Casa Hoval: efficienza energetica grazie alle soluzioni Hörmann

Pubblicato il 22 aprile 2016

Casa Hoval è un edificio esemplare in materia di sostenibilità energetica, concepito per promuovere la conoscenza delle migliori soluzioni costruttive mirate all’efficienza energetica.

Da oltre 50 anni, Hoval è fra le principali realtà industriali italiane nel settore del riscaldamento e del benessere termico negli edifici. L’azienda si distingue per l’ampia offerta di soluzioni tecnologicamente avanzate per la ventilazione meccanica controllata, l’energia solare termica, i generatori a biomasse e a combustibili fossili, le pompe di calore acqua/aria e geotermiche, la cogenerazione, fino alle sottostazioni per reti di teleriscaldamento e ai sistemi di climatizzazione per grandi ambienti, tutti caratterizzati da un approccio “responsabile per l’energia e l’ambiente”. Nel settembre 2014 è entrato in attività il nuovo quartier generale della società, situato a Zanica (Bergamo) e realizzato da Wolf System, uno dei principali player nazionali nel settore dell’edilizia sostenibile e prefabbricata, filiale di un gruppo di rilievo internazionale con cinquant’anni d’esperienza nel settore.

Casa Hoval non è una semplice sede aziendale dall’accattivante aspetto architettonico. Si tratta infatti di un vero e proprio edificio dimostrativo, che mette in risalto le potenzialità offerte dalle costruzioni energeticamente efficienti, esprimendo i valori del brand anche attraverso un laboratorio di formazione sull’innovazione tecnologica finalizzata al comfort indoor e al contenimento dei consumi per la climatizzazione. Selezionato attraverso un concorso internazionale, il progetto di Casa Hoval risponde a numerosi protocolli di efficienza energetica: è certificato in classe A secondo CENED (Lombardia) e CasaClima (Alto Adige); inoltre è certificato CasaClima Work&Life (edifici per uffici e servizi) e Minergie (marchio svizzero per la sostenibilità ambientale del costruito). Durante i CasaClima Awards 2015, Casa Hoval ha inoltre ricevuto il “Cubo d’Oro” come edificio particolarmente meritevole dal punto di vista architettonico, della funzionalità, della sostenibilità, del rispetto della natura e dell’uomo. Markus Raffl, project manager dell’intervento, è particolarmente orgoglioso del lavoro svolto: “Si tratta di una realizzazione molto interessante non solo dal punto di vista architettonico, ma anche per l’impiego di una tecnologia costruttiva prefabbricata in acciaio e legno, che ci ha consentito di portare a termine la costruzione in soli cinque mesi. Il tutto nel rispetto dei rigorosi standard prestazionali CasaClima, che prevedono non solo minimi valori di dispersione termica dell’involucro opaco, ma anche l’esecuzione di test di tenuta all’aria dei serramenti. In questo caso avevamo bisogno di due diverse tipologie di prodotto per il magazzino: un portone ad apertura rapida, capace di resistere a decine di cicli di apertura/chiusura al giorno, e un portone sezionale, che viene aperto al mattino e chiuso la sera.”

Sono stati scelti i prodotti Hörmann per garantire l’efficienza energetica e la sostenibilità del progetto. “Uno dei nostri principali obiettivi era garantire funzionalità ed efficienza alle attività logistiche. Inizialmente abbiamo confrontato diverse opzioni, decidendo poi di utilizzare i prodotti Hörmann che, dal punto di vista della qualità e delle prestazioni, sono sicuramente idonei allo scopo.”

I portoni rapidi con avvolgimento a spirale Hörmann HS 7030 PU sono chiusure industriali contraddistinte da buone prestazioni in termini di coibentazione termica (trasmittanza termica Ud = 1,95 W/m²K, per una superficie di 25 m2) e dall’elevata velocità di apertura (fino a 2,5 m/s), disponibili in tutti i colori della gamma RAL con larghezza fino a 6.500 mm e altezza fino a 6.000 mm. Le tradizionali performance dei portoni sezionali (robustezza, protezione antieffrazione, coibentazione termica, insonorizzazione) sono perciò coniugate con la necessità di garantire il veloce passaggio dei carrelli elevatori: l’apertura rapida impedisce inoltre la formazione di correnti d’aria che disperderebbero il calore verso l’esterno. I componenti sono realizzati con un involucro esterno in acciaio, con elegante microprofilatura Micrograin, riempito con schiuma espansa di poliuretano (privo di CFC), collegati tra loro da cerniere particolarmente performanti che conferiscono all’intero manto stabilità e durata nel tempo, facilitando anche la riparazione in caso di danneggiamento.

Il portone sezionale SPU 40 è anch’esso realizzato in acciaio, goffrato e zincato a caldo, e presenta una doppia parete  (spessore 42 mm) riempita con una generosa anima schiumata in poliuretano espanso rigido, per la massima coibentazione termica. La superficie è protetta con una mano di fondo a base di poliestere e tutti gli elementi sono dotati di un dispositivo antinfortunistico salvadita. Come nel caso del portone rapido sono previsti numerose possibilità di personalizzazione (griglie di aerazione, oblò, etc.) e l’opportunità di inserire una portina pedonale a soglia ridotta. Le dimensioni massime variano da 1.500 x 1.875 mm a 7.500 x 8.000 mm. La tenuta ermetica all’acqua e all’aria è assicurata da guarnizioni d’alta qualità, in tubolare di EPDM a tripla camera (a pavimento), e con guarnizioni laterali con listelli di battuta, sull’architrave e tra i singoli elementi. Appositi profili di rinforzo rendono il portone resistente alle sollecitazioni del vento. La fornitura delle porte rapide Hörmann HS 7030 PU e del portone Hörmann SPU 40 è stata effettuata dall’Agenzia Rabanser Tore di Barbiano (Bolzano), a cura dell’agente Walter Rabanser.



Contenuti correlati

  • ABB efficienza energetica riduzione emissioni transizione energetica
    10 azioni che le imprese possono intraprendere per migliorare la propria efficienza energetica

    Mentre le aziende di tutto il mondo devono affrontare pressioni senza precedenti per il costo dell’energia e l’emergenza del cambiamento climatico, un nuovo report dell’Energy Efficiency Movement mostra come migliorare l’efficienza energetica nell’industria sia il modo più...

  • Etichetta green per dare nuova vita ai rifiuti

    Epson aderisce al progetto Fur of Love che è insieme una label e una campagna per salvare i capi pre-loved da discariche e inceneritori. Partner tecnologico dell’iniziativa, Epson attesta l’essenza vintage della pelliccia sulla base di un’autocertificazione...

  • Certificazione ‘Made in Italy’ per ridurre del 73% i casi di danno ambientale

    Nelle aziende del Vecchio Continente manca una vera cultura della prevenzione e del ripristino di un danno fatto all’ecosistema: solo l’1,7%, infatti, ha attivato una polizza sul rischio ambientale. Per guidare il cambiamento a favore di una...

  • Sato etichette linerless solubili
    Packaging e riciclo: le etichette Sato sono solubili in acqua

    Sato, multinazionale giapponese che fornisce soluzioni per l’identificazione automatica e per la tracciabilità dei prodotti, ha avviato un’analisi interna con l’obiettivo di identificare soluzioni concrete da proporre ai partner e ai clienti finali interessati a valorizzare gli...

  • Come combattere l’aumento dei costi dell’energia con le termocamere

    La crisi energetica globale sta colpendo duramente i privati e le aziende in tutto il Regno Unito e l’Europa, e molte persone ritengono che i costi dell’energia siano fuori controllo. Secondo il Dipartimento per l’energia, le imprese...

  • Monitorare l’availability e l’efficienza energetica nei grandi data center

    Availability, cioè disponibilità, non è soltanto una parola di tendenza quando si parla del monitoraggio dei data center di grandi dimensioni o distribuiti: è, invece, uno degli aspetti cruciali. Qualsiasi amministratore IT o responsabile IT ha l’obiettivo...

  • Walk the green talk, SEW organizza un tour sotto il segno dell’efficienza

    Nei moderni impianti industriali è fondamentale preservare l’ambiente pur perseguendo obiettivi di riduzione dei costi di produzione ed energetici, senza compromettere la produttività, e mantenendo un vantaggio competitivo sul mercato internazionale. La razionalizzazione e la gestione intelligente...

  • Amore per la terra

    Finalista alla XV edizione del Trofeo Omron Smart Project, il progetto P.L.C. (Plant Logic Controller) dell’Istituto Tecnico Leonardo Da Vinci di Carpi promette di coniugare l’impiego di tecnologie 4.0 con la cura per l’ambiente Leggi l’articolo

  • Le tre dimensioni della sostenibilità

    Secondo Phoenix Contact è necessario creare un circuito virtuoso che renda disponibili a tutti le energie ottenute da fonti rinnovabili Leggi l’articolo

  • Rittal a Key Energy 2022

    A Key Energy 2022, fiera di riferimento su energie rinnovabili, sistemi di accumulo, efficienza energetica, mobilità sostenibile e smart grid, che si terrà a Rimini dall’8 all’11 novembre 2022, Rittal presenterà le proprie soluzioni per l’uso sostenibile dell’energia, come...

Scopri le novità scelte per te x