Con Dürr la gestione dell’energia negli impianti è conforme ISO 50001

Pubblicato il 15 maggio 2023

Alla luce dell’aumento dei costi dell’energia e delle normative ambientali più severe, è necessario ridurre in modo significativo il consumo di risorse nella produzione industriale. La soluzione di gestione dell’energia certificata ISO 50001 di Dürr può venire in aiuto in tal senso. DXQenergy.management fornisce agli operatori degli impianti una panoramica trasparente del consumo di energia e di mezzi nell’intero impianto di produzione, consentendo l’individuazione rapida delle principali componenti di consumo a livello di impianto.

Quali sono le tendenze di consumo di energia elettrica di un impianto di produzione? Quanto solvente richiede ogni pezzo? Si rileva un aumento sensibile del consumo di acqua? Gli operatori degli impianti hanno bisogno di risposte a queste e a molte altre domande, soprattutto in settori energivori, quale quello della produzione di automobili, al fine di ridurre il consumo di energia, le emissioni di CO2 e i costi operativi. La soluzione di gestione dell’energia di Dürr DXQenergy.management visualizza in modo trasparente i dati necessari all’utente in dashboard organizzati in maniera chiara. Sono disponibili diverse visualizzazioni per accertare rapidamente il consumo di gas, elettricità, acqua, vernice o solvente per l’intero impianto o per aree selezionate quali le singole linee di processo. In questo modo, i diversi gruppi di utenti dell’impianto di produzione ottengono informazioni con l’esatto livello di dettaglio di cui hanno bisogno.

DXQenergy.management monitora continuamente i dati registrati dai sensori interconnessi e li salva in uno spazio centrale. Tuttavia, i valori di consumo puri, quali il consumo di energia elettrica per robot, sono di utilità limitata per analizzare e ottimizzare l’efficienza energetica di macchine e processi. DXQenergy.management combina i valori di consumo e di produzione per fornire dati chiave ricchi di spunti, quali il consumo di energia elettrica per carrozzeria prodotta.

Il cruscotto centrale dei consumi, con un indicatore individuale in base al tipo di energia e di mezzo, consente agli operatori degli impianti di valutare in modo completo le misurazioni dell’infrastruttura dei dati a disposizione. Ad esempio, l’acqua calda può essere visualizzata in litri per confrontare il consumo in periodi diversi. Il valore di consumo attuale può anche essere confrontato con uno precedente o con un valore nominale definito. In alternativa, l’acqua calda può essere specificata in kilowattora per rappresentare l’energia necessaria per il riscaldamento. Quanto segue si applica a tutti i dati di consumo pertinenti: i dati possono essere rappresentati in varie unità e per periodi diversi per ogni tipo di mezzo e per ogni area di processo fino al livello del sensore. In questo modo, gli utenti possono vedere se tutto funziona rimanendo all’interno della zona verde o se una specifica voce di consumo è troppo elevata, come segnalato da un indicatore rosso. Possono quindi individuare rapidamente le componenti primarie di consumo a livello di impianto utilizzando DXQenergy.management e, grazie alla valutazione dettagliata, analizzare fino al singolo sensore dove esattamente vengono sprecate le risorse dell’impianto.

L’accensione automatica di tutti i sistemi lungo l’intera catena di processo riduce il consumo di energia e lo sforzo manuale. Questa funzione memorizza i modelli dei tempi di lavoro operativi, facendo sì che le macchine si accendano automaticamente in tempo utile prima dell’inizio dei lavori, vengano depotenziate durante le pause e spente in modo affidabile alla fine della giornata lavorativa. L’intervento manuale è comunque possibile in caso di modifiche non pianificate.

DXQenergy.management è adatto a tutti i settori industriali e può essere installato successivamente su impianti esistenti con sensori compatibili con la rete. Homag, uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni di produzione integrate per l’industria e l’artigianato del legno, sta già utilizzando il software presso la sede di Schopfloch. La soluzione di gestione dell’energia ha ottenuto la certificazione TÜV secondo la norma ISO 50001.



Contenuti correlati

  • OVHcloud data center
    Sostenibilità e data center, il contributo dell’economia circolare

    Attualmente – secondo uno studio pubblicato su Nature – i data center consumano circa 200 terawattora (TWh) di energia all’anno e si prevede che questo consumo aumenterà di quindici volte entro il 2030, fino a raggiungere l’8%...

  • Compressori Mattei rotativi a palette a velocità variabile

    Performance superiori, eco-sostenibilità, risparmio energetico, alto contenuto tecnologico e innovativi sistemi di controllo, raffreddamento e recupero del lubrificante. Sono gli elementi che caratterizzano le serie di compressori RVD e RVDi, ultimi nati in casa Mattei. Il dipartimento...

  • Light + Building DKC
    Il made in Italy per l’energia di DKC sbarca a Light + Building 2024

    Il Gruppo DKC sbarca a Francoforte. Lo fa in occasione di “Light + Building”, la fiera dedicata all’illuminazione, all’elettrotecnica, all’automazione domestica e degli edifici e alle tecnologie per la sicurezza in rete, manifestazione internazionale quest’anno in calendario...

  • Signify LED
    Consumi energetici condominiali: bollette più sostenibili con le luci LED

    Un condominio con 80 punti luce può ottenere fino al 60% di risparmio energetico con il solo passaggio al LED e fino al 78% integrando anche un sistema di gestione dell’illuminazione connessa, con una riduzione della CO2...

  • Baxi TUV ISO 50001
    Efficienza energetica, a Baxi la certificazione ISO 50001

    Ridurre il consumo dell’energia, aumentare l’efficienza energetica e rendere il business profittevole sono 3 obiettivi fondamentali che ogni azienda moderna si deve porre per continuare ad essere competitiva in un mercato altamente sfidante. Testimoniare l’impegno costante per...

  • Protolabs energia innovazione
    Creatività, risparmio e cobot spingono l’innovazione nel settore dell’energia

    Secondo l’ultima indagine Protolabs sull’innovazione nel settore energetico, quasi tre quarti (73%) degli intervistati ritiene che l’innovazione nel settore energetico è spinta dalla ricerca del contenimento dei costi e dal miglioramento dell’efficienza. Un po’ meno dei due...

  • Farnell ESC
    Nuovi prodotti a risparmio energetico di Farnell

    Farnell ha compiuto un passo significativo per sostenere le aziende e le organizzazioni nel loro tentativo di ridurre il consumo energetico e raggiungere gli obiettivi di sostenibilità. In risposta alle crescenti sfide poste dall’aumento dei costi energetici...

  • Una birra sostenibile

    Il birrificio di Čelarevo si è dato l’obiettivo di proteggere l’ambiente razionalizzando e controllando il consumo di energia e di risorse. Per farlo ha utilizzato il sistema di gestione zenon Software Platform di Copa-Data Leggi l’articolo

  • Idraulica connessa + sostenibilità ambientale = risparmio energetico

    Miramondi e Bosch Rexroth hanno sviluppato un progetto volto a ottimizzare il ciclo di lavoro di un impianto per la lavorazione della lamiera, garantendo così un contenimento dei consumi elettrici Leggi l’articolo

  • 2G Italia Faccia F.lli
    Con la cogenerazione Faccia F.lli risparmia 280.000 € l’anno

    La crescente consapevolezza sull’importanza della sostenibilità e la necessità di ridurre costi energetici dell’impatto ambientale hanno portato le industrie, in particolare quelle alimentari, ad esplorare nuove fonti di approvvigionamento e soluzioni innovative. In questo contesto storico, in...

Scopri le novità scelte per te x