La degradazione delle zone umide nel Sahel contribuisce alla migrazione verso l’Europa

Pubblicato il 5 maggio 2017

Wetlands International ha lanciato un rapporto con lo scopo di fare luce sulla relazione tra ecosistemi delle zone umide e migrazione umana involontaria nella regione africana del Sahel. Intitolato “ Water Shocks: Zone Umide e migrazione nel Sahel”, la pubblicazione esamina come la scarsa gestione dell’acqua conduca alla degradazione di ecosistemi e non è considerata come causa della migrazione umana, incluso l’Europa.

Spostamenti e conflitti sono comuni nel Sahel. Ad esempio, intorno al Lago Ciad, la rivolta di Boko Haram ha dislocato piu di 2.3 milioni di persone da metà 2013, di cui 1.3 milioni di bambini. Il bacino del Lago Ciad ha perso il 95% della sua superficie a causa dell’estrazione di acqua per irrigazione e i giovani di questa regione, non avendo opportunità, si uniscono a gruppi armati.

“Le organizzazioni umanitarie hanno bisogno di integrare il proprio lavoro con attori che si occupano di ambiente e sviluppo per trovare soluzioni durature. Abbiamo bisogno di comprendere meglio i complessi e multisfaccettati fattori della migrazione involontaria, dei conflitti sociali e della povertà, che possono avere radici nell’esaurimento delle risorse naturali”, ha concluso Juriaan Lahr, Capo delle Operazioni Internazioni presso la Croce Rossa Olandese.

L’Unione Europea sta finanziando con 80 milioni di euro un piano cinquennale per supportare la gestione dei rischi da disastri in Africa Sub-Sahariana. Entro il 2020 l’Unione Europea e il continente africano hanno pianificato di aumentare l’efficienza energetica e l’uso delle rinnovabili costruendo 10.000 MW di impianti idroelettrici.

Secondo le Nazioni Unite, ci sono 20 milioni di persone nel Sahel a rischio insicurezza alimentare, principalmente per carenza di acqua. Se i piani di sviluppo per la produzione di energia idroelettrica e per progetti di irrigazione non posizionano gli ecosistemi al centro di strategie di sviluppo nazionali e regionali, l’Europa e altre nazioni non riusciranno a raggiungere i loro obiettivi per uno sviluppo sostenibile.

“Portare avanti uno sviluppo inclusivo e sostenibile nel Sahel è una priorità urgente e globale. Questo potrà essere raggiunto solo attraverso un cambiamento dei tradizionali paradigmi di sviluppo e di schemi di infrastrutture (Hard) che rovinano l’idrologia naturale della regione. Proteggere e risanare le risorse naturali di base è essenziale per aumentare la produttività di acqua e cibo e fornire strategie di sostentamento per resistere ai cambiamenti climatici. In questo contesto, le zone umide come pianure alluvionali e laghi sono disproporzionatamente importanti, specialmente per le persone più svantaggiate della regione”, ha detto Jane Madgwick, CEO di Wetlands International.



Contenuti correlati

  • Più sostenibilità con il trattamento decentralizzato di rifiuti e acque reflue

    I rigidi standard governativi per gli effluenti, il boom della popolazione, la crescente industrializzazione in luoghi isolati e gli eccessivi volumi di rifiuti e acque reflue prodotti hanno evidenziato la necessità di tecnologie sostenibili, affidabili e convenienti...

  • Moog: pompe a pistoni radiali ad alta pressione

    Moog introduce la serie di pompe a pistoni radiali RKP ad alta pressione. Con una pressione di esercizio fino a 350 bar e un limite di picco di 420 bar, l’ultima generazione di RKP è ideale per...

  • Energy Manager, figura professionale per l’efficienza energetica

    Quella dell’Energy Manager è spesso una figura sconosciuta al grande pubblico. A metterla in evidenza è Avvenia, che vuole sensibilizzare l’opinione pubblica sui ruoli e competenze di questa figura professionale che si occupa dell’analisi, del monitoraggio e...

  • Smart metering evoluto con My Next Meter

    Sorgenia e Acotel Net hanno siglato un accordo di collaborazione per offrire ai clienti business dell’operatore energetico un dispositivo di smart metering evoluto. My Next Meter consente, infatti, di monitorare i propri consumi e di intervenire per...

  • Sostenibilità ambientale, l’impegno di Sanpellegrino

    Sanpellegrino ha pubblicato il primo Rapporto sulla creazione di valore condiviso che illustra l’impegno dell’azienda per la cura di una risorsa preziosa come l’acqua, dalla fonte alla tavola e oltre. Il Gruppo genera benefici tangibili sotto il...

  • Bollette domestiche più leggere grazie a fotovoltaico e sistemi di accumulo

    La bolletta della luce non sarà più un male necessario: in nome dell’autoconsumo sarà possibile una maggior attenzione agli sprechi in ambiente domestico, ad esempio scoprendo guasti su apparecchi elettrici che generano consumi immotivati. E’ esattamente quanto...

  • A Mitsubishi Electric il cooling del data center proRZ di Monaco

    Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, con il suo brand RC, ha fornito le unità per il raffreddamento al Data Center proRZ a Monaco di Baviera, in Germania. ProRZ, parte di Data Center Group che offre...

  • Lombardia, Lazio e Toscana sul podio dell’efficienza energetica

    Ecco, regione per regione, la mappa 2017 dell’efficienza energetica. Analizzando a livello regionale il numero di progetti di efficientamento energetico portati avanti durante il 2017, Avvenia ha stilato una nuova graduatoria che vede la Lombardia al primo...

  • UPS trifase Keor HPE Legrand ad alta efficienza e basso TCO

    Keor HPE di Legrand è l’UPS progettato per ridurre le perdite e abbattere i costi di gestione. Gli elevati rendimenti e la presenza di diverse modalità di funzionamento a risparmio energetico garantiscono bassi costi operativi. La tecnologia...

  • Accordo Avvenia-Terna per l’efficienza energetica

    Avvenia e Terna, tramite la sua controllata Terna Plus, hanno formalizzato una partnership con l’obiettivo di individuare ed implementare insieme nuove opportunità commerciali per servizi ed interventi in materia di efficienza energetica. Questo nuovo accordo commerciale consentirà...

Scopri le novità scelte per te x