Progetto multidisciplinare per l’Alta Scuola Politecnica

Cinque studenti dell’Alta Scuola Politecnica hanno progettato Pure Wings: un sistema pulito e sostenibile per il rifornimento di aeromobili, con la produzione di idrogeno per elettrolisi fotovoltaica

Pubblicato il 19 luglio 2011
aerei-200x126.jpg

Pure Wings, elaborato da cinque studenti Asp (Alta Scuola Politecnica, istituita nel 2004 da Politecnico di Milano e il Politecnico di Torino), con il supporto della Camera di Commercio di Torino, di DigiSky e di Mathworks, società protagonista nello sviluppo di programmi per il calcolo matematico, è un sistema di supporto a terra, pulito e sostenibile, per il rifornimento di energia agli aeromobili in attesa del decollo. Pure Wings è stato sviluppato all’interno del più ampio progetto SkySpark che aveva per finalità la realizzazione di un velivolo “ecologico” a idrogeno.

Il progetto è nato dall’esigenza di una riduzione dell’impatto ambientale a fronte dell’aumento delle emissioni degli aerei e del fabbisogno energetico in un contesto di aumentata ricchezza che, negli ultimi trenta anni, ha portato a una crescente domanda del trasporto aereo d’affari e turistico.

Pure Wings è focalizzato sulla produzione di idrogeno per elettrolisi fotovoltaica, direttamente in aeroporto, attraverso lo stoccaggio di bombole di idrogeno pressurizzate e ha preso in considerazione due aeroporti di dimensioni molto differenti, Milano-Malpensa e Cuneo-Levaldigi.

Grazie a uno strumento innovativo è stata stimata la quantità di energia solare disponibile per anno in ciascun sito.

La scelta di produrre idrogeno attraverso l’elettrolisi fotovoltaica presenta numerosi vantaggi: l’unità di produzione del vettore energetico si può trovare direttamente in loco e può essere “tagliata” sulle esigenze di rifornimento, non ci sono costi di trasporto dell’energia, grazie alla fonte solare il sistema è “verde” e il costo dell’idrogeno arriverebbe a 4-5 €/kg entro il 2015-2020 (oggi costa circa 22€/kg).

Il progetto Pure Wings ha anche analizzato l’aspetto della sicurezza nell’utilizzo dell’idrogeno: i rischi sono notevolmente ridotti grazie al fatto che non sono impiegati gasdotti per il suo trasporto e per lo stoccaggio, che comunque potrebbe essere posto lontano dalle persone. Inoltre, l’eventuale effetto abbagliante dei pannelli sul pilota, nelle fasi di decollo e atterraggio, potrebbe essere evitato scegliendo una particolare tecnologia di elementi fotovoltaici e correggendo inclinazione e posizione degli stessi.

Asp: www.asp-poli.it



Contenuti correlati

  • catas-foto-formaldeide
    Formaldeide: i limiti USA per le emissioni

    Chi vorrà esportare pannelli a base legno o prodotti finiti che li utilizzano deve sapere che dal prossimo dicembre – e non da luglio, come qualcuno temeva – in tutti gli Stati Uniti entrerà in vigore una...

  • sick_mercem300z
    Emissioni di mercurio sotto controllo con gli analizzatori Sick

    Sotto forma di gas il mercurio (Hg) è uno degli elementi che più allarma le organizzazioni e le autorità per la tutela dell’ambiente perché, permanendo nell’atmosfera per più di sei mesi, viene trasportato dalle correnti d’aria e...

  • Hydrogen Council in Davos gegründet
    Hydrogen Council, i grandi dell’industria mondiale insieme per promuovere l’idrogeno

    Tredici società leader nel campo dell’energia, dei trasporti e dell’industria hanno lanciato un’iniziativa globale per esprimere una visione unitaria e il sostegno a lungo termine dell’idrogeno come acceleratore della transizione energetica. Prima iniziativa globale di questo tipo,...

  • aarhus-water_wastewater-facility_xray
    Un innovativo impianto di cogenerazione con inverter Danfoss

    Ad Aarhus, in Danimarca, un impianto di trattamento delle acque reflue simile a molti altri in tutta Europa, ha scoperto un modo per produrre più elettricità e calore rispetto a ciò che consuma, rispondendo al tempo stesso...

  • guna
    Guna, laboratorio farmaceutico ad impatto zero

    Guna anche per il 2017 s’impegna ad avere il proprio laboratorio farmaceutico a Impatto Zero, compensando le emissioni di CO2 generate dall’attività del sito produttivo e dalla visualizzazione dei propri server e dei propri siti internet, grazie...

  • siemens_riduzione_emissioni-20
    Siemens taglia del 20% le proprie emissioni di CO2

    A un anno dal lancio del suo programma di decarbonizzazione, Siemens ha già conseguito importanti risultati nella riduzione del proprio impatto sull’ambiente. La società è passata dai 2,2 milioni di tonnellate di CO2 emesse complessivamente nel’esercizio fiscale...

  • cdp_2016
    Climate Change Report 2016: verso un’economia a basse emissioni di carbonio

    Le società italiane hanno avviato la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio, conseguendo un risparmio per circa 5,5 milioni di tonnellate di CO2 nell’ultimo anno, attraverso l’implementazione di attività di riduzione emissioni. Alcune stanno già...

  • Fulgar_Dettaglio-Impianto-filatura
    Fulgar: nylon e filati ricoperti certificati sostenibili

    Fulgar completa il proprio percorso per la sostenibilità affidando la valutazione d’impatto ambientale dell’intero processo di realizzazione dei suoi prodotti all’accreditato metodo scientifico LCA – Life Cycle Assessment. Un comportamento ambientale consapevole, volto alla conservazione e al...

  • zero-emission-scheme
    Toyota: un edificio a zero emissioni

    Toyota continua a promuovere progetti di tutela dell’ambiente in linea con il ‘Plant Zero CO2 Emissions Challenge’ annunciato al Toyota Environmental Forum nel 2015, la mission del brand di azzerare le emissioni carboniche dei suoi impianti grazie...

  • bcg_self_driving_vehicle_auto_robot
    Meno auto, incidenti ed emissioni inquinanti con le auto robot

    Secondo lo studio “Self-Driving Vehicles, Robo-Taxis, and the Urban Mobility Revolution” di Boston Consulting Group, la diffusione dell’auto robot, o self driving vehicle (Sdv), porterà una serie di cambiamenti radicali nel modo di vivere la città. Anzitutto...

Scopri le novità scelte per te x