Rifiuti elettrici ed elettronici a Milano

Cellulari, computer ed elettrodomestici: i rifiuti elettrici raccolti a Milano raggiungono le 12.000 tonnellate. Boom di raccolta in 7 anni +32% che è al secondo posto dopo l’organico e pari alla plastica.

Pubblicato il 26 gennaio 2016

Cellulari, computer ed elettrodomestici: a Milano e provincia sono circa 12.000 le tonnellate di rifiuti elettrici ed elettronici raccolti nel 2015. Una quantità in aumento del 6% rispetto al 2014 (11.000). Boom in sette anni, +32% rispetto alle 9.000 tonnellate raccolte. Al secondo posto dopo l’organico che è aumentato del 52% e pari alla plastica. Anche per quanto riguarda la raccolta differenziata in generale i numeri crescono, con un aumento dell’8%, da 846.000 nel 2014 a 913.000 nel 2015, che registra il numero più alto tra gli anni presi in esame. Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano sulle dichiarazioni Mud del 2015 e 2014.

Il convegno sui rifiuti elettrici ed elettronici e le nuove norme è stato promosso dalla Camera di commercio di Milano con Assolombarda, Centro di Coordinamento Raee, federazione Anie, Assofluid e Assofoodtec). Il seminario è volto a comprendere sia l’ambito di applicazione delle norme che hanno recepito le Direttive Raee e RoHS, sia l’interpretazione dei diversi criteri di esclusione previsti. È necessario, infatti, capire quali sono gli obblighi ambientali di chi fabbrica, importa o commercializza apparecchi elettrici ed elettronici. Ad esempio come devono organizzarsi per garantire che nei prodotti non ci siano sostanze pericolose o per assicurare il recupero degli apparecchi dismessi dalle imprese e dai consumatori. Si parlerà inoltre dell’“open scope”, cioè il periodo a partire dal quale la disciplina relativa ai rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche si applicherà a tutti i prodotti finiti salvo alcune eccezioni. Problemi e soluzioni nell’individuazione delle direttive Raee e RoHS presso la Camera di commercio di Milano, oggi in Sala Consiglio dalle 14 alle 17.30.

I rifiuti che sono stati maggiormente raccolti sono quelli organici (312.000). Seguiti da carta (178.000), vetro (138.000), plastica (64.000), ingombranti (63.000), altro (48.000), legno (44.000), inerti (41.000), elettrici (12.000) e metalli (9.000).

L’organico è il settore che è cresciuto maggiormente anche dal 2008 al 2015 (+52%), seguito da plastica ed elettrici (+32%), altro (+13%), inerti (+12%), legno (8%), vetro (3%). Hanno invece registrato una diminuzione carta (-7%), ingombranti (-20%) e metalli (-32%).

Dal 2014 al 2015 i settori che sono cresciuti maggiormente sono organico (+17%), inerti (+13%), legno (+8%), ingombranti ed elettrici (+6%), plastica e altro (+5%), metalli (+4%), vetro e carta (+1%).



Contenuti correlati

  • La raccolta di RAEE segna +6%

    Nei primi nove mesi del 2017 aumenta del 6% la raccolta differenziata dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) in Italia. I dati elaborati dal Centro di Coordinamento RAEE sono stati presentati in anteprima alla Fiera...

  • Riciclaggio di qualità superiore supportando la legislazione in materia

    Intervento a cura di Giovanni Malloggi, Managing Director di DS Smith Recycling Italia La legislazione che regolamenta la raccolta e il trattamento dei rifiuti in Italia ha subito cambiamenti drastici negli ultimi dieci anni. Storicamente, c’è sempre...

  • Riciclo e rigenerazione: verso un’economia circolare

    L’Italia è campione europeo della green economy grazie all’attuazione del modello di economia circolare e l’industria del riciclo fondata sull’innovazione e sulla ricerca Leggi l’articolo

  • Qualche dato sui Raee

    Presentati i dati complessivi sui rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche gestiti dagli impianti di trattamento autorizzati nel 2016 Leggi l’articolo

  • Più sostenibilità con il trattamento decentralizzato di rifiuti e acque reflue

    I rigidi standard governativi per gli effluenti, il boom della popolazione, la crescente industrializzazione in luoghi isolati e gli eccessivi volumi di rifiuti e acque reflue prodotti hanno evidenziato la necessità di tecnologie sostenibili, affidabili e convenienti...

  • La gestione dei RAEE

    Fabrizio Longoni, direttore generale del Centro di Coordinamento RAEE, presenta i dati complessivi sui Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche gestiti dagli impianti di trattamento autorizzati nel 2016, un confronto con il 2015 e un aggiornamento sulla...

  • Gestione dei RAEE: open scope

    Con l’entrata in vigore del D.Lgs. 49/2014 è stato esteso l’ambito di applicazione delle norme che impongono a produttori, importatori e a chi vende con il proprio marchio apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE) di organizzare e finanziare...

  • TREEE gestisce i RAEEE dalla consegna a domicilio alla raccolta e riciclo

    Il fondo di private equity anglo-americano JZ International ha acquisito la maggioranza del capitale del Centro Servizi RAEE, società fondata nel 2008 dall’imprenditore milanese Andrea Ratti, fornendo al progetto risorse finanziarie a titolo di equity al fine di...

  • Rapporto Cobat: 140 milioni di chili di prodotti tecnologici raccolti nel 2016

    Quasi 140 milioni di chili di prodotti tecnologici raccolti, avviati al riciclo e trasformati in nuove risorse in tutto il 2016. Sono questi i numeri di Cobat-Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo, che ha presentato la terza edizione...

  • RAEE, un incontro per promuovere la gestione dei rifiuti tecnologici

    Confindustria Bergamo insieme a ERP Italia ha recentemente organizzato a Bergamo un incontro rivolto alle imprese che dal 2018 dovranno adeguarsi ai nuovi obblighi imposti dalla normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). L’evento, parte...

Scopri le novità scelte per te x