L’Automotive diventa smart con l’IoT di Zerynth

Pubblicato il 27 settembre 2021
automotive iot vitesco zerynth

Maggiore produttività dei processi e più competitività: sono questi gli obiettivi che giustificano la propensione delle imprese della filiera Automotive ad investire nelle tecnologie dell’industria 4.0. In particolare, ad oggi oltre l’80% delle imprese italiane ha optato per questa tipologia di investimento o dichiara di volerlo fare. I principali benefici riscontrati vanno dalla capacità di analizzare ed eliminare malfunzionamenti alla riduzione dei costi di produzione.

A confermarlo è Vitesco Technologies Italy, che nel 2019 ha abbracciato una rivoluzione “verde” scegliendo di dedicarsi allo sviluppo di tecnologie all’avanguardia per la mobilità sostenibile. Nell’ottica di abbattere tempi, costi e sprechi nella produzione, grazie al sistema IoT progettato dall’italiana Zerynth, Vitesco è infatti ora in grado di predire guasti in uno dei processi critici della sua produzione, ottimizzando così la produzione dei componenti per autoveicoli e riducendo significativamente i costi operativi. Il sistema, infatti, permette alla società di prevedere i malfunzionamenti delle valvole pneumatiche in 24 ore, minimizzando i tempi di fermo.

L’azienda utilizza infatti diverse linee di assemblaggio automatico per produrre iniettori di carburante. Tali linee includono un modulo di test che controlla le precedenti fasi di assemblaggio: in caso di esito positivo, il modulo procede lungo la linea, altrimenti viene rifiutato. Tuttavia può capitare che uno degli elementi del modulo non funzioni correttamente a causa dell’usura e che quindi, prima di rilevare un malfunzionamento della linea, produca molti falsi scarti. Il sistema studiato da Zerynth permette invece a Vitesco di migliorare la qualità dei processi di automazione e monitorare da remoto lo stato del modulo di test per ciascuna linea di assemblaggio.

La soluzione fornita da Zerynth è caratterizzata da un’unità di controllo che raccoglie i dati disponibili dai sensori della macchina e li invia ad una piattaforma cloud a cui è collegata. I segnali vengono quindi visualizzati sul cruscotto e sviluppati per il rilevamento precoce del guasto delle valvole. Tutti i dettagli vengono visualizzati su una dashboard personalizzabile. Il sistema è in grado di gestire tutti i dispositivi connessi, effettuare l’archiviazione temporale dei dati raccolti, visualizzare dati e messaggi inviati dai singoli dispositivi e organizzare questi ultimi per area di lavoro. Consente inoltre il download dei dati storici in Formato CSV, lo scambio dati con il cliente finale e l’invio di notifiche push in tempo reale.

“La possibilità di controllare le macchine a distanza e di acquisire i dati in modo continuativo da qualunque macchinario è fondamentale per aziende come Vitesco che possono così risparmiare tempo e risorse”, spiega Gabriele Montelisciani, CEO di Zerynth. “La nostra mission è proprio quella di supportare le aziende nella trasformazione digitale, rendendo digitali e connessi i macchinari e dimostrando come qualsiasi industria possa trarre benefici dall’Internet of Things”.

“Da tempo stavamo cercando una tecnologia che potesse ridurre i tempi di fermo macchina di un modulo specifico all’interno di una catena di montaggio. Grazie alla nostra collaborazione con Zerynth siamo ora in grado di prevedere malfunzionamenti delle valvole pneumatiche entro 24 ore, il che riduce enormemente il downtime”, spiega Alessio Papucci, Chief Digital Officer (CDO) & Advanced Technology Leader di Vitesco Technologies Italy. “Queste metodologie avanzate ci hanno permesso di rispettare le nostre scadenze e i nostri obiettivi”.



Contenuti correlati

  • Aerei a zero emissioni: Airbus sceglie Altair SimSolid nell’ambito dell’iniziativa ZEROe

    Altair ha annunciato che Airbus Commercial ha scelto Altair SimSolid – la rivoluzionaria tecnologia di simulazione che esegue analisi strutturali su assiemi CAD completi in pochi minuti – nell’ambito dell’iniziativa globale ZEROe, che mira a creare il...

  • Dati: il carburante della sostenibilità

    Il monitoraggio IoT della produzione e dei consumi energetici, così come l’analisi dei dati raccolti dal campo tramite tecnologie evolute può supportare le aziende nel raggiungimento degli obiettivi di maggiore sostenibilità (ed efficientamento) che si sono poste...

  • Energy Trainer EnergRed
    Professioni del futuro: arriva il Solar Energy Trainer

    La sostenibilità paga. E non è solo un modo dire perché con l’iniziativa di EnergRed da oggi è possibile scegliere un percorso di alta formazione retribuito per diventare Solar Energy Trainer, mettendosi alla prova nella prospettiva di...

  • Simplifhy Its Green
    Mobilità sostenibile, Simplifhy entra nel progetto didattico Its Green

    Simplifhy è stata scelta dalla Fondazione Its Green per partecipare attivamente alla progettazione didattica, docenza e accoglienza degli iscritti al corso di specializzazione tecnica post diploma dedicato alla mobilità sostenibile. La Fondazione Its Green è l’Istituto tecnologico...

  • Alps4GreenC biomasse biochar
    Agricoltura sostenibile, trasformare le biomasse in biochar

    Il laboratorio Bioenergy & Biofuels al NOI Techpark, diretto dal prof. Marco Baratieri, è uno dei partner del progetto Alps4GreenC, finanziato dal programma Interreg Alpine Space, che mira alla creazione di una catena di valore transnazionale basata...

  • Schneider Electric Altivar
    Efficienza energetica nelle applicazioni motore con i variatori Altivar di Schneider Electric

    Schneider Electric si è aggiudicata il premio “Most Climate-Positive Carbon Handprint Product Award” assegnato nell’ultima edizione della Climate Week di New York (2022). Questo riconoscimento è assegnato ai prodotti che hanno un significativo impatto positivo in termini...

  • Iride Acque reflue
    Una tecnologia per depurare le acque reflue con costi minimi

    Iride Acque si è ispirata a una tecnologia usata in passato per depurare l’aria: l’ha modificata e applicata al trattamento dei reflui industriali. Ha trasformato così un processo estremamente costoso in un obiettivo alla portata di tutte...

  • Traent blockchain comuni
    Sostenibilità e territori: la blockchain entra nella PA

    80 i Comuni i pionieri dell’innovazione, che, per la prima volta, utilizzano le blockchain all’interno della Pubblica Amministrazione. Un progetto ambizioso reso possibile dalla collaborazione dell’associazione nazionale Rete dei Comuni Sostenibili con la startup Traent che ha...

  • Fabio Pascali Cloudera data analytics
    Data analytics per ottimizzare il settore energetico

    Di Fabio Pascali, Regional Director Italy, Cloudera Il passaggio alle energie rinnovabili ha un impatto significativo sui processi di produzione e distribuzione energetica e deve essere gestito con attenzione. Utilizzare i dati in maniera efficiente sarà fondamentale...

  • Elettronica: dalla lignina arriva il transistor del futuro

    Da rifiuto a risorsa. La lignina, principale prodotto di scarto dell’industria cartiera, potrebbe presto essere alla base di una piccola, ma significativa rivoluzione ‘green’ nell’elettronica. Uno studio internazionale, guidato dal Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale dell’Università...

Scopri le novità scelte per te x