La chimica contro il riscaldamento globale

Pubblicato il 27 ottobre 2009

Il perseguimento di un’efficace politica dei cambiamenti climatici non può non tener conto del ruolo virtuoso dell’industria chimica e dei suoi prodotti: messaggio preciso che il settore rivolge alla Ue in vista dell’imminente conferenza internazionale di Copenaghen sul clima, organizzata dall’Onu.

Dal 1990 (anno di riferimento del Protocollo di Kyoto) al 2007, a fronte di un aumento della produzione di quasi il 10%, l’industria chimica ha ridotto le emissioni di gas serra in atmosfera del 50,3%, pari a circa 14,5 milioni di tonnellate, che rappresentano oltre il 43% dell’obbiettivo richiesto all’Italia dal protocollo di Kyoto.

È quanto emerge dal Rapporto Responsible Care, il programma volontario dell’industria chimica a favore dello sviluppo sostenibile, giunto alla sua 15esima edizione e presentato da Federchimica. Il Rapporto stima che per ogni tonnellata di CO2 emessa dall’industria chimica, i settori a valle che utilizzano prodotti chimici possono risparmiare fino a 3 tonnellate di emissioni.

L’Italia, che nel 2007 ha emesso quasi 553 milioni di tonnellate di anidride carbonica nell’atmosfera, avrebbe emesso 42 milioni di tonnellate in più senza l’utilizzo dei prodotti dell’industria chimica. Una cifra notevole sia per l’ambiente sia per le casse dello Stato: applicando il prezzo medio attuale della CO2, ossia circa 14 euro per ogni tonnellata, si ottiene un risparmio quantificabile in circa 600 milioni di euro l’anno fino al 2012.

L’industria chimica si è impegnata nell’ecosostenibilità, fornendo strumenti per affrontare il problema dei cambiamenti climatici. Eppure continua l’ostilità verso i prodotti chimici, anche negli ‘acquisti verdi’ da parte delle Amministrazioni Pubbliche, che spesso identificano ciò che è ‘naturale’ o ‘biologico’ come meno impattante su ambiente e società. Questo non è sempre vero. Gli strumenti individuati dalla politica dell’Ue su produzione e consumo sostenibile (acquisti pubblici verdi e Ecolabel) sono importanti per la sostenibilità e nella spinta verso l’innovazione. Ma i criteri per la loro attuazione devono essere individuati con metodologie scientifiche basate sull’analisi del ciclo di vita del prodotto e non sulla considerazione emotiva che ciò che è “chimico” non può essere in armonia con l’ambiente.

Il timore di Federchimica è che il costo delle misure necessarie per raggiungere gli obiettivi di politica climatica possa ampliare il già consistente gap competitivo dell’Italia nei confronti degli altri Paesi dovuti ai maggiori costi dell’energia. Tale situazione sarebbe ulteriormente peggiorata da un eventuale aumento degli impegni europei nella trattativa internazionale per il post Kyoto, ad esempio se fosse innalzato l’obiettivo di riduzione delle emissioni dal -20 al -30% nel 2020 rispetto al 1990.

Federchimica: www.federchimica.it



Contenuti correlati

  • La nuova frontiera dell’idraulica

    Bosch nel 2020 è diventata carbon neutral e da sempre l’ergonomia e l’efficientamento energetico fanno parte dei suoi obiettivi aziendali. Con la famiglia CytroBox, grazie al sistema integrato di Energy on Demand, l’azienda garantisce un risparmio energetico...

  • crf siemens agap grugliasco
    La tecnologia Deop di Siemens rende più sostenibile l’automotive

    Nell’ambito del progetto di ricerca “Enepro – Architettura per la gestione energetica dello stabilimento di produzione”, realizzato grazie al co-finanziamento del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR), inerente al polo di innovazione “Energy and clean technology”, è...

  • Vertiv Liebert EXM2
    UPS compatto Vertiv Liebert EXM2 per applicazioni critiche

    Vertiv ha reso disponibile Liebert EXM2, un gruppo di continuità trifase estremamente compatto che in modalità doppia conversione offre un livello di efficienza fino al 97%, percentuale che arriva al 98.8% in modalità Dynamic Online. Con una...

  • Luci Philips a energia solare per la pescicoltura
    Luci Philips a energia solare per la pescicoltura

    Signify introduce le nuove luci Philips a energia solare per la pescicoltura che, sfruttando i raggi del sole, consentono di ottimizzare gli allevamenti all’interno dei bacini di pesca. Questi apparecchi d’illuminazione sono dotati di uno spettro appositamente...

  • Bosch Rexroth da sempre allineata con il Green Deal europeo

    La tutela dell’ambiente è da sempre alla base di tutte le innovazioni messe in atto da Bosch Rexroth, le quali puntano a rendere sostenibili sia i componenti che i processi. Un approccio e una filosofia aziendale in...

  • citelum valle sabbia smart city smart grid
    Citelum contribuisce a realizzare smart grid e smart city in Valle Sabbia

    In un momento storico in cui temi come la sicurezza, la sostenibilità, la valorizzazione e la connessione degli spazi urbani sono divenuti ormai una priorità nell’agenda delle Amministrazioni Pubbliche, l’illuminazione rappresenta una straordinaria opportunità di intervento per...

  • Piattaforma Open-es, sinergia tra imprese per la sostenibilità dell’industria

    È online dal 31 marzo Open-es, la piattaforma digitale dedicata alla sostenibilità nelle filiere industriali e aperta a tutte le realtà impegnate nel percorso di transizione energetica. Annunciata lo scorso dicembre e frutto della collaborazione tra ENI,...

  • alpi acque gruppo di rilancio in rete ego energy certificati bianchi
    Come ottenere i Certificati Bianchi per gli interventi sugli acquedotti

    L’intervento di razionalizzazione del sistema acquedottistico di Fossano, in provincia di Cuneo, ha ottenuto i Certificati Bianchi. È stata infatti approvata dal Gse la pratica presentata da Ego Energy per Alpi Acque volta al riconoscimento degli incentivi...

  • IBM si impegna a raggiungere zero emissioni di gas serra entro il 2030

    IBM raggiungerà l’obiettivo entro il 2030 dando priorità alle riduzioni effettive delle proprie emissioni, all’impegno per l’efficienza energetica e all’incremento dell’impiego di energia pulita negli oltre 175 Paesi in cui opera. “Sono orgoglioso che IBM sia all’avanguardia...

  • Eaton RoundTech
    Installazione delle luci di emergenza semplice e veloce con Eaton

    I nuovi apparecchi della gamma RoundTech di Eaton sono soluzioni all-in-one progettate per rendere l’installazione dell’illuminazione di emergenza più veloce e garantire elevate prestazioni. L’innovativa tecnologia eFocus, infatti, permette l’utilizzo di un unico apparecchio sia per l’illuminazione...

Scopri le novità scelte per te x