Nanocristalli autoassemblanti: nuove dimensioni per l’energia

La scoperta di queste nanoparticelle, in attesa di brevetto, potrà essere applicata alla produzione di nuovi materiali nell’industria fotovoltaica e alla realizzazione di batterie.

Pubblicato il 11 ottobre 2011

Realizzare nuovi materiali facendo in modo che siano i componenti ad assemblarsi uno dopo l’altro per comporre il tutto: questa una delle sfide della nanochimica e uno dei risultati di rilievo ottenuti dai ricercatori del Dipartimento di Nanochimica dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova, che hanno lavorato alla realizzazione di nanoparticelle in grado di auto-organizzarsi in maniera gerarchica a formare strutture più complesse, consentendo la creazione di nuovi materiali.

La ricerca - coordinata dal Professore Liberato Manna, Direttore del Dipartimento di Nanochimica dell’IIT - ha visto la collaborazione dei ricercatori del Debye Institute for Nanomaterials Science e dell’Institute for Theoretical Physics dell’Università di Utrecht, Olanda. La prestigiosa rivista internazionale Nature Materials ne ha pubblicato i risultati in un articolo intitolato “Hierarchical self-assembly of suspended branched colloidal nanocrystals into superlattice structures”.

Lo studio mostra la realizzazione di cristalli di dimensione nanometrica a forma di stelle a otto punte, o “ottopodi”, i quali, immersi in determinate miscele di solventi, sono in grado di posizionarsi autonomamente nella trama di un nuovo materiale. “La formazione spontanea di strutture regolari è la legge che sta alla base della chimica della natura”, spiega Manna. “Con questo lavoro mostriamo come specifiche strutture artificiali possono auto-organizzarsi in strutture più complesse. Infatti, le nanoparticelle che abbiamo sintetizzato nei nostri laboratori si comportano in modo simile alle proteine che compongono il collagene”.

I nanocristalli creati dal gruppo di Manna, sono costituiti da un corpo centrale da cui si diramano otto braccia lunghe decine di nanometri. La loro forma è molto importante affinché l’auto-assemblamento sia possibile; infatti, una volta che due cristalli si sono uniti tra loro, essa consente agli altri nanocristalli di agganciarsi uno in seguito all’altro solo lungo una linea ben precisa, formando delle catene. Inoltre, una volta immerse in solventi specifici, le varie catene di nanocristalli si uniscono tra loro in linee parallele, andando a formare un materiale robusto e poroso. “È come se da singoli fili si componesse un tessuto senza l’azione del telaio”, semplifica Manna.

Attualmente, i nanocristalli realizzati nell’ambito di questo studio sono composti di cadmio e selenio; la ricerca, tuttavia, ha anche dimostrato che il cadmio può essere sostituito da elementi meno tossici, come ad esempio il rame, lasciando invariate le caratteristiche di auto-assemblamento. L’obiettivo è di applicare la scoperta - per cui è già stata sottoposta la richiesta di brevetto - nella produzione di nuovi materiali per l’energia, sia nel campo del fotovoltaico sia nella realizzazione di batterie.

IIT – Istituto Italiano di Tecnologia: www.iit.it
Università di Utrecht: www.uu.nl



Contenuti correlati

  • Energy Trainer EnergRed
    Professioni del futuro: arriva il Solar Energy Trainer

    La sostenibilità paga. E non è solo un modo dire perché con l’iniziativa di EnergRed da oggi è possibile scegliere un percorso di alta formazione retribuito per diventare Solar Energy Trainer, mettendosi alla prova nella prospettiva di...

  • Uno Scada per il fotovoltaico

    Per il monitoraggio della produzione e la gestione del carico del primo impianto fotovoltaico con accumulo di energia a batterie in Spagna, Iberdrola sceglie lo Scada PcVue Leggi l’articolo

  • Enfinity Global Starkraft
    Accordo Enfinity Global-Statkraft 191 GWh all’anno di elettricità pulita in Italia

    Enfinity Global e Statkraft hanno firmato alcuni contratti di acquisto di energia solare in Italia. L’energia impegnata sarà prodotta da un portafoglio fotovoltaico di tre impianti utility-scale di 112 MWp di proprietà di Enfinity Global. Gli impianti,...

  • Fluke misura e collaudo
    Misura e collaudo: gli strumenti must have per gli installatori

    Il settore dell’energia solare è previsto in forte crescita nel 2023. Pertanto, gli installatori e i certificatori di impianti fotovoltaici dovranno disporre dei migliori strumenti per poter lavorare con la massima efficienza e sicurezza, afferma Fluke. Mentre...

  • Fabio Pascali Cloudera data analytics
    Data analytics per ottimizzare il settore energetico

    Di Fabio Pascali, Regional Director Italy, Cloudera Il passaggio alle energie rinnovabili ha un impatto significativo sui processi di produzione e distribuzione energetica e deve essere gestito con attenzione. Utilizzare i dati in maniera efficiente sarà fondamentale...

  • 24,9 GWp di potenza totale installata in Italia al 31 dicembre 2022

    Al 31 dicembre 2022 gli impianti fotovoltaici avranno superato i 2,2 GWp (+145% rispetto al 2021), permettendo così all’Italia di raggiungere i 24,9 GWp di potenza totale installata, ovvero il 35% dell’obiettivo PNIEC al 2030. Questi i...

  • Tre impianti fotovoltaici da 112 MW in Italia

    Enfinity Global Inc ha chiuso un finanziamento a lungo termine del valore di 142 milioni di euro, finanziamento IVA e LCs facilities, per la costruzione in Italia di tre centrali a energia solare, per un totale di...

  • Senec fotovoltaico 5 miti da sfatare
    5 miti da sfatare che riguardano il fotovoltaico

    Secondo i dati riportati dall’ultima analisi dei dati Gaudì, elaborata da Italia Solare, il fotovoltaico in Italia continua ad avanzare: nel 2022 in soli sei mesi è stato installato 1 GW di nuova potenza per un totale...

  • Le comunità energetiche rinnovabili: uno scenario possibile

    La situazione attuale per quanto riguarda il comparto energetico è molto delicata e dal futuro estremamente incerto. Quale può essere l’apporto delle comunità energetiche rinnovabili? Infatti i costi dell’energia sono molto volatili e ciò sta avendo un...

  • Senec Senec.Tile
    Energia solare senza limitazioni con le tegole fotovoltaiche di Senec

    Nonostante gli ultimi dati del GSE (novembre 2022) ci indichino come nei primi 9 mesi dell’anno il fotovoltaico in Italia abbia registrato una crescita significativa, con il 12% degli impianti attivi in più rispetto alla fine del...

Scopri le novità scelte per te x