Il potenziale dall’intelligenza artificiale per motori e azionamenti

Nel famoso scritto 'Macchine calcolatrici e intelligenza', Alan Turing pose per la prima volta la fatidica domanda: “Le macchine possono pensare?” La ricerca condotta da Turing dimostrò che, disponendo di memoria e tempo sufficienti, un computer digitale poteva simulare il comportamento di qualsiasi altro macchinario digitale

Pubblicato il 11 dicembre 2020

Il termine “intelligenza artificiale”, coniato nel 1956 dall’accademico americano John McCarthy, prevede la creazione di particolari algoritmi e programmi che consentono ai computer di seguire centinaia di milioni di istruzioni – grazie a migliorie sostanziali nel settore dell’elaborazione dei dati e all’avvento dei cosiddetti big data.

In effetti, l’intelligenza artificiale oggi è parte integrante degli stabilimenti moderni. Le tecniche avanzate di machine learning hanno permesso ai computer di risolvere i problemi senza necessità di seguire un elenco di istruzioni dettagliato. Quindi, è possibile “insegnare” a programmi potenti, basati su reti neurali, a eseguire particolari operazioni, il che può avere un potenziale enorme, se applicato ai motori e agli azionamenti.

Il personale addetto alla progettazione intende applicare il potenziale dell’intelligenza artificiale al settore dei motori, per ottenere il massimo controllo del movimento. Ad esempio, si potrebbero utilizzare degli algoritmi integrati, basati sui dati acquisiti da sensori intelligenti, per ovviare ad alcuni tra i più comuni limiti prestazionali dei motori.

Di base, questi sistemi eseguono un confronto tra un modello di rendimento del motore basato sui dati e le analisi in tempo reale, per risolvere eventuali problemi prestazionali con i regolatori di tensione e generare coppia in presenza di problemi di fase. Scopo di questi sistemi è ridurre al minimo l’impatto dei problemi di fase, rendendoli più gestibili, soprattutto nelle situazioni in cui la sicurezza è essenziale.

Inoltre, con questi motori è possibile potenziare il controllo del movimento, migliorando efficienza, tempi di attività e consumo energetico. L’uso di WEG Motor Scan permette di monitorare il rendimento dei motori elettrici mediante appositi sensori, semplificando la manutenzione predittiva. Una volta installata sul motore, la tecnologia WEG Motor Scan utilizza questi sensori per inviare i dati sul cloud per la necessaria analisi, segnalando agli operatori eventuali trend di dati inferiori ai valori ottimali.

Cosa ha in serbo il futuro?
In passato, ricorrere alla tecnologia per misurare le temperature interne di un motore elettrico comportava dei costi proibitivi. Tuttavia, dal momento in cui sono stati sviluppati i sensori, le soluzioni sono diventate più abbordabili.

Ad esempio, per garantire la protezione termica è sufficiente monitorare la temperatura degli avvolgimenti del motore. Utilizzando dei sensori con coefficiente di temperatura positivo (PTC), è possibile installare negli avvolgimenti del motore dei termistori, per proteggerlo in caso di inceppamento del rotore, sovraccarico prolungato e temperatura ambiente elevata.

Nel prossimo futuro, gli scienziati del Dipartimento di elettronica di potenza e tecnologia degli azionamenti elettrici dell’Università di Paderborn intendono sviluppare un software in grado di valutare la temperatura presso specifici punti. Nell’ambito di questo progetto, finanziato dalla Fondazione tedesca per la ricerca (DFG), i ricercatori si avvalgono dell’intelligenza artificiale e delle tecniche di machine learning per individuare nuovi modelli di valutazione della temperatura all’interno di azionamenti e altre applicazioni ingegneristiche.

Ciò richiede l’addestramento del software presente, utilizzando sia un metodo di test del software in grado di esaminare la funzionalità di un’applicazione senza interferire con le sue strutture interne sia misurazioni sui banchi prova, per ottenere letture di temperatura precise.

La ricerca condotta da Turing dimostrò che un computer digitale era in grado di simulare il comportamento di qualsiasi altro macchinario digitale, il che ha permesso di arrivare ai processi di produzione digitale che noi tutti oggi conosciamo. L’intelligenza artificiale ha un potenziale enorme, soprattutto per quanto concerne le applicazioni di motori elettrici e azionamenti, ma la ricerca deve ancora compiere numerosi passi.

Marek Lukaszczyk, responsabile marketing per l'Europa e il Medio Oriente presso WEG, azienda nota per la produzione di motori e azionamenti



Contenuti correlati

  • Atlas Copco compressori
    Meno emissioni di CO2 e assenza di terre rare nei compressori Atlas Copco

    L’innovazione tecnologica è fondamentale per vincere le sfide ambientali: Atlas Copco, che nel 1994 ha lanciato sul mercato i primi compressori d’aria con azionamento a velocità variabile (VSD Variable Speed Driver) con risparmi energetici fino al 35%,...

  • A MecSpe: l’induzione come soluzione innovativa per le linee di confezionamento alimentari

    La necessità di produrre di più, con maggior rapidità e soprattutto fare la personalizzazione di massa esige cicli di produzione rapidi a diverse temperature per potersi adattare celermente ai cambi di ricette. I sistemi tradizionali di riscaldamento...

  • is process induzione
    Ottimizzare le linee di confezionamento con l’induzione

    La necessità di produrre di più, con maggior rapidità e soprattutto fare la personalizzazione di massa esige cicli di produzione rapidi a diverse temperature per potersi adattare celermente ai cambi di ricette. I sistemi tradizionali di riscaldamento...

  • Hitachi Vantara Rainforest Connection
    Hitachi Vantara e Rainforest Connection usano l’AI per proteggere le foreste

    Hitachi Vantara amplia la propria partnership con Rainforest Connection con il fine di accelerare lo sviluppo di soluzioni data-driven (guidate dai dati) volte a proteggere le foreste pluviali e i loro fragili ecosistemi. Le due organizzazioni continueranno...

  • abb fiorentini
    Distribuzione elettrica intelligente nel sito produttivo di Fiorentini grazie alle soluzioni ABB

    Per la realizzazione del nuovo sito produttivo di Fiorentini a Trofarello (TO), storico brand torinese specializzato nella produzione di gallette di cereali e snack, l’azienda ha investito sull’innovazione tecnologica in ogni aspetto, compreso quello dell’efficienza energetica. Per la...

  • Sostenibilità, Mitsubishi Electric centra tutti i punti del programma

    Mitsubishi Electric Corporation ha annunciato di aver raggiunto i principali obiettivi del nuovo programma di sostenibilità ambientale Vision 2021, introdotto nel 2007. Raggiungendo gli obiettivi di questo progetto, Mitsubishi Electric ha contribuito a costruire un mondo più...

  • Chryso Icare edilizia sostenibile
    Quali sono i materiali di tendenza nel settore dell’edilizia sostenibile?

    Calcestruzzi autorigeneranti, vetri termoregolatori, ponti stampati in 3D: non si tratta di invenzioni di natura fantascientifica appartenenti a un futuro lontano, bensì di soluzioni innovative che stanno prendendo sempre più piede all’interno del settore dell’edilizia. Materiali intelligenti...

  • decarbonizzazione economist impact
    12 tecnologie per la decarbonizzazione delle città

    Le tecnologie che migliorano l’efficienza energetica degli edifici sono verosimilmente quelle che produrranno l’impatto maggiore sulla riduzione delle emissioni di gas serra (GHG) e quindi sul processo di decarbonizzazione.  Mentre alcune soluzioni, come lo stoccaggio dell’energia distribuita,...

  • Il business dei rifiuti vale 14 miliardi

    Sensoworks, la società guidata da Niccolò De Carlo specializzata in monitoraggio infrastrutturale supportata da piattaforme multilivello, rimarca notevoli ritardi in Italia nell’impiantistica per chiudere il ciclo dei rifiuti, un comparto che fattura circa 14 miliardi di euro...

  • green data center Geoveda
    Energia geotermica per il Data Center green di Lardarello

    L’energia geotermica prodotta a Larderello (PI) sarà il cuore pulsante del primo Data Center ecosostenibile italiano. Sorgerà tra le colline toscane il nuovo complesso completamente ad impatto CO2 “zero”. Al suo progetto lavorerà la società di ingegneria...

Scopri le novità scelte per te x