Focus InfoJobs.it: green job

Pubblicato il 7 aprile 2014

In un momento in cui lo scenario economico rimane incerto ma cresce la sensibilità dei cittadini e delle aziende verso uno sviluppo sostenibile, c’è un ambito in cui il mercato del lavoro mostra ottimismo ed è quello delle occupazioni legate all’ambiente e alle energie rinnovabili. Secondo i dati di InfoJobs.it – la principale realtà italiana ed europea nel settore del recruiting online per numero di offerte di lavoro, traffico Internet e numero di CV in database – che nel 2009 ha lanciato Green Job – primo canale tematico dedicato alle offerte di lavoro nel settore della green economy, in collaborazione con TimeStars e Legambiente – la richiesta per questi profili è cresciuta costantemente negli ultimi 5 anni al ritmo di circa il 10% annuo, con un ulteriore accelerazione nel primo trimestre del 2014.

Guardando lo stivale, sono le regioni del Nord Italia quelle che registrano una maggiore richiesta di profili green con la Lombardia come capofila (28,3%), seguita da Veneto (14,7%) e Piemonte (10,5%). E se Lazio e Piemonte mostrano una percentuale significativa (10,5%), è la Puglia (2,1%) la prima regione del Sud Italia per offerte di impiego green mentre sono Molise (0,5%), Basilicata e Valle D’Aosta (0,7%) le aree che mostrano una minore necessità di queste professionalità.

A livello provinciale, Milano guida la classifica delle città con il 13,5%, seguita da Roma (8,8%%), Torino (4,8%), Padova (3,8%), Bologna e Vicenza (3,6%) mentre sono Pescara (1,7%), con Bari e Napoli (1,4%) le prime province delle regioni del centro sud che emergono per le richieste.

Quali sono quindi le categorie professionali per cui le aziende che operano in servizi o prodotti volti a migliorare la qualità della vita e dell’ambiente cercano più personale? La richiesta più ampia di posizioni “green” proviene dalle Vendite (34,8%), seguite da Operai, produzione, qualità (20,6%) e Ingegneria (15,2%). Da sole, queste tre tipologie professionali coprono oltre il 70% della richiesta complessiva del settore sul territorio nazionale. Più nello specifico, sono agente fotovoltaico, agente eolico, agente energie rinnovabili, energy manager e ingegnere ambientale i profili più ricercati in Italia per questo tipo di impieghi.

Una prima conseguenza del trend che vede l’ambito commerciale trainare l’intero settore è quella della tipologia di formazione richiesta. Il 45,5% delle offerte per professioni “green” è infatti destinato a persone in possesso del Diploma di Maturità mentre nel 13% dei casi non è richiesto uno specifico titolo di studio perché sono le stesse aziende ad occuparsi direttamente dei percorsi formativi specifici da erogare ai propri collaboratori, una volta selezionati. Per quanto riguarda invece i profili più specializzati, troviamo un 18,7% per cui è richiesta la laurea breve e un 10,7% per cui si richiede una laurea specialistica di 4-5 anni.

Il tipo di esperienza acquisita sul campo rappresenta invece un aspetto importante per il datore di lavoro considerato che quasi il 70% delle aziende richiede per le proprie posizioni aperte dei profili che abbiano alle spalle da 1 a 5 anni di esperienza lavorativa. E tra queste, le richieste per coloro che sono senza esperienza o solo con 1 o 2 anni, rappresentano circa il 30% delle offerte totali.

Una buona notizia per i giovani: il settore green cresce e apre nuove opportunità di trovare un impiego qualificato.

Inoltre, come emerge da Jobs In Progress, il rapporto sul mercato del lavoro in Italia redatto da InfoJobs.it, nel 2013 quello dell’“Energia rinnovabile e ambiente” è uno dei principali settori da cui sono pervenute offerte di lavoro, con il 2,1% del totale analizzato. Per quanto lontano dai settori IT e Telecomunicazioni, protagonisti rispettivamente con il 26% e 24% delle offerte, il dato rappresenta comunque un risultato incoraggiante per un settore in crescita.

 

InfoJobs: http://www.infojobs.it



Contenuti correlati

  • Il 5G per affrontare la sfida dell’elettrificazione green

    Una connettività 5G a bassa latenza può facilitare le utility nella gestione della crescente quota di energia rinnovabile e aumentare la resilienza a livello di sottostazioni e dei siti più remoti di produzione di energia, come i...

  • ucimu siemens esg
    Siemens ottiene il marchio Ucimu per la sostenibilità

    Con il rating di 951 su 1000 Ucimu-Sistemi Per Produrre – l’associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot e automazione -, in collaborazione con Altis Advisory, spin-off dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, concede a Siemens il...

  • Fanuc CDP Climate A List
    Robot amici dell’ambiente: Fanuc è nella Climate A List di CDP

    Fanuc è stata riconosciuta come eccellenza nella sostenibilità aziendale e lotta al cambiamento climatico dall’organizzazione internazionale no-profit CDP, assicurandosi per la prima volta il posto nella sua esclusiva “A List” annuale. CDP (Carbon Disclosure Project) monitora regolarmente...

  • Energie Rinnovabili: più impegno per dare impulso agli investimenti nazionali ed esteri

    Idrogeno, fotovoltaico, eolico, idroelettrico e altre tecnologie green: la corsa verso la transizione energetica sta trasformando le priorità industriali e politiche in Italia e in Europa, mettendo al centro gli investimenti nelle fonti rinnovabili, che hanno raggiunto...

  • Dirigibili elettrici per il monitoraggio dell’ambiente con Dassault Systèmes

    Grazie al programma SolidWorks for Startups di Dassault Systèmes, la startup FloFleet punta a rivoluzionare il settore del monitoraggio aereo e della prospezione del sottosuolo con la creazione di dirigibili elettrici a guida autonoma progettati come alternativa...

  • Una verniciatura in ‘green’

    Le cabine di verniciatura smart repair di Carheal impiegano TwinCAT IoT per ottimizzare le riparazioni dei veicoli e, con l’acquisizione dati dal cloud, monitorare emissioni e consumi energetici Con TwinCAT IoT, Beckhoff ha sviluppato il complemento perfetto...

  • TÜV SÜD: come mitigare l’impatto delle microplastiche sull’ambiente

    Una delle principali fonti di inquinamento ambientale da microplastiche sono le fibre rilasciate dai tessuti. Oggi molti capi di abbigliamento sono realizzati con fibre sintetiche come il poliestere, il nylon e l’acrilico. Quando gli indumenti in fibre...

  • Verso un mondo più sostenibile con la gestione “green” dei dati

    La grande quantità di dati che attualmente viene generata ogni giorno all’interno delle aziende produce elevate emissioni di CO2 attraverso i processi di archiviazione, elaborazione e analisi e rappresenta quindi un enorme peso per l’ambiente. Questo problema...

  • Vertiv Treedom
    Ambiente: 3.500 alberi nella foresta Vertiv di Treedom

    Vertiv rafforza il proprio impegno per contribuire alla riduzione dell’impatto ambientale piantando altri 1.200 alberi grazie al progetto Treedom. Grazie a questa nuova iniziativa, la Foresta Vertiv oggi si compone di oltre 3.500 alberi. Ogni nuovo albero...

  • Phoenix Contact in prima linea verso un futuro senza piombo nell’elettronica

    La produzione industriale attenta all’ambiente e alla salute umana è considerata una delle maggiori sfide degli ultimi decenni e dei prossimi anni a venire. La direttiva europea RoHS limita già o addirittura vieta le sostanze che hanno...

Scopri le novità scelte per te x