Oil & Gas: le aziende europee più virtuose delle americane

Pubblicato il 1 dicembre 2016

CDP ha presentato il report “In the pipeline” che analizza un raggruppamento di aziende nel settore oil & gas che capitalizzano 1.200,00 miliardi di dollari, rivela una divisione transatlantica tra aziende europee che superano le loro rivali americane per quanto riguarda l’impegno verso un futuro a basse emissioni di carbonio, avendo iniziato a investire in fonti energetiche alternative e a incrementare la quota di gas.

L’industria petrolifera e del gas, e l’utilizzo dei loro prodotti, genera circa il 50% delle emissioni globali di CO2. Le politiche climatiche e la tecnologia dirompente che riguarda l’uso degli idrocarburi nei settori dei trasporti e dei servizi, richiederanno all’industria petrolifera e del gas di adattarsi rapidamente per far sì che il proprio business riesca a rispondere alle esigenze future.

Il rapporto di CDP – votato come il più importante report sui cambiamenti climatici dagli investitori istituzionali – afferma che l’industria abbia bisogno di una migliore disciplina di mercato per assicurarsi il proprio posto in un futuro a basse emissioni di carbonio, attraverso un abbassamento della base di costo o un ritorno del capitale agli azionisti. La ricerca rivela, inoltre, che l’assenza di dati affidabili sulle riserve probabili e possibili rappresenta una perdita significativa di informazioni preziose per gli investitori che cercano di confrontare il rischio del portafoglio delle attività all’interno delle aziende.

Tarek Soliman, Senior Analyst, Investor Research di CDP ha affermato: “Su entrambi i versanti dell’Atlantico, le grandi aziende internazionali petrolifere e di gas hanno bisogno di vedere come si inseriscono in un sistema energetico in grado di raggiungere gli obiettivi climatici fissati nell’Accordo di Parigi. La nostra ricerca mostra che le aziende europee si sono dimostrate più attive nello sviluppo di strategie di transizione per il prossimo decennio – che ci si aspetta sarà caratterizzato da un picco della domanda di petrolio -, e stanno iniziando a implementarle. Ma molto di più deve essere fatto a tutti i livelli dalle compagnie petrolifere e del gas nell’esplorare le loro possibilità future, e gli investitori vogliono monitorare queste azioni attraverso una divulgazione più accurata e coerente”.

Meryam Omi, Head of Sustainability and Responsible Investment Strategy dell’LGIM, ha affermato: “E’ di vitale importanza che il settore O&G si impegni a raggiungere l’obiettivo globale di transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio. C’è una divergenza inevitabile fra i loro impegni e la trasparenza, come dimostra questo report. LGIM utilizzerà molte delle scoperte per guidare la sua strategia complessiva di impegno in questo settore”.

Il report attuale ha confrontato le performance delle aziende di Oil and Gas in materia di clima e ha riscontrato che Statoil, Eni e Total sono, rispetto alle altre aziende, le più virtuose dal punto di vista dei parametri relativi alle emissioni di carbonio, con Suncor, ExxonMobil e Chevron che si posizionano invece più in giù nella classifica delle aziende valutate da CDP.

Altri risultati contenuti nel report includono:

  • Futuro incerto: le grandi aziende di oil and gas devono prendere decisioni chiave a breve e a lungo termine per proteggere i loro modelli futuri di business, come ad esempio il miglioramento della disciplina di mercato, un riequilibrio del portafoglio negli anni a venire e una considerazione su una più ampia diversificazione o sulla gestione del declino nel corso dei prossimi decenni.
  • Regolamento: l’industria del petrolio e del gas sarà influenzata da interventi normativi che interesseranno la domanda nei settori che essa rifornisce. Questa include le emissioni della flotta automobilistica per quanto riguarda il petrolio e la riduzione dei target di emissione e del carbon pricing per quanto concerne l’uso del gas nella produzione energetica.
  • Efficienza operativa: questo rimane un problema nel settore, con le undici aziende dello studio che perdono in media il 6% della loro produzione di gas attraverso il gas flaring e lo sfiato e le fuoriuscite di metano. La gestione delle risorse influenzerà la domanda dei prodotti dell’industria nel loro uso a valle, ad esempio il profitto del ciclo di vita delle emissioni di carbonio di gas naturale rispetto al carbone nella produzione energetica può essere eroso a causa della fuoriuscita di metano (durante l’estrazione e il trasporto).
  • Pacchetti di remunerazione dei dirigenti: questi sono attualmente molto usati per premiare le performance aziendali in merito ai livelli di produzione degli idrocarburi e conservano indicatori di sostituzione (attualmente solo cinque aziende hanno elencato parametri della performance legata al clima)
  • Acqua: il 40% del petrolio onshore e della produzione di gas a monte è attualmente localizzato in aree di stress idrico medio o alto. Ciò nonostante, la divulgazione societaria rimane ancora indietro rispetto ad altri settori che affrontano rischi simili.
  • Saudi Aramco, Rosneft e PetroChina: pur rappresentando complessivamente oltre i 240 miliardi di dollari in capitalizzazione di mercato, non hanno risposto al questionario CDP climate change del 2016 e pertanto non sono incluse in questo report. Gli investitori dovrebbero chiedere a queste aziende perché non stanno garantendo trasparenza sui loro rischi legati al carbonio.

Paul Simpson, CEO of CDP, ha commentato: “Il settore dell’oil and gas e i suoi prodotti contribuiscono a produrre circa la metà delle emissioni globali di CO2. Si tratta di un settore per gli investitori da osservare con attenzione in termini di rischio climatico e cambiamento tecnologico. La Taskforce on Climate related Financial Disclosure (TCFD) di Mark Carney prevede di svelare i suoi risultati in dicembre, favorendo così probabilmente un aumento delle richieste da parte degli investitori nei confronti delle società di oil and gas per una piena divulgazione dei loro risultati.
Ci sono buone ragioni per essere ottimisti. Alcune delle maggiori aziende di oil and gas hanno un bilancio che contempla la transizione verso modelli di business a più basse emissioni di carbonio e giocano un ruolo chiave nella realizzazione degli Accordi di Parigi”.



Contenuti correlati

  • Nuova visual identity e claim per MCE

    MCE, la vetrina prestigiosa del settore, allarga il proprio orizzonte visivo con il ruolo di leader che ha conquistato negli anni, governando i cambiamenti sempre più ampi e importanti, con un percorso per incrementare il proprio ruolo...

  • Meno consumi e più sostenibilità, con nuovi motori e azionamenti

    La sostituzione delle installazioni obsolete con nuovi motori più efficienti ed ecologici comporta importanti vantaggi per l’ambiente e lo sfruttamento delle risorse, oltre che per i costi di produzione e quindi per la competitività. Leggi l’articolo

  • sostenibilità industria
    Come fare per diventare un’industria sostenibile?

    Si parla molto del tema della sostenibilità ambientale, oramai questo termine è utilizzato quasi come un intercalare quando si parla di economia ed industria. Purtroppo, questa parola non può rappresentare un desiderio da soddisfare per seguire la...

  • Etichetta green per dare nuova vita ai rifiuti

    Epson aderisce al progetto Fur of Love che è insieme una label e una campagna per salvare i capi pre-loved da discariche e inceneritori. Partner tecnologico dell’iniziativa, Epson attesta l’essenza vintage della pelliccia sulla base di un’autocertificazione...

  • Da Parker, nuova valvola di sfiato termica con connessioni a doppia boccola A-LOK

    Parker Hannifin ha lanciato una gamma estesa di valvole di sfiato termiche criogeniche in acciaio inossidabile con l’opzione di connessioni A-LOK a due boccole integrate. La tecnologia di connessione A-LOK a due boccole di Parker garantisce prestazioni prive...

  • Certificazione ‘Made in Italy’ per ridurre del 73% i casi di danno ambientale

    Nelle aziende del Vecchio Continente manca una vera cultura della prevenzione e del ripristino di un danno fatto all’ecosistema: solo l’1,7%, infatti, ha attivato una polizza sul rischio ambientale. Per guidare il cambiamento a favore di una...

  • Natale 2022: quest’anno sotto l’albero si ‘spacchetta’ la sostenibilità

    I consumatori sono sempre più attenti alla sostenibilità dei prodotti e delle aziende che li producono e commercializzano. Secondo uno studio di Accenture, in Italia, il 71% dei consumatori preferisce acquistare beni e servizi provenienti da aziende con...

  • Sato etichette linerless solubili
    Packaging e riciclo: le etichette Sato sono solubili in acqua

    Sato, multinazionale giapponese che fornisce soluzioni per l’identificazione automatica e per la tracciabilità dei prodotti, ha avviato un’analisi interna con l’obiettivo di identificare soluzioni concrete da proporre ai partner e ai clienti finali interessati a valorizzare gli...

  • Tre chiavi per il futuro

    Innovazione, digitalizzazione e sostenibilità: queste le parole chiave della strategia di IMQ per il prossimo futuro, come ha sottolineato l’AD del gruppo, Antonella Scaglia Leggi l’articolo

  • SmartMe Arancino
    SmartMe abilita la trasformazione digitale del settore vitivinicolo

    Viticoltura 4.0 ovvero l’applicazione dell’Internet of Things e dell’Intelligenza Artificiale a tutta la filiera vitivinicola, dalla vigna all’etichettatura della bottiglia. È la proposta di SmartMe, la digital innovation company siciliana che al Simei di Milano ha proposto...

Scopri le novità scelte per te x