Giornata Mondiale dell’Acqua: verso un utilizzo più consapevole delle risorse

Pubblicato il 22 marzo 2017

Senza l’acqua, non c’è vita, cibo, sviluppo. Senza l’acqua, i paesi e le società non possono svilupparsi dal punto di vista economico, culturale, sociale e politico. L’accesso all’acqua ha un ruolo chiave e un impatto sulla vita di tutto il pianeta, non solo nelle regioni colpite direttamente come l’Africa, il continente Asia-Pacifico e alcune aree dell’America Latina, ma anche nei paesi sviluppati dell’Europa e del Nord America. Il mancato accesso all’acqua pulita contribuisce a carestie, guerre e migrazioni incontrollate e irregolari.

Attualmente, 319 milioni di abitanti dell’Africa Sub-Sahariana (il 32% della popolazione), 554 milioni di asiatici (il 12,5% della popolazione), e 50 milioni di sudamericani (l’8% della popolazione) non hanno accesso a fonti di acqua potabile sicura. Tra queste regioni, la Papua Nuova Guinea ha la disponibilità minore (solo il 40% degli abitanti ha accesso a fonti di acqua pulita); seguono la Guinea Equatoriale (48%), l’Angola (49%), il Ciad e il Mozambico (51%), la Repubblica Democratica del Congo e il Madagascar (52%), e l’Afghanistan (55%).

Nel mondo, il costo totale dell’insicurezza delle risorse idriche sull’economia globale è stimato in 500 miliardi di dollari all’anno. Se a questo dato si aggiunge l’impatto ambientale, la cifra cresce ulteriormente fino ad arrivare all’1% del prodotto interno lordo globale.

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, il Consiglio Mondiale dell’Acqua (World Water Council – WWC) chiede a tutti i governi di focalizzarsi sui problemi legati alle risorse idriche e di stanziare una parte cospicua della loro spesa per garantire a tutto il pianeta l’accesso a fonti di acqua sicura, dal momento che attualmente il 12% della popolazione mondiale non ha accesso a fonti di acqua pulita e che 3,5 milioni di decessi all’anno sono imputabili a malattie legate all’acqua. Il Consiglio Mondiale dell’Acqua, in collaborazione con UCLG, ICLEI e GWOPA, ribadisce che l’accesso alle strutture igienico-sanitarie e all’acqua sono priorità chiave per i governi locali e regionali per raggiungere l’Obiettivo Globale di Sviluppo Sostenibile numero 6 delle Nazioni Unite. L’accesso universale all’acqua sicura e a strutture igienico-sanitarie adeguate non può essere raggiunto senza una buona governance locale, una gestione sostenibile delle risorse naturali e un’urbanizzazione efficace.

giornata_mondiale_acqua_2017

“C’è un’assoluta necessità di aumentare la sicurezza dell’acqua per affrontare le sfide a cui ci mettono di fronte i cambiamenti climatici e l’impatto umano sull’ambiente”, ha dichiarato il Presidente del Consiglio Mondiale dell’Acqua Benedito Braga. “I leader mondiali sanno che il risanamento è fondamentale per la salute pubblica, ma dobbiamo agire ora per raggiungere l’Obiettivo Globale di Sviluppo Sostenibile numero 6: garantire accesso all’acqua sicura e a strutture igienico-sanitarie adeguate a tutto il pianeta entro il 2030. Serve un impegno del più alto livello per fare sì che ogni villaggio e città nel mondo possano attingere a fonti di acqua pulita”.

Fondato nel 1996, il Consiglio Mondiale dell’Acqua (World Water Council – WWC) conta oltre 300 organizzazioni da tutto il mondo tra i suoi membri, e ha come scopo primario quello di favorire l’accesso a fonti di acqua pulita e contribuire all’aumento della sicurezza delle risorse idriche per tutto il pianeta. Nel suo ruolo chiave di facilitatore nel finanziamento di progetti legati all’acqua pulita e motore di un cambiamento politico che garantisca la sicurezza delle risorse idriche, il Consiglio Mondiale dell’Acqua riunisce centinaia di associazioni, think-tank, università, enti governativi e istituzioni, operatori del settore pubblico e privato, fornitori del servizio idrico ed esperti da tutto il mondo con lo scopo di portare avanti la sua missione. Il Consiglio Mondiale dell’Acqua vuole spingere governi e cittadini a contribuire all’aumento della sicurezza dell’acqua nei loro paesi e ad offrire aiuto alle nazioni più colpite, soprattutto nell’Africa Sub-Sahariana e in Asia, dove rispettivamente il 32% e il 12.5% della popolazione non ha accesso a fonti di acqua pulita.

“Quest’anno, la Giornata Mondiale dell’Acqua mette al centro i problemi legati allo smaltimento delle acque reflue”, ha spiegato Benedito Braga. “A livello mondiale, circa il 90% delle acque reflue finisce nell’ambiente senza alcun tipo di trattamento, e questo mentre oltre 923 milioni di persone al mondo non hanno accesso a fonti sicure di acqua potabile, 2,4 miliardi soffrono l’assenza di strutture igienico-sanitarie adeguate, un bambino su cinque con meno di 5 anni muore prematuramente ogni anno per malattie legate all’acqua, e quasi il 40% della popolazione mondiale convive con il problema della scarsità delle risorse idriche, percentuale che potrebbe crescere fino a raggiungere il 66% della popolazione mondiale entro il 2025, ovvero i due terzi. Inoltre, circa 700 milioni di persone vivono in aree urbane senza servizi igienico-sanitari sicuri”.

Molti paesi sono consapevoli dell’importanza che la sicurezza dell’acqua riveste a livello mondiale. Il diritto all’acqua potabile e a strutture igienico-sanitarie adeguate sono stati sanciti nel 2010 dall’ONU, e due terzi dei 94 paesi interpellati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 2014 li hanno riconosciuti come diritti umani universali attraverso leggi nazionali. Oltre l’80% ha dichiarato di avere avviato politiche nazionali che garantiscono acqua potabile e risanamento delle risorse, e più del 75% hanno già messo in atto politiche a tutela dell’igiene. Tuttavia, rimane ancora molto da fare. Serve un investimento annuo di circa 650 miliardi di dollari fino al 2030 per assicurare le infrastrutture necessarie al raggiungimento della sicurezza dell’acqua in tutto il pianeta.

Come ha dichiarato Braga, “l’acqua è un ingrediente essenziale per lo sviluppo economico e sociale di qualsiasi settore. Tra i vari benefici, assicura cibo per tutti, fonti di energia sufficienti e durature, stabilità nei mercati e nell’industria. Se si considerano i disastri naturali e i cambiamenti climatici, le inondazioni e i periodi di siccità sono alla radice di molti dei problemi che affliggono le nostre società. Il miglioramento e la messa in funzione di infrastrutture polifunzionali costituiscono un passo fondamentale verso la crescita per molti paesi in via di sviluppo”.

Ha poi aggiunto: “Il mondo non ha raggiunto gli obiettivi di risanamento necessari, lasciando 2,4 miliardi di persone senza accesso a strutture igienico-sanitarie adeguate. È perciò imperativo che tutte le nazioni continuino a lavorare sul risanamento idrico. Per ogni dollaro investito nei servizi idrici e nel loro risanamento, si stima un rendimento di 4.3 dollari (ovvero del 400%) grazie al risparmio sulla spesa sanitaria, con un beneficio individuale e sociale di portata mondiale. In vista del World Water Forum che si terrà in Brasile nel marzo 2018 e riunirà oltre 30.000 politici, esperti, ricercatori e ONG che lavoreranno all’aumento della sicurezza e disponibilità delle risorse idriche, chiedo a tutti i governi di contribuire stanziando più fondi a sostegno di progetti che aumentino la sicurezza dell’acqua”.

Nel continuare la sua missione a favore di una sicurezza dell’acqua universale, il Consiglio Mondiale dell’Acqua sta ora organizzando l’8º World Water Forum, il più grande evento mondiale sul tema. Il summit, per il quale è attesa una partecipazione di oltre 30.000 persone, avrà luogo tra un anno esatto a Brasilia, dal 18 al 23 marzo 2018, e porterà il titolo di “Sharing Water”. Lo scorso World Water Forum, organizzato dal Consiglio Mondiale dell’Acqua nella Repubblica di Corea, ha visto la partecipazione di decine di migliaia di personalità provenienti da 168 paesi, tra cui 9 capi di stato, 80 ministri e centinaia di delegazioni governative ufficiali nazionali e locali.



Contenuti correlati

  • Key Wind, appuntamento a Rimini dal 7 al 10 novembre per il settore eolico

    Giovedì 15 giugno si è celebrata la Giornata Mondiale del Vento, la campagna di sensibilizzazione internazionale dedicata all’eolico, che in Italia viene promossa dall’ANEV. A questo proposito il presidente di ANEV Simone Togni ha dichiarato : “Anche...

  • Building Energy ha alimentato con energia sostenibile il concerto di apertura del G7 Ambiente

    Building Energy ha alimentato il concerto inaugurale del G7 Ambiente con energia pulita. L’energia solare prodotta dall’impianto fotovoltaico temporaneo di Building Energy ha contribuito a ridurre le emissioni di CO2 del concerto inaugurale, presentato da CONAI, di All4thegreen,...

  • Imballaggi metallici, in Italia il riciclo vola

    Pratici, sicuri, infrangibili e protagonisti di una efficiente economia circolare: sono gli imballaggi metallici, dalle scatolette ai barattoli, dalle lattine per bevande ai grandi fusti industriali, dalle bombolette aerosol a tappi e chiusure. In Italia nell’ultimo anno...

  • Menowatt Ge, illuminazione pubblica sostenibile per i piccoli comuni

    Illuminazione pubblica intelligente, risparmio energetico, telecontrollo dei consumi idrici per contrastare gli sprechi. Le buone pratiche di sostenibilità ambientale sono state protagoniste indiscusse a “Voler Bene all’Italia” con Menowatt Ge, azienda attiva nel settore della green economy...

  • Giornata Mondiale dell’Ambiente, soluzioni sostenibili per il trattamento delle acque

    Il 5 giugno è la Giornata Mondiale dell’Ambiente. Quest’anno, all’insegna del tema “connettersi alla natura”, l’obiettivo è quello di mettere in evidenza l’importanza della natura nelle nostre vite quotidiane e di invitare cittadini e aziende ad assumersi...

  • Scoprire le energie rinnovabili con una spremuta

    ABenergie, fornitore di energia elettrica rinnovabile e gas naturale, operante su tutto il territorio nazionale, ha dato il via alla nuova edizione di Una Spremuta di Energie, iniziativa volta a diffondere una cultura della sostenibilità e dell’energia...

  • Kellogg al fianco dei risicoltori italiani per colture più produttive e sostenibili

    Dopo due anni continua con successo in Italia Kellogg’s Origins, il progetto promosso da Kellogg per aiutare i risicoltori a focalizzarsi su pratiche di Climate Smart Agriculture e per aumentare le produzioni, con un minore impatto sull’uso...

  • Fondazione Schneider Electric: 2 milioni di euro per progetti delle scuole

    La Fondazione di Schneider Electric donerà 2 milioni di euro per finanziare 5 progetti di Formazione Professionale Salesiana selezionati fra le numerose scuole tecniche e professionali presenti in tutto il globo. La firma dell’accordo è avvenuta presso...

  • Proteggere la qualità dell’acqua

    Pima County: preservare le risorse idriche e la salute pubblica con la tecnologia Wonderware by Schneider Electric Leggi l’articolo proteggere-la-qualita

  • Pompe di calore… in libreria

    Clivet per il nuovo edifico della fondazione Feltrinelli ha realizzato un impianto con pompe di calore ad acqua di falda. L’edificio ha ottenuto la certificazione Leed Silver e consente il risparmio di 256 tonnellate all’anno di CO­2 Leggi l’articolo pompe-di-calore-in-libreria

Scopri le novità scelte per te x