Biogas, il reattore anaerobico rende più efficienti i processi industriali

Pubblicato il 13 ottobre 2022
anMBBR Sebigas biogas

Sebigas si occuperà dell’installazione di un reattore anaerobico Moving Bed Bio Film Reactor EnergyCell di Headworks International. L’obiettivo è aumentare la produzione di energia rinnovabile e i risparmi Opex (costi operativi dell’impianto) per il trattamento delle acque reflue industriali.

Una proposta tecnologica per i mercati internazionali resa possibile grazie alla partnership tra Sebigas, società attiva dal 2008 e specializzata nel biogas con più di 80 impianti in tutto il mondo, ed Headworks International, società statunitense con più di 30 anni di esperienza e specializzata nelle tecnologie per il trattamento degli effluenti liquidi industriali e municipali utilizzando i sistemi Mbbr/Ifas e pioniera del processo brevettato anMbbr.

La partnership tra Sebigas ed Headworks è finalizzata a fornire soluzioni sostenibili per il trattamento delle acque reflue industriali. Grazie alla partnership, le due aziende potranno in questo modo ampliare ulteriormente le opportunità di business e il network nei mercati internazionali.

“Siamo orgogliosi di annunciare la partnership con Headworks, una società di grande esperienza, affermata e riconosciuta non solo nel mercato americano, ma in tutto il mondo – dichiara Roberto Salmaso, General Manager di Sebigas –. Questa collaborazione costituisce un importante passaggio che ci consente di estendere il nostro portfolio di prodotti e servizi ad un settore dal potenziale estremamente elevato; inoltre, slegandoci dalle logiche incentivanti in favore dell’efficienza energetica dei processi industriali forniamo un beneficio immediato a settori particolarmente colpiti dall’aumento dei prezzi dell’energia.

“In Headworks International, il nostro team è continuamente focalizzato sull’offerta di soluzioni innovative e sostenibili per il settore delle acque.  I prezzi dell’energia sono in aumento. L’impatto del cambiamento climatico sulla disponibilità di acqua sta accelerando. Un pezzo del puzzle per ridurre i costi energetici industriali e rispettare i requisiti di riduzione delle emissioni di CO2 consiste nel rivedere la nostra visione delle acque reflue come un bene da convertire in energia”, afferma Michele LaNoue, CEO di Headworks. “Questi sono tempi stimolanti, ma anche impegnativi per il nostro settore, e questa partnership ci permette di unire la nostra esperienza con Sebigas e di offrire congiuntamente soluzioni per fornire benefici tangibili e immediati al settore industriale”.

Una tecnologia dall’alto valore ingegneristico che consente a comparti industriali quali caseifici, birrifici, cartiere, zuccherifici, distillerie e macelli, di convertire il loro impianto di trattamento acque, utilizzando le acque reflue prodotte per la produzione di energia. Inoltre, il trattamento anaerobico presenta notevoli vantaggi rispetto alla controparte aerobica: oltre che la produzione di energia da biogas l’anMbbr ha una minore domanda di energia, un minore footprint e minore produzione di fanghi.

Caso esemplificativo è un caseificio di medie dimensioni, che produce quantitativi di refluo – siero di latte – molto elevati, a partire da 100 m3/giorno. Questo scarto se sfruttato con il nuovo reattore anaerobico, potrebbe produrre: 90-120 Nm3/h di biogas ; 200÷250 kW elettrici (ed altrettanti termici), per una produzione annuale di 2 milioni di kWh.

La collaborazione tra Sebigas ed Headworks include il sistema EnergyCell Anaerobic Mbbr per nuovi sistemi di gestione reflui o il retrofitting di impianti di trattamento esistente. Il trattamento dei reflui industriali in digestione anaerobica avviene con l’inserimento nel reattore di “media carrier”, elementi di plastica vergine la cui forma è caratterizzata da un’elevata superficie protetta. Lasciati in sospensione, fungono da supporto per la proliferazione dei batteri: la concentrazione di biofilm che si viene a creare sulle superfici del carrier consente ai batteri di digerire il carico organico presente nel refluo in modo più efficiente.

L’azienda che sceglie la tecnologia anaerobica Mbbr persegue un percorso di circolarità, conseguendo evidenti benefici non solo a livello economico, ma anche ambientale. I reflui industriali, infatti non solo non vengono “buttati” ma vengono sfruttati per produrre ulteriore energia, reimmessa in azienda.

Dal punto di vista impiantistico, è una soluzione ideale per il trattamento di alti volumi di refluo in impianto, utilizzando spazi estremamente ridotti rispetto ad altri sistemi di trattamento che necessitano di superfici molto più estese. Una soluzione circolare che consente di abbattere il carico organico presente nei reflui industriali; la produzione di energia da biogas diviene vettore energetico di fondamentale importanza e un’alternativa sostenibile per gli autoconsumi elettrici e termici.

Una minore domanda di energia e minori costi a carico delle aziende non possono che rendere la tecnologia anMbbr un’opportunità e un’occasione.

“Il reattore anMbbr rappresenta una soluzione efficiente ed efficace per trasformare in biogas il carico organico di reflui industriali di diversa natura. – afferma Federico Torretta, Project and Product Manager di Sebigas-. Un sistema molto più resiliente di altri reattori, dal funzionamento semplice, in grado di assorbire le variazioni e carichi d’urto nel refluo trattato. Il suo ridotto impatto lo rende una scelta interessante sia per le nuove installazioni, sia per il retrofitting di impianti di trattamento esistenti”.



Contenuti correlati

  • Iride Acque reflue
    Una tecnologia per depurare le acque reflue con costi minimi

    Iride Acque si è ispirata a una tecnologia usata in passato per depurare l’aria: l’ha modificata e applicata al trattamento dei reflui industriali. Ha trasformato così un processo estremamente costoso in un obiettivo alla portata di tutte...

  • Transizione verso l’energia verde: collaborazione fra Dassault Systèmes, McPhy e Visiativ

    Dassault Systèmes, McPhy Energy e Visiativ stanno collaborando per guidare la transizione verso l’energia verde, consentendo a McPhy di aumentare la competitività delle sue attrezzature per la produzione e la distribuzione di idrogeno a basse emissioni di...

  • Fabio Pascali Cloudera data analytics
    Data analytics per ottimizzare il settore energetico

    Di Fabio Pascali, Regional Director Italy, Cloudera Il passaggio alle energie rinnovabili ha un impatto significativo sui processi di produzione e distribuzione energetica e deve essere gestito con attenzione. Utilizzare i dati in maniera efficiente sarà fondamentale...

  • Parliamo di economia circolare

    Waste Management Europe Conference & Exhibition vuol diventare l’evento più influente a livello europeo sulla gestione dei rifiuti e l’economia circolare. Una piattaforma collaudata, pronta a ospitare numerosi visitatori,  delegati e aziende dal 18 al 20 Aprile 2023. Sede della...

  • ABB riduce l’impronta ecologica dei prodotti industriali

    ABB collaborerà con Boliden, azienda svedese che gestisce miniere e fonderie, per sviluppare una cooperazione strategica finalizzata all’utilizzo di rame a basso contenuto di carbonio negli impianti di rimescolamento elettromagnetico (EMS) e nei motori elettrici ad alta...

  • Senec fotovoltaico 5 miti da sfatare
    5 miti da sfatare che riguardano il fotovoltaico

    Secondo i dati riportati dall’ultima analisi dei dati Gaudì, elaborata da Italia Solare, il fotovoltaico in Italia continua ad avanzare: nel 2022 in soli sei mesi è stato installato 1 GW di nuova potenza per un totale...

  • Creare valore in maniera sostenibile con un approccio circolare

    L’imperativo aziendale e sociale della sostenibilità richiede impegno e risposte da parte delle aziende. Per HPE questo significa guardare in modo olistico all’intere emissioni di carbonio (“carbon footprint”) dell’IT, dall’edge al cloud. HPE Financial Services nel 2018...

  • A Mecspe 2023 si parlerà di transizione energetica e mobilità del futuro

    Rincari energetici e inflazione non intaccano il fatturato totale dell’industria che, come rilevato dall’Istat, a settembre è cresciuto in termini tendenziali del +18,0%. Un dato positivo che incoraggia le imprese a proseguire nel loro cammino di crescita,...

  • Siemens ed EFA Automazione insieme su analisi energetica e monitoraggio d’impianto

    Sebigas, società specializzata nel settore biogas con più di 80 impianti installati in tutto il mondo, ha scelto la collaborazione di due partner tecnologici come Siemens ed EFA Automazione, per offrire ai clienti la migliore opportunità di intervento e monitoraggio del loro...

  • Senec Senec.Tile
    Energia solare senza limitazioni con le tegole fotovoltaiche di Senec

    Nonostante gli ultimi dati del GSE (novembre 2022) ci indichino come nei primi 9 mesi dell’anno il fotovoltaico in Italia abbia registrato una crescita significativa, con il 12% degli impianti attivi in più rispetto alla fine del...

Scopri le novità scelte per te x