Giornata Mondiale dell’Ambiente, soluzioni sostenibili per il trattamento delle acque

Pubblicato il 5 giugno 2017

Il 5 giugno è la Giornata Mondiale dell’Ambiente. Quest’anno, all’insegna del tema “connettersi alla natura”, l’obiettivo è quello di mettere in evidenza l’importanza della natura nelle nostre vite quotidiane e di invitare cittadini e aziende ad assumersi la responsabilità di tutelare la Terra che tutti noi condividiamo.

In questo senso, Dow Water & Process Solutions mira a dimostrare come le tecnologie per il trattamento delle acque possano aiutare industrie e comuni nel processo di transizione a un modello di economia circolare. Questo piano prevede l’abbandono del modello di economia lineare e la scelta di un modello in cui utilizziamo e disponiamo delle materie prime con un approccio circolare, in cui esse vengono poi riciclate e riutilizzate. Per questo motivo, le tecnologie che sfruttano il riutilizzo delle acque reflue tra industrie e comuni possono fare una differenza reale su scala globale.

Secondo l’ONU, entro il 2030 il pianeta avrà bisogno del 30% in più di acqua e del 45% in più di energia e già una percentuale pari al 40% della popolazione globale subisce le conseguenze della scarsità idrica. Sebbene la domanda di acqua sia in aumento, con previsioni di una popolazione globale di 8,3 miliardi nel 2050, le risorse di acqua dolce sono molto limitate, poiché il 99% di tutta l’acqua presente sulla Terra richiede un trattamento per renderla potabile, dal momento che essa è salata od oceanica.

In questo senso, la desalinizzazione diventa un trattamento fondamentale per la fornitura di acqua pulita. Tuttavia, il suo unico costo è quello dell’energia, che arriva a coprire fino al 50% delle spese complessive per il trattamento. Gli scienziati, pertanto, stanno lavorando alla riduzione del consumo energetico dei trattamenti e sono state progettate membrane a osmosi inversa come DOW FILMTEC SEAMAXX per offrire un 10% di consumo energetico in meno e ottenere una maggiore sostenibilità, riducendo al tempo stesso i costi operativi.

Una volta che quest’acqua desalinizzata viene utilizzata nei comuni, solitamente circa l’80% di tutte le acque reflue provenienti da abitazioni e città rifluisce in natura senza essere trattata o riutilizzata, inquinando così l’ambiente e disperdendo sostanze nutritive preziose e altri materiali recuperabili. Considerando che, in media, l’impronta idrica, cioè l’acqua consumata direttamente e indirettamente, di un cittadino italiano arriva fino a 6.000 litri al giorno, il riutilizzo delle acque reflue municipali diventa fondamentale per il progresso in un mondo più ecologico. Le aziende sono già consapevoli di questo e alcune di esse stanno lavorando per fare la differenza. Ad esempio, il Park Hyatt Hotel di Dubai utilizza le tecnologie sostenibili di osmosi inversa e ultrafiltrazione Dow per filtrare le acque reflue dell’hotel al fine di riutilizzarle successivamente. Così facendo, in un anno l’hotel ha potuto risparmiare una quantità di acqua sufficiente a riempire 62 piscine olimpioniche.

Anziché smaltire le acque reflue municipali direttamente nei fiumi, queste possono essere riutilizzate in uno dei settori più intensivi a livello idrico in Europa, quello industriale, responsabile per il 40% di tutti i prelievi idrici del continente. In tal senso, Dow Water & Process Solutions è uno dei principali partecipanti dell’importante progetto DEMOWARE, finanziato dalla Commissione Europea e sviluppato nel complesso petrolchimico Camp Tarragona. Persegue l’obiettivo specifico di dimostrare in che modo l’impatto sul consumo idrico possa essere mitigato promuovendo il riutilizzo dell’acqua a fini industriali, in particolare nell’ambito delle torri di raffreddamento. Prima del progetto, le aziende del complesso utilizzavano il 100% di acqua dolce del fiume Ebro, mentre ora questa iniziativa contribuisce a proteggere queste risorse di acqua pulita e ad incrementare la disponibilità di acqua per altri usi, come quello domestico, agricolo e per progetti volti alla crescita del turismo.

Infine, le acque reflue possono anche essere utilizzate per l’agricoltura, il settore più intensivo a livello idrico in Italia, dal momento che è responsabile del 60% di tutti i prelievi idrici del continente. Al termine del processo, dopo l’utilizzo e il riutilizzo e a seguito dei processi di trattamento, l’acqua può essere restituita al mare, dove il processo può ricominciare, completando un sistema circolare che porta vantaggi all’ambiente, alle aziende e ai cittadini.



Contenuti correlati

  • Acqua potabile sicura

    Dow Water & Process Solutions, unità aziendale di The Dow Chemical Company, è stata selezionata da Suez, che opera nel settore della progettazione, costruzione e messa in funzione di impianti di desalinizzazione a osmosi inversa (RO) dal...

  • Dow Water & Process Solutions è sponsor ufficiale di Aquatech Amsterdam 2017

    Dow Water & Process Solutions sarà presente all’edizione di Aquatech Amsterdam di quest’anno (dal 31 ottobre al 3 novembre, stand 348 nel padiglione 7) nella veste di sponsor ufficiale. L’azienda presenterà e offrirà una dimostrazione degli ultimi...

  • Riciclo e rigenerazione: verso un’economia circolare

    L’Italia è campione europeo della green economy grazie all’attuazione del modello di economia circolare e l’industria del riciclo fondata sull’innovazione e sulla ricerca Leggi l’articolo

  • Italia eccellenza europea nel riciclo degli imballaggi in acciaio

    Scatole, barattoli, bombolette aerosol, latte, fusti e secchielli, tappi e coperchi: gli imballaggi in acciaio sono da vent’anni protagonisti di un modello virtuoso in cui si riutilizzano continuamente senza creare rifiuti e risparmiando energia, con importanti benefici...

  • Danfoss in prima linea per le problematiche degli impianti di raffreddamento

    La Commissione Economica dell’ONU per l’Europa ha stimato che entro il 2050 la popolazione mondiale raggiungerà circa 9 miliardi, il 70% dei quali vivrà in città, il che equivale ad avere 235 città in più della dimensione...

  • PFAS in molti acquedotti italiani. Il Veneto cerca soluzioni

    “Le dichiarazioni espresse in questi giorni dai Ministeri della Sanità e dell’Ambiente sulla problematica dei Pfas non possono restare senza commento soprattutto relativamente alla confusione che essi fanno a partire dalla distinzione tra il significato di acque...

  • Puntare sulla sostenibilità del riscaldamento domestico e della mobilità

    “La decisione di puntare su uno sviluppo ecosostenibile deve anzitutto essere ispirata da motivi di carattere socio-sanitario, prima che economici: respirare un’aria pulita è nell’interesse di tutti e adottare misure strutturali che contrastino l’inquinamento atmosferico, che durante...

  • EBS, più spazio per l’energia da biomasse nella SEN

    Sono state avanzate le proposte da parte dell’Associazione Energia da Biomasse Solide (EBS) tramite un documento, trasmesso ai Ministeri dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dopo la recente pubblicazione della...

  • Economia circolare, i convegni a Ecomondo e Key Energy

    Ecomondo e Key Energy manifestazioni di portata sempre più internazionale. In un contesto in cui i temi ambientali esigono prospettive su scala globale, la piattaforma europea della green economy che dal 7 al 10 novembre 2017 torna...

  • Più sostenibilità con il trattamento decentralizzato di rifiuti e acque reflue

    I rigidi standard governativi per gli effluenti, il boom della popolazione, la crescente industrializzazione in luoghi isolati e gli eccessivi volumi di rifiuti e acque reflue prodotti hanno evidenziato la necessità di tecnologie sostenibili, affidabili e convenienti...

Scopri le novità scelte per te x