Il Comitato Energia da Biomasse Solide cresce

Il Comitato Energia da Biomasse Solide (EBS) da inizio agosto ha visto l’ingresso tra le sue fila di tre nuovi operatori: Cofely, Dister Energia e Fusine Energia.

Pubblicato il 31 agosto 2015

Cofely, protagonista nei servizi di efficienza energetica, possiede attualmente tre impianti alimentati a biomassae vegetali, uno in provincia di Bergamo e due in provincia di Brescia, per un totale di 38,2 MW di potenza elettrica e termica complessivamente installata. Dister Energia, invece, gestisce a Faenza, in provincia di Ravenna, una centrale per la produzione di energia termoelettrica a biomasse vegetali solide e liquide, per una potenza complessiva di oltre 30 MW installati, e un impianto di depurazione per reflui agroalimentari. Infine, Fusine Energia ha realizzato la centrale a biomassa legnosa nel Comune di Fusine, in provincia di Sondrio, di potenza pari a circa 5 MW.

Sale così a 18 il numero di produttori di energia elettrica da biomasse solide iscritti al Comitato Energie da Biomasse Solide che, con oltre 23 impianti alimentati da più di 3,5 milioni di tonnellate annue di biomasse e i suoi oltre 4.000 addetti (diretti e indiretti), rappresenta quasi il 60% dell’energia elettrica prodotta in Italia attraverso questa fonte rinnovabile.

L’ulteriore ingresso di tre operatori primari conferma la validità delle istanze rappresentate dal Comitato, nato con l’obiettivo di tutelare il settore, messo a rischio dal cambio del regime tariffario che andrà a soppiantare i Certificati Verdi e che, per effetto del mancato adeguamento delle tariffe incentivanti agli attuali prezzi dell’energia, comporterà la crisi del settore, della sua filiera e dell’indotto, ma soprattutto la perdita dei benefici che il comparto apporta al sistema economico e sociale italiano.

In particolare, gli impianti di Cofely utilizzano circa 170.000 tonnellate di materiale da combustione, proveniente dai territori circostanti, secondo il modello della filiera corta, per produrre 100 milioni di kWh di energia elettrica. Il quantitativo di elettricità prodotto è in grado di soddisfare il fabbisogno annuo di più di 30.000 famiglie. Mentre la centrale termoelettrica gestita da Dister Energia produce, tramite gli scarti della produzione vinicola e frutticola, circa 260.000 MWh/anno di energia e consente una riduzione delle emissioni di CO2 del 90%, rispetto all’impatto ambientale nel preesistente sito produttivo. La centrale di Fusine utilizza 80.000 tonnellate di biomasse legnose – reperite localmente – per produrre 40 milioni di kWh di energia elettrica. Il quantitativo di elettricità prodotto dall’impianto di Fusine è in grado di soddisfare il fabbisogno annuo di più di 13.000 famiglie.

Foto: Tetris L



Contenuti correlati

  • Iper-ammortamento e Industria 4.0 per il settore delle acque

    Sinora si è ritenuto che le agevolazioni fiscali connesse al Piano Industria 4.0 fossero riservate alle sole aziende manifatturiere. Una lettura più attenta della normativa e delle successive circolari hanno evidenziato che anche i sistemi di pompaggio...

  • Cogenerazione made in Italy a Times Square

    Dopo un viaggio di 21 giorni e circa 7.200 chilometri è arrivato a destinazione, nel cuore di New York a pochi passi da Times Square, il modulo cogenerativo Ecomax di AB. L’impianto, installato in questi giorni, fornirà...

  • Philips Ledinaire, LED facili da installare e super efficienti

    Philips Lighting ha reso disponibile Philips Ledinaire, la gamma di apparecchi d’illuminazione LED a efficienza energetica pensata per soddisfare compiutamente i professionisti del settore lighting, che potranno così contare su prodotti a prezzo accessibile, senza dover rinunciare...

  • Enerbrain si occupa del restyling sostenibile di 8Gallery Lingotto

    Due giorni per tagliare i consumi del 35% e ridurre le emissioni di Co2 di 309 tonnellate: l’installazione dei sistemi Enerbrain ha rivoluzionato la gestione energetica del centro commerciale 8 Gallery Lingotto Torino. L’edificio, in origine uno...

  • Vodafone e Acotel, una piattaforma IoT per l’efficienza energetica

    Vodafone e Acotel hanno siglato un accordo di partnership per proporre al mercato soluzioni IoT in ambito Energy & Building Management. La collaborazione avrà una durata di 3 anni e prevede attività di analisi e progettazione delle...

  • Soluzioni Sick per il monitoraggio continuo delle emissioni

    Spesso si è erroneamente portati a credere che solamente i più avanzati e digitalizzati sistemi per l’automazione di fabbrica possano accedere a super e iper-ammortamento, ma l’allegato A della Legge di Bilancio 2017 include, tra i dispositivi...

  • Federesco, una app per il controllo dei consumi dedicata ai privati

    L’associazione senza fini di lucro Federesco lancia una App per confrontare i consumi e valutare i risparmi conseguibili attraverso soluzioni di efficienza energetica a portata di chiunque abbia uno smartphone. Quello dell’energia è un settore che in...

  • Danfoss riscalda la casa in modo intelligente

    Oggi sempre più persone cercano di ridurre i costi energetici gestendo meglio la distribuzione del calore nelle stanze e controllando in maniera più accurata la temperatura. Ad un maggiore interesse per le applicazioni di riscaldamento intelligenti corrisponde...

  • Efficienza energetica nel Nord Ovest con Rettagliata Tech

    Dall’expertise di Bluenergy Group, player di riferimento nella fornitura di luce e gas con sede a Udine e in forte espansione nel nord Italia, nasce Rettagliata Tech, la nuova società che opererà nel Nord Ovest, con cui...

  • Midea, condizionatori ecocompatibili certificati Blue Angel

    Midea ha reso disponibile la nuova linea di condizionamento ad uso residenziale All Easy Series R-290. Si tratta del primo del suo genere ad avere ottenuto il certificato rilasciato dall’Agenzia Federale tedesca per l’Ambiente “Blue Angel” per...

Scopri le novità scelte per te x