Kellogg al fianco dei risicoltori italiani per colture più produttive e sostenibili

Pubblicato il 16 maggio 2017

Dopo due anni continua con successo in Italia Kellogg’s Origins, il progetto promosso da Kellogg per aiutare i risicoltori a focalizzarsi su pratiche di Climate Smart Agriculture e per aumentare le produzioni, con un minore impatto sull’uso delle risorse naturali.

Il progetto è già stato implementato con successo in Gran Bretagna e in Spagna, e continua a sostenere gli agricoltori attraverso questo programma in altri paesi in diverse parti del mondo. Nel 2015 Kellogg’s Origins è sbarcato in Italia, con il supporto delle riserie Mundi Riso, Euricom e con l’aiuto di un partner chiave come Ente Nazionale Risi- Settore di Agronomia del Centro Ricerche sul Riso.

Per potenziare il progetto dedicato al supporto della risicoltura in Italia, nella primavera del 2016 Kellogg ha deciso di aderire al progetto SAIRISI, promosso da SAI Platform – organizzazione creata dall’industria alimentare per comunicare e sostenere attivamente lo sviluppo di un’agricoltura sostenibile. Partnership che coinvolge le diverse aziende membri di SAI Platform e Ente Nazionale Risi. Obiettivo principale è quello di promuovere il riso sostenibile che viene coltivato attraverso la collaborazione con gli agricoltori, riserie, rivenditori e aziende alimentari nell’area sud-ovest di Milano.

Il programma ha visto coinvolti circa 20 risicoltori, e 2 di loro stanno portando avanti campi sperimentali per comparare la produzione “standard” con quella effettuata con le migliori pratiche agronomiche suggerite da Kellogg ed Ente Risi. A seguito dei training, dei monitoraggi e delle pratiche implementate, dopo il primo anno (2015-16) i raccolti mostravano un incremento nella produzione tra il 4 e l’8% rispetto alla resa media e una riduzione nell’utilizzo dei fertilizzanti chimici.

Il programma Origins ha offerto ai risicoltori coinvolti, sessioni di training – organizzate e svolte da SAIRISI – riguardanti raccomandazioni sull’utilizzo dei fertilizzanti, l’analisi dei terreni, la semina, la gestione delle acque, metodi di identificazione e controllo delle infestanti, parassiti e malattie, e ha previsto il supporto constante di Ente Risi nel seguire i raccolti. Inoltre, grazie alla collaborazione con MundiRiso ed Euricom, i coltivatori coinvolti hanno la possibilità di confrontarsi con tecnici agronomi, a cui chiedere informazioni o da cui ricevere raccomandazioni e indicazioni. In buona sostanza, un vero e proprio piano di formazione e consulenza indirizzato a tecnici e agricoltori per estendere queste buone pratiche agronomiche in modo che da ottimizzare le risorse a disposizione, migliorare la redditività delle colture e ridurre l’impatto ambientale.

Questo programma non include solo training e supporto di Ente Risi nell’analizzare e valutare i raccolti, ma anche la creazione di un vero e proprio network e di un condivisione di informazioni e casi di successo tra i risicoltori, Ente Risi, Mundi Riso ed Euricom. All’interno di questo piano, il 29 marzo si è tenuta una nuova giornata di aggiornamento tra tutti i risicoltori coinvolti per parlare dei risultati del programma, delle esperienze effettuate, degli aggiornamenti del progetto e per visitare le riserie. L’incontro è stato reso ancora più concreto dalla testimonianza dei due agricoltori con i campi pilota che hanno raccontato cosa hanno fatto, le tecniche utilizzate, le difficoltà incontrate e i risultati ottenuti, offrendo così un punto di vista più ampio agli agricoltori che si sono da poco uniti al progetto.

“Con questo progetto Kellogg punta a migliorare la qualità delle materie prime – i cereali – in maniera sostenibile e aiutare i produttori a migliorare le loro pratiche agronomiche e garantire così ai propri consumatori un alimento per la prima colazione di alta qualità, sano e prodotto nel rispetto dell’ambiente” ha commentato Haaye Boonstra Responsible Sourcing Manager Kellogg Europe. “Origins è un progetto a lungo termine parte del programma Breakfasts for Better Days – da poco rilanciato – che ha l’obiettivo di donare 3 miliardi di better days, giorni migliori, entro il 2025; e un obiettivo specifico di questo progetto è proprio il supporto a 500.000 coltivatori nel mondo”.

Per il 2017 il focus del programma Kellogg’s Origins sarà interamente sull’implementazione di pratiche per ridurre i gas serra e di pratiche rivolte a una maggiore efficienza nell’uso dei nutrienti (concimi).



Contenuti correlati

  • Danfoss in prima linea per le problematiche degli impianti di raffreddamento

    La Commissione Economica dell’ONU per l’Europa ha stimato che entro il 2050 la popolazione mondiale raggiungerà circa 9 miliardi, il 70% dei quali vivrà in città, il che equivale ad avere 235 città in più della dimensione...

  • Puntare sulla sostenibilità del riscaldamento domestico e della mobilità

    “La decisione di puntare su uno sviluppo ecosostenibile deve anzitutto essere ispirata da motivi di carattere socio-sanitario, prima che economici: respirare un’aria pulita è nell’interesse di tutti e adottare misure strutturali che contrastino l’inquinamento atmosferico, che durante...

  • EBS, più spazio per l’energia da biomasse nella SEN

    Sono state avanzate le proposte da parte dell’Associazione Energia da Biomasse Solide (EBS) tramite un documento, trasmesso ai Ministeri dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dopo la recente pubblicazione della...

  • Più sostenibilità con il trattamento decentralizzato di rifiuti e acque reflue

    I rigidi standard governativi per gli effluenti, il boom della popolazione, la crescente industrializzazione in luoghi isolati e gli eccessivi volumi di rifiuti e acque reflue prodotti hanno evidenziato la necessità di tecnologie sostenibili, affidabili e convenienti...

  • Smart metering evoluto con My Next Meter

    Sorgenia e Acotel Net hanno siglato un accordo di collaborazione per offrire ai clienti business dell’operatore energetico un dispositivo di smart metering evoluto. My Next Meter consente, infatti, di monitorare i propri consumi e di intervenire per...

  • Sostenibilità ambientale, l’impegno di Sanpellegrino

    Sanpellegrino ha pubblicato il primo Rapporto sulla creazione di valore condiviso che illustra l’impegno dell’azienda per la cura di una risorsa preziosa come l’acqua, dalla fonte alla tavola e oltre. Il Gruppo genera benefici tangibili sotto il...

  • ENEA con Environment Park per progetti di eco-innovazione

    Realizzare progetti e iniziative congiunte nel campo della ricerca, dell’innovazione, dell’assistenza tecnica e della formazione in settori di comune interesse, con particolare riferimento ai temi dell’energia, dell’ambiente e dell’efficienza energetica negli usi finali. E’ questo il principale...

  • Frost & Sullivan, in crescita le innovazioni per la gestione dell’energia

    La domanda di energia efficiente e sostenibile si sta intensificando in seguito all’aumento globale degli standard di vita, della digitalizzazione e della crescita economica. I progressi tecnologici nelle piattaforme di gestione, le soluzioni di automazione e di...

  • Bestack premia le idee “sostenibili” dei bambini

    Bestack, il consorzio non profit di ricerca dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta, promuove da alcuni anni nelle scuole elementari italiane il Progetto delle Buone Idee, un’iniziativa ludico didattica nata con lo scopo...

  • Fa tappa a Bologna la scuola per contrastare i cambiamenti climatici

    38 giovani provenienti dalle università di tutta Europa hanno studiato a Bologna soluzioni e nuovi business per il contrasto ai cambiamenti climatici. Alla fine del percorso di studi, i partecipanti dovranno elaborare un proprio progetto di impresa...

Scopri le novità scelte per te x