Ford, bambù per produrre componenti ecosostenibili

Pubblicato il 4 maggio 2017

Una bamboo car? Divertente, ma non così lontana dalla realtà. L’Ovale Blu, nell’ambito della ricerca di soluzioni ecosostenibili, sta prendendo in considerazione il bambù, il noto vegetale sempreverde, le cui proprietà ne fanno uno dei materiali naturali più vigorosi al mondo. Mentre per la realizzazione di nuovi materiali come la fibra di carbonio e l’alluminio leggero sono stati necessari ingenti investimenti in R&S, il bambù è reperibile in natura e ha la capacità di crescere di oltre un metro al giorno. Entro pochi anni, gli interni delle automobili potrebbero essere costituiti da componenti ad alta resistenza ottenuti dalla combinazione tra bambù e plastica.

“Il bambù è incredibile”, ha dichiarato Janet Yin, Materials Engineering Supervisor presso il Nanjing Research & Engineering Centre, Ford. “È vigoroso, flessibile, totalmente rinnovabile e abbonda in territori come la Cina e in molte altre parti dell’Asia”.

Le potenzialità della pianta di bambù sono oggetto di ricerca da oltre un secolo. Lo stesso Thomas Edison la utilizzò per gli esperimenti che lo condussero allo sviluppo della prima lampadina. Anche nell’ambito delle costruzioni, il bambù è noto per la resistenza alla trazione e il carico di rottura da sollecitazione molto elevato, caratteristiche tali da rendere il bambù vincente se messo in competizione con alcuni metalli. Inoltre, rispetto ad altre piante che impiegano almeno una decade per raggiungere il pieno della crescita, il bambù impiega tra i 2 e i 5 anni, grazie ad una rigenerazione dello stelo molto veloce.

Negli ultimi anni, Ford, in collaborazione con alcuni fornitori, ha studiato le potenzialità del bambù finalizzata alla produzione di componenti interni dei veicoli valutandone anche la combinazione con materiali plastici, che ne aumenterebbero ulteriormente la resistenza. L’Ovale Blu ha sottoposto il bambù a diversi test di resistenza – come la trazione e l’urto – valutando come il vegetale risponda complessivamente meglio rispetto ad altre fibre, sia sintetiche che naturali. Inoltre, è stato riscaldato a oltre 100° per testarne la capacità di resistenza al calore.

Mentre i test sul bambù continuano, Ford sta già utilizzando materiali sostenibili e riciclati. La società ha recentemente annunciato la collaborazione con Jose Cuervo, il noto brand di tequila, per testare il materiale bio-plastico che deriva dagli elementi di scarto delle piante di agave, al fine di utilizzarlo nella produzione industriale di componentistiche auto, sia per gli interni che per gli esterni.



Contenuti correlati

  • Scoprire le energie rinnovabili con una spremuta

    ABenergie, fornitore di energia elettrica rinnovabile e gas naturale, operante su tutto il territorio nazionale, ha dato il via alla nuova edizione di Una Spremuta di Energie, iniziativa volta a diffondere una cultura della sostenibilità e dell’energia...

  • In Italia riciclato il 77,5% degli imballaggi in acciaio

    L’acciaio è il materiale più riciclato al mondo e anche nel comparto degli imballaggi spetta a lui il primato. In Italia nel corso del 2016 è stato avviato a riciclo il 77,5% degli imballaggi di acciaio immessi...

  • Crescono del 20% gli italiani interessati al risparmio energetico

    Gli italiani che si sono informati sul risparmio energetico sono cresciuti del 20% nell’ultimo anno e, tra le persone che vogliono saperne di più, una su tre ha meno di 35 anni. Il motivo? In tempi di...

  • Cresce il mercato della valorizzazione energetica dei rifiuti

    Il mercato europeo della valorizzazione energetica dei rifiuti (WTE, Waste-to-Energy) sta assistendo ad una crescita costante. Un’economia circolare, gli obiettivi per le energie rinnovabili fissati dall’Unione Europea per il 2020, le normative specifiche dei diversi paesi e...

  • Building Energy inaugura il suo primo parco eolico

    Building Energy ha inaugurato negli Stati Uniti, e più precisamente in Iowa, il suo primo parco eolico, della capacità di 30 MW. Il progetto, realizzato a nord di Des Moines, nelle contee di Story, Boone, Hardin e...

  • Il latte Torvis ha un packaging a zero emissioni

    L’impegno per l’ambiente e il forte legame con il territorio rappresentano due valori fondanti per Torvis, storico marchio locale del gruppo Parmalat, che ogni giorno si impegna per trasmettere e insegnare, grazie alla sua Oasi Felice di...

  • Jec premia l’innovazione nell’industria dei materiali compositi

    I Jec Innovation Award premiano le innovazioni migliori nel settore dei materiali compositi in base al loro interesse tecnico, potenziale di mercato, collaborazioni, impatto finanziario & ambientale e originalità. Quest’anno, le candidature per il programma Innovation Award...

  • Efficientamento energetico degli edifici: missione possibile

    Un nuovo studio rivela che gli edifici in Europa offrono un potenziale enorme dal punto di vista del risparmio energetico. È possibile sfruttare le opportunità nascoste dietro il calcestruzzo, il vetro e l’acciaio, creando significativi risparmi, posti...

  • Per 7 imprenditori italiani su 10 il 2017 è l’anno della “svolta green”

    Se in molti si augurano che il 2017 sia l’anno della tanto agognata ripresa economica, per la maggioranza degli imprenditori italiani questo è certamente l’anno della “svolta green”. Oltre 7 imprenditori su 10 (72%) hanno infatti affermato...

  • Giornata della Terra: a Leolandia arriva il fotovoltaico

    Il 22 aprile Leolandia festeggia la Giornata della Terra, la più grande manifestazione a favore del pianeta, con una serie di iniziative a sostegno dell’ambiente, dal progetto fotovoltaico per alimentare il divertimento all’interno del parco alla liberazione...

Scopri le novità scelte per te x