Scandalo Volkswagen: quale impatto per gli OEMs?

Lo scandalo che ha travolto Volkswagen negli scorsi due giorni rischia di avere effetti anche sugli altri produttori di auto nel mondo. Commento di Paolo Martino, Frost & Sullivan.

Pubblicato il 24 settembre 2015

“Due giorni fa Volkswagen ha ammesso di aver manipolato i test per le emissioni di alcuni modelli diesel facenti parte del gruppo e presenti sul mercato americano”, afferma Paolo Martino, Senior Consultant, Automotive, Frost & Sullivan. “Sembrava un brutto colpo per la casa di Wolsburg, ma tutto sommato circoscritto ad un mercato che storicamente non è mai stato quello di punta (soltanto il 6% del fatturato del gruppo proviene dal mercato Usa). E invece no. A meno di ventiquattro ore dal primo annuncio ecco che lo scandalo travolge anche i mercati storici per VW. Si parla ora di cifre ben più ingenti, circa 11 milioni di vetture coinvolte e multe colossali per il gruppo, oltre che a possibili cause penali negli States”.

Continua Martino: “L’impatto nel breve termine è chiaro per Volkswagen: grosse perdite economiche, ma soprattutto una perdita di credibilità nei confronti dei consumatori che ora ci penseranno due volte prima di acquistare una nuova auto del gruppo tedesco. Specialmente negli Stati Uniti, i consumatori interessati alle auto VW hanno sempre visto questo brand come “eco-friendly” e reputato il gruppo tedesco come uno di quelli più coinvolti nelle politiche anti-inquinamento. Bisognerà capire come riconquistare la fiducia della gente, e le ammissioni e scuse senza cercare alibi del Ceo Winterkorn sono il primo passo. Ma non può essere l’unico…”.

Martino aggiunge: “Ma ora la questione sta avendo ripercussioni anche sugli altri produttori di veicoli, primi fra tutti gli altri due gruppi tedeschi, BMW e Daimler. I rispettivi uffici stampa si sono subito affrettati nel pubblicare comunicati volti a rassicurare i loro clienti e della loro totale estraneità ai fatti del gruppo Volkswagen. Sarà sufficiente? Difficile dirlo, ma di sicuro l’immagine negativa prodotta da questo scandalo fa scattare nelle menti di tutti il dubbio che Volkswagen non sia l’unico gruppo ad adottare o ad aver adottato questi trucchi per passare i test per le emissioni, soprattutto nel mercato americano dove gli standard sono molto più rigidi che in Europa (31 mg NOx contro 80 mg in EU)”.

“Ciò che risulta evidente da questo scandalo”, conclude Martino, “che è ben lontano dal risolversi, è che tutta l’industria automobilistica deve porsi nuove questioni da affrontare, prima fra tutti quella relativa a degli standard comuni e a livello globale per le emissioni. Questo ovviamente avrebbe ripercussioni su tutti gli OEMs ma quantomeno i consumatori vedrebbero un reale impegno dei produttori auto nel combattere l’inquinamento e le politiche del raggiro”.



Contenuti correlati

  • Impianti di riscaldamento: consumatori più informati e attenti al risparmio

    Che cosa si aspetta di trovare oggi il consumatore nel mercato degli impianti di riscaldamento? Come è cambiato il suo livello di conoscenza sui temi legati al risparmio energetico? Come percepisce l’innovazione che caratterizza oggi il panorama...

  • PFAS in molti acquedotti italiani. Il Veneto cerca soluzioni

    “Le dichiarazioni espresse in questi giorni dai Ministeri della Sanità e dell’Ambiente sulla problematica dei Pfas non possono restare senza commento soprattutto relativamente alla confusione che essi fanno a partire dalla distinzione tra il significato di acque...

  • Inquinamento da PFAS, serve una risposta univoca dai ministeri

    “L’inquinamento da sostanze perfluoro alchiliche (Pfas, Pfos, Pfoa, Pfbs, PFpeA, PFHxA) salite alla cronaca come Pfas, è stato rilevato da tempo in più parti d’Italia come dimostrano le tabelle prodotte nella ricerca del Cnr, che evidenziò il...

  • A Modena arrivano i pannelli “mangia smog”

    Modena è la prima città europea a sperimentare i CityTree, innovativi pannelli che mangiano lo smog filtrandolo e abbattendolo, realizzati dalla start up tedesca Green City Solutions. Il programma è finanziato dalla comunità per il contrasto ai...

  • Frost & Sullivan: 100 nuovi modelli di veicoli elettrici ibridi plug-in entro il 2021

    Dal lancio imminente di 100 nuovi modelli, gli incentivi favorevoli e la conformità agli obiettivi fissati per le emissioni, fino alla capacità della batteria sufficiente a coprire distanze di guida quotidiana e alla disponibilità dei consumatori ad...

  • Emergenza inquinamento

    La qualità dell’aria delle nostre città raggiunge livelli di pericolosità noti alle Istituzioni. Le risposte sono immediate, ma spesso limitate nell’efficacia ed estemporanee, come la riduzione di due gradi dei termostati. Assotermica, l’associazione dei produttori di apparecchi...

  • SEAT e Aqualia: le acque reflue diventano biocarburante sostenibile

    Una partnership tra la casa automobilistica spagnola SEAT e l’azienda di servizi idrici Aqualia ha portato alla produzione e al consumo di un biocarburante innovativo. I benefici sono doppi, rispondendo alle grandi sfide ambientali sia dello spreco di...

  • Gruppo d’Acquisto Sostenibilità: la prima energy community dei consumatori

    Green Network Energy partecipa all’iniziativa delle associazioni dei consumatori Codacons e Konsumer Italia, da cui è nato il “Gruppo d’Acquisto Sostenibilità“. Dopo un percorso comune con queste associazioni, in cui si sono ridefiniti contenuti contrattuali e procedure...

  • Formaldeide: i limiti USA per le emissioni

    Chi vorrà esportare pannelli a base legno o prodotti finiti che li utilizzano deve sapere che dal prossimo dicembre – e non da luglio, come qualcuno temeva – in tutti gli Stati Uniti entrerà in vigore una...

  • Emissioni di mercurio sotto controllo con gli analizzatori Sick

    Sotto forma di gas il mercurio (Hg) è uno degli elementi che più allarma le organizzazioni e le autorità per la tutela dell’ambiente perché, permanendo nell’atmosfera per più di sei mesi, viene trasportato dalle correnti d’aria e...

Scopri le novità scelte per te x