La degradazione delle zone umide nel Sahel contribuisce alla migrazione verso l’Europa

Pubblicato il 5 maggio 2017

Wetlands International ha lanciato un rapporto con lo scopo di fare luce sulla relazione tra ecosistemi delle zone umide e migrazione umana involontaria nella regione africana del Sahel. Intitolato “ Water Shocks: Zone Umide e migrazione nel Sahel”, la pubblicazione esamina come la scarsa gestione dell’acqua conduca alla degradazione di ecosistemi e non è considerata come causa della migrazione umana, incluso l’Europa.

Spostamenti e conflitti sono comuni nel Sahel. Ad esempio, intorno al Lago Ciad, la rivolta di Boko Haram ha dislocato piu di 2.3 milioni di persone da metà 2013, di cui 1.3 milioni di bambini. Il bacino del Lago Ciad ha perso il 95% della sua superficie a causa dell’estrazione di acqua per irrigazione e i giovani di questa regione, non avendo opportunità, si uniscono a gruppi armati.

“Le organizzazioni umanitarie hanno bisogno di integrare il proprio lavoro con attori che si occupano di ambiente e sviluppo per trovare soluzioni durature. Abbiamo bisogno di comprendere meglio i complessi e multisfaccettati fattori della migrazione involontaria, dei conflitti sociali e della povertà, che possono avere radici nell’esaurimento delle risorse naturali”, ha concluso Juriaan Lahr, Capo delle Operazioni Internazioni presso la Croce Rossa Olandese.

L’Unione Europea sta finanziando con 80 milioni di euro un piano cinquennale per supportare la gestione dei rischi da disastri in Africa Sub-Sahariana. Entro il 2020 l’Unione Europea e il continente africano hanno pianificato di aumentare l’efficienza energetica e l’uso delle rinnovabili costruendo 10.000 MW di impianti idroelettrici.

Secondo le Nazioni Unite, ci sono 20 milioni di persone nel Sahel a rischio insicurezza alimentare, principalmente per carenza di acqua. Se i piani di sviluppo per la produzione di energia idroelettrica e per progetti di irrigazione non posizionano gli ecosistemi al centro di strategie di sviluppo nazionali e regionali, l’Europa e altre nazioni non riusciranno a raggiungere i loro obiettivi per uno sviluppo sostenibile.

“Portare avanti uno sviluppo inclusivo e sostenibile nel Sahel è una priorità urgente e globale. Questo potrà essere raggiunto solo attraverso un cambiamento dei tradizionali paradigmi di sviluppo e di schemi di infrastrutture (Hard) che rovinano l’idrologia naturale della regione. Proteggere e risanare le risorse naturali di base è essenziale per aumentare la produttività di acqua e cibo e fornire strategie di sostentamento per resistere ai cambiamenti climatici. In questo contesto, le zone umide come pianure alluvionali e laghi sono disproporzionatamente importanti, specialmente per le persone più svantaggiate della regione”, ha detto Jane Madgwick, CEO di Wetlands International.



Contenuti correlati

  • Social Housing, il Bosco Verticale conquista anche Eindhoven

    Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di architetture sostenibili nel mondo. Dopo i progetti di Bosco Verticale di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e dopo la diffusione globale del video/appello per la Forestazione...

  • Riello UPS assicura continuità nell’alimentazione alla Nuvola di Fuksas a Roma

    Riello UPS ha fornito i propri UPS per la protezione dell’energia del Roma Convention Center ‘La Nuvola’, l’avveniristico centro congressi della Capitale progettato dall’architetto italiano Massimiliano Fuksas e caratterizzato da un approccio ecocompatibile, soluzioni innovative e tecnologie...

  • Solidpower ha prodotto il millesimo Bluegen

    Il produttore di celle a combustibile Solidpower ha prodotto il millesimo Bluegen. Questo traguardo è molto importante nella storia della giovane azienda, attiva a livello globale, che con i suoi micro-cogeneratori offre un’alternativa sostenibile alle fonti energetiche...

  • Siemens Italia e Prelios Integra promuovono efficienza e digitalizzazione

    Siemens e Prelios Integra uniscono le forze: le due società inizieranno una collaborazione su progetti nell’ambito delle tecnologie digitali per gli edifici, puntando alla valorizzazione degli immobili attraverso il risparmio energetico e la building performance sustainability. L’8% dei...

  • Schneider Electric accelera la lotta al cambiamento climatico

    Schneider Electric supporta e accelera la lotta comune al cambiamento climatico, come dichiarato in occasione dell’evento One Planet Summit. A due anni dal giorno in cui fu adottato l’Accordo di Parigi, e poco dopo COP23, il Presidente della...

  • L’Intelligenza Artificiale di Microsoft per la sostenibilità ambientale

    In occasione del secondo anniversario dell’Accordo di Parigi sul clima, Brad Smith, President e Chief Legal Officer di Microsoft, ha annunciato l’espansione del programma Microsoft AI for Earth, confermando un investimento da parte di Microsoft di 50...

  • Riqualificazione energetica con pompe di calore Thermics

    Una casa ereditata dai genitori, una porzione già ristrutturata e nuove esigenze hanno richiesto un adeguamento di spazi e struttura, le modalità dell’intervento dovevano inoltre consentire alla casa di essere luogo di memoria familiare e allo stesso...

  • Sei motivi per passare alla lettura automatica dei contatori

    Contributo a cura di Antonello Guzzetti, Country Manager di Qundis in Italia Per venire incontro ad uno stile di vita sempre più frenetico, in cui c’è sempre meno tempo da dedicare alla gestione della casa, anche un...

  • Acqua, agricoltura ed energia: fronte comune contro i cambiamenti climatici

    L’acqua è un connettore di vari settori, poiché tutti hanno bisogno dell’acqua per operare in maniera sostenibile. I collegamenti indissolubili tra acqua, energia e cibo richiedono un approccio a 360° per garantire acqua e cibo sicuri, nonché...

  • Teleriscaldamento super efficiente per Tor di Valle

    GE e Cefla SC hanno completato in anticipo l’ammodernamento, con le tecnologie più efficienti e all’avanguardia, dell’impianto di cogenerazione di Acea di Tor di Valle, oggi dotato di due motori a gas Jenbacher J920 FleXtra di GE....

Scopri le novità scelte per te x