Lenti multifocali con le ‘microgocce’ di cristalli liquidi

Le gocce microscopiche ottenute possono avere importanti applicazioni nel solare fotovoltaico e nella fotografia grazie alla realizzazione di microlenti con focale variabile

Pubblicato il 24 maggio 2012

Ordinati come un cristallo ma fluidi come un liquido, i cristalli liquidi in particolari condizioni si organizzano in fasi intermedie che presentano le caratteristiche dello stato liquido e di quello solido, peculiarità che ne hanno permesso un larghissimo impiego per la costruzione di oggetti tecnologici di uso quotidiano. Basti pensare agli Lcd, i display a cristalli liquidi, per l’appunto, impiegati nella maggior parte di televisori e monitor, ma anche cellulari, I-phone, I-Pad.

Ricercatori dell’Istituto nazionale di ottica del Consiglio nazionale delle ricerche (Ino-Cnr) di Napoli guidati da Pietro Ferraro, in collaborazione con l’Istituto di chimica e tecnologia dei polimeri del Cnr (Ictp-Cnr) e con il Dipartimento di scienze fisiche dell’Università Federico II di Napoli, hanno avviato una ricerca per manovrare i cristalli liquidi in maniera del tutto innovativa. I risultati ottenuti sono stati pubblicati e selezionati tra gli Hot Topics dalla prestigiosa rivista della Wiley ‘Advanced Functional Materials’.

“Per la prima volta i cristalli liquidi sono stati frammentati in goccioline microscopiche che possono assemblarsi nuovamente in gocce più grandi tramite un processo reversibile”, spiega Simonetta Grilli dell’Ino-Cnr. “In particolare le ‘goccioline’ possono diventare microlenti con focale variabile in grado di offrire inaspettate soluzioni in fotografia, per mettere contemporaneamente a fuoco oggetti a diverse profondità, e nel fotovoltaico, per catturare la luce solare da qualunque angolazione con una lente di forma sferica. Altre applicazioni si aprono in sensoristica e nelle nano e biotecnologie”.

“La ricerca è partita dall’idea di manovrare a piacimento piccole quantità di queste sostanze”, afferma Francesco Merola dell’Ino-Cnr. “Per concretizzarla abbiamo depositato delle goccioline di cristallo liquido su un substrato di niobato di litio appositamente preparato e ricoperto con un particolare polimero, il polidimetilsiloxano, o pdms. Sfruttiamo una variazione di temperatura per generare il campo elettrico invece di applicarlo dall’esterno: nessuno, fino ad ora, aveva mai pensato a una tecnica del genere”.

La scoperta è la conseguenza di una ricerca avviata presso l’Istituto Cnr di Napoli già da due anni e ha dato frutti significativi sia con pubblicazioni in riviste quali ‘Nature Nanotechnology’ e ‘Proceeding of National Academy of Science’, sia con brevetti internazionali.
 

Istituto Nazionale di Ottica del CNR



Contenuti correlati

  • ABB a BergamoScienza 2015

    ABB partecipa per il terzo anno consecutivo a BergamoScienza, la nota rassegna di divulgazione scientifica giunta alla tredicesima edizione, in corso dal 2 al 18 ottobre. Oltre che come pubblico, i giovani sono protagonisti in prima persona...

  • Dall’Austria innovative celle solari ultrasottili

    Gli scienziati dell’Università di Linz in Austria hanno presentato una nuova generazione di celle solari costituite da una lamina sottilissima che fornisce una quantità di elettricità per chilogrammo di peso dieci volte superiore rispetto alle celle convenzionali,...

  • Ans e Nanoforum per l’innovazione nanotech

    Nanoforum è dal 2005 la prima mostra-convegno italiana nata con l’obiettivo di trasferire la conoscenza dal mondo della ricerca alle imprese – Pmi in particolare – nel settore delle micro e nanotecnologie, favorendo il lancio di nuovi...

  • Materie prime strategiche: doppia vittoria italiana

    Doppia vittoria italiana sul fronte della creazione di nuove imprese e occupazione. Il consorzio internazionale “RawMatTERS”, al quale partecipano Enea con alcune università e industrie nazionali, ha vinto il bando per un progetto europeo da 2 miliardi...

  • Bicocca si aggiudica il bando europeo per la ricerca sulle materie prime

    Con cinque milioni di euro attesi nei primi 3 anni dalla Commissione Europea e altri 15 investiti in proprio, l’Università di Milano-Bicocca è core partner della Knowledge Innovation Community (KIC) raccolta nel consorzio europeo (RawMatTERS – RawMaterials...

  • Enea: Stato e prospettive del fotovoltaico in Italia

    Nel 2013 il mercato globale di energia prodotta da fotovoltaico ha registrato un aumento di circa il 23% rispetto al 2012, passando da 30 a 37 GW. L’avvio di programmi dedicati al fotovoltaico promossi dalla Commissione Europea...

  • Cella fotovoltaica del futuro con la spintronica

    È stata sviluppata dai ricercatori del Dipartimento di Fisica del Politecnico di Milano, in collaborazione con l’Istituto di Fotonica e Nanotecnologie del CNR, la cella fotovoltaica di spin. Lo studio “Spin voltage generation through optical excitation of...

  • Althesys: l’analisi Irex sui 50 maggiori operatori internazionali

    Acquisto di impianti eolici e solari, diversificazione internazionale su mercati emergenti, razionalizzazione gestionale ed innovazione tecnologica. Sono questi gli ingredienti della ricetta che le maggiori imprese mondiali delle energie rinnovabili hanno utilizzato per far fronte alla crisi...

  • Premio Assiteca 2013: premiate le aziende vincitrici

    Sono Isagro e Petroltecnica, rispettivamente per la categoria Grandi Imprese e Piccole e Medie Imprese, le vincitrici del Premio Assiteca 2013 che ha trattato il tema “Politiche, processi e procedure per garantire la Compliance aziendale e migliorare...

  • Talesun realizza un parco solare da 14 MW in Calabria

    Talesun Solar, uno dei principali produttori internazionali di moduli e celle fotovoltaiche di elevata qualità, ha concluso un progetto su larga scala nella città calabrese di Girifalco. L’installazione, della capacità di 14,3 MW, contribuisce ad affermare la...

Scopri le novità scelte per te x