FPT Industrial partner di Green PEA, il primo green retail park al mondo

Pubblicato il 17 dicembre 2020

Per essere protagonisti della transizione energetica verso un modello di trasporto sempre più sostenibile, occorre non solo essere esperti e tecnologicamente all’avanguardia, ma anche proporsi ed esporsi in contesti coerenti e fruibili dal pubblico, in modo da dare concretezza ad una visione del futuro già oggi largamente praticabile e disponibile.

Questi, in sintesi, i motivi che hanno portato FPT Industrial a scegliere di diventare partner di Green PEA, il primo Green Retail Park al mondo, inaugurato in dicembre a Torino, di fianco a Eataly al Lingotto.
Nato da un’idea di Oscar Farinetti e costruito interamente con materiali riciclati e riciclabili, secondo la filosofia del second life, oltre a essere completamente smontabile, Green Pea è un luogo dedicato al tema del “Rispetto” e a un nuovo modo di consumare, che propone su 15.000 mq ripartiti su cinque piani prodotti e servizi sostenibili di alta qualità, principalmente Made in Italy, ma a basso o nullo impatto ambientale. I visitatori hanno a loro disposizione 66 negozi, un museo, tre luoghi di ristorazione, una piscina, una spa e un club dedicato all’ozio creativo. Oltre alla parte commerciale, Green Pea propone infatti esperienze, eventi e tutti i servizi necessari e disponibili per vivere Green.

FPT Industrial dispone di un ampio spazio espositivo all’interno del Green Pea Discovery Museum, che il brand ha interpretato come un’area didattica dove poter avvicinare il pubblico ai temi della tecnologia, della mobilità sostenibile e agli scenari di una città del futuro. Scenograficamente sospeso al soffitto come una vera e propria installazione artistica, sarà messo in mostra il Cursor X, concept del motore del futuro progettato per il pianeta Terra, circondato da quattro schermi che ne raccontano la genesi, le particolarità e gli utilizzi.

Il Cursor X si distingue per quattro caratteristiche principali, efficacemente sintetizzate in: Multi-power, Modulare, Multi-applicazione, Mindful.
Multi-power, perché può utilizzare qualsiasi energia per qualsiasi missione. Può essere alimentato interamente a batterie elettriche, con un’autonomia di 200 km nelle consegne urbane. Ma può anche essere un ibrido plug-in a gas naturale, con un’autonomia di 400 km, ideale per il trasporto a medio raggio. Infine, con le celle a idrogeno, può raggiungere un’autonomia di 800 km per le missioni pesanti sulle lunghe distanze.
Modulare, perché con un solo motore, delle stesse dimensioni di un motore a combustione interna, si ottengono prestazioni personalizzate e adatte alle esigenze dell’agricoltura, dei trasporti, delle costruzioni, delle applicazioni marine e power-generation e della mobilità in generale.
Multi-applicazione, perché offre possibilità infinite, potendo alimentare anche sistemi ausiliari, attrezzi e prese di potenza su qualsiasi tipo di macchina o veicolo industriale.
E infine Mindful, perché è stato progettato per avere capacità di autoapprendimento e fornire una quantità significativa di informazioni. Può essere dotato di processori e sensori che riconoscono le anomalie, analizzano l’usura e prevedono gli interventi di manutenzione. È concepito per il pianeta Terra, perché la sua intelligenza è una risorsa fondamentale per ridurre i consumi e azzerare le emissioni di CO2.

“Come FPT Industrial, da sempre abbiamo introdotto innovazioni tecnologiche che hanno rivoluzionato e reso più sostenibile il settore della propulsione”, dichiara Carlo Moroni, Head of Communication di FPT Industrial. “Abbiamo più di 25 anni di esperienza nei motori a natural gas e continuiamo a studiare costantemente nuove forme di propulsione alternativa concentrandoci al massimo sul tema delle emissioni, come le fuel cell a idrogeno, i progetti di elettrificazione e i sistemi ibridi.

Da sempre abbiamo a cuore la sostenibilità e lo dimostriamo non solo con lo studio di soluzioni di propulsione sempre più verdi, ma anche garantendo la sostenibilità della nostra filiera e dell’intero processo di produzione. Come brand, siamo attivi in progetti di sostenibilità ambientale come ‘A pesca di Plastica’, grazie alla quale abbiamo raccolto più di tre tonnellate di plastica nel mare Adriatico, o Urban Forestry, con il quale abbiamo piantato 1.000 alberi a Torino per far rivivere un bosco cittadino.

L’impegno di FPT Industrial nella sostenibilità rispecchia la stessa attenzione sul tema di CNH Industrial, che si è recentemente confermata per la decima volta consecutiva leader nei prestigiosi Dow Jones Sustainability Indices World e Europe. La partnership con Green Pea è un ulteriore tassello del nostro percorso verso una sostenibilità sempre più completa e integrata: una sostenibilità capace di rispondere alle esigenze degli abitanti del Pianeta Terra, senza depauperarne le risorse”.

“Green Pea ha sempre lo sguardo rivolto alle migliori tradizioni del passato, quando sapevamo vivere in armonia con la Natura, ma anche e soprattutto al futuro, perché le nuove tecnologie ci aiuteranno sempre più a rispettare l’ambiente”, aggiunge Francesco Farinetti, CEO di Green Pea. “Per questo abbiamo scelto FPT Industrial per presentare nel Green Pea Discovery Museum il motore del futuro, un vero e proprio gioiello del settore della propulsione, che punta a ridurre i consumi e ad azzerare le emissioni di CO2. FPT Industrial ha fatto della sostenibilità un valore imprescindibile e una colonna portante del proprio successo imprenditoriale e su questo terreno ci siamo incontrati per costruire insieme qualcosa di veramente innovativo e unico all’interno di Green Pea”.



Contenuti correlati

  • Meno consumi e più sostenibilità, con nuovi motori e azionamenti

    La sostituzione delle installazioni obsolete con nuovi motori più efficienti ed ecologici comporta importanti vantaggi per l’ambiente e lo sfruttamento delle risorse, oltre che per i costi di produzione e quindi per la competitività. Leggi l’articolo

  • Simplifhy Premio Sviluppo Sostenibile 2022
    Simplifhy tra le prime cinque migliori start up italiane per il clima

    Grazie alla soluzione Hyper-Gen, Simplifhy è stata selezionata tra le cinque migliori start up per il clima nell’ambito del Premio Sviluppo Sostenibile 2022. Il Premio, nato per far conoscere e promuovere le migliori pratiche e innovazioni nei...

  • sostenibilità industria
    Come fare per diventare un’industria sostenibile?

    Si parla molto del tema della sostenibilità ambientale, oramai questo termine è utilizzato quasi come un intercalare quando si parla di economia ed industria. Purtroppo, questa parola non può rappresentare un desiderio da soddisfare per seguire la...

  • Etichetta green per dare nuova vita ai rifiuti

    Epson aderisce al progetto Fur of Love che è insieme una label e una campagna per salvare i capi pre-loved da discariche e inceneritori. Partner tecnologico dell’iniziativa, Epson attesta l’essenza vintage della pelliccia sulla base di un’autocertificazione...

  • Certificazione ‘Made in Italy’ per ridurre del 73% i casi di danno ambientale

    Nelle aziende del Vecchio Continente manca una vera cultura della prevenzione e del ripristino di un danno fatto all’ecosistema: solo l’1,7%, infatti, ha attivato una polizza sul rischio ambientale. Per guidare il cambiamento a favore di una...

  • Reti per l’idrogeno

    L’emergente comparto dell’idrogeno rappresenta un ambito dalle grandi potenzialità per l’impiego delle reti Profibus e Profinet Leggi l’articolo

  • Natale 2022: quest’anno sotto l’albero si ‘spacchetta’ la sostenibilità

    I consumatori sono sempre più attenti alla sostenibilità dei prodotti e delle aziende che li producono e commercializzano. Secondo uno studio di Accenture, in Italia, il 71% dei consumatori preferisce acquistare beni e servizi provenienti da aziende con...

  • Sato etichette linerless solubili
    Packaging e riciclo: le etichette Sato sono solubili in acqua

    Sato, multinazionale giapponese che fornisce soluzioni per l’identificazione automatica e per la tracciabilità dei prodotti, ha avviato un’analisi interna con l’obiettivo di identificare soluzioni concrete da proporre ai partner e ai clienti finali interessati a valorizzare gli...

  • Tre chiavi per il futuro

    Innovazione, digitalizzazione e sostenibilità: queste le parole chiave della strategia di IMQ per il prossimo futuro, come ha sottolineato l’AD del gruppo, Antonella Scaglia Leggi l’articolo

  • SmartMe Arancino
    SmartMe abilita la trasformazione digitale del settore vitivinicolo

    Viticoltura 4.0 ovvero l’applicazione dell’Internet of Things e dell’Intelligenza Artificiale a tutta la filiera vitivinicola, dalla vigna all’etichettatura della bottiglia. È la proposta di SmartMe, la digital innovation company siciliana che al Simei di Milano ha proposto...

Scopri le novità scelte per te x