Emissioni di mercurio sotto controllo con gli analizzatori Sick

Pubblicato il 2 febbraio 2017

Sotto forma di gas il mercurio (Hg) è uno degli elementi che più allarma le organizzazioni e le autorità per la tutela dell’ambiente perché, permanendo nell’atmosfera per più di sei mesi, viene trasportato dalle correnti d’aria e penetra nel nostro ecosistema. Per questo motivo le Nazioni Unite hanno istituito l’UNEP – Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente – con lo scopo di diminuire e prevenire le emissioni di mercurio su scala mondiale. Sotto esame si trovano i grandi impianti di combustione con potenze a partire da 50 MW che impiegano fonti energetiche fossili e biologiche. Proprio a loro, tra l’altro, si rivolge il documento LCP BREF (Large Combustion Plant – Best Available Techniques Reference) che descrive le migliori tecniche disponibili (BAT) per prevenire l’impatto sull’ambiente. Secondo alcune previsioni, con l’approvazione di questo regolamento i valori limite annui di emissione di Hg in Europa, attualmente attestati tra 30 e 50 μg/m3, potrebbero essere ridimensionati tra 1 e 4 μg/m3 per centrali a carbone e tra 4 e 7μg/m3 per centrali a lignite, sia per gli impianti nuovi che per quelli esistenti; un ridimensionamento che coinvolgerà certamente anche le autorizzazioni per incenerimento e coincenerimento.

Le BREF descrivono le migliori tecnologie disponibili con dovizia di dettagli tecnici di uso e costituiscono, quindi, il riferimento per le autorità in tutta Europa nell’autorizzazione necessaria alla conduzione degli impianti industriali. Ma gli impianti sono pronti dal punto di vista della tecnologia di misura per controllare in modo sicuro il rispetto dei nuovi valori limite? “I parametri in discussione per le BREF comportano un’enorme riduzione delle emissioni di mercurio; qualora dovessero essere ratificati e applicati all’interno dell’Unione Europea avrebbero un enorme impatto sul comparto perché le centrali elettriche sarebbero chiamate ad investire in sistemi ancora più efficienti per l’abbattimento delle emissioni”, sostiene l’ing. Salvatore Squillaci, Product Manager Analyzers & Flow Solutions di Sick S.p.A. “Sick, grazie alle prestazioni dell’analizzatore MERCEM300Z, rappresenta un prezioso partner per risolvere il problema dei gestori degli impianti relativo all’analisi delle emissioni di mercurio”. Il sistema, infatti, misura in continuo il tenore di mercurio nei fumi con un campo di misura certificato in accordo alla EN 15267, ed è in grado di offrire affidabilità di misura sia su piccoli range da 0 a 10 μg/m³ sia su quelli elevati fino a 1.000 μg/m³. Per questa ragione è la soluzione ideale per misure di processo in uscita caldaia e per ottemperare ai limiti di emissione che entreranno in vigore nel prossimo futuro.

MERCEM300Z di Sick è stato sviluppato specificatamente per il monitoraggio di emissioni di mercurio nei fumi. Grazie alla brevettata misura diretta all’interno di una cella ad elevata temperatura in cui avviene la conversione dei composti del mercurio in mercurio elementare e sfruttando l’elevata sensibilità e selettività dell’effetto Zeeman, il sistema è in grado di dare una certezza della misura anche sui range estremamente piccoli in discussione. I sistemi di regolazione interna consentono di tenere sotto controllo le eventuali derive e, al bisogno, è possibile implementare un generatore di gas di test per esaminare l’intero sistema di conversione e misura. La tecnologia utilizzata garantisce misure affidabili e stabili nel lungo periodo, così come verificato dagli enti di certificazione che hanno riconosciuto un intervallo di manutenzione di 6 mesi.

L’utilizzo del MERCEM300Z permette di individuare in tempo reale gli imprevedibili picchi di Hg durante il processo di combustione. La misurazione a monte dei sistemi di abbattimento, infatti, permette di intervenire prontamente regolando in modo opportuno i sistemi di abbattimento di Hg senza rischio di brutte sorprese a camino e, consentendo un dosaggio più preciso dei carboni attivi, influisce positivamente sul contenimento dei costi operativi. MERCEM300Z è rapido ed affidabile anche in presenza di un alto tenore di polvere e delle elevate concentrazioni che si presentano in uscita caldaia, risultando la soluzione ideale per le analisi di mercurio totale in forma gassosa, per il controllo delle emissioni di Hg di centrali elettriche, cementifici e inceneritori. Sono disponibili versioni sia per l’installazione all’esterno sia all’interno di ambienti climatizzati. Il principio di misura brevettato e l’utilizzo di un’interfaccia di rete completano il profilo del MERCEM300Z come sistema di misurazione del mercurio progettato in maniera completa: semplice da integrare e utilizzare, oltre che stabile nel lungo periodo.



Contenuti correlati

  • ENEA con Environment Park per progetti di eco-innovazione

    Realizzare progetti e iniziative congiunte nel campo della ricerca, dell’innovazione, dell’assistenza tecnica e della formazione in settori di comune interesse, con particolare riferimento ai temi dell’energia, dell’ambiente e dell’efficienza energetica negli usi finali. E’ questo il principale...

  • Biocarburanti dai liquami: la sfida della tecnologia MABS

    Negli ultimi anni qualità dell’ambiente ed energie alternative sono stati gli argomenti più pressanti a livello globale. Nel campo della depurazione delle acque, nonostante lo sviluppo di biotecnologie moderne più efficienti, i depuratori restano uno dei costi...

  • Le opportunità del fotovoltaico in Africa

    Il futuro dell’energia, in Italia e nel mondo, è nel fotovoltaico. Lo sottolinea Gianni Silvestrini, presidente del Comitato Scientifico di Key Energy, il principale appuntamento fieristico nazionale dedicato alle energie rinnovabili (Fiera di Rimini, 7-10 novembre 2017), nella...

  • Frost & Sullivan, in crescita le innovazioni per la gestione dell’energia

    La domanda di energia efficiente e sostenibile si sta intensificando in seguito all’aumento globale degli standard di vita, della digitalizzazione e della crescita economica. I progressi tecnologici nelle piattaforme di gestione, le soluzioni di automazione e di...

  • IBM offre risorse agli scienziati per la ricerca per clima e ambiente

    Con l’accelerazione dei cambiamenti climatici, IBM sta spronando la comunità scientifica di tutto il mondo mettendo a disposizione una considerevole quantità di risorse informatiche, dati meteorologici e servizi su cloud per aiutare i ricercatori a esaminare gli...

  • Bestack premia le idee “sostenibili” dei bambini

    Bestack, il consorzio non profit di ricerca dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta, promuove da alcuni anni nelle scuole elementari italiane il Progetto delle Buone Idee, un’iniziativa ludico didattica nata con lo scopo...

  • Fa tappa a Bologna la scuola per contrastare i cambiamenti climatici

    38 giovani provenienti dalle università di tutta Europa hanno studiato a Bologna soluzioni e nuovi business per il contrasto ai cambiamenti climatici. Alla fine del percorso di studi, i partecipanti dovranno elaborare un proprio progetto di impresa...

  • Xylem apre un Innovation Center per sviluppare le tecnologie idriche del futuro

    Xylem inaugura un centro di innovazione altamente tecnologico dedicato allo sviluppo delle future tecnologie di pompaggio per i settori dell’edilizia residenziale e commerciale. Xylem Innovation Center (XIC) sorge a Montecchio Maggiore, Vicenza, ed è stato progettato specificatamente...

  • Mobilità elettrica e consumi ridotti: la roadmap dell’Italia sostenibile al 2050

    È stato presentato il report di Deloitte “Verso il 2050 – un modello energetico sostenibile per l’Italia”, che evidenzia lo scenario energetico dell’Italia in direzione di un’economia sempre più verde e un ridotto impatto sul clima, con...

  • Come cambia il comportamento individuale in relazione all’efficienza energetica

    Le misure legate al cambiamento comportamentale assumono un ruolo sempre più centrale per la diffusione dell’efficienza energetica: assieme alle opportunità offerte dall’innovazione tecnologica, occorre quindi promuovere una maggiore attenzione al ruolo virtuoso, pro efficienza energetica, dei comportamenti...

Scopri le novità scelte per te x