Il ruolo centrale delle banche nella green economy in Italia

Pubblicato il 21 agosto 2018

Le banche giocheranno probabilmente un ruolo importante nel promuovere la green economy italiana, e i prestiti bancari green dovrebbero aumentare dal momento che le piccole e medie imprese cercano capitale per i loro progetti green: questo quanto dichiarato da S&P Global Ratings nel rapporto “Will The Momentum Build For Green Finance in Italia?“.

Il nuovo governo italiano di coalizione sta lavorando alla sua strategia nazionale, che S&P Global Ratings prevede sottolineare lo sviluppo di un’economia verde in in linea con l’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici. In particolare, il paese mira a ridurre le emissioni di almeno l’80% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030, in linea con l’obiettivo a lungo termine dell’UE per l’accordo di Parigi.

“Riteniamo che una parte essenziale di tale sforzo sia la mobilitazione della finanza verde, che coinvolge lo spostamento di istituzioni finanziarie, investitori e imprese investire in strumenti finanziari verdi, progetti e aziende “, ha dichiarato l’analista di credito di S&P Global Ratings Corinne Bendersky, “e l’Italia ha già preso una serie di azioni a tal fine”.

Gli investitori che hanno preso parte alla conferenza di Milano di S&P Global Ratings sulla finanza sostenibile ha convenuto che i temi del verde e il sociale e la governance ambientale sono diventati molto importanti, in questi ultimi anni. Nondimeno, sostengono che è necessario fare di più da parte di tutti gli interessati per facilitare la crescita dell’economia verde. A livello governativo, questo significa rispondere alle richieste del mercato per una coerente strategia di sostenibilità che informa la politica, in particolare per aumentare l’accesso alla finanza verde per i piccoli e medie imprese (PMI). Le PMI sono il fulcro del settore privato italiano e ogni tentativo di stimolare l’economia verde italiana implica una crescente consapevolezza e accesso al capitale per il Paese, che conta quasi quattro milioni di PMI.

“Le banche, che sono una delle principali fonti di finanziamento delle PMI, saranno quindi cruciali alla crescita della green economy italiana “, ha detto Bendersky, “già espandendo le loro attività di finanziamento verdi, in particolare in energia rinnovabile.”

Secondo un sondaggio condotto da Osservatorio Banche e Green Economy, le banche hanno finanziato oltre 27 miliardi di euro per le energie rinnovabili tra il 2007 e il 2014. In effetti, le energie rinnovabili rappresentano circa il 37% della capacità di generazione installata e solo nel 2017 sono stati aggiunti 767 MW di capacità di energia rinnovabile. Ci aspettiamo un’ulteriore espansione per raggiungere l’obiettivo del 28% per la percentuale di energie rinnovabili sul consumo totale di energia entro il 2030.

Le banche stanno anche esplorando il finanziamento della bioedilizia e dell’efficienza energetica; ciò consentirebbe al paese di ridurre l’intensità di carbonio presente negli edifici che, in media, sono tra i più vecchi d’Europa. Il momento vede anche protagonisti gli investitori italiani, che stanno iniziando a dirigere i loro capitale verso investimenti più socialmente responsabili. Tuttavia, rimane spazio per un margine di manovra green ancora più ampio e profondo. Eppure, qualsiasi strategia economica in Italia deve affrontare ostacoli profondi: tensioni politiche, elevato debito pubblico, crescita debole e una distribuzione iniqua di reddito e ricchezza in tutto il paese.

“Ciò che è chiaro è che l’ecologizzazione dell’economia italiana ha acquisito considerevole importanza da parte del governo, degli emittenti e degli investitori. Quel che resta da vedere è come questo interesse si tradurrà in azione “, conclude Bendersky.



Contenuti correlati

  • Nuova visual identity e claim per MCE

    MCE, la vetrina prestigiosa del settore, allarga il proprio orizzonte visivo con il ruolo di leader che ha conquistato negli anni, governando i cambiamenti sempre più ampi e importanti, con un percorso per incrementare il proprio ruolo...

  • Meno consumi e più sostenibilità, con nuovi motori e azionamenti

    La sostituzione delle installazioni obsolete con nuovi motori più efficienti ed ecologici comporta importanti vantaggi per l’ambiente e lo sfruttamento delle risorse, oltre che per i costi di produzione e quindi per la competitività. Leggi l’articolo

  • Simplifhy Premio Sviluppo Sostenibile 2022
    Simplifhy tra le prime cinque migliori start up italiane per il clima

    Grazie alla soluzione Hyper-Gen, Simplifhy è stata selezionata tra le cinque migliori start up per il clima nell’ambito del Premio Sviluppo Sostenibile 2022. Il Premio, nato per far conoscere e promuovere le migliori pratiche e innovazioni nei...

  • sostenibilità industria
    Come fare per diventare un’industria sostenibile?

    Si parla molto del tema della sostenibilità ambientale, oramai questo termine è utilizzato quasi come un intercalare quando si parla di economia ed industria. Purtroppo, questa parola non può rappresentare un desiderio da soddisfare per seguire la...

  • Etichetta green per dare nuova vita ai rifiuti

    Epson aderisce al progetto Fur of Love che è insieme una label e una campagna per salvare i capi pre-loved da discariche e inceneritori. Partner tecnologico dell’iniziativa, Epson attesta l’essenza vintage della pelliccia sulla base di un’autocertificazione...

  • Imprese più verdi con processi più efficienti

    Le aziende hanno la possibilità di contribuire in modo rilevante agli sforzi per rendere i servizi e l’industria più rispettosi dell’ambiente e più resilienti. L’inaugurazione di una nuova struttura eco-sostenibile di Delta Electronics nei Paesi Bassi è...

  • Certificazione ‘Made in Italy’ per ridurre del 73% i casi di danno ambientale

    Nelle aziende del Vecchio Continente manca una vera cultura della prevenzione e del ripristino di un danno fatto all’ecosistema: solo l’1,7%, infatti, ha attivato una polizza sul rischio ambientale. Per guidare il cambiamento a favore di una...

  • Enea TeaTek Marta fotovoltaico
    Enea e TeaTek collaborano per il fotovoltaico intelligente

    Ottimizzare la produzione energetica degli impianti fotovoltaici per accrescere le rese e ridurre le perdite grazie all’intelligenza artificiale. È quanto realizzeranno Enea e TeaTek nel progetto Marta, che conta su un finanziamento di 4,6 milioni di euro...

  • EnergRed fotovoltaico crescita
    Ci sono grandi potenzialità di crescita per il fotovoltaico in Italia

    Il fotovoltaico, risorsa per la quale il nostro Paese è particolarmente favorito, potrebbe crescere di 6 volte. Il potenziale aumento della produzione relativamente al fotovoltaico è infatti pari a 126 GW addizionali, circa 6 volte la capacità...

  • Natale 2022: quest’anno sotto l’albero si ‘spacchetta’ la sostenibilità

    I consumatori sono sempre più attenti alla sostenibilità dei prodotti e delle aziende che li producono e commercializzano. Secondo uno studio di Accenture, in Italia, il 71% dei consumatori preferisce acquistare beni e servizi provenienti da aziende con...

Scopri le novità scelte per te x