Materie plastiche a IdentiPlast 2015

Dalle materie plastiche i rifiuti e la circular economy: sostenibilità e crescita economica.

Pubblicato il 5 maggio 2015

Quale contributo può dare l’industria delle materie plastiche alla circular economy? Sostenibilità e crescita economica possono andare di pari passo? È possibile evitare che i rifiuti di plastica finiscano in discarica?

Questi alcuni degli interrogativi posti dalla 12° edizione di IdentiPlast, la conferenza internazionale sul riciclo e il recupero delle materie plastiche tenutosi a Roma, che riunisce 230 persone provenienti dal mondo delle istituzioni nazionali e internazionali, dalle associazioni legate al recupero e riciclo delle plastiche, i produttori, gli accademici e le Ong.

Il Ministro Gian Luca Galletti, nel suo messaggio di benvenuto, ha sottolineato l’importante ruolo rivestito dal riciclo della plastica in un’ottica di circular economy, in cui tutti devono fare la propria parte per sfruttare pienamente le risorse, riconoscerne il valore ed evitare il conferimento in discarica. Il Ministro ha espresso il proprio riconoscimento verso l’iniziativa, realizzata con il patrocinio del suo Ministero.

Daniele Ferrari, Presidente di PlasticsEurope Italia e Amministratore Delegato di Versalis, riallacciandosi a quanto detto dal Ministro, ha ricordato quanto il fine vita delle plastiche sia importante per uno sviluppo sostenibile dell’industria. “Il nostro primo dovere”, ha sottolineato Ferrari, “è avere un dialogo costruttivo con le istituzioni e con i legislatori, così da creare le giuste condizioni per raggiungere obiettivi ambientali e sociali che non compromettano la competitività”, Ferrari ha inoltre ricordato una delle principali iniziative promosse dall’industria delle plastiche a partire dal 2011, “Zero plastics to landfill”: “Dobbiamo continuare a lavorare in questa direzione a supporto della implementazione di un quadro legislativo in materia di rifiuti che valorizzi al meglio il fine vita delle plastiche”.

Roberto De Santis Presidente del Conai, il Consorzio Nazionale degli imballaggi, ha aggiunto: “Ritengo necessario sottolineare, soprattutto per le materie plastiche, l’importanza dell’innovazione di processo e di prodotto e quindi degli investimenti in ricerca e sviluppo. Per questo abbiamo deciso, in accordo con il Cnr, di finanziare progetti di ricerca legati al riciclo delle plastiche. Nelle fasi nascenti dell’economia circolare è la capacità di innovazione tecnologica che determina la velocità dello sviluppo”.

Helmut Maurer, della DG Ambiente della Commissione europea, ha messo a sua volta in evidenza alcuni aspetti chiave dell’ambizioso pacchetto Circular Economy su cui la Commissione sta lavorando e che sarà pronto in autunno: “È il momento di fare qualcosa, di avere dei riferimenti precisi, una legislazione che promuova gli investimenti e crei nuovi posti di lavoro”, ha detto Maurer.

IdentiPlast 2015 è stata organizzata da PlasticsEurope, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, in collaborazione con Versalis, American Chemistry Council (Acc), Plastic Waste Management Institute, Tokyo (Pwmi), Canadian Plastics Industry Association (Cpia), the European Plastics Recycling and Recovery Organisations (Epro); Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclaggio e il Recupero Imballaggi in Plastica Degli (Corepla) e Consorzio per il Recupero degli Imballaggi (Conai).

Organizzato fin dal 1997, inizialmente a Bruxelles, IdentiPlast nasce dall’idea che la plastica sia troppo preziosa per essere gettata via ed affronta i principali temi legati alla gestione dei rifiuti di plastica dando una panoramica di ciò che accade a livello mondiale.



Contenuti correlati

  • Capitan Acciaio insegna la raccolta differenziata agli italiani

    Capitan Acciaio è pronto a tornare nelle piazze italiane per educare grandi e bambini a una corretta raccolta differenziata. Cosa si può ottenere con il riciclo di 2.000 barattoli, 50 bombolette o 5 fusti in acciaio? Rispettivamente...

  • Enerbrain si occupa del restyling sostenibile di 8Gallery Lingotto

    Due giorni per tagliare i consumi del 35% e ridurre le emissioni di Co2 di 309 tonnellate: l’installazione dei sistemi Enerbrain ha rivoluzionato la gestione energetica del centro commerciale 8 Gallery Lingotto Torino. L’edificio, in origine uno...

  • Il riciclaggio dei rifiuti è sempre più digitalizzato

    Secondo una recente analisi di Frost & Sullivan intitolata The Impact of Digital Transformation on the Waste Recycling Industry, l’adozione di tecnologie avanzate, lo sviluppo di soluzioni digitali e nuovi modelli di business stanno creando nuove opportunità...

  • Impianto fotovoltaico con accumulo sotto controllo con la app Senec

    Visualizzare sempre ed ovunque le informazioni relative al proprio impianto fotovoltaico con accumulo: è possibile grazie all’app Senec, disponibile in una versione rinnovata ed arricchita sia per iOS che Android. L’app mostra la produzione dell’impianto fotovoltaico, l’energia...

  • Rinnovabili, Building Energy porta eolico e idroelettrico in Sudafrica

    Building Energy ha firmato a Johannesburg due Power Purchase Agreement con il Governo Sudafricano per la costruzione e la gestione di un impianto eolico da 147 MW a Roggeveld e di un impianto mini-idroelettrico da 4,7 MW...

  • Sistemi Danfoss nel nuovo stabilimento logistico di Lidl in Spagna

    La catena di supermercati Lidl ha recentemente aperto un nuovo stabilimento logistico nella città di Alcalá de Henares (Madrid), il decimo in Spagna e il più grande della società in Europa. Presso il sito lavoreranno inizialmente 100...

  • Soluzioni Sick per il monitoraggio continuo delle emissioni

    Spesso si è erroneamente portati a credere che solamente i più avanzati e digitalizzati sistemi per l’automazione di fabbrica possano accedere a super e iper-ammortamento, ma l’allegato A della Legge di Bilancio 2017 include, tra i dispositivi...

  • Circuiti stampati su carta, ecco l’elettronica del futuro

    Un foglio di carta e una semplice stampante a getto d’inchiostro: è tutto quello che, in uno scenario futuribile, potrebbe servire per fabbricare dispositivi di elettronica di consumo – come un telefonino o una radio – con...

  • IFAT 2018: ambiente e riciclo in scena a Monaco dal 14 al 18 maggio

    I 18 padiglioni del centro fieristico di Monaco di Baviera (200.000 mq) saranno utilizzati per la prima volta interamente occupati, dopo la ristrutturazione che ha impiegato due anni, in occasione di Ifat 2018, salone biennale internazionale dedicato...

  • La natura ispira l’innovazione tecnologica idrica

    Secondo le stime di Frost & Sullivan il fabbisogno idrico globale aumenterà fino a raggiungere il 40% entro il 2030. È quindi il momento di impegnarsi per garantire la disponibilità e una gestione sostenibile dell’acqua. La crescente...

Scopri le novità scelte per te x