Lotta al cambiamento climatico, Atlas Copco dedica una giornata alla consapevolezza dei dipendenti

Pubblicato il 4 novembre 2022
Juan Manuel Tejera Martinez, General Manager di Atlas Copco Italia

Il 30 novembre 2022 sarà la giornata dedicata dal Gruppo Atlas Copco allo sviluppo della consapevolezza di tutti i dipendenti su come l’azienda intenda contribuire alla sostenibilità ambientale, in linea con gli obiettivi di neutralità climatica definiti negli accordi di Parigi.

La multinazionale svedese ritiene infatti che i dipendenti di tutto il mondo, in qualsiasi ruolo e posizione, debbano essere partecipi degli impegni presi dal Gruppo, che ha definito obiettivi precisi di riduzione delle emissioni coerentemente con la Science Based Target initiative (SBTi), iniziativa, nata da CDP (il Global Compact delle Nazioni Unite, da WRI (World Resources Institute) e dal WWF (World Wide Fund for Nature. È indispensabile, infatti, trasformare gli accordi di Parigi in azioni e investimenti concreti per aumentare la quota di energia rinnovabile utilizzata nel processo produttivo e sviluppare prodotti ad elevata efficienza.

Nello specifico, il Gruppo Atlas Copco ha fissato i seguenti obiettivi “basati sulla scienza”: riduzione entro il 2030 di almeno il 46% delle emissioni dovute alle attività interne e di almeno il 28% delle attività sulla catena del valore. Questi target, valutati usando come base di riferimento il 2019, sono applicati a partire da quest’anno e saranno rivisti almeno ogni cinque anni per assicurarsi che siano ancora in linea con le ultime scienze del clima e con le ambizioni aziendali.

“Siamo consapevoli che con la nostra tecnologia possiamo abilitare la transizione energetica per raggiungere la neutralità climatica e continueremo a investire in attività di Ricerca e Sviluppo per assicurare che il posizionamento del nostro portafoglio prodotti sia in linea con questo nostro impegno. Abbiamo già raggiunto traguardi importanti, infatti oggi circa il 50% delle nostre attività produttive sono basate su energia rinnovabile. Intendiamo proseguire in questa direzione e raggiungere in breve il 100%”, afferma Mats Mats Rahmström, Presidente e Chief Executive Officer del Gruppo Atlas Copco.

Il Gruppo è oggi impegnato su tre fronti: riduzione dell’uso di energia elettrica proveniente da fonte fossile per le proprie attività produttive, partecipazione con la propria tecnologia allo sviluppo della filiera delle energie rinnovabili, solare-eolico e idrogeno, e sviluppo di prodotti con sempre maggior efficienza energetica per contribuire alla sostenibilità delle aziende clienti. Dall’analisi dell’impronta di carbonio, infatti, emerge che quasi il 90% delle emissioni CO2 sono legate alla “fase utente”, cioè all’utilizzo dei prodotti presso i clienti finali. Per questo motivo le tecnologie sviluppate dal gruppo possono avere un ruolo determinante nella transizione verso una società a basse emissioni di carbonio.

In Italia sono già state avviate alcune iniziative concrete: un sondaggio inviato ai dipendenti circa le iniziative che possono essere intraprese nell’attività lavorativa per ridurre le emissioni; l’accordo con un fornitore di energia verde garantita all’origine e proveniente da un impianto eolico in provincia di Trapani; la piantumazione, in occasione di un evento dedicato ai concessionari della Divisione Compressori, di 100 alberi in Africa e in America Latina per assorbire fino a 16 tonnellate di CO2.

Il Climate Awareness Event di Atlas Copco, ovvero la Giornata dedicata alla Consapevolezza del Cambiamento Climatico prevede un’agenda condivisa a livello mondiale, con apertura dei lavori a carico del management delle filiali che ospitano l’evento. A seguire, il programma si sviluppa con due proiezioni: il messaggio video di Mats Rahmström e l’intervista a Sofia Savingby – Vice President alla sostenibilità di Atlas Copco. Successivamente, a cura del management locale, verranno presentati gli obiettivi basati sulla scienza definiti dal Gruppo. È inoltre prevista una sessione di Team Building durante la quale i partecipanti potranno condividere riflessioni sui cambiamenti climatici e sulle azioni che possono essere intraprese per contrastarli, e una visita virtuale alla sala espositiva dedicata alle tecnologie Atlas Copco progettate all’insegna della sostenibilità ambientale.

“Il 30 novembre 2022 sarà una giornata importante: è infatti fondamentale che tutti i dipendenti siano consapevoli degli impegni presi dal Gruppo e che diffondano anche all’esterno questa sensibilità per l’ambiente che ci circonda, così da poter indurre anche le altre aziende a seguire il nostro esempio. Abilitare la transizione energetica ci aiuterà a ridurre sia i costi di produzione che l’impatto ambientale e a generare così valore per tutti gli stakeholder”, afferma Juan Manuel Tejera Martinez, General Manager di Atlas Copco Italia – Divisione Compressori.



Contenuti correlati

  • Chiller TCA di Atlas Copco: efficienza energetica contro il caro bollette

    I nuovi chiller di processo Atlas Copco riducono i consumi energetici di oltre il 30% rispetto a quelli tradizionali. Si tratta di sistemi “ibridi”, che prevedono l’uso combinato di tecnologie diverse (free-cooling, raffreddamento adiabatico e tramite compressore)...

  • Ridurre i costi di produzione dell’idrogeno verde fino al 20% con ABB

    ABB introduce il suo sistema di gestione dell’energia, ABB Ability Optimax, anche per il mercato dell’idrogeno verde. ABB Ability Optimax permette alle aziende di ridurre i costi di produzione grazie a una visibilità in tempo reale dei...

  • Green Tech: sono 78 gli unicorni del settore. E l’Italia cerca il suo

    South Pole, fondata in Svizzera e operante in 50 paesi con 23 sedi e 700 dipendenti, opera nel crescente settore della mitigazione climatica. Negli ultimi 7 anni le startup green che hanno assunto valorizzazioni superiori al miliardo...

  • Nuova visual identity e claim per MCE

    MCE, la vetrina prestigiosa del settore, allarga il proprio orizzonte visivo con il ruolo di leader che ha conquistato negli anni, governando i cambiamenti sempre più ampi e importanti, con un percorso per incrementare il proprio ruolo...

  • ABB efficienza energetica riduzione emissioni transizione energetica
    10 azioni che le imprese possono intraprendere per migliorare la propria efficienza energetica

    Mentre le aziende di tutto il mondo devono affrontare pressioni senza precedenti per il costo dell’energia e l’emergenza del cambiamento climatico, un nuovo report dell’Energy Efficiency Movement mostra come migliorare l’efficienza energetica nell’industria sia il modo più...

  • Meno consumi e più sostenibilità, con nuovi motori e azionamenti

    La sostituzione delle installazioni obsolete con nuovi motori più efficienti ed ecologici comporta importanti vantaggi per l’ambiente e lo sfruttamento delle risorse, oltre che per i costi di produzione e quindi per la competitività. Leggi l’articolo

  • sostenibilità industria
    Come fare per diventare un’industria sostenibile?

    Si parla molto del tema della sostenibilità ambientale, oramai questo termine è utilizzato quasi come un intercalare quando si parla di economia ed industria. Purtroppo, questa parola non può rappresentare un desiderio da soddisfare per seguire la...

  • Etichetta green per dare nuova vita ai rifiuti

    Epson aderisce al progetto Fur of Love che è insieme una label e una campagna per salvare i capi pre-loved da discariche e inceneritori. Partner tecnologico dell’iniziativa, Epson attesta l’essenza vintage della pelliccia sulla base di un’autocertificazione...

  • Certificazione ‘Made in Italy’ per ridurre del 73% i casi di danno ambientale

    Nelle aziende del Vecchio Continente manca una vera cultura della prevenzione e del ripristino di un danno fatto all’ecosistema: solo l’1,7%, infatti, ha attivato una polizza sul rischio ambientale. Per guidare il cambiamento a favore di una...

  • Trattori formato Tesla

    Le promesse di riduzione dei costi energetici, aumento della produttività e miglioramento dell’affidabilità, associate alla pressione derivante dalla regolamentazione delle emissioni, stanno alimentando una rapida innovazione in molte tipologie di Nrmm, le ‘macchine mobili non stradali’ Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x