Nasce in Arabia Saudita la città del futuro con pannelli solari Fly Solartech

Pubblicato il 24 gennaio 2022
smart city fly solartech

È in Arabia Saudita la città industriale in fase di sviluppo dove inizierà a breve l’installazione dei moduli fotovoltaici progettati e prodotti da Fly Solartech Solutions, azienda italiana specializzata nella realizzazione di pannelli architettonicamente integrati e “su misura”. Il progetto è sviluppato e gestito da una fra le più grandi compagnie petrolifere al mondo.

Fly Solartech Solutions ha progettato e prodotto 2.000 pannelli solari rigidi e ultrasottili di forma cilindrica per l’infrastruttura di illuminazione pubblica della nuova città. I pannelli, ciascuno alto 4,80 metri e con potenza di 380 Watt, avvolgono la parte alta di ciascun palo e alimentano la lampada a led posizionata sul braccio.  Sono completamente neri e perfettamente integrati, non distinguibili a occhio nudo.

La città è stata pensata come una comunità sostenibile, in cui i residenti vorranno vivere, le aziende costruire e prosperare, i dipendenti lavorare e i visitatori fare affari. Il progetto della città prevede di coprire una superficie di 50 chilometri quadrati in prossimità di aree industriali, reti autostradali e ferroviarie.

Verrà fatta una suddivisione in cinque aree principali: Una moderna zona logistica con dogana che offrirà un’ampia gamma di servizi. Sarà collegata alla futura ferrovia e includerà un porto a secco interno, un’area doganale e un parco logistico con magazzini e altri servizi. Al termine del progetto il porto a secco avrà una capacità di 8 milioni di tonnellate di merci all’anno con alti livelli di automazione. Un’area industriale suddivisa in zone specializzate che aiuteranno la crescita di una catena del valore integrata per i beni e servizi energetici. Una zona residenziale con appartamenti, ville, strutture educative di alta qualità, un complesso sanitario, scuole e strutture ricreative. Si stima che l’offerta residenziale complessiva raggiungerà le 15.000 unità e le 400 camere d’albergo. Un quartiere degli affari, con immobili a uso ufficio, ristoranti e negozi. Un’area con diversi centri di formazione specializzati per soddisfare le crescenti esigenze di manodopera.

Nonostante sia progettata da una delle più grandi compagnie petrolifere al mondo, la città coltiverà e alimenterà anche lo sviluppo delle piccole e medie imprese, stimolerà l’innovazione e l’imprenditorialità nel settore energetico e delle rinnovabili contribuendo in modo significativo a un panorama economico diversificato. L’infrastruttura fotovoltaica realizzata da Fly Solartech Solutions ha una potenza complessiva 0,76 MW. Alla base di ciascun palo è installata una batteria solare “on-grid”, in grado di cedere energia in rete quando è carica e/o ricevere energia dalla rete qualora la potenza generata dal sole non sia sufficiente.

“Siamo orgogliosi di partecipare a questo progetto innovativo, per noi molto interessante e stimolante. Abbiamo investito in attività di ricerca e sviluppo per sviluppare la tecnologia che ci ha permesso di realizzare i pannelli fotovoltaici che “abbracciano” i 2.000 pali dell’infrastruttura di illuminazione della città”, afferma Davide Zanatta, fondatore e CEO di Fly Solartech Solutions. “Si tratta della tecnologia “7 layers”, da noi brevettata e giunta a maturazione finale nell’ultimo anno. In base ad essa abbiamo messo a punto un processo di lavorazione particolare che permette al modulo, dopo essere stato sagomato per assumere la forma desiderata, di avere la stessa rigidità di un modulo di vetro. Questo avviene nell’ultima fase di lavorazione del processo produttivo, durante il quale i moduli sono assemblati e personalizzati in base al raggio di curvatura, alla potenza, alla dimensione e al colore richiesti”.

Tutti i moduli progettati dall’azienda sono basati sulla tecnologia Etfe, un polimero plastico a base di fluoro che grazie alla sua particolare conformazione atomica è in grado di resistere ad elevate temperature ambientali mantenendo una grande efficienza. L’Etfe assicura un’ottima resistenza meccanica e chimica ed è anti riflesso. Importante citare anche il brevetto “G-Wire”, un rivoluzionario processo di connessione delle celle che garantisce elevata produttività delle celle anche in caso di crepe o microfratture.

I pannelli progettati da Fly Solartech sono particolarmente adatti nello sviluppo delle città sostenibili, infatti possono essere integrati nelle strutture esistenti, non devono essere orientati e non impattano sul decoro urbano.



Contenuti correlati

  • Schneider Electric Altivar
    Efficienza energetica nelle applicazioni motore con i variatori Altivar di Schneider Electric

    Schneider Electric si è aggiudicata il premio “Most Climate-Positive Carbon Handprint Product Award” assegnato nell’ultima edizione della Climate Week di New York (2022). Questo riconoscimento è assegnato ai prodotti che hanno un significativo impatto positivo in termini...

  • Fluke misura e collaudo
    Misura e collaudo: gli strumenti must have per gli installatori

    Il settore dell’energia solare è previsto in forte crescita nel 2023. Pertanto, gli installatori e i certificatori di impianti fotovoltaici dovranno disporre dei migliori strumenti per poter lavorare con la massima efficienza e sicurezza, afferma Fluke. Mentre...

  • Iride Acque reflue
    Una tecnologia per depurare le acque reflue con costi minimi

    Iride Acque si è ispirata a una tecnologia usata in passato per depurare l’aria: l’ha modificata e applicata al trattamento dei reflui industriali. Ha trasformato così un processo estremamente costoso in un obiettivo alla portata di tutte...

  • Transizione verso l’energia verde: collaborazione fra Dassault Systèmes, McPhy e Visiativ

    Dassault Systèmes, McPhy Energy e Visiativ stanno collaborando per guidare la transizione verso l’energia verde, consentendo a McPhy di aumentare la competitività delle sue attrezzature per la produzione e la distribuzione di idrogeno a basse emissioni di...

  • Traent blockchain comuni
    Sostenibilità e territori: la blockchain entra nella PA

    80 i Comuni i pionieri dell’innovazione, che, per la prima volta, utilizzano le blockchain all’interno della Pubblica Amministrazione. Un progetto ambizioso reso possibile dalla collaborazione dell’associazione nazionale Rete dei Comuni Sostenibili con la startup Traent che ha...

  • Fabio Pascali Cloudera data analytics
    Data analytics per ottimizzare il settore energetico

    Di Fabio Pascali, Regional Director Italy, Cloudera Il passaggio alle energie rinnovabili ha un impatto significativo sui processi di produzione e distribuzione energetica e deve essere gestito con attenzione. Utilizzare i dati in maniera efficiente sarà fondamentale...

  • Elettronica: dalla lignina arriva il transistor del futuro

    Da rifiuto a risorsa. La lignina, principale prodotto di scarto dell’industria cartiera, potrebbe presto essere alla base di una piccola, ma significativa rivoluzione ‘green’ nell’elettronica. Uno studio internazionale, guidato dal Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale dell’Università...

  • COP27 e Agenda 2030: i grandi del pianeta per lo sviluppo sostenibile

    Si è da poco conclusa Cop27, la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. Focus principale dell’incontro è stato l’urgenza di un’azione immediata in materia ambientale, consci del fatto che il delicato contesto geopolitico in Ucraina ha...

  • Progetto Treedom: Vertiv aderisce e pianta 1.250 alberi

    Vertiv rafforza il proprio impegno verso la sostenibilità e l’impatto ambientale donando ai clienti – e al pianeta – la Foresta Vertiv. Nata dall’adesione da parte del team di Vertiv Italia al progetto di Treedom e composta...

  • 24,9 GWp di potenza totale installata in Italia al 31 dicembre 2022

    Al 31 dicembre 2022 gli impianti fotovoltaici avranno superato i 2,2 GWp (+145% rispetto al 2021), permettendo così all’Italia di raggiungere i 24,9 GWp di potenza totale installata, ovvero il 35% dell’obiettivo PNIEC al 2030. Questi i...

Scopri le novità scelte per te x