Il Comitato Energia da Biomasse Solide cresce

Il Comitato Energia da Biomasse Solide (EBS) da inizio agosto ha visto l’ingresso tra le sue fila di tre nuovi operatori: Cofely, Dister Energia e Fusine Energia.

Pubblicato il 31 agosto 2015

Cofely, protagonista nei servizi di efficienza energetica, possiede attualmente tre impianti alimentati a biomassae vegetali, uno in provincia di Bergamo e due in provincia di Brescia, per un totale di 38,2 MW di potenza elettrica e termica complessivamente installata. Dister Energia, invece, gestisce a Faenza, in provincia di Ravenna, una centrale per la produzione di energia termoelettrica a biomasse vegetali solide e liquide, per una potenza complessiva di oltre 30 MW installati, e un impianto di depurazione per reflui agroalimentari. Infine, Fusine Energia ha realizzato la centrale a biomassa legnosa nel Comune di Fusine, in provincia di Sondrio, di potenza pari a circa 5 MW.

Sale così a 18 il numero di produttori di energia elettrica da biomasse solide iscritti al Comitato Energie da Biomasse Solide che, con oltre 23 impianti alimentati da più di 3,5 milioni di tonnellate annue di biomasse e i suoi oltre 4.000 addetti (diretti e indiretti), rappresenta quasi il 60% dell’energia elettrica prodotta in Italia attraverso questa fonte rinnovabile.

L’ulteriore ingresso di tre operatori primari conferma la validità delle istanze rappresentate dal Comitato, nato con l’obiettivo di tutelare il settore, messo a rischio dal cambio del regime tariffario che andrà a soppiantare i Certificati Verdi e che, per effetto del mancato adeguamento delle tariffe incentivanti agli attuali prezzi dell’energia, comporterà la crisi del settore, della sua filiera e dell’indotto, ma soprattutto la perdita dei benefici che il comparto apporta al sistema economico e sociale italiano.

In particolare, gli impianti di Cofely utilizzano circa 170.000 tonnellate di materiale da combustione, proveniente dai territori circostanti, secondo il modello della filiera corta, per produrre 100 milioni di kWh di energia elettrica. Il quantitativo di elettricità prodotto è in grado di soddisfare il fabbisogno annuo di più di 30.000 famiglie. Mentre la centrale termoelettrica gestita da Dister Energia produce, tramite gli scarti della produzione vinicola e frutticola, circa 260.000 MWh/anno di energia e consente una riduzione delle emissioni di CO2 del 90%, rispetto all’impatto ambientale nel preesistente sito produttivo. La centrale di Fusine utilizza 80.000 tonnellate di biomasse legnose – reperite localmente – per produrre 40 milioni di kWh di energia elettrica. Il quantitativo di elettricità prodotto dall’impianto di Fusine è in grado di soddisfare il fabbisogno annuo di più di 13.000 famiglie.

Foto: Tetris L



Contenuti correlati

  • Terna acquisisce il 70% di Avvenia

    Terna, tramite la sua controllata Terna Plus, ha firmato un accordo per l’acquisizione del 70% di una New.Co. in cui confluiranno i principali asset di Avvenia, società attiva nel settore dell’efficienza energetica che nel corso degli anni...

  • Mattei, software per ottimizzare l’utilizzo dell’aria compressa

    Mattei Intelligent Energy Management (M.I.E.M.) è un software che analizza i dati sul consumo energetico di una centrale di produzione di aria compressa con l’obiettivo di fotografare il profilo energetico completo dell’utilizzo dell’aria e dare precise indicazioni...

  • Continua la corsa all’automazione IoT, ecco il contributo dell’efficienza energetica

    Negli ultimi mesi si è registrato un vero e proprio boom degli acquisti di applicazioni e tecnologie relative al mondo dell’«Internet of Things» (IoT). A metterlo in evidenza è Avvenia uno dei maggiori player italiani nell’ambito dell’efficienza...

  • Risparmio energetico nella movimentazione di bobine con gli azionamenti Kollmorgen

    Il nuovo impianto per l’imballaggio delle bobine in funzione presso il centro per la lavorazione dell’acciaio Vogel-Bauer di Solingen mostra concretamente quali misure adottare per risparmiare energia guadagnando in efficienza. Il fattore principale che contribuisce al risparmio...

  • EBS, più spazio per l’energia da biomasse nella SEN

    Sono state avanzate le proposte da parte dell’Associazione Energia da Biomasse Solide (EBS) tramite un documento, trasmesso ai Ministeri dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dopo la recente pubblicazione della...

  • Moog: pompe a pistoni radiali ad alta pressione

    Moog introduce la serie di pompe a pistoni radiali RKP ad alta pressione. Con una pressione di esercizio fino a 350 bar e un limite di picco di 420 bar, l’ultima generazione di RKP è ideale per...

  • Energy Manager, figura professionale per l’efficienza energetica

    Quella dell’Energy Manager è spesso una figura sconosciuta al grande pubblico. A metterla in evidenza è Avvenia, che vuole sensibilizzare l’opinione pubblica sui ruoli e competenze di questa figura professionale che si occupa dell’analisi, del monitoraggio e...

  • Smart metering evoluto con My Next Meter

    Sorgenia e Acotel Net hanno siglato un accordo di collaborazione per offrire ai clienti business dell’operatore energetico un dispositivo di smart metering evoluto. My Next Meter consente, infatti, di monitorare i propri consumi e di intervenire per...

  • Bollette domestiche più leggere grazie a fotovoltaico e sistemi di accumulo

    La bolletta della luce non sarà più un male necessario: in nome dell’autoconsumo sarà possibile una maggior attenzione agli sprechi in ambiente domestico, ad esempio scoprendo guasti su apparecchi elettrici che generano consumi immotivati. E’ esattamente quanto...

  • A Mitsubishi Electric il cooling del data center proRZ di Monaco

    Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, con il suo brand RC, ha fornito le unità per il raffreddamento al Data Center proRZ a Monaco di Baviera, in Germania. ProRZ, parte di Data Center Group che offre...

Scopri le novità scelte per te x