Gli investitori italiani credono nello sviluppo sostenibile

Pubblicato il 5 aprile 2016

Il periodo di offerta dell’Obbligazione per uno Sviluppo Sostenibile della Banca Mondiale, anche nota come Obbligazione Banca Mondiale Tasso Fisso 1,75% Callable Marzo 2026, è terminato. L’operazione si è chiusa con un ammontare totale sottoscritto di 165 milioni di Dollari Statunitensi, confermando il crescente interesse degli investitori italiani per prodotti d’investimento di alta qualità e con lo scopo di finanziare progetti di sostenibilità. L’Obbligazione della Banca Mondiale per uno Sviluppo Sostenibile offre agli investitori l’opportunità di supportare gli sforzi dei Paesi membri atti a combattere la povertà e l’ineguaglianza in molteplici ambiti, quali, ad esempio, istruzione, sanità e infrastrutture.

L’Obbligazione è stata distribuita da diverse banche, che insieme rappresentano un’ampia porzione del mercato della distribuzione in Italia. Per questa emissione, la Banca Mondiale ha collaborato con BNP Paribas, come Dealer, e con Banca Akros S.p.A., come Co-Dealer.

L’Obbligazione corrisponde cedole semestrali fisse ad un tasso annuale pari a 1,75%. Alla scadenza, dopo dieci anni, la Banca Mondiale rimborserà agli investitori il 100% del capitale2 in Dollari Statunitensi. A partire dal 29 marzo 2018, con cadenza annuale, l’Obbligazione può essere rimborsata anticipatamente alla pari dall’emittente. L’Obbligazione sarà quotata su Borsa Italiana (MOT) a partire dal 29° marzo 2016 e BNP Paribas assumerà il ruolo di liquidity provider.

Arunma Oteh, Vice Presidente e Tesoriere della Banca Mondiale, ha dichiarato: “Sono molto felice dell’ottima risposta degli investitori Italiani all’Obbligazione per uno Sviluppo Sostenibile e per il messaggio che manda. Dimostra che gli investitori danno valore agli investimenti che assicurano il futuro di lungo termine del nostro pianeta e proteggono le risorse preziose per le future generazioni. Se vogliamo raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile, è imperativo che ognuno di noi cerchi proattivamente dei modi per avere un impatto. Sono lieta che gli investitori Italiani abbiano guardato a questa Obbligazione come a un’opportunità per un investimento di alta qualità che abbia un impatto positivo su tutta la società.”

Pascal Fischer, Head del Global Markets, EMEA per BNP Paribas ha dichiarato: “Il successo dell’Obbligazione per uno Sviluppo Sostenibile della Banca Mondiale in Italia è un chiaro esempio della crescente domanda di investimenti sostenibili da parte dei nostri clienti in tutto il mondo. BNP Paribas è lieta di svolgere un ruolo importante nel contribuire alla crescita degli investimenti responsabili e di rafforzare la nostra partnership con la Banca Mondiale.”



Contenuti correlati

  • Bosch: “Siamo pronti per l’idrogeno”. E investe 1 miliardo di euro

    Nel corso della conferenza annuale di presentazione dei dati di bilancio 2020, Bosch ha svelato strategie e piani di investimento per il prossimo futuro. La società è consapevole che l’impegno globale per combattere i cambiamenti climatici stia...

  • Italia protagonista alla conferenza ONU sul clima

    A New York presente anche una startup italiana tra i protagonisti dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sul Clima: è Studiomapp, società che si occupa di Location Intelligence ovvero sistemi informativi territoriali, analisi di dati satellitari e ancora...

  • Vivigas promuove nelle scuole la cultura dei consumi energetici consapevoli

    Junior Achievement Italia, Vivigas energia e Viviesco si dedicano alla formazione sui temi dello sviluppo sostenibile nelle scuole secondarie di primo e secondo grado di Piemonte, Lombardia, Veneto, Lazio e Umbria, attraverso programmi di imprenditorialità in chiave...

  • HPE e il World Economic Forum insieme per risolvere la fame nel mondo entro il 2030

    In occasione del Sustainable Development Impact Summit organizzato dal World Economic Forum, Hewlett Packard Enterprise (HPE) e il Forum si sono impegnati a contribuire a risolvere il problema della fame nel mondo entro il 2030 grazie ad...

  • World Water Forum: il punto sulle sfide in materia di sicurezza idrica

    L’ottava edizione del più grande evento globale incentrato sul tema dell’acqua, il World Water Forum, è terminata a Brasilia, in Brasile, il giorno dopo la Giornata mondiale dell’acqua. Il Consiglio Mondiale dell’Acqua, in collaborazione con il governo...

  • Green bond di 80 milioni di euro per le energie pulite

    Elaris Holding e Foresight Group, in capacità di gestore del “Italian Green Bond Fund” che è in fase di costituzione e raccolta, ha firmato un accordo quadro per il finanziamento tramite sottoscrizione di bond di nuove infrastrutture...

  • Danfoss finanzia reti di teleriscaldamento efficienti

    La Fondazione Bitten and Mads, proprietaria del Gruppo Danfoss, ha annunciato, lo scorso giugno, nuovi finanziamenti per 9 milioni di corone danesi (1,2 milioni di euro) destinati a supportare l´iniziativa dell´ONU District Energy in Cities nell´ambito della partnership...

  • CSR Manager Network entra a far parte del global network di WBCSD

    Il World Business Council for Sustainable Development (WBCSD) rende noto che CSR Manager Network, la principale associazione italiana che raggruppa il maggior numero di professionisti della sostenibilità, si è unito al proprio Global Network. Il Global Network...

  • LG Electronics nel settore del fotovoltaico

    LG Electronics incrementa il proprio business nel settore del fotovoltaico, grazie ad un investimento multimilionario che aumenterà la capacità produttiva del suo stabilimento in Corea del Sud. Nella dichiarazione di intenti, sottoscritta con la città coreana di...

  • Gruppo CAP primo in Italia ad adottare il Wsp

    Si scrive Water Safety Plan (in breve Wsp) e si legge rivoluzione per l’acqua del rubinetto. È quella annunciata a Milano da Istituto Superiore di Sanità, Ministero della Salute, Oms e Gruppo CAP, gestore del servizio idrico...

Scopri le novità scelte per te x