Honeywell ha sviluppato una tecnologia per convertire etanolo in carburante sostenibile per aerei

Pubblicato il 18 ottobre 2022
Honeywell Ecofining SAF

Honeywell ha sviluppato una nuova e innovativa tecnologia di trasformazione dell’etanolo in carburante per aerei (ETJ) che consente ai produttori di convertire l’etanolo a base di mais, cellulosico o di zucchero in carburante sostenibile per il trasporto aereo (SAF). A seconda del tipo di materia prima etanolica utilizzata, il carburante per aerei prodotto con il processo ETJ di Honeywell può ridurre le emissioni di gas serra (GHG) dell’80% rispetto al carburante per aerei a base di petrolio.

La domanda di SAF continua a crescere, ma l’industria aeronautica deve far fronte alle limitate forniture di materie prime SAF tradizionali, quali oli vegetali, grassi animali e oli di scarto. L’etanolo offre, invece, ai produttori una materia prima ampiamente disponibile ed economicamente valida. La tecnologia di Honeywell utilizza catalizzatori ad alte prestazioni e la gestione del calore per massimizzare l’efficienza di produzione, ottenendo un carburante per l’aviazione economico e a bassa concentrazione di carbonio.

Un’analisi del ciclo di vita condotta dall’Argonne National Laboratory del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti (DOE) nel 2021 ha concluso che la conversione dell’etanolo in carburante per aerei, combinata con altre tecnologie quali la tecnologia di Cattura, Utilizzo e Stoccaggio del Carbonio (CCUS) e le pratiche agricole intelligenti, può portare a emissioni di gas serra negative rispetto al carburante per aerei a base di petrolio.

“Con la tecnologia Ecofining, Honeywell è stata pioniera nella produzione di carburante sostenibile per il trasporto aereo; il nostro nuovo processo di trasformazione dell’etanolo in carburante per aerei si basa su quell’innovazione originale per sostenere gli sforzi globale del settore aeronautico volti a ridurre le emissioni di gas serra e a raggiungere gli obiettivi di produzione di carburante sostenibile per il trasporto aereo con una materia prima abbondante come l’etanolo”, ha dichiarato Barry Glickman, vice president and general manager di Honeywell Sustainable Technology Solutions.

“Il processo di trasformazione dell’etanolo in carburante per aerei di Honeywell, utilizzato da solo o in combinazione con la tecnologia di cattura del carbonio di Honeywell, consente di passare a un SAF a minore concentrazione di carbonio”.

Gli stabilimenti di carburante sostenibile per il trasporto aereo che utilizzano la tecnologia Honeywell possono essere costruiti in modo modulare off-site, consentendo una riduzione dei costi, dei tempi e della complessità di installazione rispetto alla costruzione in cantiere. Utilizzando la tecnologia ETJ di Honeywell e un approccio costruttivo integrato e modulare, i produttori possono infatti realizzare nuove strutture SAF impiegando un anno in meno di quanto sia possibile con gli approcci costruttivi tradizionali.

Anche le raffinerie di petrolio e i produttori di carburanti per il trasporto possono trarre benefici dal design ETJ di Honeywell, concepito appositamente per consentire la conversione di strutture esistenti o inattive in impianti di produzione di carburante sostenibile per il trasporto aereo, massimizzando potenzialmente l’uso di siti in disuso per soddisfare la crescente domanda di SAF del mercato.

Nel 2021, l’amministrazione Biden ha annunciato la Sustainable Aviation Fuel (SAF) Grand Challenge per il settore dell’approvvigionamento di carburante per l’aviazione degli Stati Uniti, con l’obiettivo di produrre almeno tre miliardi di galloni di carburante sostenibile per il trasporto aereo all’anno e di ridurre le emissioni prodotte dal trasporto aereo del 20% entro il 2030, per poi arrivare a soddisfare il 100% della domanda di carburante per l’aviazione degli Stati Uniti con SAF entro il 2050. Sempre nel 2021, il Consiglio europeo ha pubblicato il pacchetto “Fit for 55” che mira ad aumentare la quota di carburanti sostenibili negli aeroporti dell’UE da un minimo del 2% nel 2025 ad almeno il 63% entro il 2050. Questi e altri incentivi, tra cui la Inflation Reduction Act, aumentano la necessità di materie prime alternative per soddisfare la domanda di SAF.



Contenuti correlati

  • Ridurre i costi di produzione dell’idrogeno verde fino al 20% con ABB

    ABB introduce il suo sistema di gestione dell’energia, ABB Ability Optimax, anche per il mercato dell’idrogeno verde. ABB Ability Optimax permette alle aziende di ridurre i costi di produzione grazie a una visibilità in tempo reale dei...

  • Green Tech: sono 78 gli unicorni del settore. E l’Italia cerca il suo

    South Pole, fondata in Svizzera e operante in 50 paesi con 23 sedi e 700 dipendenti, opera nel crescente settore della mitigazione climatica. Negli ultimi 7 anni le startup green che hanno assunto valorizzazioni superiori al miliardo...

  • Nuova visual identity e claim per MCE

    MCE, la vetrina prestigiosa del settore, allarga il proprio orizzonte visivo con il ruolo di leader che ha conquistato negli anni, governando i cambiamenti sempre più ampi e importanti, con un percorso per incrementare il proprio ruolo...

  • Meno consumi e più sostenibilità, con nuovi motori e azionamenti

    La sostituzione delle installazioni obsolete con nuovi motori più efficienti ed ecologici comporta importanti vantaggi per l’ambiente e lo sfruttamento delle risorse, oltre che per i costi di produzione e quindi per la competitività. Leggi l’articolo

  • sostenibilità industria
    Come fare per diventare un’industria sostenibile?

    Si parla molto del tema della sostenibilità ambientale, oramai questo termine è utilizzato quasi come un intercalare quando si parla di economia ed industria. Purtroppo, questa parola non può rappresentare un desiderio da soddisfare per seguire la...

  • Etichetta green per dare nuova vita ai rifiuti

    Epson aderisce al progetto Fur of Love che è insieme una label e una campagna per salvare i capi pre-loved da discariche e inceneritori. Partner tecnologico dell’iniziativa, Epson attesta l’essenza vintage della pelliccia sulla base di un’autocertificazione...

  • Certificazione ‘Made in Italy’ per ridurre del 73% i casi di danno ambientale

    Nelle aziende del Vecchio Continente manca una vera cultura della prevenzione e del ripristino di un danno fatto all’ecosistema: solo l’1,7%, infatti, ha attivato una polizza sul rischio ambientale. Per guidare il cambiamento a favore di una...

  • Natale 2022: quest’anno sotto l’albero si ‘spacchetta’ la sostenibilità

    I consumatori sono sempre più attenti alla sostenibilità dei prodotti e delle aziende che li producono e commercializzano. Secondo uno studio di Accenture, in Italia, il 71% dei consumatori preferisce acquistare beni e servizi provenienti da aziende con...

  • Sato etichette linerless solubili
    Packaging e riciclo: le etichette Sato sono solubili in acqua

    Sato, multinazionale giapponese che fornisce soluzioni per l’identificazione automatica e per la tracciabilità dei prodotti, ha avviato un’analisi interna con l’obiettivo di identificare soluzioni concrete da proporre ai partner e ai clienti finali interessati a valorizzare gli...

  • Tre chiavi per il futuro

    Innovazione, digitalizzazione e sostenibilità: queste le parole chiave della strategia di IMQ per il prossimo futuro, come ha sottolineato l’AD del gruppo, Antonella Scaglia Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x