La app Confirmo per la firma digitale visualizza la carbon footprint delle aziende

Pubblicato il 9 marzo 2022
Confirmo firma digitale sostenibilità

Confirmo, la startup che ha ideato l’app che rende consapevole la firma digitale di un documento, ha integrato l’applicazione con una dashboard che in tempo reale misura in che modo le aziende stiano contribuendo a tutelare l’ambiente. Si tratta di un cruscotto che permette alle diverse realtà aziendali di visualizzare tutti gli indicatori dell’impatto sull’ambiente, ovvero quanto con la loro attività stiano riducendo emissioni C02, rifiuti, spreco d’acqua e abbattimento di alberi, in base all’effettivo uso dell’app. Gli indicatori vengono calcolati attraverso apposite collaborazioni con enti internazionali e possono essere utilizzati per raggiungere obiettivi di Corporate Social Responsibility.

“Usare una documentazione elettronica e digitale è una delle prime cose da fare per muoversi verso la sostenibilità aziendale. Oggi, infatti, il flusso documentale è nella maggioranza dei casi ancora cartaceo, pagine e pagine di documenti che spesso non vengono nemmeno lette – spiega Marco Cappellini, co-fondatore e Ceo di Confirmo – Ogni foglio di carta ha un costo per l’azienda, ogni foglio impatta sull’ambiente e il prezzo da pagare per questo modo di operare è diventato davvero insostenibile per le imprese e per il pianeta”.

Confirmo è riuscita a quantificare la sua carbon footprint (l’impronta carbonica dovuta all’emissione di gas serra), a definire una strategia per ridurre le emissioni e a neutralizzare quelle non riducibili, finanziando progetti di tutela ambientale certificati e nati con lo scopo di stimolare le imprese verso un impatto positivo sull’ambiente e sulla società.

Il totale delle emissioni (carbon footprint) prodotte da Confirmo nell’arco di 12 mesi è pari a 4.636 kg di CO2. In pratica, è come se si tenesse il frullatore di casa accesso consecutivamente per circa 5 anni. Per catturare in un anno questa quantità di CO2 servirebbe un bosco di circa 50 aceri. Ad impattare maggiormente sono le trasferte e gli spostamenti casa-lavoro dei dipendenti. A fronte di questo dato, la startup ha ridotto il numero delle trasferte a una al mese e ha intensificato una politica di lavoro flessibile che prevede più ore di smart working.

Confirmo si aggiunge così al 66,6% di aziende italiane impegnate a compiere azioni per ridurre il proprio impatto sull’ambiente, al 2,5% di queste che hanno redatto bilanci o rendicontazioni ambientali e all’1% delle imprese più virtuose che hanno raggiunto un obiettivo di Carbon Neutrality (Fonte – Istat, Sostenibilità nelle imprese: aspetti ambientali e sociali).

Il primo progetto green supportato da Confirmo è localizzato in Brasile, nello Stato del Paranà, e si tratta del complesso idroelettrico Fscecp che genera energia rinnovabile sfruttando la potenza del fiume Jordão. L’energia prodotta sostituisce l’uso di impianti termici a combustibile fossile normalmente utilizzati per soddisfare le esigenze energetiche della regione. Utilizzando le risorse naturali per generare energia, il progetto cattura circa 1.859.094 tonnellate di CO2 e garantisce alla popolazione locale 10.000 posti di lavoro, migliori salari e condizioni di lavoro.

Neutralizzare le emissioni significa ripristinare un equilibrio tra la quantità di CO2 non- riducibile emessa dalle attività aziendali e quella catturata dai progetti finanziati. Ciò avviene attraverso i crediti di carbonio, uno strumento certificato, ufficiale e trasparente, che attesta l’avvenuta cattura o non-emissione di CO2. Ad ogni credito di carbonio corrisponde 1 tonnellata di CO2.

“Spesso non pensiamo al fatto che la maggior parte delle nostre azioni, come utilizzare il pc, spostarsi in automobile, prendere un volo e altro del genere, impattino sull’ambiente aumentando le emissioni di CO2. Molte aziende non sanno bene come approcciare la questione – spiega Marco Cappellini, co-fondatore e Ceo di Confirmo – Occupandoci di una soluzione digitale per la gestione e la firma della documentazione come Confirmo, la nostra attenzione verso questo tema non poteva che essere alta. Ognuno di noi nel nostro piccolo può fare la differenza per sé, per le altre persone e per il pianeta, senza dover stravolgere completamente le proprie vite dall’oggi al domani”.



Contenuti correlati

  • ABB efficienza energetica riduzione emissioni transizione energetica
    10 azioni che le imprese possono intraprendere per migliorare la propria efficienza energetica

    Mentre le aziende di tutto il mondo devono affrontare pressioni senza precedenti per il costo dell’energia e l’emergenza del cambiamento climatico, un nuovo report dell’Energy Efficiency Movement mostra come migliorare l’efficienza energetica nell’industria sia il modo più...

  • Meno consumi e più sostenibilità, con nuovi motori e azionamenti

    La sostituzione delle installazioni obsolete con nuovi motori più efficienti ed ecologici comporta importanti vantaggi per l’ambiente e lo sfruttamento delle risorse, oltre che per i costi di produzione e quindi per la competitività. Leggi l’articolo

  • sostenibilità industria
    Come fare per diventare un’industria sostenibile?

    Si parla molto del tema della sostenibilità ambientale, oramai questo termine è utilizzato quasi come un intercalare quando si parla di economia ed industria. Purtroppo, questa parola non può rappresentare un desiderio da soddisfare per seguire la...

  • Etichetta green per dare nuova vita ai rifiuti

    Epson aderisce al progetto Fur of Love che è insieme una label e una campagna per salvare i capi pre-loved da discariche e inceneritori. Partner tecnologico dell’iniziativa, Epson attesta l’essenza vintage della pelliccia sulla base di un’autocertificazione...

  • Certificazione ‘Made in Italy’ per ridurre del 73% i casi di danno ambientale

    Nelle aziende del Vecchio Continente manca una vera cultura della prevenzione e del ripristino di un danno fatto all’ecosistema: solo l’1,7%, infatti, ha attivato una polizza sul rischio ambientale. Per guidare il cambiamento a favore di una...

  • Trattori formato Tesla

    Le promesse di riduzione dei costi energetici, aumento della produttività e miglioramento dell’affidabilità, associate alla pressione derivante dalla regolamentazione delle emissioni, stanno alimentando una rapida innovazione in molte tipologie di Nrmm, le ‘macchine mobili non stradali’ Leggi l’articolo

  • Natale 2022: quest’anno sotto l’albero si ‘spacchetta’ la sostenibilità

    I consumatori sono sempre più attenti alla sostenibilità dei prodotti e delle aziende che li producono e commercializzano. Secondo uno studio di Accenture, in Italia, il 71% dei consumatori preferisce acquistare beni e servizi provenienti da aziende con...

  • Sato etichette linerless solubili
    Packaging e riciclo: le etichette Sato sono solubili in acqua

    Sato, multinazionale giapponese che fornisce soluzioni per l’identificazione automatica e per la tracciabilità dei prodotti, ha avviato un’analisi interna con l’obiettivo di identificare soluzioni concrete da proporre ai partner e ai clienti finali interessati a valorizzare gli...

  • Tre chiavi per il futuro

    Innovazione, digitalizzazione e sostenibilità: queste le parole chiave della strategia di IMQ per il prossimo futuro, come ha sottolineato l’AD del gruppo, Antonella Scaglia Leggi l’articolo

  • SmartMe Arancino
    SmartMe abilita la trasformazione digitale del settore vitivinicolo

    Viticoltura 4.0 ovvero l’applicazione dell’Internet of Things e dell’Intelligenza Artificiale a tutta la filiera vitivinicola, dalla vigna all’etichettatura della bottiglia. È la proposta di SmartMe, la digital innovation company siciliana che al Simei di Milano ha proposto...

Scopri le novità scelte per te x