Monitoraggio dell’aria “tascabile” con un mini sensore innovativo

Pubblicato il 1 febbraio 2018

Nei laboratori della Rete Alta Tecnologia dell’Emilia Romagna, coordinata da Aster, è stato creato uno strumento innovativo e compatto per il monitoraggio della qualità dell’aria, prodotto dall’azienda bolognese Pollution Analytical Equipment. Uno strumento per rilevare la presenza di benzene nell’aria anche a bassissime concentrazioni, con un sensore grande quanto una moneta da due euro, che funziona con pochissima energia e occupa complessivamente lo spazio di una scatola di biscotti. È il frutto di 15 anni di ricerche dell’Istituto per la Microelettronica e i Microsistemi (IMM) del CNR di Bologna svolte in collaborazione con il consorzio Proambiente, che fa parte della Rete Alta Tecnologia gestita da Aster, società della Regione Emilia-Romagna per l’innovazione e la ricerca industriale.

Il progetto di realizzazione di questo strumento è iniziato presso IMM CNR nel 2001 e nel 2016 Proambiente ha realizzato e testato sul campo un prototipo industriale (“TRL8”). L’innovazione del prodotto e le sue dimensioni, molto contenute rispetto al passato, hanno attirato l’interesse dell’azienda bolognese Pollution Analytical Equipment, specializzata in sistemi di analisi della qualità dell’aria, che ha lavorato da subito a un’evoluzione (“TRL9”) di questo strumento, da immettere sul mercato nei prossimi 8-12 mesi. Nel frattempo l’azienda di Budrio ha già iniziato a vendere la prima versione all’interno delle centraline di controllo della ‘Qualità dell’Aria Ambiente’ (outdoor).

“La realizzazione e l’introduzione sul mercato di questo strumento innovativo dimostra” – commenta Sandro Fuzzi Presidente del Consorzio Proambiente – “da un lato l’importanza della ricerca per l’innovazione di mercato e la competitività delle imprese e dall’altro la necessità di un dialogo e una collaborazione sempre più stretti fra imprese e ricerca, che la Rete Alta Tecnologia della Regione Emilia-Romagna sta favorendo”.

Il dispositivo, inserito da Pollution Analytical Equipment nelle centraline di controllo, ha due elementi di forte innovazione. Il primo è l’utilizzo di tecnologie di fabbricazione a semiconduttore (quelle utilizzate per costruire i microchip) per realizzare componenti miniaturizzati in silicio da inserire all’interno dello strumento di analisi gas-cromatografico. La seconda innovazione tecnologica è l’operabilità autonoma: non è, cioè, richiesto l’utilizzo di bombole esterne, molto costose e ingombranti, per fornire il gas di trasporto per effettuare le analisi. Questo è possibile perché il gas in questione è ottenuto campionando, l’aria ambiente, che viene successivamente filtrata.

Il dispositivo può essere utilizzato anche all’interno di un piccolo alloggiamento a temperatura controllata, con un alimentatore da 12V. Il picco massimo della potenza utilizzata è di 24W. La centralina è dotata di un allarme integrato e di un sistema per trasmissione dei dati che può essere integrato nelle reti di rilevamento wireless. Rispetto ai sistemi tradizionali di rilevamento della qualità dell’aria, si riduce quindi al minimo l’esigenza di manutenzione programmata.



Contenuti correlati

  • Gli UPS Masterys di Socomec sono sempre più smart

    Il più recente sviluppo della continua innovazione Socomec combina la collaudata e comprovata tecnologia degli UPS Masterys con le tecnologie “smart” per offrire prestazioni ineguagliabili in termini di affidabilità e livello di servizio. Equipaggiato per le “Smart...

  • Un innovativo tessuto che cattura l’inquinamento e purifica l’aria

    Engie e Anemotech hanno avviato una partnership per migliorare la qualità dell’aria riducendo l’inquinamento atmosferico generato principalmente dal traffico stradale, caldaie ed emissioni industriali. L’accordo permette di integrare nell’offerta di Engie i tessuti multistrato “The Breath” sviluppati...

  • Siemens Italia e Prelios Integra promuovono efficienza e digitalizzazione

    Siemens e Prelios Integra uniscono le forze: le due società inizieranno una collaborazione su progetti nell’ambito delle tecnologie digitali per gli edifici, puntando alla valorizzazione degli immobili attraverso il risparmio energetico e la building performance sustainability. L’8% dei...

  • Riqualificazione energetica con pompe di calore Thermics

    Una casa ereditata dai genitori, una porzione già ristrutturata e nuove esigenze hanno richiesto un adeguamento di spazi e struttura, le modalità dell’intervento dovevano inoltre consentire alla casa di essere luogo di memoria familiare e allo stesso...

  • Sei motivi per passare alla lettura automatica dei contatori

    Contributo a cura di Antonello Guzzetti, Country Manager di Qundis in Italia Per venire incontro ad uno stile di vita sempre più frenetico, in cui c’è sempre meno tempo da dedicare alla gestione della casa, anche un...

  • Delta: soluzioni intelligenti a risparmio energetico

    Delta, azienda che opera a livello mondiale nelle soluzioni Power e di gestione termica, durante la fiera Sicurezza ha presentato il proprio ampio portafoglio di soluzioni intelligenti a risparmio energetico per supportare la creazione di edifici intelligenti, sicuri ed...

  • Edifici green e mobilità elettrica: soluzioni intelligenti a risparmio energetico di Delta

    Delta rende disponibile un ampio portafoglio di soluzioni intelligenti a risparmio energetico per supportare la creazione di edifici intelligenti, sicuri ed a bassa emissione di carbonio, nonché l’infrastruttura per ricaricare i veicoli elettrici con prestazioni elevate. Il...

  • Energy Knowledge, la ricetta riccionese per l’efficienza energetica

    Nella cornice di Ecomondo – Key Energy, la Esco (Energy Service Company) riccionese Enarkè ha presentato il nuovo brand “Energy Knowledge”.  Per ridurre i consumi di energia e risparmiare occorre innanzitutto la conoscenza energetica, Energy Knowledge, il...

  • Danfoss, dispositivo di recupero energetico per applicazioni onshore e offshore

    In risposta alla sempre crescente domanda di risparmio energetico nei piccoli impianti di dissalazione a osmosi inversa (SWRO), Danfoss ha sviluppato il dispositivo di recupero energetico (ERD) di nuova generazione iSave 21, destinato ad applicazioni onshore e...

  • Impianti di riscaldamento: consumatori più informati e attenti al risparmio

    Che cosa si aspetta di trovare oggi il consumatore nel mercato degli impianti di riscaldamento? Come è cambiato il suo livello di conoscenza sui temi legati al risparmio energetico? Come percepisce l’innovazione che caratterizza oggi il panorama...

Scopri le novità scelte per te x