Eaton supporta lo sviluppo e l’adozione di soluzioni e tecnologie SF₆ free

Pubblicato il 25 marzo 2021

L’SF₆,  o esafluoruro di zolfo, è un gas sintetico economico, non infiammabile, incolore e inodore. Inoltre, la sua elevata forza dielettrica, che aumenta ulteriormente sotto pressione, lo rende un eccellente isolante largamente utilizzato nei quadri elettrici – e non solo – in tutto il mondo dagli anni ’60, per evitare i cortocircuiti ed estinguere archi.

Nonostante le qualità eccellenti, l’esafluoruro di zolfo ha tuttavia un elevato potenziale di riscaldamento globale. Secondo l’IPCC, il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico, l’SF₆ è il primo nella lista dei gas serra con un potenziale di surriscaldamento globale 23.500 volte maggiore dell’anidride carbonica in un periodo di 100 anni. Poiché non viene assorbito o distrutto naturalmente, il gas SF6 può inoltre rimanere attivo nell’atmosfera fino a 3.200 anni, 100 volte più a lungo della CO2. Sono molteplici anche i problemi di salute e di sicurezza legati ai bioprodotti tossici generati da archi elettrici, scariche e scintille su SF₆.

Inoltre, il recente rapporto European Energy Fluorinated greenhouse gases 2020 ha evidenziato che, nonostante l’SF₆ costituisca solo il 10% della produzione europea di gas fluorurati, da solo rappresenta circa la metà del potenziale di riscaldamento globale (GWP) di tutti i gas fluorurati prodotti. Nel 2018, le emissioni di SF₆ hanno avuto – solo in Europa – un impatto sul riscaldamento globale di 6,7 milioni di tonnellate di CO2, l’equivalente di 1,3 milioni di autovetture medie guidate per un anno.

Nel Regolamento UE del 2014 sui gas fluorati a effetto serra, l’Unione Europea ha vietato l’uso di SF₆ nella produzione di molti oggetti comuni – tra cui palline da tennis, scarpe sportive, pneumatici e finestre con doppi vetri – ma non si è espressa con un divieto di utilizzo di SF₆ nei quadri elettrici, per i quali non si erano individuate alternative diffuse convenienti, tecnicamente applicabili, ad alta efficienza energetica e affidabili.
Nonostante il divieto per tutte le altre applicazioni, studi scientifici dimostrano però che la concentrazione di gas SF₆ nell’atmosfera continua ad aumentare: un trend che molto verosimilmente accelererà a causa della domanda sempre crescente di energia. Entro il 2020, si prevede, infatti, una crescita del mercato globale dei quadri elettrici di media tensione isolati in gas superiore all’8%.

I maggiori utilizzatori di SF₆ sono le industrie elettriche, responsabili dell’80% delle emissioni di questo gas. Se molti produttori offrono soluzioni con serbatoi sigillati per ridurre le perdite, nessuna apparecchiatura ne è tuttavia veramente immune e non esistono nemmeno normative che regolamentino, limitandola, la quantità di gas che i quadri SF6 possono perdere.
In alcuni mercati, ridurre al minimo o eliminare le emissioni di SF₆ è quindi una priorità sempre più urgente. Tuttavia, al momento, anche le best practice vengono applicate autonomamente e non sono diffuse a causa degli scarsi obblighi legali in materia di emissioni di SF₆.

Poiché un quadro elettrico ha un ciclo di vita medio di 40/50 anni, è quindi fondamentale agire al più presto e supportare processi di elettrificazione sostenibili, che abbandonino le soluzioni contenenti esafluoruro di zolfo (SF₆).
Proprio per questo motivo, vantando decenni di esperienza nella produzione di quadri SF6-free, Eaton, leader a livello globale nella gestione dell’energia, si è attivata per sostenere un divieto immediato dell’utilizzo del gas SF₆ nei quadri elettrici di media tensione fino a 24 kV, sviluppando alternative convenienti, tecnicamente applicabili e affidabili. La vision dell’azienda la vede infatti impegnata in prima linea per contribuire a un futuro più green e favorire il cambiamento attraverso lo sviluppo di soluzioni e tecnologie all’avanguardia.

Ad esempio, il quadro per la distribuzione secondaria ed ad anello Xiria di Eaton è stato presentato nel 2002 e, da allora, sono state vendute più di 100.000 unità, comprovando la fiducia del mercato nei confronti della tecnologia priva di SF₆. Utilizzando il vuoto nelle camere di commutazione e la resina epossidica per l’isolamento solido, l’attrezzatura risulta compatta esattamente come le alternative equivalenti isolate a gas, se non di più.

Eaton vuole continuare a sensibilizzare le aziende sul tema, aumentando il livello di consapevolezza al fine di garantire che questo pericoloso gas venga presto abbandonato: sostituire prodotti SF₆ con quadri di media tensione privi di questo gas non è solo la direzione consigliata in ottica ambientale, ma anche la scelta più vantaggiosa in termini economici. Oggi, infatti, sono disponibili soluzioni che presentano costi di manutenzione addirittura inferiori rispetto a quelli necessari per i quadri isolati con SF6.

Fonte foto Pixabay_geralt



Contenuti correlati

  • innovare in rete 2021
    Bando Innovare in Rete: 10milioni per progetti a impatto sociale e ambientale

    “Innovare in rete” è un programma di accompagnamento per progetti innovativi a impatto sociale e ambientale che si rivolge a start-up, spin-off, PMI ed enti del terzo settore che abbiano già incubato o sviluppato iniziative ad elevato...

  • ener2crowd.com green economy
    In crescita gli investimenti etici e sostenibili

    Il mercato degli strumenti finanziari legati ad esiti positivi in ambito ambientale e sociale, ad esempio andando a sostenere l’accesso a servizi essenziali come la sanità o l’istruzione, oppure a garantire la sicurezza alimentare o abitativa, cresce...

  • bosch rexroth connected hydraulics
    Soluzioni Bosch Rexroth per la Connected Hydraulics

    Il connubio vincente tra idraulica ed elettronica quindi l’intelligenza distribuita e l’interfaccia aperta su tutta la componentistica idraulica per consentire e sfruttare le potenzialità derivanti dall’Industry 4.0 e dalla tecnologia IoT sono la risposta di Bosch Rexroth...

  • valvola di sicurezza sezionale Eaton CLS
    Valvola sezionale di sicurezza con funzione load sensing Eaton

    Eaton ha introdotto una valvola sezionale di sicurezza con funzione load sensing (LSRV) per la sua valvola di controllo idraulico CLS per il settore mobile. La valvola brevettata LSR limita la pressione di ogni singola sezione con...

  • Enrica Cataldo AIDR recovery plan
    La road map del Recovery Fund si tinge di green

    Il premier Draghi ha tracciato un vero e proprio manifesto di politica economica di lungo periodo basato sulla spinta propulsiva agli investimenti, sulla produzione di energia da fonti rinnovabili, l’alta velocità, la mobilità elettrica, la produzione e...

  • Sace: il 2021 è l’anno della ripresa per l’export italiano

    A un anno dall’inizio della pandemia che ha portato a una recessione globale senza precedenti, l’incertezza economica permane e il quadro complessivo dei rischi è decisamente più elevato ed eterogeneo. Ma il 2021 sarà un anno di...

  • Ambienti ancora più intelligenti con i nuovi pannelli KNX di Siemens

    Siemens introduce i nuovi pannelli di controllo ambiente KNX Touch Control TC5 che contribuiscono all’evoluzione tecnologica degli edifici da strutture passive e statiche ad adattive e flessibili. Dotato di comandi configurabili individualmente, il dispositivo rende semplice e immediato...

  • IBM si impegna a raggiungere zero emissioni di gas serra entro il 2030

    IBM raggiungerà l’obiettivo entro il 2030 dando priorità alle riduzioni effettive delle proprie emissioni, all’impegno per l’efficienza energetica e all’incremento dell’impiego di energia pulita negli oltre 175 Paesi in cui opera. “Sono orgoglioso che IBM sia all’avanguardia...

  • Eaton RoundTech
    Installazione delle luci di emergenza semplice e veloce con Eaton

    I nuovi apparecchi della gamma RoundTech di Eaton sono soluzioni all-in-one progettate per rendere l’installazione dell’illuminazione di emergenza più veloce e garantire elevate prestazioni. L’innovativa tecnologia eFocus, infatti, permette l’utilizzo di un unico apparecchio sia per l’illuminazione...

  • Sersys Ambiente investe sul biometano con due impianti in Lazio e Campania

    Sersys Ambiente, azienda di Rivoli (Torino) specializzata nell’offerta di servizi ambientali, ha avviato le procedure di autorizzazione per la realizzazione di due impianti di produzione di biometano da frazione organica del rifiuto solido urbano nei comuni di...

Scopri le novità scelte per te x