Automobili pulite e ad alta efficienza energetica: la Commissione europea presenta la sua strategia

Pubblicato il 28 aprile 2010

Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione responsabile per l’industria e l’imprenditoria, ha affermato: “Nel 2010 l’industria automobilistica entra in una fase decisiva per la sua riuscita. La nuova strategia europea creerà un quadro favorevole basato su un duplice approccio: migliorare l’efficienza dei motori convenzionali e assicurare ai consumatori europei una mobilità a bassissime emissioni di carbonio. Il fatto che la strategia tenga conto di tutti i tipi di veicoli consentirà a questo approccio parallelo di trovare un giusto equilibrio assicurando la competitività futura della nostra industria automobilistica senza compromettere i nostri obiettivi a lungo termine per la riduzione dei gas a effetto serra e altri inquinanti. La strategia intende anche porre in atto standard comuni per le automobili elettriche di modo che esse possano essere ricaricate ovunque nell’UE”.

Gli Stati membri e i partner globali dell’UE stanno attualmente adottando importanti azioni a livello nazionale e regionale per promuovere la produzione di massa dei veicoli verdi e la loro penetrazione nel mercato.

Parallelamente, si sta definendo una dinamica caratterizzata da piani industriali per assicurare il dominio, sul mercato di massa, dei veicoli convenzionali ad alta efficienza di carburante e una diffusione estensiva dei veicoli elettrici nel 2011. Con la nuova strategia la Commissione intende recare un impulso a livello europeo e valorizzare appieno le potenzialità dei veicoli verdi nella lotta contro il cambiamento climatico, per la riduzione della dipendenza dell’Europa dal petrolio e la rivitalizzazione del tessuto industriale europeo.

La Commissione intende continuare il suo programma legislativo in fatto di riduzione delle emissioni degli autoveicoli, compreso il suo riesame intermedio; sostenere la ricerca e l’innovazione nelle tecnologie verdi; proporre orientamenti in materia di incentivi sul lato della domanda.

La strategia prende le mosse dal ruolo guida dell’Europa in materia di contenimento del cambiamento climatico e pone le base per la leadership dell’Europa nel campo dei trasporti puliti.

Se è vero che la comunicazione non esprime scelte tecnologiche, essa riconosce però che finora il quadro europeo è stato per lo più carente per quanto concerne la mobilità elettrica.

Visto che ora i veicoli elettrici (ibridi compresi) sono considerati maturi per il mercato di massa e che diversi Stati membri, in particolare Francia, Spagna, Germania, Portogallo e Danimarca, promuovono la mobilità elettrica, diverse azioni annunciate nella comunicazione sono volte a promuovere questa tecnologia: assicurare che i veicoli a propulsione alternativa siano almeno altrettanto sicuri di quelli convenzionali; promuovere norme comuni che consentano a tutti i veicoli elettrici di essere ricaricati ovunque nell’UE; incoraggiare l’installazione di punti di ricarica pubblicamente accessibili; promuovere lo sviluppo di reti elettriche intelligenti; aggiornare le regole e promuovere la ricerca sul riciclaggio delle batterie.

Per l’elenco completo delle azioni si rinvia al MEMO/10/153

La Commissione auspica di collaborare con le Presidenze spagnola e belga nell’attuazione della strategia e di riavviare il gruppo ad alto livello Cars 21.

Nella prospettiva del 2020 i veicoli convenzionali rimarranno prevedibilmente lo strumento dominante della mobilità, ma parallelamente si assisterà a una rapida espansione dei veicoli elettrici.

Entro il 2020 il parco automobilistico globale dovrebbe passare da 800 milioni a 1,6 miliardi di veicoli per arrivare poi entro il 2050 a 2,5 miliardi di veicoli. Il tutto accompagnato da una carenza crescente di risorse energetiche i cui costi sono destinati ad aumentare.

Queste tendenze devono essere affrontate con un cambiamento radicale nella tecnologia per assicurare la sostenibilità della mobilità nel lungo termine. I gruppi propulsori elettrici a emissioni di carbonio estremamente basse e le pile a combustibile alimentate a idrogeno sono le opzioni più promettenti al riguardo.

Commissione europea: ec.europa.eu/enterprise/sectors/automotive/competitiveness-cars21/energy-efficient/index_en.htm
 



Contenuti correlati

  • CGT_Gelit
    La trigenerazione di CGT abbatte le emissioni di CO2 di Gelit

    I vantaggi della cogenerazione e trigenerazione in ambito industriale rappresentano il tema trattato nel secondo episodio di “Re-Evolution Technologies”, la web serie prodotta da CGT, storica realtà italiana che fa parte del Gruppo Internazionale Tesya, che coinvolge...

  • Rinascimento digitale: l’alleanza per un futuro digitale e sostenibile

    Una grande alleanza globale, che promuove lo scambio delle informazioni e il confronto tra esperti di discipline diverse, per aiutare persone, aziende e ambiente ad affrontare le sfide del terzo millennio, in una visione prospettica stimolata dalle...

  • Henkel Ferentino_trigeneratore 1
    Henkel, fatti non parole per la sostenibilità ambientale e sociale

    Prosegue senza sosta l’impegno di Henkel per l’implementazione della strategia globale di sostenibilità. Il Rapporto Sviluppo Sostenibile 2023 documenta i risultati che l’azienda ha raggiunto nel 2023 e i progressi compiuti per la neutralità carbonica, la promozione...

  • EnergRed fotovoltaico incremento
    Transizione energetica, la spesa UE per il fotovoltaico a 42 miliardi di Euro

    La spesa europea per la componentistica solare è passata dai 6 miliardi di euro del 2016 agli oltre 25 miliardi di euro del 2022 e si arriverà a 42 miliardi nel 2024, prevede EnergRed, E.S.Co. impegnata nel...

  • Danfoss idrogeno verde
    Idrogeno verde: produzione ragionata per assicurare la sostenibilità

    Un nuovo report pubblicato da Danfoss Impact rivela che, poiché la produzione di idrogeno è destinata ad assorbire più della metà dell’attuale domanda di energia elettrica entro il 2050, l’efficienza energetica nella sua produzione è fondamentale. È...

  • Un occhio all’aria compressa

    L’automazione può migliorare efficienza energetica, produttività e flessibilità in azienda. E il monitoraggio dei sistemi di aria compressa? Una soluzione ifm electronic garantisce anche in questo caso risparmi consistenti a fronte di investimenti contenuti Ifm è una...

  • Efficienza energetica e flessibilità migliorate

    Anche i millesimi di secondo sono preziosi per l’industria della plastica. Lo pensa Netstal, che per garantire sempre una produzione controllata alle sue macchine per stampaggio a iniezione si è affidata a Keba Netstal è un’azienda svizzera...

  • Cariplo Factory neutralità carbonica
    Cariplo Factory compensa al 100% la propria impronta carbonica del 2023

    Ammonta a 136 tonnellate di CO2 l’impronta carbonica di Cariplo Factory nel 2023, calcolata – e interamente compensata – grazie alla partnership con ClimatePartner. Luce, connettività, riscaldamento e raffrescamento, utilizzo dei dispositivi elettronici, mobilità dei collaboratori nel...

  • Ridurre il consumo di aria compressa

    Obiettivo: individuare le perdite per eliminarle in modo semplice e strutturato. Festo e GMM effettuano un revamping dei sistemi dello storico produttore di cioccolato Venchi, così da aumentare il risparmio energetico e diminuire la CO₂ Con oltre...

  • Schneider Electric, l’automazione come driver per la sostenibilità

    Schneider Electric ha mostrato ad Hannover Messe le più rilevanti novità della sua offerta in varie aree tra cui il software industriale, l’Intelligenza Artificiale, i Digital Twin. Tutte queste soluzioni sono state presentate in uno spazio dedicato...

Scopri le novità scelte per te x