrico in aree remote dove non esistono fonti di energia elettrica o dove la fornitura energetica non è affidabile diventa complesso da gestire e necessita di una soluzione sicura ed efficiente. È qui che entra in...

  • italpreziosi b corp
    Sostenibilità d’oro per Italpreziosi che ottiene la certificazione B Corp

    Italpreziosi ha reso noto, in occasione dei festeggiamenti per il traguardo del 40° anniversario, di aver ottenuto la certificazione B Corp. Italpreziosi, già società Benefit, entra così a far parte di un movimento globale di aziende che guidano...

  • Giornata Mondiale dell’Acqua

    Ogni 22 marzo, il mondo celebra la Giornata Mondiale dell’ Acqua, istituita nel 1992 dalle Nazioni Unite per mettere in evidenza l’importanza vitale di questa risorsa. Quest’anno, TÜV Italia vuole riflettere sull’urgente necessità di preservare le risorse...

  • Da Panasonic e Tado pompe di calore smart per la transizione energetica

    La partnership tra tado° e Heating & Ventilation A/C Company di Panasonic Corporation offre un mix di tecnologie e prodotti all’avanguardia per il settore delle pompe di calore, che prevedono un controllo del riscaldamento intelligente. Questa collaborazione...

  • Riciclo e tracciabilità della plastica: il caso Relicyc alla Settimana della Sostenibilità

    Relicyc è tra i protagonisti della Settimana della Sostenibilità 2024, l’evento organizzato da Confindustria Veneto Est dal 19 al 22 marzo per diffondere la cultura dello sviluppo sostenibile tra le imprese del territorio. Primaria realtà nel settore...

  • Victor Calderon, Mediterranean Countries Sales Manager di Riverbed Technology
    Riverbed, una digital experience sostenibile assicura vantaggi e supporta la crescita

    Di Victor Calderon, Mediterranean Countries Sales Manager di Riverbed Technology Oggi oltre l’80% dei responsabili, dai cloud provider, ai dirigenti, ai progettisti di software, ai team IT fino ai membri dei consigli di amministrazione, ha come priorità...

Scopri le novità scelte per te x