Nuova vita ai pallet in legno e plastica con Relicyc

Pubblicato il 16 novembre 2022
Relicyc

Trasformare l’ambiente in un’opportunità di sviluppo: è questa la mission di Relicyc, nuova denominazione per una realtà attiva nel recupero di materie plastiche e legno che ha alle spalle una lunga storia nella gestione completa del pallet a fine utilizzo, dal suo reimpiego alla reintroduzione nel mercato.

Relicyc nasce infatti da un progetto di rebranding di Imball Nord, azienda veneta che ha operato per più di 40 anni nel settore della raccolta e del riciclo e nel suo business dedicato al pallet e all’economia circolare.

Relive e cycle sono alcune tra le diverse parole che hanno ispirato il nome dell’azienda rimandando all’idea di un ciclo virtuoso basato sul principio di far rivivere la materia all’infinito. Il nome scelto punta proprio sulla circolarità dei processi di rigenerazione, sulla globalità del servizio offerto, e sull’affidabilità dell’azienda, che permette al cliente di ridare sempre nuova vita ai propri prodotti e quindi al proprio business.

Your green efficiency partner è il claim del brand che racchiude tre parole chiave: “green”, per identificare con immediatezza il settore; “efficiency” per dare l’idea del tipo di valore aggiunto che Relicyc può portare nel business; “partner” per trasmettere il senso di collaborazione che l’azienda instaura nelle relazioni con i propri stakeholder.

Con oltre 40 anni di esperienza, Relicyc si distingue tra i più competenti protagonisti del settore, ponendosi come affidabile punto di riferimento per la creazione di una nuova “efficienza ambientale”. È un’azienda unica nel suo ambito: non esistono infatti altri attori che garantiscono una filiera completa che parta dall’ideazione del prodotto e termini con la consegna al cliente. I servizi proposti, organizzati e seguiti in prima persona, comprendono il recupero di materiale plastico e la sua trasformazione in Logypal, il prodotto realizzato al 100% con plastica riciclata.  Inoltre, si occupa della raccolta dei pallet in legno a fine utilizzo, la loro riparazione e la nuova immissione sul mercato come pallet in legno rigenerati.

Per rendere gli articoli prodotti nuovamente riciclabili e per offrire al mercato la migliore qualità, la materia prima è attentamente selezionata dall’azienda. Per tale ragione Relicyc presta massima attenzione alla fase di raccolta e macinazione così da rendere il processo produttivo più efficiente e ottenere un prodotto di alta qualità. La filiera di recupero e lavorazione viene gestita all’interno dell’azienda per garantire un accurato controllo, massima qualità e un impatto ambientale ridotto al minimo.

A livello logistico, Relicyc dispone di  mezzi adeguati, e di un’assistenza competente e professionale,. Il modello  Relicyc è specifico, unico, esclusivo e circolare perché accompagna le aziende in un percorso di sostenibilità garantendo ottimi standard sia di prodotto che di servizio. Secondo una moderna ottica di “sistema  impresa”, Relicyc parte dalle idee di clienti e fornitori per arrivare a condividere obiettivi volti a migliorare la funzionalità del prodotto e il suo recupero a fine ciclo vita.

Credendo fortemente nel valore della collaborazione, Relicyc, inoltre, privilegia l’aspetto relazionale del rapporto con clienti e fornitori. Gli incontri sono l’occasione per analizzare, le necessità e condividere una soluzione ottimale.

Essendo attenta alle tematiche ambientali e valorizzando una profonda cultura d’impresa, Relicyc punta a un perfezionamento continuo dei processi e a un’adeguata formazione del personale, in modo da garantire prestazioni sempre all’altezza delle richieste: un’offerta, quindi, completa e altamente professionale, la cui impostazione agile, innovativa e aperta a nuove proposte, consente di rispondere velocemente ai bisogni delle aziende e ai cambiamenti del mercato.



Contenuti correlati

  • Energy Trainer EnergRed
    Professioni del futuro: arriva il Solar Energy Trainer

    La sostenibilità paga. E non è solo un modo dire perché con l’iniziativa di EnergRed da oggi è possibile scegliere un percorso di alta formazione retribuito per diventare Solar Energy Trainer, mettendosi alla prova nella prospettiva di...

  • Alps4GreenC biomasse biochar
    Agricoltura sostenibile, trasformare le biomasse in biochar

    Il laboratorio Bioenergy & Biofuels al NOI Techpark, diretto dal prof. Marco Baratieri, è uno dei partner del progetto Alps4GreenC, finanziato dal programma Interreg Alpine Space, che mira alla creazione di una catena di valore transnazionale basata...

  • Schneider Electric Altivar
    Efficienza energetica nelle applicazioni motore con i variatori Altivar di Schneider Electric

    Schneider Electric si è aggiudicata il premio “Most Climate-Positive Carbon Handprint Product Award” assegnato nell’ultima edizione della Climate Week di New York (2022). Questo riconoscimento è assegnato ai prodotti che hanno un significativo impatto positivo in termini...

  • Iride Acque reflue
    Una tecnologia per depurare le acque reflue con costi minimi

    Iride Acque si è ispirata a una tecnologia usata in passato per depurare l’aria: l’ha modificata e applicata al trattamento dei reflui industriali. Ha trasformato così un processo estremamente costoso in un obiettivo alla portata di tutte...

  • Traent blockchain comuni
    Sostenibilità e territori: la blockchain entra nella PA

    80 i Comuni i pionieri dell’innovazione, che, per la prima volta, utilizzano le blockchain all’interno della Pubblica Amministrazione. Un progetto ambizioso reso possibile dalla collaborazione dell’associazione nazionale Rete dei Comuni Sostenibili con la startup Traent che ha...

  • Parliamo di economia circolare

    Waste Management Europe Conference & Exhibition vuol diventare l’evento più influente a livello europeo sulla gestione dei rifiuti e l’economia circolare. Una piattaforma collaudata, pronta a ospitare numerosi visitatori,  delegati e aziende dal 18 al 20 Aprile 2023. Sede della...

  • Elettronica: dalla lignina arriva il transistor del futuro

    Da rifiuto a risorsa. La lignina, principale prodotto di scarto dell’industria cartiera, potrebbe presto essere alla base di una piccola, ma significativa rivoluzione ‘green’ nell’elettronica. Uno studio internazionale, guidato dal Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale dell’Università...

  • COP27 e Agenda 2030: i grandi del pianeta per lo sviluppo sostenibile

    Si è da poco conclusa Cop27, la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. Focus principale dell’incontro è stato l’urgenza di un’azione immediata in materia ambientale, consci del fatto che il delicato contesto geopolitico in Ucraina ha...

  • Progetto Treedom: Vertiv aderisce e pianta 1.250 alberi

    Vertiv rafforza il proprio impegno verso la sostenibilità e l’impatto ambientale donando ai clienti – e al pianeta – la Foresta Vertiv. Nata dall’adesione da parte del team di Vertiv Italia al progetto di Treedom e composta...

  • ABB riduce l’impronta ecologica dei prodotti industriali

    ABB collaborerà con Boliden, azienda svedese che gestisce miniere e fonderie, per sviluppare una cooperazione strategica finalizzata all’utilizzo di rame a basso contenuto di carbonio negli impianti di rimescolamento elettromagnetico (EMS) e nei motori elettrici ad alta...

Scopri le novità scelte per te x