WEG supporta la cogenerazione ecosostenibile da biomassa in uno zuccherificio

Pubblicato il 1 giugno 2017

WEG ha progettato e installato una soluzione elettrica per la generazione di energia da biomassa in Messico, presso un’importante azienda di lavorazione della canna da zucchero. Si tratta del primo progetto di cogenerazione del paese, che utilizza la bagassa come una risorsa energetica rinnovabile per generare quasi 155 GWh l’anno, una produzione sufficiente a soddisfare il fabbisogno energetico annuale di circa 28.000 abitazioni.

Situata nella città di Tres Valles, nello stato messicano di Veracruz, lo zuccherificio Tres Valles, che fa parte del gruppo PIASA, ha una capacità giornaliera di trasformazione di oltre 12 tonnellate di canna da zucchero. A partire dal 2010, questo impianto ha utilizzato una fonte di energia rinnovabile, riutilizzando la bagassa per la cogenerazione di energia elettrica e energia termica (vapore). L’energia prodotta è usata per la produzione che mediamente raggiunge 1.500 tonnellate di zucchero al giorno. Con la soluzione elettrica progettata e fornita da WEG, lo stabilimento ha iniziato a generare energia sufficiente ad alimentare altre società del gruppo e, potenzialmente, anche per l’immissione in rete.

La soluzione completa della WEG per Tres Valles comprende un generatore SPW1250 (50.000 KVA, 13,8 KV, 4 poli, 60 Hz), la centralina, la protezione del generatore e strumenti di misura, centri di controllo per motori a media e bassa tensione, azionatori a media tensione, un soft-starter a media tensione, una sotto stazione e una linea di trasmissione. La società ha inoltre fornito a Tres Valles i servizi di installazione e messa in servizio.

Oltre a sostituire attrezzature in servizio da oltre 35 anni, la soluzione elettrica della WEG ha portato molti altri vantaggi alla Tres Valles. I costi di produzione sono stati considerevolmente ridotti attraverso la sostituzione di combustibili fossili con biocarburanti per la generazione di elettricità, senza dimenticare l’incisiva riduzione dell’impatto ambientale. Le emissioni di anidride carbonica sono state ridotte di oltre 3,6 milioni di tonnellate annue – paragonabile alle emissioni di 70.000 auto – e contemporaneamente è aumentata la resa del processo di macinazione e di raffinazione dello zucchero.

“Grazie a WEG, il governo messicano ci ha riconosciuto il merito di aver realizzato il primo progetto di cogenerazione attuato in un impianto di produzione, e abbiamo ricevuto il premio per l’innovazione tecnologica da CONACYT,” spiega Guillermo Mendoza, coordinatore dei progetti di cogenerazione del Gruppo PIASA. “La soluzione per Tres Valles è diventata un modello per l’azienda, e l’energia in eccesso prodotta dallo stabilimento viene reindirizzata ad altre società del gruppo e, nel complesso, ci attendiamo un ritorno sugli investimenti in sei anni”.

Attingendo alla collaborazione di successo tra WEG e Tres Valles, il Gruppo PIASA si accinge ad installare una caldaia di 250 TVH, 87 bar, 525 °C e una turbina con un generatore da 50 MW nello stabilimento di Adolfo López Mateos. L’inizio delle operazioni è fissato per il mese di novembre 2017.



Contenuti correlati

  • Danfoss in prima linea per le problematiche degli impianti di raffreddamento

    La Commissione Economica dell’ONU per l’Europa ha stimato che entro il 2050 la popolazione mondiale raggiungerà circa 9 miliardi, il 70% dei quali vivrà in città, il che equivale ad avere 235 città in più della dimensione...

  • PFAS in molti acquedotti italiani. Il Veneto cerca soluzioni

    “Le dichiarazioni espresse in questi giorni dai Ministeri della Sanità e dell’Ambiente sulla problematica dei Pfas non possono restare senza commento soprattutto relativamente alla confusione che essi fanno a partire dalla distinzione tra il significato di acque...

  • EBS, più spazio per l’energia da biomasse nella SEN

    Sono state avanzate le proposte da parte dell’Associazione Energia da Biomasse Solide (EBS) tramite un documento, trasmesso ai Ministeri dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dopo la recente pubblicazione della...

  • Meno emissioni di CO2 con la svolta digitale delle centrali elettriche

    Capgemini ha reso noti i risultati dello studio “The Digital Utility Plant: Unlocking value from the digitization of production”, condotto su 200 manager a livello dirigenziale o senior delle società impegnate nel settore delle utility a livello...

  • Più sostenibilità con il trattamento decentralizzato di rifiuti e acque reflue

    I rigidi standard governativi per gli effluenti, il boom della popolazione, la crescente industrializzazione in luoghi isolati e gli eccessivi volumi di rifiuti e acque reflue prodotti hanno evidenziato la necessità di tecnologie sostenibili, affidabili e convenienti...

  • Sostenibilità ambientale, l’impegno di Sanpellegrino

    Sanpellegrino ha pubblicato il primo Rapporto sulla creazione di valore condiviso che illustra l’impegno dell’azienda per la cura di una risorsa preziosa come l’acqua, dalla fonte alla tavola e oltre. Il Gruppo genera benefici tangibili sotto il...

  • Expo Astana 2017: l’Italia spinge l’economia circolare

    “Abbiamo in dote l’utilizzo delle materie prime e la forza di tecnologie sempre più avanzate per moltiplicarne l’effetto a beneficio di tutti; ma abbiamo anche la responsabilità di condividere le conoscenze, affinché diminuiscano gli eccessi di sfruttamento...

  • Energia, le professioni del futuro

    Il settore dell’energia è in continua crescita, soprattutto nel comparto delle energie rinnovabili, tant’è che solo in Italia si attendono investimenti pari a 9 miliardi annui per i prossimi tre decenni. Tutto ciò porterà alla creazione di...

  • Arrivano in Italia i primi impianti per la produzione di biometano agricolo

    Siglato un accordo quadro per la costruzione dei primi quattro impianti di biometano alimentati esclusivamente con reflui zootecnici, scarti e sottoprodotti di origine agricola in Italia. L’importante accordo per la realizzazione di questi primi impianti è stato...

  • In Italia oltre 55 milioni di tonnellate CO2 da veicoli privati

    Nel 2016 le auto e moto private italiane hanno emesso oltre 55 milioni di tonnellate di anidride carbonica. A rilevarlo è un’elaborazione di Facile.it, che ha calcolato il valore incrociando diversi dati, tra cui la media di...

Scopri le novità scelte per te x