La digitalizzazione sta cambiando l’economia circolare e la sostenibilità

Pubblicato il 5 maggio 2022
Erminio Polito Minsait digitalizzazione

Di Erminio Polito, responsabile Energy & Utilities di Minsait in Italia

Le tecnologie digitali hanno sempre avuto e continueranno ad avere un ruolo fondamentale nella strategia e nel successo dell’impresa. Tuttavia negli ultimi due anni la digital transformation ha assunto un ruolo diverso in quanto non solo è diventata parte integrante delle risposte delle aziende ad eventi dirompenti come la pandemia ma sta contribuendo sempre di più ad innovazioni radicali mettendo in discussione lo status quo e favorendo l’implementazione di nuovi modelli di business.

Un evento così profondo come la pandemia ha spinto molte organizzazioni ad adottare cambiamenti per implementare nuovi modelli operativi (come lo smart working o la didattica a distanza) però ha anche messo in evidenza alcune grandi sfide a livello globale che stanno influenzando e possono modificare diversi settori, una per tutte quella della sostenibilità e della necessità di un benessere diffuso.

La spinta verso questo rinnovamento arriva soprattutto dal basso. Secondo dati Ipsos, i cittadini-consumatori chiedono alle aziende di occuparsi del miglioramento della società (41%) e della protezione dell’ambiente (31%). I temi sociali più urgenti da affrontare secondo gli intervistati riguardano il miglioramento delle condizioni di lavoro e la salute e la sicurezza dei lavoratori. Per quanto riguarda la protezione dell’ambiente, invece, i cittadini pongono l’accento sulla riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, oltre a una riduzione dell’uso della plastica e allo sviluppo di prodotti più ecologici.

Se da un lato molte aziende stanno lavorando a trasformazioni incrementali che consentono di migliorare i servizi offerti ai clienti finali oppure di incrementare la produttività, quelle più innovative hanno colto la sfida della sostenibilità come motore di un cambiamento. Grazie alla digitalizzazione, queste aziende stanno contribuendo a costruire una società più equa e sostenibile agendo sia sugli impatti ambientali, rendendo il digitale più eco-compatibile, che sulla sostenibilità come driver di sviluppo, utilizzando le tecnologie digitali per nuove ed efficienti infrastrutture e nuovi sistemi di energia.

Negli ultimi anni la generazione di energia elettrica è diventata sempre più distribuita grazie alla presenza di molti impianti a fonti rinnovabili. Questi micro-generatori hanno una produzione variabile difficilmente programmabile che crea complessità nella gestione della rete elettrica e dei servizi di bilanciamento. Grazie ad alcune tecnologie come IoT e Blockchain possiamo lavorare direttamente sulle infrastrutture attivando o disattivando i vari sistemi sulle base delle previsioni della domanda e di fenomeni meteorologici e quindi gestire con grande flessibilità le risorse energetiche. Inoltre attraverso soluzioni quali Advanced Analytics, Intelligenza Artificiale, IoT, è possibile creare soluzioni che permettono di anticipare e ridurre drasticamente i fault della rete evitando spostamenti ed interventi in loco non necessari.

Questi sono alcuni esempi di come la digitalizzazione e l’integrazione con il mondo fisico, che porta alla “rivoluzione Phygital”, possa supportare la trasformazione delle infrastrutture migliorando servizi pubblici come la gestione dell’energia e dell’acqua, la mobilità, l’ottimizzazione del riciclaggio dei rifiuti e di come le innovazioni radicali possano consentire alle aziende di partecipare come attori protagonisti per il miglioramento della società e della vita dei cittadini attraverso la creazione di nuovi modelli più sostenibili e lo sviluppo di un economia circolare.



Contenuti correlati

  • Meno consumi e più sostenibilità, con nuovi motori e azionamenti

    La sostituzione delle installazioni obsolete con nuovi motori più efficienti ed ecologici comporta importanti vantaggi per l’ambiente e lo sfruttamento delle risorse, oltre che per i costi di produzione e quindi per la competitività. Leggi l’articolo

  • sostenibilità industria
    Come fare per diventare un’industria sostenibile?

    Si parla molto del tema della sostenibilità ambientale, oramai questo termine è utilizzato quasi come un intercalare quando si parla di economia ed industria. Purtroppo, questa parola non può rappresentare un desiderio da soddisfare per seguire la...

  • Etichetta green per dare nuova vita ai rifiuti

    Epson aderisce al progetto Fur of Love che è insieme una label e una campagna per salvare i capi pre-loved da discariche e inceneritori. Partner tecnologico dell’iniziativa, Epson attesta l’essenza vintage della pelliccia sulla base di un’autocertificazione...

  • Certificazione ‘Made in Italy’ per ridurre del 73% i casi di danno ambientale

    Nelle aziende del Vecchio Continente manca una vera cultura della prevenzione e del ripristino di un danno fatto all’ecosistema: solo l’1,7%, infatti, ha attivato una polizza sul rischio ambientale. Per guidare il cambiamento a favore di una...

  • Affrontare il futuro con l’agritech

    Quando si parla di connettività, tecnologie IoT e 5G, ma anche digitalizzazione e blockchain, si pensa all’industria di nuova generazione. Tuttavia, le nuove tecnologie hanno già fatto il loro ingresso anche nel settore agricolo Leggi l’articolo

  • Natale 2022: quest’anno sotto l’albero si ‘spacchetta’ la sostenibilità

    I consumatori sono sempre più attenti alla sostenibilità dei prodotti e delle aziende che li producono e commercializzano. Secondo uno studio di Accenture, in Italia, il 71% dei consumatori preferisce acquistare beni e servizi provenienti da aziende con...

  • Sato etichette linerless solubili
    Packaging e riciclo: le etichette Sato sono solubili in acqua

    Sato, multinazionale giapponese che fornisce soluzioni per l’identificazione automatica e per la tracciabilità dei prodotti, ha avviato un’analisi interna con l’obiettivo di identificare soluzioni concrete da proporre ai partner e ai clienti finali interessati a valorizzare gli...

  • Tre chiavi per il futuro

    Innovazione, digitalizzazione e sostenibilità: queste le parole chiave della strategia di IMQ per il prossimo futuro, come ha sottolineato l’AD del gruppo, Antonella Scaglia Leggi l’articolo

  • SmartMe Arancino
    SmartMe abilita la trasformazione digitale del settore vitivinicolo

    Viticoltura 4.0 ovvero l’applicazione dell’Internet of Things e dell’Intelligenza Artificiale a tutta la filiera vitivinicola, dalla vigna all’etichettatura della bottiglia. È la proposta di SmartMe, la digital innovation company siciliana che al Simei di Milano ha proposto...

  • Relicyc
    Nuova vita ai pallet in legno e plastica con Relicyc

    Trasformare l’ambiente in un’opportunità di sviluppo: è questa la mission di Relicyc, nuova denominazione per una realtà attiva nel recupero di materie plastiche e legno che ha alle spalle una lunga storia nella gestione completa del pallet...

Scopri le novità scelte per te x