La mobilità elettrica urbana di Platum arriva sui banchi dell’università

Pubblicato il 14 giugno 2022
Platum e-mobility

Platum è stata invitata a presentare la propria esperienza imprenditoriale all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano tenendo una lezione dal titolo Leading through Change agli studenti del corso di laurea in Communication & Management.

Formazione e crescita delle persone sono alla base della visione dell’azienda ed è il motivo per cui Platum ha deciso di collaborare con una delle più importanti università in Italia, portando la sua testimonianza diretta delle best practice sviluppate per far fronte alle sfide del nostro mercato.

Il case study è stato presentato da Semmy Levit, CCO e CMO di Platum, incentrandosi sul percorso di crescita che ha  visto l’azienda trasformarsi da distributore generalista a punto di riferimento della mobilità elettrica urbana con la nascita di Platum.

Platum, the Platform of Urban E-Mobility, è l’hub italiano di ricerca e sviluppo, ingegneria e distribuzione che lavora per plasmare il futuro della mobilità elettrica urbana immaginando come le persone si muoveranno e vivranno la città negli anni a venire. Il modo in cui vengono intesi gli spazi urbani sta cambiando rapidamente e le città diventeranno sempre più orientate alla mobilità elettrica, continuando ad aprirsi non solo all’uso di e-bike e monopattini elettrici, ma anche a soluzioni di trasporto sempre nuove.

Platum guarda al futuro e lavora per essere soggetto attivo nell’individuazione e definizione di questi nuovi mezzi.

Platum è guidata da una grande eredità e mossa da una nuova anima. Chiamata originariamente MT Distribution, un’azienda fondata quarantacinque anni fa come distributore di musica/video per poi entrare nel settore dei videogiochi e, nel 2013, in quello della mobilità elettrica, Platum è forte del know-how di un’impresa che non ha mai smesso di allargare i confini del proprio business e di evolvere, ma spinge ancora più avanti l’approccio di MT Distribution perseguendo una visione più ambiziosa: ripensare lo stile di vita urbano per un mondo più sostenibile.

Immersa nella Motor Valley italiana, un territorio riconosciuto a livello internazionale come il luogo in cui sono nati alcuni dei marchi automobilistici più desiderati al mondo, Platum respira ogni giorno innovazione, passione ed eccellenza italiana. Questa posizione privilegiata rafforza lo spirito all’avanguardia dell’azienda che pone Platum in prima linea nella rivoluzione della mobilità sostenibile.

L’azienda vanta un ricco portafoglio di brand e line-up complete che coprono usi ed esigenze diverse. La gamma 2022 include 55 prodotti fra e-bike e monopattini elettrici, e un ampio catalogo di accessori dedicati alla mobilità elettrica urbana. Le e-bike e gli escooter Platum nascono da un processo essenziale di ricerca e sviluppo focalizzato su sicurezza, affidabilità e qualità, volto alla progettazione di prodotti che coniugano caratteristiche eccellenti e innovazione tecnologica.

Il primo marchio di proprietà di Platum è Argento e-Mobility, un progetto il cui obiettivo è incoraggiare uno stile di vita più attivo e un nuovo modo di vivere la città, fornendo al grande pubblico alternative di trasporto smart, green e salutari per la vita di tutti i giorni.

Argento e-Mobility è personalità in movimento. Le e-bike e gli e-scooter del marchio sono progettati per distinguersi e incarnare il carattere audace dell’utente, lasciando il segno grazie alla loro forte personalità e anima distintiva. Platum ha anche creato la linea di caschi e accessori Urban Prime, il brand proprietario che offre una vasta gamma di articoli universali per la mobilità urbana.

Le partnership sono un fattore chiave nella crescita della visione aziendale. Grazie al knowhow e all’esperienza maturata, Platum è infatti diventata un punto di riferimento per altre aziende interessate ad ampliare la propria offerta entrando nel mondo della mobilità elettrica urbana. Nascono così i progetti in licenza con Ducati, Lamborghini, Jeep, Aprilia,  VR46, Alfa Romeo e Lancia. La continua collaborazione con i marchi assicura solide partnership e lo sviluppo di prodotti unici che interpretano profondamente il DNA e i valori dei brand.

Spinti dalle opportunità offerte dalle nuove tecnologie, sia le persone che le imprese sono chiamate a prendere posizione e ad avere un impatto positivo sulla società.

“Siamo orgogliosi della nostra storia e non vediamo l’ora di scrivere un nuovo capitolo che guarda al futuro della mobilità elettrica urbana” commenta Alessandro Summa, CEO di Platum. “Oggi, crediamo che sia giunto il momento di far parte del cambiamento. Platum parla a coloro che credono sia possibile muoversi senza stress, tenendo in considerazione anche l’ambiente. È una nuova avventura che speriamo diventi un movimento globale”. Alessandro Summa ha poi aggiunto: “Platum è oggi un’azienda leader nel mercato europeo della mobilità elettrica urbana con una quota in Italia del 20% dei monopattini e la leadership nelle e-bike nel canale della distribuzione moderna. I mercati esteri quali Francia, Spagna, UK, Benelux, Polonia Turchia, Medio Oriente, Australia, rappresentano oggi, circa il 50% dei ricavi, ma contiamo che da qui a 3 anni l’export rappresenti il 70% dei ricavi che stimiamo raggiungere i 300 milioni di euro”.

Obiettivi importanti sostenuti dall’ingresso nella società di Koinos Capital SGR, attraverso il Fondo Koinos Uno in qualità di lead investor, e HAT SGR, attraverso il fondo HAT Technology & Innovation, tramite l’acquisizione della quota di maggioranza per un valore di circa 57 milioni di euro.  Fornendo soluzioni ecologiche e innovative per gli spostamenti quotidiani di persone e imprese, Platum sceglie di raccogliere la sfida e fare la sua parte per un futuro sostenibile e a misura d’uomo.



Contenuti correlati

  • Meno consumi e più sostenibilità, con nuovi motori e azionamenti

    La sostituzione delle installazioni obsolete con nuovi motori più efficienti ed ecologici comporta importanti vantaggi per l’ambiente e lo sfruttamento delle risorse, oltre che per i costi di produzione e quindi per la competitività. Leggi l’articolo

  • sostenibilità industria
    Come fare per diventare un’industria sostenibile?

    Si parla molto del tema della sostenibilità ambientale, oramai questo termine è utilizzato quasi come un intercalare quando si parla di economia ed industria. Purtroppo, questa parola non può rappresentare un desiderio da soddisfare per seguire la...

  • Etichetta green per dare nuova vita ai rifiuti

    Epson aderisce al progetto Fur of Love che è insieme una label e una campagna per salvare i capi pre-loved da discariche e inceneritori. Partner tecnologico dell’iniziativa, Epson attesta l’essenza vintage della pelliccia sulla base di un’autocertificazione...

  • Certificazione ‘Made in Italy’ per ridurre del 73% i casi di danno ambientale

    Nelle aziende del Vecchio Continente manca una vera cultura della prevenzione e del ripristino di un danno fatto all’ecosistema: solo l’1,7%, infatti, ha attivato una polizza sul rischio ambientale. Per guidare il cambiamento a favore di una...

  • Natale 2022: quest’anno sotto l’albero si ‘spacchetta’ la sostenibilità

    I consumatori sono sempre più attenti alla sostenibilità dei prodotti e delle aziende che li producono e commercializzano. Secondo uno studio di Accenture, in Italia, il 71% dei consumatori preferisce acquistare beni e servizi provenienti da aziende con...

  • Sato etichette linerless solubili
    Packaging e riciclo: le etichette Sato sono solubili in acqua

    Sato, multinazionale giapponese che fornisce soluzioni per l’identificazione automatica e per la tracciabilità dei prodotti, ha avviato un’analisi interna con l’obiettivo di identificare soluzioni concrete da proporre ai partner e ai clienti finali interessati a valorizzare gli...

  • Tre chiavi per il futuro

    Innovazione, digitalizzazione e sostenibilità: queste le parole chiave della strategia di IMQ per il prossimo futuro, come ha sottolineato l’AD del gruppo, Antonella Scaglia Leggi l’articolo

  • SmartMe Arancino
    SmartMe abilita la trasformazione digitale del settore vitivinicolo

    Viticoltura 4.0 ovvero l’applicazione dell’Internet of Things e dell’Intelligenza Artificiale a tutta la filiera vitivinicola, dalla vigna all’etichettatura della bottiglia. È la proposta di SmartMe, la digital innovation company siciliana che al Simei di Milano ha proposto...

  • Relicyc
    Nuova vita ai pallet in legno e plastica con Relicyc

    Trasformare l’ambiente in un’opportunità di sviluppo: è questa la mission di Relicyc, nuova denominazione per una realtà attiva nel recupero di materie plastiche e legno che ha alle spalle una lunga storia nella gestione completa del pallet...

  • Avnet Silica electronica 2022
    Le soluzioni di Avnet Silica dedicate alle smart city

    In occasione di electronica 2022, Avnet Silica ha presentato una gamma di applicazioni smart city. Le soluzioni per smart city stanno plasmando gli edifici e le abitazioni del futuro, nell’ottica di rendere le nostre città più intelligenti,...

Scopri le novità scelte per te x