Sick a mcTER con soluzioni Industry 4.0 oriented per il mondo della cogenerazione

Pubblicato il 16 giugno 2017

Cogenerazione, energia ed efficienza energetica sono le protagoniste della nuova edizione di mcTER, che quest’anno ha scelto come tema della mostra-convegno “La cogenerazione verso l’Industria 4.0”. “Per raggiungere l’obiettivo Industria 4.0 le aziende hanno bisogno di ammodernare i propri impianti, è innegabile. Ecco allora che la nuova legge di stabilità arriva in soccorso delle piccole, medie e grandi realtà che hanno bisogno di interventi di revamping, permettendo loro di accedere a finanziamenti importanti” afferma l’Ing. Alberto Pronzati, Sales Manager Process Automation CEMs & Process Analyzers di Sick S.p.A. “Si parla molto di super e iper ammortamento, ma spesso non si pensa che queste agevolazioni possono essere applicate anche ai sistemi di analisi gas”.

Oltre ai noti beni strumentali con funzionamento controllato da sistemi computerizzati e/o gestito tramite opportuni sensori e azionamenti, ai dispositivi per l’interazione uomo macchina e il miglioramento dell’ergonomia e della sicurezza sul posto di lavoro, infatti, l’allegato A della Legge 232/2016 indica tra i beni materiali soggetti all’iper ammortamento del 250% i sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità. Tra questi rientrano anche i sistemi di monitoraggio del processo per assicurare e tracciare la qualità del prodotto o del processo produttivo e che consentono di qualificare i processi di produzione in maniera documentabile e connessa al sistema informativo di fabbrica, ovvero i dispositivi per il controllo di processo e il monitoraggio delle emissioni.

Nel corso di mcTER, l’Ing. Salvatore Squillaci, Product Manager Analyzers & Flow Solutions di Sick, terrà il workshop “Sistemi SAE e SME per la cogenerazione a Biomassa e a BIOGAS – Le soluzioni integrate di Sick per accedere velocemente agli incentivi governativi previsti dal DM 6 luglio 2012 e dalla recente legge finanziaria 232/2016”. L’ampio portfolio di Sick, infatti, offre dai semplici sensori per il monitoraggio dell’ossigeno alla misura delle polveri fino a sistemi di analisi completi o misuratori combinati per la misura di polveri, portata, pressione e temperatura, tutti corredati da avanzati sistemi di condivisione delle informazioni registrate e capaci di rispondere alle aspettative sia della Legge di Stabilità del 2016 che ai decreti per la produzione di energia da FER non fotovoltaiche.

La sicurezza di minimizzare l’impatto sull’ambiente nasce dalla certezza di una buona efficienza dei filtri, risulta quindi di fondamentale importanza un sistema in grado di verificare il residuo di polvere dopo il filtro e/o di rilevare anomalie come la rottura di una manica. Tradizionalmente si pone poca attenzione a questa misura e ai costi che possono derivare da una scelta affrettata della tecnologia da utilizzare; avere un dispositivo totalmente immune alla variazione della velocità dei fumi, all’umidità e alla carica elettrica delle particelle, ed estremamente robusto allo sporco come Dusthunter SP30 di Sick permette di trovare una soluzione unica per tutti i tipi di filtro all’umidità. Al contempo, si riducono i costi di gestione tramite una netta riduzione dei fermi impianto, tipici di soluzioni di misura non ottiche. La diagnostica, inoltre, permette di prevenire la necessità di manutenzione, pianificando le attività e garantendo una maggiore efficienza dell’impianto. Alla base del funzionamento del Dusthunter SP30 si trova la diffrazione della luce generata dalla presenza di particolato (scattering light), che consente di raggiungere elevate prestazioni di misura in termini di sensibilità strumentale e di rilevare stabilmente anche le concentrazioni minime.

L’efficienza energetica passa anche dalla corretta regolazione del livello di ossigeno durante la combustione; una concentrazione troppo bassa, infatti, provoca una combustione incompleta e aumenta la concentrazione di CO nei fumi, mentre un’alta concentrazione dello stesso genera un’inutile perdita di calore. Per evitare questi inconvenienti, Sick propone Zirkor200 per combustioni fino a 1.600° C. La lunghezza variabile delle sonde, e la varietà di interfacce disponibili rendono adatto questo sensore a numerose installazioni e applicazioni. Per innalzare la resistenza del dispositivo, soprattutto in condizioni corrosive, Sick ha ideato le tecnologie LongLife e LongLife2, che vanno a ricoprire la cella di misura evitando la dispersione della copertura in platino dell’elettrodo. Questo rende il sensore molto più resistente e duraturo nel tempo, riducendo considerevolmente gli interventi di manutenzione. Zirkor200 è interamente gestibile da remoto tramite Zirkor Remote, un’app attraverso la quale è possibile accedere ai dati di processo e a tutte le informazioni rilevate dall’analizzatore in tempo reale. Completa il profilo del sensore una certificazione EN 15267 per il monitoraggio delle emissioni.

Combi-probe CP100 di SICK combina in un unico dispositivo il polverimetro a luce diffusa Dusthunter SP100, il misuratore di portata Flowsic100 PR, un sensore di pressione e uno per la misura della temperatura. In modo compatto, con un solo foro al camino, è possibile così misurare la concentrazione di polveri, la portata fumi, pressione e temperatura. Il principio di funzionamento ottico del Dusthunter con lo scattering in avanti e la misura della differenza del tempo di volo di un segnale ultrasonoro del Flowsic, non necessitano di alcuna regolazione meccanica, per una messa in esercizio più rapida e più sicura nel tempo. L’unità di controllo condivisa MCU unisce la misura e la diagnostica dei vari componenti e ne può rendere disponibili i dati attraverso rete Ethernet oltre che tramite i classici segnali analogici e digitali per gli stati.

SICK PowerCEMS50

Accanto alle tradizionali soluzioni di analisi estrattive con fotometri a caldo richieste per processi con esigenza di misura di componenti, quali acidi e ammoniaca, e alle versioni più avanzate richieste per applicazioni più complesse, il PowerCEMS50 di SICK è un sistema per la misura in continuo delle emissioni di impianti di combustione alimentati con combustibili fossili. Il sistema è costituito da un analizzatore SIDOR, che lavora nell’infrarosso, abbinato a un circuito di trattamento gas predisposto per la misurazione dei tipici componenti CO, NOx, SO2 e O2.

Le dimensioni contenute del cabinet IP 54 rendono l’installazione possibile anche in qualsiasi contesto indoor, e può essere dotato di un sistema di condizionamento per operare in ambienti con temperatura superiore ai 35° C.



Contenuti correlati

  • Teleriscaldamento super efficiente per Tor di Valle

    GE e Cefla SC hanno completato in anticipo l’ammodernamento, con le tecnologie più efficienti e all’avanguardia, dell’impianto di cogenerazione di Acea di Tor di Valle, oggi dotato di due motori a gas Jenbacher J920 FleXtra di GE....

  • ABB e Università di Genova, premio alle tesi su Digitalizzazione e Smart Cities

    La digitalizzazione attraverso l’Internet of Things nell’industria della generazione di energia e Smart grids e smart cities. Questi i temi dei due Premi di Laurea intitolati alla memoria dell’ingegner GB Ferrari, istituiti da ABB presso l’Università degli...

  • Industria 4.0, Ansaldo Energia apre un bando per i progetti innovativi di startup e PMI

    Ansaldo Energia è stata selezionata dal Cluster Fabbrica Intelligente per conto del Ministero dello Sviluppo Economico come uno dei primi quattro “Lighthouse Plant”, completamente basato su tecnologie digitali nell’ambito del programma Impresa 4.0. Per realizzare questo obiettivo,...

  • Il tombino intelligente di Hitachi monitora sottosuolo e sicurezza pubblica

    Hitachi ha presentato un innovativo sistema IoT implementato con l’obiettivo di migliorare e preservare la sicurezza pubblica nelle città. La Manhole Security Solution, questo il suo nome, studiata da Hitachi Systems Ltd è stata lanciata sul mercato...

  • Soluzioni di misura sostenibili per i processi chimici

    Quando si trattano sostanze infiammabili e tossiche per ottenere prodotti puri della qualità specificata dai clienti, possono essere molte le sfide che un impianto chimico deve superare. Le parole d’ordine sono elevata efficienza del processo, bassi consumi...

  • Analizzatori di ossigeno Zirkor di Sick

    Gli analizzatori di ossigeno della serie Zirkor di Sick sono estremamente robusti e combinano un’elevata qualità con prestazioni innovative. Questi dispositivi per l’ottimizzazione della combustione sono facili da utilizzare ed estremamente affidabili. Inoltre, effettuano le misure direttamente dopo...

  • A 1 anno dall’esordio: cosa funziona e cosa no nel Piano Nazionale 4.0?

    Internet delle Cose, piattaforme per la gestione dei dati, stampa 3D, robotica, machine learning, intelligenza artificiale, intralogistica rappresentano un mercato che tra il 2017 e il 2022 crescerà a un tasso annuo del 9,3%, per un valore...

  • La comunicazione machine-to-machine come prevista da Industria 4.0

    Nel dibattito sull’energia elettrica di domani, la ‘centrale elettrica virtuale’ è diventata una parola chiave. In futuro il modello di centrali elettriche di grosse dimensioni, meno versatili, verrà soppiantato da piccole unità di produzione decentralizzate come, ad...

  • Il premio Lean & Green Management allo stabilimento FCA di Verrone

    Lo stabilimento Fiat Chrysler Automobiles di Verrone (Biella) ha ottenuto il prestigioso riconoscimento internazionale Lean & Green Management Award che viene assegnato da due società di consulenza tedesche, Growtth Consulting Europe GmbH e Quadriga Consult, che annualmente...

  • Banco prova “smart” per raccordi di Hydro+Power

    L’esperienza di Hydro+Power, il marchio nato dalla sinergia tra Brescia Hydropower e O+P, ha portato alla realizzazione di un nuovo banco prova per tubi raccordati in grado di eseguire test di scoppio fino a 4000 bar. L’attrezzatura,...

Scopri le novità scelte per te x