RAEE, un incontro per promuovere la gestione dei rifiuti tecnologici

Pubblicato il 1 giugno 2017

Confindustria Bergamo insieme a ERP Italia ha recentemente organizzato a Bergamo un incontro rivolto alle imprese che dal 2018 dovranno adeguarsi ai nuovi obblighi imposti dalla normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). L’evento, parte di un ciclo di appuntamenti promossi dalle associazioni imprenditoriali di Pordenone, Padova e Bergamo, ha chiamato a raccolta le aziende della bergamasca per analizzare i punti salienti della normativa sui RAEE e le novità che scatteranno dal prossimo anno, dando così modo alle imprese di predisporre per tempo le attività necessarie ad adeguarsi ai nuovi obblighi.

Come previsto dal Decreto Legislativo 49/2014, infatti, da metà agosto 2018 l’applicazione della normativa sui RAEE sarà estesa a una gamma più ampia di apparecchiature elettriche ed elettroniche. Di conseguenza, un numero maggiore di produttori sarà obbligato ad assolvere tutta una serie di adempimenti e a sostenere i costi della raccolta differenziata e del recupero dei rifiuti “tecnologici”. Le novità in arrivo chiamano in causa anche i rivenditori, che saranno tenuti a garantire nei dovuti modi il ritiro gratuito di un maggior numero di tipologie di prodotti obsoleti o non più funzionanti.

“L’obiettivo di questo incontro è illustrare alle Aziende quali sono gli obblighi a cui sono sottoposti per gestire in modo corretto il fine vita delle apparecchiature elettriche ed elettroniche” – spiega Alberto Canni Ferrari, Country Manager di ERP Italia. “Si tratta di una materia che richiede il supporto di realtà in grado di seguire in modo professionale le necessità specifiche delle diverse imprese. Per questo motivo, come ERP Italia, sono orgoglioso di mettere a disposizione l’expertise e il know-how maturato in questi anni di attività.”

“Le imprese della provincia di Bergamo coinvolte finora sono numerose, ma con l’estensione degli obblighi alle altre tipologie di apparecchiature elettriche ed elettroniche le aziende potrebbero triplicare” – chiariscono Mara Chilosi – Avvocato cassazionista del Foro di Milano specializzato in diritto dell’ambiente – e Paolo Pipere – Consulente giuridico ambientale. “L’obbligo fondamentale è quello di finanziare la raccolta differenziata e il recupero dei rifiuti tecnologici, però a questo adempimento si aggiungono altri oneri, dalla marcatura del prodotto, finalizzata a consentire di individuare l’impresa che immette sul mercato gli apparecchi, alle informazioni che devono essere fornite ai consumatori e agli utilizzatori professionali per evitare che i prodotti obsoleti siano smaltiti in modo scorretto”.



Contenuti correlati

  • Riciclo e rigenerazione: verso un’economia circolare

    L’Italia è campione europeo della green economy grazie all’attuazione del modello di economia circolare e l’industria del riciclo fondata sull’innovazione e sulla ricerca Leggi l’articolo

  • Qualche dato sui Raee

    Presentati i dati complessivi sui rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche gestiti dagli impianti di trattamento autorizzati nel 2016 Leggi l’articolo

  • RiciClick, riciclare e fare click… con lo smartphone

    Torna nelle scuole ‘RiciClick’, l’iniziativa didattica per i ragazzi delle scuole medie promossa da Ricrea, il Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclo degli Imballaggi in Acciaio. Dopo l’edizione pilota dello scorso anno, il concorso fotografico...

  • La gestione dei RAEE

    Fabrizio Longoni, direttore generale del Centro di Coordinamento RAEE, presenta i dati complessivi sui Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche gestiti dagli impianti di trattamento autorizzati nel 2016, un confronto con il 2015 e un aggiornamento sulla...

  • Gestione dei RAEE: open scope

    Con l’entrata in vigore del D.Lgs. 49/2014 è stato esteso l’ambito di applicazione delle norme che impongono a produttori, importatori e a chi vende con il proprio marchio apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE) di organizzare e finanziare...

  • TREEE gestisce i RAEEE dalla consegna a domicilio alla raccolta e riciclo

    Il fondo di private equity anglo-americano JZ International ha acquisito la maggioranza del capitale del Centro Servizi RAEE, società fondata nel 2008 dall’imprenditore milanese Andrea Ratti, fornendo al progetto risorse finanziarie a titolo di equity al fine di...

  • Rapporto Cobat: 140 milioni di chili di prodotti tecnologici raccolti nel 2016

    Quasi 140 milioni di chili di prodotti tecnologici raccolti, avviati al riciclo e trasformati in nuove risorse in tutto il 2016. Sono questi i numeri di Cobat-Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo, che ha presentato la terza edizione...

  • Imballaggi metallici, in Italia il riciclo vola

    Pratici, sicuri, infrangibili e protagonisti di una efficiente economia circolare: sono gli imballaggi metallici, dalle scatolette ai barattoli, dalle lattine per bevande ai grandi fusti industriali, dalle bombolette aerosol a tappi e chiusure. In Italia nell’ultimo anno...

  • EcoTyre: oltre 50 milioni di kg di pneumatici fuori uso gestiti in Italia

    EcoTyre, il primo Consorzio in Italia per numero di Soci (oltre 600), raggiunge, ad appena 6 anni dalla sua costituzione, un traguardo importante: per la prima volta supera quota 50 milioni di kg di PFU gestiti attraverso...

  • In Italia riciclato il 77,5% degli imballaggi in acciaio

    L’acciaio è il materiale più riciclato al mondo e anche nel comparto degli imballaggi spetta a lui il primato. In Italia nel corso del 2016 è stato avviato a riciclo il 77,5% degli imballaggi di acciaio immessi...

Scopri le novità scelte per te x