Economia circolare, intesa Polieco-Ecoped per il riciclo delle plastiche dei RAEE

Pubblicato il 29 novembre 2021
ecoped raee plastica economia circolare

Coniugare competenze ed esperienze per dar vita a programmi di tutela dell’ambiente e di promozione di uno sviluppo sostenibile. Nasce con questo intento il tavolo di lavoro tra il Consorzio nazionale dei Rifiuti dei beni in Polietilene Polieco e il Consorzio nazionale per la gestione dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) Ecoped.

Lo scorso mese di maggio i due Consorzi hanno siglato un protocollo d’intesa sottoscrivendo una convenzione volta a implementare l’attuazione dei rispettivi statuti e delle normative vigenti con riguardo ai beni in polietilene ricadenti nel campo di applicazione dell’art. 234, d.lgs. 152/2006.

Un protocollo che segue in realtà un percorso di confronto avviato proficuamente già nel 2016 e recentemente arricchitosi di un addendum che riporta nel dettaglio le azioni di singola competenza dei due consorzi.

L’obiettivo primario dell’intesa è il corretto avvio al riciclo delle plastiche contenute nei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche attraverso il loro inserimento nella filiera Polieco, così da superare le difficoltà che il sistema RAEE spesso riscontra nell’ avviare a riciclaggio le plastiche provenienti dai propri impianti di recupero.

L’inserimento di quantità sempre più elevate di plastiche dei rifiuti Raee nella filiera virtuosa del riciclo, passa necessariamente per l’adempimento delle imprese alle proprie obbligazioni ambientali. A tal proposito, il consorzio Ecoped, nel tendere ad un paradigma di un efficiente riciclo, a partire dalle prossime settimane, avvierà, presso le proprie imprese consorziate, una campagna di adesione al protocollo di intesa Ecoped-Polieco.

Polieco a sua volta ammetterà tali imprese alla procedura di regolarizzazione prevista dallo Statuto, attuando l’applicazione delle misure di agevolazione previste dalla normativa.

Al fine di incrementarne la raccolta, Ecoped si attiverà promuovendo presso i propri consorziati e clienti, il ritiro ed il riciclo di rifiuti di beni in polietilene provenienti dal recupero Raee prevedendone l’avvio a piattaforme di trattamento Polieco.

Un’attività che Polieco ed Ecoped sosterranno con una sperimentazione che punta a target elevati e a un riciclo sempre più spinto.

“La collaborazione con il consorzio Ecoped consentirà l’attuazione concreta di una buona pratica di economia circolare – afferma la direttrice del Polieco Claudia Salvestrini – nostro obiettivo è riciclare sempre maggiori quantità di plastiche, riducendo così il consumo delle materie prime e mettendo in campo azioni di salvaguardia ambientale. Garantire una seconda vita alle plastiche contenute nei Raee – aggiunge Salvestrini – sarà possibile prevedendo la loro immissione in una filiera virtuosa improntata sulla tracciabilità del rifiuto”.

“Un vero riciclo dei RAEE – sottolinea il direttore di Ecoped Giuliano Maddalena- passa necessariamente dal corretto riciclo delle plastiche in essi contenuti e per questo motivo, dal 2010, con l’applicazione costante del disciplinare EcoGuard, abbiamo monitorato le filiere tracciando le frazioni, incluse le plastiche, fino a quando queste non diventano materie prime seconde. Questa attività è molto complessa quando si parla di plastiche miste dei RAEE e sono convinto – sostiene Maddalena – che la collaborazione con il Polieco, la sua attenzione alla filiera e la sua rete di impianti garantiranno il successo della sperimentazione”.



Contenuti correlati

  • Pressofusioni Fiorentine più sostenibile grazie a Schneider Electric

    PF Pressofusioni Fiorentine S.r.l. è un gruppo specializzato nel settore dello stampaggio in pressofusione di minuterie metalliche ed accessori per l’alta moda, quali illuminazione, serramentistica, automotive ed oggettistica. Trattano materiali come la zama e l’ottone e lavorano...

  • Marlic
    Marlic: il progetto per economia circolare e materiali compositi

    Presso il Chemistry Interdisciplinary Project (ChIP), innovativo Centro di Ricerca dell’Università di Camerino, si è tenuta il 20 aprile l’Assemblea Plenaria del progetto Marlic, co-finanziato dalla Regione Marche. La giornata è stata aperta dai saluti del Rettore...

  • Vanzetti Engineering Pompa Criogenica
    Pompe ad alta pressione per il settore navale di Vanzetti Engineering

    Vanzetti Engineering ha incrementato considerevolmente la propria fornitura di pompe ad alta pressione per il settore navale, in risposta ad una accresciuta esigenza di questa tipologia di prodotto per i sistemi di alimentazione per motori navali. Dal...

  • PNRR e transizione tecnologica: da qui riparte il Sistema Italia

    Per risollevare l’economia dell’Italia appena colpita dalla pandemia di COVID-19, il Governo ha deciso di stanziare finanziamenti che permettano alle imprese di investire in diversi ambiti, come digitalizzazione e innovazione, transizione ecologica e inclusione sociale. Da qui...

  • Energie rinnovabili, tre miti da sfatare sul fotovoltaico

    Le energie rinnovabili sono destinate ad una crescita estremamente importante nei prossimi anni. In Europa si stima infatti che entro il 2026 il solo fotovoltaico potrebbe costituire quasi la metà della potenza energetica globale. Il 2021 si...

  • alluminio Metef
    Riciclo, Italia terza al mondo nel recupero dell’alluminio

    Negli ultimi anni l’Italia ha dato prova di avere un sistema produttivo all’avanguardia dal punto di vista del riciclo dell’alluminio, grazie alla capacità di recupero e riutilizzo del 70% del metallo utilizzato nelle diverse applicazioni, e per...

  • idrogeno H2ere Network
    H2ere Network, la piattaforma per lo sviluppo dell’idrogeno

    La filiera italiana dell’idrogeno è sempre più interconnessa. Assolombarda, H2IT – Associazione italiana idrogeno e celle a combustibile e LE2C – Lombardy Energy Cleantech Cluster lanciano H2ere Network, la nuova piattaforma digitale che funge da punto di...

  • Zero emissioni per gli shampoo e i prodotti Beauty Care di Henkel

    Il sito produttivo di Henkel a Wassertrüdingen, in Germania, ha completato la conversione energetica e raggiunto la piena neutralità carbonica, azzerando le emissioni di CO2 legate alla produzione di molte referenze Beauty Care, inclusi marchi e prodotti...

  • Earth day, come le aziende possono diventare più sostenibili grazie alla tecnologia secondo Dynabook

    In occasione dell’Earth Day, che ricorre il 22 aprile, Dynabook Europe GmbH, azienda giapponese all’avanguardia da oltre tre decenni nella fornitura di prodotti e soluzioni di massima qualità e affidabilità, ha condiviso una serie di azioni che...

  • 22 aprile, Giornata Mondiale della Terra

    Nella Giornata della Terra, che si celebra in tutto il mondo il 22 aprile, la sede italiana di SENEC, azienda specializzata in sistemi di accumulo fotovoltaico, pianterà 1.000 alberi da frutto in America Latina e Africa. La...

Scopri le novità scelte per te x