Rifiuti elettrici ed elettronici a Milano

Pubblicato il 26 gennaio 2016

Cellulari, computer ed elettrodomestici: a Milano e provincia sono circa 12.000 le tonnellate di rifiuti elettrici ed elettronici raccolti nel 2015. Una quantità in aumento del 6% rispetto al 2014 (11.000). Boom in sette anni, +32% rispetto alle 9.000 tonnellate raccolte. Al secondo posto dopo l’organico che è aumentato del 52% e pari alla plastica. Anche per quanto riguarda la raccolta differenziata in generale i numeri crescono, con un aumento dell’8%, da 846.000 nel 2014 a 913.000 nel 2015, che registra il numero più alto tra gli anni presi in esame. Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano sulle dichiarazioni Mud del 2015 e 2014.

Il convegno sui rifiuti elettrici ed elettronici e le nuove norme è stato promosso dalla Camera di commercio di Milano con Assolombarda, Centro di Coordinamento Raee, federazione Anie, Assofluid e Assofoodtec). Il seminario è volto a comprendere sia l’ambito di applicazione delle norme che hanno recepito le Direttive Raee e RoHS, sia l’interpretazione dei diversi criteri di esclusione previsti. È necessario, infatti, capire quali sono gli obblighi ambientali di chi fabbrica, importa o commercializza apparecchi elettrici ed elettronici. Ad esempio come devono organizzarsi per garantire che nei prodotti non ci siano sostanze pericolose o per assicurare il recupero degli apparecchi dismessi dalle imprese e dai consumatori. Si parlerà inoltre dell’“open scope”, cioè il periodo a partire dal quale la disciplina relativa ai rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche si applicherà a tutti i prodotti finiti salvo alcune eccezioni. Problemi e soluzioni nell’individuazione delle direttive Raee e RoHS presso la Camera di commercio di Milano, oggi in Sala Consiglio dalle 14 alle 17.30.

I rifiuti che sono stati maggiormente raccolti sono quelli organici (312.000). Seguiti da carta (178.000), vetro (138.000), plastica (64.000), ingombranti (63.000), altro (48.000), legno (44.000), inerti (41.000), elettrici (12.000) e metalli (9.000).

L’organico è il settore che è cresciuto maggiormente anche dal 2008 al 2015 (+52%), seguito da plastica ed elettrici (+32%), altro (+13%), inerti (+12%), legno (8%), vetro (3%). Hanno invece registrato una diminuzione carta (-7%), ingombranti (-20%) e metalli (-32%).

Dal 2014 al 2015 i settori che sono cresciuti maggiormente sono organico (+17%), inerti (+13%), legno (+8%), ingombranti ed elettrici (+6%), plastica e altro (+5%), metalli (+4%), vetro e carta (+1%).



Contenuti correlati

  • TREEE gestisce i RAEEE dalla consegna a domicilio alla raccolta e riciclo

    Il fondo di private equity anglo-americano JZ International ha acquisito la maggioranza del capitale del Centro Servizi RAEE, società fondata nel 2008 dall’imprenditore milanese Andrea Ratti, fornendo al progetto risorse finanziarie a titolo di equity al fine di...

  • Rapporto Cobat: 140 milioni di chili di prodotti tecnologici raccolti nel 2016

    Quasi 140 milioni di chili di prodotti tecnologici raccolti, avviati al riciclo e trasformati in nuove risorse in tutto il 2016. Sono questi i numeri di Cobat-Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo, che ha presentato la terza edizione...

  • RAEE, un incontro per promuovere la gestione dei rifiuti tecnologici

    Confindustria Bergamo insieme a ERP Italia ha recentemente organizzato a Bergamo un incontro rivolto alle imprese che dal 2018 dovranno adeguarsi ai nuovi obblighi imposti dalla normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). L’evento, parte...

  • Cresce il mercato della valorizzazione energetica dei rifiuti

    Il mercato europeo della valorizzazione energetica dei rifiuti (WTE, Waste-to-Energy) sta assistendo ad una crescita costante. Un’economia circolare, gli obiettivi per le energie rinnovabili fissati dall’Unione Europea per il 2020, le normative specifiche dei diversi paesi e...

  • SDProget Industrial Software corso di formazione per la progettazione degli impianti

    Consapevole dell’importanza della formazione e del continuo aggiornamento dei progettisti, SDProget Industrial Software promuove il seminario tecnico “Progettazione di un impianto elettrico civile ed industriale in ambiente AutoCAD in grado di rispondere ai requisiti di efficienza, affidabilità...

  • RAEE: ancora poco conosciuto il decreto “uno contro zero”

    Nell’ambito del seminario “Gli Italiani e i RAEE: dall’uno contro uno all’uno contro zero”, tenutosi presso la Casa dell’Ambiente a Torino è stata presentata la ricerca realizzata da Ipsos Italia per Ecodom e Cittadinanzattiva sui comportamenti degli...

  • Commento all’Accordo di Programma sul Trattamento dei Raee

    La Redazione di Efficiency and Environment ha incontrato il direttore generale del Centro di Coordinamento Raee, Fabrizio Longoni, e Mara Chilosi, avvocato partner dello Studio Legale Associato Chilosi Martelli, auditor, esperto legislativo per i sistemi di gestione ambientale, per...

  • Milano, in 8 mesi raccolti 8.500 kg di rifiuti elettrici ed elettronici

    Si avvia verso la conclusione il progetto sperimentale per la raccolta differenziata dei rifiuti elettronici a Milano promosso da Comune, Amsa e consorzio Ecolight. Per la sua ultima tappa, fino al 20 gennaio 2017 il RAEE Parking...

  • In Brasile un impianto di cogenerazione made in Italy

    Trasformare i rifiuti urbani delle città in energia sfruttando il biogas da discarica attraverso impianti di ultima generazione, è questo l’ambizioso progetto completato in Brasile dal Gruppo AB. L’azienda italiana e i brasiliani di Solvì hanno pensato...

  • Accordo di Programma sul Trattamento dei RAEE

    Il 13 aprile 2016 è stato sottoscritto il nuovo Accordo di Programma sul Trattamento dei RAEE. L’Accordo è stato firmato dal Centro di Coordinamento RAEE e da ASSORAEE, ASSORECUPERI e ASSOFERMET, associazioni che a livello nazionale rappresentano le aziende che gestiscono...

Scopri le novità scelte per te x