Boom di investimenti in efficienza energetica, driver di sviluppo economico

Pubblicato il 17 agosto 2019

Occorre una svolta digitale, le ESCo sono un’opportunità per aumentare la competitività delle imprese: 7,1 miliardi di euro di investimenti complessivi, di cui un terzo (ovvero 2,3 miliardi di euro) riferiti al comparto industriale cresciuto del 4% rispetto al 2017, e un numero di ESCo (Energy service company) certificate pari a 369, con un aumento degli occupati (cresciuto del 10%) che oggi si attesta a 10.845 unità. Questi i principali dati contenuti nell’Energy Efficiency Report, la ricerca condotta dagli esperti del Politecnico di Milano sul mercato dell’efficienza energetica 2018.

“Il documento, il cui tema centrale sono ‘Le sfide dello smart manufacturing per ESCo e Utilities’, pone in questa edizione l’efficienza energetica come driver di sviluppo per l’economica del Paese, concentrandosi sul ruolo delle ESCo nell’accompagnare l’industria verso una sempre più compiuta transizione energetica. La smart energy è uno dei pilastri della quarta rivoluzione industriale, che non potrà dirsi compiuta se anche la questione energetica non entrerà nell’agenda degli attori economici, come priorità per le singole aziende che, indipendentemente dal comparto di riferimento, vorranno rimanere sul mercato in maniera competitiva” commenta Francesco Campaniello, Direttore Generale di Avvenia, società del Gruppo Terna.

“Nel mercato dell’efficienza energetica c’è spazio per tutti: lo dimostra la nascita di nuove ESCo certificate, l’incremento degli occupati a due cifre nel 2018, gli investimenti in crescita considerando gli scenari ottimistici sia quelli più prudenti. Siamo in una fase di estrema maturità per il mercato” continua Campaniello “ma d’ora in avanti le ESCo dovranno essere sempre più consapevoli del proprio ruolo. Oggi riscontriamo un forte gap digitale nella realizzazione della smart manufacturing. La prima grande sfida cui le ESCo sono chiamate a concorrere è proprio l’applicazione del digitale al campo dell’efficientamento energetico: dunque utilizzo dei big data, controllo da remoto in tempo reale, la manutenzione predittiva, la gestione della ‘fabbrica connessa’ in ogni sua articolazione. Possiamo dire che, nel nostro Paese, tutto ciò è solo agli inizi, ma quando tutti comprenderanno come il tema dell’efficienza energetica inciderà sulle imprese migliorandone le performance e i margini operativi, quello che oggi è considerato un costo o un obbligo di legge, verrà visto come un passaggio necessario. E questo alla luce di una sensibilità sempre più marcata verso la sostenibilità ambientale che ha effetti positivi sulla competitività delle imprese”.



Contenuti correlati

  • Come combattere l’aumento dei costi dell’energia con le termocamere

    La crisi energetica globale sta colpendo duramente i privati e le aziende in tutto il Regno Unito e l’Europa, e molte persone ritengono che i costi dell’energia siano fuori controllo. Secondo il Dipartimento per l’energia, le imprese...

  • Sistema di accumulo di energia per installazione outdoor da Socomec

    Con la transizione energetica e gli obiettivi di decarbonizzazione dell’Unione Europea entro il 2030 che incentivano l’utilizzo delle fonti di energia rinnovabile, i sistemi di accumulo sono soluzioni sempre più richieste sul mercato. L’accumulo di energia è...

  • analisi energetica IDC
    L’importanza dell’analisi di scenario nel nuovo contesto energetico

    Tra crisi energetica e climatica, incertezza geopolitica e shock delle catene di approvvigionamento che producono continue pressioni sui prezzi, le utility italiane ed europee si trovano oggi ad affrontare una serie di sfide che segneranno il futuro...

  • Monitorare l’availability e l’efficienza energetica nei grandi data center

    Availability, cioè disponibilità, non è soltanto una parola di tendenza quando si parla del monitoraggio dei data center di grandi dimensioni o distribuiti: è, invece, uno degli aspetti cruciali. Qualsiasi amministratore IT o responsabile IT ha l’obiettivo...

  • Walk the green talk, SEW organizza un tour sotto il segno dell’efficienza

    Nei moderni impianti industriali è fondamentale preservare l’ambiente pur perseguendo obiettivi di riduzione dei costi di produzione ed energetici, senza compromettere la produttività, e mantenendo un vantaggio competitivo sul mercato internazionale. La razionalizzazione e la gestione intelligente...

  • Le tre dimensioni della sostenibilità

    Secondo Phoenix Contact è necessario creare un circuito virtuoso che renda disponibili a tutti le energie ottenute da fonti rinnovabili Leggi l’articolo

  • Rittal a Key Energy 2022

    A Key Energy 2022, fiera di riferimento su energie rinnovabili, sistemi di accumulo, efficienza energetica, mobilità sostenibile e smart grid, che si terrà a Rimini dall’8 all’11 novembre 2022, Rittal presenterà le proprie soluzioni per l’uso sostenibile dell’energia, come...

  • Ammagamma consumi IA energia
    6 soluzioni per ridurre l’impatto dei consumi sulla produzione

    Più che raddoppiato. Secondo i dati dell’Authority per l’Energia, negli ultimi 6 anni il prezzo dell’energia al consumo ha subito rincari continui, fino ad arrivare, al principio del 2022, al doppio rispetto al 2016. Un mese prima...

  • PNRR ed efficientamento energetico: una grande occasione

    Come si evince dal bilancio elettrico di Terna, la sanità e l’assistenza sociale pubblica rappresentano il primo “consumatore” di energia del settore pubblico italiano, con il 31% del totale. Un ambito che si può efficientare è quello...

  • Vertiv Keele University
    Vertiv rende più efficiente il data center della Keele University

    Vertiv è stato selezionato dalla Keele University con sede a Staffordshire, nel Regno Unito, per la fornitura di un sistema formato da gruppo di continuità (UPS) ad alta efficienza energetica e batterie di backup. Le nuove soluzioni...

Scopri le novità scelte per te x