Mammoet, gru per la manutenzione delle turbine eoliche

Pubblicato il 11 settembre 2017

Mammoet introduce due nuove gru specializzate per la costruzione e le attività di manutenzione delle turbine eoliche. Le due gru, rispettivamente la WTM 100 per la manutenzione e la WTA 250 per l’assemblaggio, utilizzano il pilone della turbina come punto di appoggio, permettendo il sollevamento e la discesa delle componenti ad altezza maggiori di quelle possibili con gli equipaggiamenti oggi in uso.  I produttori di turbine potranno in questo modo realizzare turbine eoliche più potenti, con altezze e dimensioni più grandi di quelle attuali.

L’industria dell’energia eolica persegue sempre maggiori economie di scala per ridurre il costo dell’energia elettrica prodotta. Dal momento che a parità di condizioni il vento è più intenso più ci si allontana dal suolo, le turbine continuano a crescere in altezza e, per gestire la maggiore forza del vento, la dimensione delle pale segue la stessa tendenza. In questo modo però si stanno raggiungendo i limiti fisici gestibili dalle gru convenzionali. La crescita delle dimensioni delle turbine ha anche un impatto negativo sull’efficienza delle attività di manutenzione. Mammoet, che nel settore riveste un ruolo di primo piano come fornitore di servizi di trasporto e sollevamento, da tempo aveva identificato queste tendenze ed ha quindi deciso di sviluppare due gru di nuovo tipo, una dedicata all’assemblaggio e l’altra alla manutenzione delle turbine eoliche.

La WTA 250 ha una portata di 250 tonnellate e viene sviluppata con la società di ingegneria MECAL, che si occupa della progettazione del pilone della turbina. La gru viene installata su di una rotaia sistemata sul fianco del primo segmento del pilone e usa la prima sezione come appoggio per sollevare la seconda. Una volta che la sezione è installata e dotata di un suo tratto di rotaia, la gru può spostarsi più in alto per ripetere il processo per tutte le restanti sezioni del pilone e le componenti della turbina. Una volta terminato l’assemblaggio, le rotaie possono essere rimosse o lasciate in loco per facilitare le future operazioni di manutenzione. Dal momento che la gru utilizza il pilone della torre come supporto, la massima altezza raggiungibile non ha limite.

Il principio di funzionamento della WTM 100 è simile a quello della WTA. La gru di manutenzione viene collegata a due agganci preinstallati ed è in grado di sollevarsi da sola con il proprio carico lungo il pilone della turbina.  La WTM 100 è dotata di artigli che “abbracciano” il pilone per garantire la stabilità durante la salita e gli interventi di manutenzione. Il suo utilizzo richiede modifiche minime. Può essere usata su turbine dotate di agganci di sollevamento e in alcuni casi  anche su turbine esistenti.

Entrambe le gru sono di dimensioni compatte. La WTM può essere trasportata smontata in due container standard, mentre la WTA richiede due trailer da trasporto stradale, rendendole più semplici da posizionare e ricollocare rispetto alle alternative convenzionali. Il processo di assemblaggio e sostituzione delle componenti diventa più veloce e meno costoso. Soprattutto, viene eliminato l’attuale limite di altezza, sia nella costruzione che nella manutenzione delle turbine. Oltre a questi vantaggi principali le nuove gru offrono maggiore sicurezza per due ordini di motivi. Utilizzando il pilone come appoggio, le due gru non poggiano sul terreno, eliminando la necessità di un ulteriore rinforzo del suolo. Inoltre, sia la torre che gli operatori sono vicini all’area di lavoro, rendendo sia l’assemblaggio che la manutenzione più sicuri e più semplici.



Contenuti correlati

  • Sistema di controllo del passo Moog per l’efficienza delle turbine eoliche

    Moog ha reso disponibile Moog Pitch System 3, una tecnologia per il controllo del passo di nuova generazione. I primi Moog Pitch System 3 sono già operativi in una centrale eolica in Brasile. L’innovativa soluzione è stata...

  • Da Morgan un portaspazzole migliorato per le turbine eoliche Vestas

    Morgan Advanced Materials ha ulteriormente migliorato la sua gamma di prodotti per il settore dell’energia eolica con l’aggiunta di un portaspazzole per gli utenti delle turbine eoliche delle serie da V52 a V80 Vestas. Progettati per sostituire...

  • Enerray aggiunge altri 60 MW al suo parco O&M

    Enerray, controllata di Seci Energia (Gruppo Industriale Maccaferri), si occuperà, per conto di GransolarGhella, società romana che sviluppa parchi fotovoltaici, della manutenzione completa di 35 impianti su terreno. Le installazioni, di potenza pari a 60 MW, sono...

  • Tecnologie Dassault Systèmes per la sostenibilità

    In occasione della COP21, la conferenza sul clima organizzata dalle Nazioni Unite a Parigi dal 30 novembre all’11 dicembre 2015, Dassault Systèmes illustrerà il ruolo delle tecnologie industriali e della realtà virtuale nello sviluppo di soluzioni per...

  • Air Clean: due importanti novità

    La prima novità di Air Clean riguarda il nuovo sito web, on line da settembre, che contiene informazioni complete sul ventaglio delle tecnologie utilizzate e le relative applicazioni, oltre alla mappa delle installazioni funzionanti e collaudate, alle...

  • Ener-G: cogenerazione finanziata per l’industria

    Ener-G fornitore protagonista in tutto il mondo di sistemi di cogenerazione e trigenerazione, presenta DEP – Discount Energy Purchase, il nuovo servizio di acquisto energia per gli impianti di cogenerazione. DEP prevede che i costi dell’installazione dell’impianto...

  • Il tour “Fai Spazio” di Ecolight a Coiltech

    Il tour di Fai Spazio arriva a nel Nord Est. In occasione di Coiltech, fiera per il settore dell’elettromeccanica, il 23 e 24 settembre il consorzio Ecolight ha presentato a Pordenone il servizio Fai Spazio per la...

  • Da Officinae Verdi OV|Sun2.0

    Recuperare efficienza e ridurre i costi di gestione, fino al 35%, integrando in una sola piattaforma tutti i servizi di gestione, controllo e manutenzione per i parchi fotovoltaici. È questo l’obiettivo di OV|Sun2.0 il nuovo progetto di...

  • I misuratori Ampere

    L’impiego industriale della tecnica di misura della portata con gli ultrasuoni, che utilizza il metodo a tempo di transito clamp-on con montaggio esterno alla tubazione, ha ormai superato il ventennio e i misuratori proposti da Ampere hanno...

  • Trasmettitore di portata ad effetto Coriolis

    “Il trasmettitore modello 5700 è stato progettato tenendo in considerazione l’approccio progettuale all’innovazione tecnologica di Emerson, che pone l’uomo al centro delle proprie considerazioni”, ha affermato Jason Leapley, product manager. “Abbiamo eseguito un test di usabilità per...

Scopri le novità scelte per te x