Negli USA il più grande parco solare realizzato su una discarica dismessa

Pubblicato il 28 novembre 2017

Building Energy annuncia l’inizio della costituzione del parco solare di Annapolis, un impianto fotovoltaico di 18 MWp che si estenderà su un’area di 32 ettari occupata dalla discarica della città di Annapolis, nella Contea di Anne Arundel, nel Maryland. L’inizio dei lavori è stato celebrato con un evento alla presenza del sindaco di Annapolis, Michael Pantelides, del Capo del Consiglio della Contea, Steve Schuh, di alcuni Consiglieri della città di Annapolis e di Andrea Braccialarghe, Managing Director North America di Building Energy.

Il parco solare, che utilizzerà più di 50.000 pannelli per convertire la luce del sole in energia elettrica, sarà il più grande progetto costruito sopra una discarica dismessa negli Stati Uniti, realizzato in accordo con l’Agenzia statunitense per la protezione dell’ambiente. L’impianto, interamente di proprietà di Building Energy, sarà costruito e gestito dall’azienda. La fine dei lavori è prevista per la primavera del 2018.

La città di Annapolis, la Contea di Anne Arundel e il provveditorato agli studi della Contea di Anne Arundel hanno siglato un contratto di fornitura dell’energia prodotta dall’impianto, che sarà utilizzata per illuminare la città, la Contea e gli edifici scolastici. La Contea di Anne Arundel acquisterà il 50% dell’energia complessivamente prodotta dal parco solare, la città di Annapolis il 33%, e il provveditorato agli studi della Contea di Anne Arundel il 17%.

Le attività per la costruzione dell’impianto sono state subappaltate a imprese locali, creando più di 100 posti di lavoro nell’ambito delle rinnovabili. Il progetto porterà anche benefici economici alla città di Annapolis per i prossimi 20 anni, assicurando un reale risparmio sul costo dell’energia.

L’elettricità totale generata in 20 anni dall’impianto consentirà di compensare le emissioni annuali di gas serra di 3.168 veicoli o le emissioni di CO2 derivate dal consumo annuale di energia elettrica da parte di 2.070 abitazioni che corrispondono al 12,5% del consumo  energetico della città di Annapolis. La stessa energia corrisponde, inoltre, al quantitativo di carbonio catturato in un anno da un’area boschiva di 4.991 ettari.

Building Energy è presente negli Stati Uniti dal 2013 con più di 500 MW di progetti in via di sviluppo che abbracciano differenti tecnologie nel campo delle rinnovabili.

“Siamo entusiasti di iniziare la costruzione del parco solare e di celebrare questo evento con le autorità e la comunità di Annapolis. – ha dichiarato Fabrizio Zago, CEO di Building Energy – Building Energy, proprietaria dell’impianto, ha finanziato l’intero progetto con un investimento di 36 milioni di dollari erogato da una delle più importanti società di servizi finanziari degli Stati Uniti, ed è responsabile del suo sviluppo e della gestione in operatività. Questo progetto rappresenta un nuovo successo per la nostra azienda, attiva lungo tutta la catena dell’industria delle energie rinnovabili, dallo sviluppo all’operatività degli impianti, negli Stati Uniti e all’estero”.



Contenuti correlati

  • EF Solare Italia incrementa il proprio parco fotovoltaico in Italia

    EF Solare Italia, joint-venture paritetica tra Enel Green Power (“EGP”) e il fondo infrastrutturale F2i nata per sviluppare e consolidare il mercato del fotovoltaico in Italia, annuncia l’accordo per l’acquisizione di dieci impianti fotovoltaici per 24 MW...

  • Ecomondo e Key Energy: a Rimini gli Stati Generali della Green Economy

    Dal 7 al 10 novembre appuntamento a Rimini con Ecomondo, la fiera di riferimento della green e circular economy, e Key Energy, l’evento delle energie rinnovabili per l’area mediterranea. Ecomondo e Key Energy ospiteranno nelle prime due...

  • Il biodiesel nasce dai liquami

    Quando il depuratore diventa un sistema produttivo ad alta resa e fa guadagnare soldi Leggi l’articolo

  • Tawaki, supporto dedicato per il Bando di incentivazione su sistemi di accumulo

    Tawaki ha attivato un team di supporto tecnico per chi desidera avere maggiori informazioni o partecipare al Bando che la Regione Lombardia ha recentemente pubblicato per promuovere l’accumulo domestico da abbinare ad impianti solari fotovoltaici. Il bando...

  • EBS, più spazio per l’energia da biomasse nella SEN

    Sono state avanzate le proposte da parte dell’Associazione Energia da Biomasse Solide (EBS) tramite un documento, trasmesso ai Ministeri dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dopo la recente pubblicazione della...

  • Meno emissioni di CO2 con la svolta digitale delle centrali elettriche

    Capgemini ha reso noti i risultati dello studio “The Digital Utility Plant: Unlocking value from the digitization of production”, condotto su 200 manager a livello dirigenziale o senior delle società impegnate nel settore delle utility a livello...

  • Bollette domestiche più leggere grazie a fotovoltaico e sistemi di accumulo

    La bolletta della luce non sarà più un male necessario: in nome dell’autoconsumo sarà possibile una maggior attenzione agli sprechi in ambiente domestico, ad esempio scoprendo guasti su apparecchi elettrici che generano consumi immotivati. E’ esattamente quanto...

  • Expo Astana 2017: l’Italia spinge l’economia circolare

    “Abbiamo in dote l’utilizzo delle materie prime e la forza di tecnologie sempre più avanzate per moltiplicarne l’effetto a beneficio di tutti; ma abbiamo anche la responsabilità di condividere le conoscenze, affinché diminuiscano gli eccessi di sfruttamento...

  • Energia, le professioni del futuro

    Il settore dell’energia è in continua crescita, soprattutto nel comparto delle energie rinnovabili, tant’è che solo in Italia si attendono investimenti pari a 9 miliardi annui per i prossimi tre decenni. Tutto ciò porterà alla creazione di...

  • Arrivano in Italia i primi impianti per la produzione di biometano agricolo

    Siglato un accordo quadro per la costruzione dei primi quattro impianti di biometano alimentati esclusivamente con reflui zootecnici, scarti e sottoprodotti di origine agricola in Italia. L’importante accordo per la realizzazione di questi primi impianti è stato...

Scopri le novità scelte per te x