Giornata Mondiale dell’Ambiente, soluzioni sostenibili per il trattamento delle acque

Pubblicato il 5 giugno 2017

Il 5 giugno è la Giornata Mondiale dell’Ambiente. Quest’anno, all’insegna del tema “connettersi alla natura”, l’obiettivo è quello di mettere in evidenza l’importanza della natura nelle nostre vite quotidiane e di invitare cittadini e aziende ad assumersi la responsabilità di tutelare la Terra che tutti noi condividiamo.

In questo senso, Dow Water & Process Solutions mira a dimostrare come le tecnologie per il trattamento delle acque possano aiutare industrie e comuni nel processo di transizione a un modello di economia circolare. Questo piano prevede l’abbandono del modello di economia lineare e la scelta di un modello in cui utilizziamo e disponiamo delle materie prime con un approccio circolare, in cui esse vengono poi riciclate e riutilizzate. Per questo motivo, le tecnologie che sfruttano il riutilizzo delle acque reflue tra industrie e comuni possono fare una differenza reale su scala globale.

Secondo l’ONU, entro il 2030 il pianeta avrà bisogno del 30% in più di acqua e del 45% in più di energia e già una percentuale pari al 40% della popolazione globale subisce le conseguenze della scarsità idrica. Sebbene la domanda di acqua sia in aumento, con previsioni di una popolazione globale di 8,3 miliardi nel 2050, le risorse di acqua dolce sono molto limitate, poiché il 99% di tutta l’acqua presente sulla Terra richiede un trattamento per renderla potabile, dal momento che essa è salata od oceanica.

In questo senso, la desalinizzazione diventa un trattamento fondamentale per la fornitura di acqua pulita. Tuttavia, il suo unico costo è quello dell’energia, che arriva a coprire fino al 50% delle spese complessive per il trattamento. Gli scienziati, pertanto, stanno lavorando alla riduzione del consumo energetico dei trattamenti e sono state progettate membrane a osmosi inversa come DOW FILMTEC SEAMAXX per offrire un 10% di consumo energetico in meno e ottenere una maggiore sostenibilità, riducendo al tempo stesso i costi operativi.

Una volta che quest’acqua desalinizzata viene utilizzata nei comuni, solitamente circa l’80% di tutte le acque reflue provenienti da abitazioni e città rifluisce in natura senza essere trattata o riutilizzata, inquinando così l’ambiente e disperdendo sostanze nutritive preziose e altri materiali recuperabili. Considerando che, in media, l’impronta idrica, cioè l’acqua consumata direttamente e indirettamente, di un cittadino italiano arriva fino a 6.000 litri al giorno, il riutilizzo delle acque reflue municipali diventa fondamentale per il progresso in un mondo più ecologico. Le aziende sono già consapevoli di questo e alcune di esse stanno lavorando per fare la differenza. Ad esempio, il Park Hyatt Hotel di Dubai utilizza le tecnologie sostenibili di osmosi inversa e ultrafiltrazione Dow per filtrare le acque reflue dell’hotel al fine di riutilizzarle successivamente. Così facendo, in un anno l’hotel ha potuto risparmiare una quantità di acqua sufficiente a riempire 62 piscine olimpioniche.

Anziché smaltire le acque reflue municipali direttamente nei fiumi, queste possono essere riutilizzate in uno dei settori più intensivi a livello idrico in Europa, quello industriale, responsabile per il 40% di tutti i prelievi idrici del continente. In tal senso, Dow Water & Process Solutions è uno dei principali partecipanti dell’importante progetto DEMOWARE, finanziato dalla Commissione Europea e sviluppato nel complesso petrolchimico Camp Tarragona. Persegue l’obiettivo specifico di dimostrare in che modo l’impatto sul consumo idrico possa essere mitigato promuovendo il riutilizzo dell’acqua a fini industriali, in particolare nell’ambito delle torri di raffreddamento. Prima del progetto, le aziende del complesso utilizzavano il 100% di acqua dolce del fiume Ebro, mentre ora questa iniziativa contribuisce a proteggere queste risorse di acqua pulita e ad incrementare la disponibilità di acqua per altri usi, come quello domestico, agricolo e per progetti volti alla crescita del turismo.

Infine, le acque reflue possono anche essere utilizzate per l’agricoltura, il settore più intensivo a livello idrico in Italia, dal momento che è responsabile del 60% di tutti i prelievi idrici del continente. Al termine del processo, dopo l’utilizzo e il riutilizzo e a seguito dei processi di trattamento, l’acqua può essere restituita al mare, dove il processo può ricominciare, completando un sistema circolare che porta vantaggi all’ambiente, alle aziende e ai cittadini.



Contenuti correlati

  • ENEA con Environment Park per progetti di eco-innovazione

    Realizzare progetti e iniziative congiunte nel campo della ricerca, dell’innovazione, dell’assistenza tecnica e della formazione in settori di comune interesse, con particolare riferimento ai temi dell’energia, dell’ambiente e dell’efficienza energetica negli usi finali. E’ questo il principale...

  • TREEE gestisce i RAEEE dalla consegna a domicilio alla raccolta e riciclo

    Il fondo di private equity anglo-americano JZ International ha acquisito la maggioranza del capitale del Centro Servizi RAEE, società fondata nel 2008 dall’imprenditore milanese Andrea Ratti, fornendo al progetto risorse finanziarie a titolo di equity al fine di...

  • Biocarburanti dai liquami: la sfida della tecnologia MABS

    Negli ultimi anni qualità dell’ambiente ed energie alternative sono stati gli argomenti più pressanti a livello globale. Nel campo della depurazione delle acque, nonostante lo sviluppo di biotecnologie moderne più efficienti, i depuratori restano uno dei costi...

  • Le opportunità del fotovoltaico in Africa

    Il futuro dell’energia, in Italia e nel mondo, è nel fotovoltaico. Lo sottolinea Gianni Silvestrini, presidente del Comitato Scientifico di Key Energy, il principale appuntamento fieristico nazionale dedicato alle energie rinnovabili (Fiera di Rimini, 7-10 novembre 2017), nella...

  • Frost & Sullivan, in crescita le innovazioni per la gestione dell’energia

    La domanda di energia efficiente e sostenibile si sta intensificando in seguito all’aumento globale degli standard di vita, della digitalizzazione e della crescita economica. I progressi tecnologici nelle piattaforme di gestione, le soluzioni di automazione e di...

  • IBM offre risorse agli scienziati per la ricerca per clima e ambiente

    Con l’accelerazione dei cambiamenti climatici, IBM sta spronando la comunità scientifica di tutto il mondo mettendo a disposizione una considerevole quantità di risorse informatiche, dati meteorologici e servizi su cloud per aiutare i ricercatori a esaminare gli...

  • Bestack premia le idee “sostenibili” dei bambini

    Bestack, il consorzio non profit di ricerca dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta, promuove da alcuni anni nelle scuole elementari italiane il Progetto delle Buone Idee, un’iniziativa ludico didattica nata con lo scopo...

  • Fa tappa a Bologna la scuola per contrastare i cambiamenti climatici

    38 giovani provenienti dalle università di tutta Europa hanno studiato a Bologna soluzioni e nuovi business per il contrasto ai cambiamenti climatici. Alla fine del percorso di studi, i partecipanti dovranno elaborare un proprio progetto di impresa...

  • Xylem apre un Innovation Center per sviluppare le tecnologie idriche del futuro

    Xylem inaugura un centro di innovazione altamente tecnologico dedicato allo sviluppo delle future tecnologie di pompaggio per i settori dell’edilizia residenziale e commerciale. Xylem Innovation Center (XIC) sorge a Montecchio Maggiore, Vicenza, ed è stato progettato specificatamente...

  • Mobilità elettrica e consumi ridotti: la roadmap dell’Italia sostenibile al 2050

    È stato presentato il report di Deloitte “Verso il 2050 – un modello energetico sostenibile per l’Italia”, che evidenzia lo scenario energetico dell’Italia in direzione di un’economia sempre più verde e un ridotto impatto sul clima, con...

Scopri le novità scelte per te x