Ingegneri energetici: le competenze universitarie incontrano le richieste delle aziende?

Un’indagine, quantitativa e qualitativa, misura la preparazione degli ingegneri energetici del Politecnico di Milano, valutandone le competenze acquisite in relazione all’inserimento lavorativo nel settore, in continua espansione, dell’energia

Pubblicato il 10 marzo 2011

Risultano essere occupati professionalmente in gran parte con un contratto a tempo indeterminato. Nel giro di 2 mesi e mezzo dal conseguimento della laurea riescono a trovare un impiego. Vivono e lavorano soprattutto in Italia nel settore della fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata per aziende private. Hanno, nella maggior parte dei casi, conseguito la laurea specialistica magistrale e conoscono almeno una lingua straniera. Le loro conoscenze universitarie e le abilità specifiche sono più sviluppate delle competenze relazionali e gestionali. Non trovano particolari difficoltà ad inserirsi in un ambiente di lavoro e ritengono che i corsi universitari seguiti siano stati utili per il tipo di lavoro in cui sono impiegati e, quindi, li consiglierebbero ai loro amici.

È questo il profilo che emerge da un’indagine realizzata da Fondazione Politecnico di Milano, Dipartimento di Energia del Politecnico di Milano e Assolombarda, su un campione di circa 200 tra ingegneri e studenti in corsi di ingegneria energetica, di cui il 54% laureati e lavoratori, l’11% studenti laureandi che stanno maturando o hanno già maturato esperienze professionali e il 35% studenti senza alcuna esperienza lavorativa. Tra chi possiede il titolo di laurea, quasi il 90% ha conseguito al Politecnico di Milano quello in ingegneria energetica, una minoranza, invece, in ingegneria nucleare e in ingegneria meccanica.

Il corso di laurea in ingegneria energetica è nato, per primo, al Politecnico di Milano nel 2000. La ricerca è stata condotta tra i laureati, dai primi ad avere conseguito il titolo nel 2003 ad oggi. L’indagine mette a confronto le aspettative e le attese dei giovani con le esigenze delle imprese. Sono valutate la competenza e le conoscenze acquisite nel percorso di studio in relazione all’inserimento nella realtà produttiva in un settore, come quello dell’energia, di grande attualità e in continuo divenire dal punto di vista tecnico e culturale.

In particolare, oltre a fotografare lo scenario e lo spettro delle possibili occupazioni per un ingegnere energetico, è stata riservata una forte attenzione all’analisi dell’efficacia del percorso formativo. Il cuore della ricerca è rappresentato dai dati relativi a condizione occupazionale, formazione ed esperienza di laureati occupati o studenti che hanno maturato esperienze lavorative. Tra chi ha già fatto il suo ingresso nel mercato del lavoro: il 61,1% ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato; il 12,1% ha un contratto a tempo determinato; il 7,4% ha un contratto di stage post-laurea; il 5,6% ha intrapreso la professione del libero professionista; il 4,6% è occupato con un contratto di apprendistato; il 6,5% è in cerca di una prima occupazione; l’1,9% è disoccupato e in cerca di un nuovo lavoro.

L’86,4% lavora in Italia e nel 91% dei casi le aziende appartengono al settore privato. L’ultima retribuzione netta mensile percepita: dal 32,1% degli ingegneri considerati dall’indagine è compresa in un range che va da 1.500 a 2.000 euro; seguito da un altrettanto 32,1% di ingegneri il cui ultimo stipendio va dai 1.000 ai 1.500 euro; dal 21,7% che ha una retribuzione che si attesta attorno ai 1.000 euro; dall’8,5% che ha una retribuzione compresa tra i 2.000 e i 2.500 euro; dal 3,8% degli ingegneri con oltre 3.000 euro netti al mese; e infine dall’1,9% con uno stipendio compreso tra i 2.500 ed i 3.000 euro netti mensili.

Il 94,5% del campione ritiene che i corsi universitari seguiti siano stati utili per il lavoro che attualmente sta svolgendo e il 94,2% consiglierebbe ai propri amici di iscriversi agli stessi corsi universitari. Il 90,4% è soddisfatto della sua attuale posizione lavorativa, il 77% ritiene comunque utili ulteriori momenti di formazione.

Politecnico di Milano: www.polimi.it
Assolombarda: www.assolombarda.it
Fondazione Politecnico di Milano: www.fondazionepolitecnico.it 



Contenuti correlati

  • libro clima
    “Il clima che cambia”

    La temperatura media globale è in crescita ormai da più di cent’anni. Con sempre maggiore frequenza eventi estremi come uragani, piogge torrenziali o siccità prolungate rovesciano sul nostro habitat e le nostre vite i loro effetti disastrosi....

  • climanelpiatto
    Cambiamenti climatici e alimentazione

    L’immagine di un “serpente che si morde la coda” rappresenterebbe al meglio quel circolo vizioso che collega i cambiamenti climatici con il cibo mettendo a rischio la sicurezza alimentare globale: da un lato la prima causa del...

  • greenjobs
    Fondazione Cariplo presenta Greenjobs

    Presentata l’iniziativa Greenjobs, un progetto di Fondazione Cariplo che punta ad accrescere l’occupazione dei giovani laureati con profili “green” e a diffondere competenze ambientali nelle aziende. È infatti prevista l’attivazione di 150 tirocini extra-curricolari da parte di...

  • bergscienza
    ABB a BergamoScienza 2015

    ABB partecipa per il terzo anno consecutivo a BergamoScienza, la nota rassegna di divulgazione scientifica giunta alla tredicesima edizione, in corso dal 2 al 18 ottobre. Oltre che come pubblico, i giovani sono protagonisti in prima persona...

  • altoad
    Bls “Recruiting Event Südtirol”

    Il prossimo 16 ottobre si tiene la quarta edizione del “Recruiting Event Südtirol”, manifestazione promossa da Bls – Business Location Südtirol Alto Adige presso la Libera Università di Bolzano. Una giornata che si propone come piattaforma di...

  • clamtelaunch
    Climate Launchpad: sfida per la tecnologia sostenibile

    ZeroPet della cosentina Recyclinnova è uno dei migliori 15 progetti europei che hanno partecipato alle finali del Climate Launchpad, la competizione europea più importante per gli imprenditori di nuova generazione nelle tecnologie sostenibili (cleantech). Alle finali di...

  • This guy is riding his bicycle to work.
    Settimana Europea della Mobilità… in bicicletta

    Si avvicina l’edizione 2015 dell’European Mobility Week-Settimana Europea della Mobilità, l’importante evento promosso dalla Commissione Europea dal 16 al 22 settembre per incentivare, nelle oltre 1.000 città aderenti, l’uso di mezzi di trasporto alternativi all’auto privata. Come...

  • DNV GL - Business Assurance - Energy efficiency
    Il valore dell’efficienza energetica

    Mosse dalla necessità di controllo dei costi, le aziende si impegnano sì nell’efficienza energetica, ma la maggior parte rimane in superficie, non cogliendone il potenziale. Questi risultati emergono dall’indagine internazionale condotta dall’ente di certificazione Dnv GL –...

  • assolomb
    Imprese: efficienza energetica e competitività

    Lo scorso venerdì si è tenuto presso l’Auditorium di Palazzo Italia, situato all’interno del sito espositivo di Expo 2015, il convegno “Energy Efficiency: how to make it sustainable” promosso da Assolombarda con la collaborazione del Comitato Termotecnico...

  • lastcall
    “Milan Manifesto – Enterprise 2020”

    In Europa 131 milioni di persone sono povere, 10 milioni soltanto in Italia. 1 giovane su 5 in Europa – 4 su 10 in Italia – è senza lavoro. 100 milioni di europei sono analfabeti digitali e,...

Scopri le novità scelte per te x