Italia: l’impegno e i primi risultati dopo l’Accordo di Parigi

Pubblicato il 14 novembre 2016

A Sud e il CDCA – Centro di documentazione sui conflitti ambientali hanno presentato il dossier “L’Italia vista da Parigi – Impegni internazionali e politiche nazionali per la lotta ai cambianti climatici”. Il dossier è l’occasione per fare il punto sulle ultime evidenze scientifiche, sul futuro dell’Accordo e sull’adeguatezza delle politiche messe in campo dall’Italia rispetto agli impegni assunti in sede internazionale.

Secondo Marica di Pierri, presidente del CDCA e curatrice del Rapporto: “L’Italia ha ratificato l’Accordo soltanto lo scorso 27 ottobre, in ritardo rispetto ai principali Paesi europei e questo incomprensibile ritardo non permetterà al nostro governo di avere diritto di voto durante la Prima Conferenza delle parti firmatarie dell’Accordo di Parigi (CMA1) che si svolgerà a Marrakech dal 15 al 18 novembre, ma solo di partecipare come osservatore. Il dossier presentato in Conferenza Stampa alla Camera dei Deputati analizza alcuni dei principali provvedimenti del governo in materia, tra cui il decreto Sblocca Italia, il decreto Spalma Incentivi, il decreto Inceneritori e spiega perché le politiche infrastrutturali, energetiche e di gestione dei rifiuti varate da Renzi sono in assoluta contraddizione con gli impegni di riduzione (pari per l’Italia a -33% delle emissioni nazionali entro il 2030) assunti nell’ambito dell’Accordo di Parigi“.

Tosca Ballerini, ricercatrice del CDCA, dichiara: “La rivoluzione energetica in corso non basterà a contrastare la febbre del Pianeta, sono necessari interventi più decisi da parte dei governi. Lo dice la stessa Banca Mondiale.”

Tra i rappresentanti delle realtà sociali, Francesca Rocchi della Coalizione Clima, rete di associazioni impegnate sulle questioni climatiche che sarà presente a Marrakech e di cui anche A Sud è parte, afferma: “La COP22 si celebra nel continente caratterizzato dal maggior grado di ingiustizia climatica: è il continente che meno ha contribuito ai cambiamenti climatici in termini di emissioni ma quello che più conseguenze paga in termini ambientali, sociali ed economici. L’Italia sarà a Marrakech con una folta delegazione che seguirà i lavori del vertice Onu, consapevole dell’importanza della pressione della società civile per l’implementazione corretta dei contenuti dell’Accordo.”



Contenuti correlati

  • Planisfera, l’acqua 4.0 made in Italy è realtà grazie al crowdfunding

    Acqua dalla purezza primordiale, prodotta e distribuita a impatto zero: è Planisfera, il progetto italiano che attraverso un’avanzatissima  tecnologia 4.0  di affinamento dell’acqua, ispirata alla natura e alimentata con energia 100% rinnovabile, consente di ottenere diverse tipologie...

  • Solidpower ha prodotto il millesimo Bluegen

    Il produttore di celle a combustibile Solidpower ha prodotto il millesimo Bluegen. Questo traguardo è molto importante nella storia della giovane azienda, attiva a livello globale, che con i suoi micro-cogeneratori offre un’alternativa sostenibile alle fonti energetiche...

  • Tre modi economicamente efficienti per rispettare l’Accordo di Parigi

    Le imprese sono pronte ad aiutare nazioni e città a rispettare gli impegni presi durante l’Accordo di Parigi con soluzioni economicamente efficienti. La Conferenza COP 23 di Bonn rappresenta il momento per passare all’azione e di trasformare...

  • Schneider Electric accelera la lotta al cambiamento climatico

    Schneider Electric supporta e accelera la lotta comune al cambiamento climatico, come dichiarato in occasione dell’evento One Planet Summit. A due anni dal giorno in cui fu adottato l’Accordo di Parigi, e poco dopo COP23, il Presidente della...

  • L’Intelligenza Artificiale di Microsoft per la sostenibilità ambientale

    In occasione del secondo anniversario dell’Accordo di Parigi sul clima, Brad Smith, President e Chief Legal Officer di Microsoft, ha annunciato l’espansione del programma Microsoft AI for Earth, confermando un investimento da parte di Microsoft di 50...

  • Svizzera, in funzione la ricarica flash ABB per bus elettrici

    La tecnologia ABB di ricarica flash in 20 secondi è un tema di attualità in questi giorni. Due autobus elettrici articolati, i primi al mondo nel loro genere, sono entrati infatti in servizio sulla linea di autobus...

  • Acqua, agricoltura ed energia: fronte comune contro i cambiamenti climatici

    L’acqua è un connettore di vari settori, poiché tutti hanno bisogno dell’acqua per operare in maniera sostenibile. I collegamenti indissolubili tra acqua, energia e cibo richiedono un approccio a 360° per garantire acqua e cibo sicuri, nonché...

  • Elettrificazione, Danfoss acquisisce Visedo

    Danfoss continua a investire nelle innovazioni finalizzate alla crescita con l’acquisizione di Visedo, specializzato nelle soluzioni elettriche per veicoli pesanti e mezzi marittimi. Con questa operazione, Danfoss risponde alla domanda crescente di soluzioni elettriche per ridurre le emissioni...

  • L’acqua al centro delle possibili soluzioni ai cambiamenti climatici

    Nonostante la gestione delle risorse idriche sia una problematica soprattutto a livello locale, le conseguenze di una mala gestione ha anche ricadute sul piano globale. Acqua e clima sono strettamente connessi, così come lo sono lo sviluppo...

  • Water Action Day: l’acqua come soluzione

    Durante il Water Action Day che si è tenuto il 10 novembre a Bonn si è parlato del fatto che nonostante la gestione delle risorse idriche sia una problematica soprattutto a livello locale, le conseguenze di una...

Scopri le novità scelte per te x