Emissioni di mercurio sotto controllo con gli analizzatori Sick

Pubblicato il 2 febbraio 2017

Sotto forma di gas il mercurio (Hg) è uno degli elementi che più allarma le organizzazioni e le autorità per la tutela dell’ambiente perché, permanendo nell’atmosfera per più di sei mesi, viene trasportato dalle correnti d’aria e penetra nel nostro ecosistema. Per questo motivo le Nazioni Unite hanno istituito l’UNEP – Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente – con lo scopo di diminuire e prevenire le emissioni di mercurio su scala mondiale. Sotto esame si trovano i grandi impianti di combustione con potenze a partire da 50 MW che impiegano fonti energetiche fossili e biologiche. Proprio a loro, tra l’altro, si rivolge il documento LCP BREF (Large Combustion Plant – Best Available Techniques Reference) che descrive le migliori tecniche disponibili (BAT) per prevenire l’impatto sull’ambiente. Secondo alcune previsioni, con l’approvazione di questo regolamento i valori limite annui di emissione di Hg in Europa, attualmente attestati tra 30 e 50 μg/m3, potrebbero essere ridimensionati tra 1 e 4 μg/m3 per centrali a carbone e tra 4 e 7μg/m3 per centrali a lignite, sia per gli impianti nuovi che per quelli esistenti; un ridimensionamento che coinvolgerà certamente anche le autorizzazioni per incenerimento e coincenerimento.

Le BREF descrivono le migliori tecnologie disponibili con dovizia di dettagli tecnici di uso e costituiscono, quindi, il riferimento per le autorità in tutta Europa nell’autorizzazione necessaria alla conduzione degli impianti industriali. Ma gli impianti sono pronti dal punto di vista della tecnologia di misura per controllare in modo sicuro il rispetto dei nuovi valori limite? “I parametri in discussione per le BREF comportano un’enorme riduzione delle emissioni di mercurio; qualora dovessero essere ratificati e applicati all’interno dell’Unione Europea avrebbero un enorme impatto sul comparto perché le centrali elettriche sarebbero chiamate ad investire in sistemi ancora più efficienti per l’abbattimento delle emissioni”, sostiene l’ing. Salvatore Squillaci, Product Manager Analyzers & Flow Solutions di Sick S.p.A. “Sick, grazie alle prestazioni dell’analizzatore MERCEM300Z, rappresenta un prezioso partner per risolvere il problema dei gestori degli impianti relativo all’analisi delle emissioni di mercurio”. Il sistema, infatti, misura in continuo il tenore di mercurio nei fumi con un campo di misura certificato in accordo alla EN 15267, ed è in grado di offrire affidabilità di misura sia su piccoli range da 0 a 10 μg/m³ sia su quelli elevati fino a 1.000 μg/m³. Per questa ragione è la soluzione ideale per misure di processo in uscita caldaia e per ottemperare ai limiti di emissione che entreranno in vigore nel prossimo futuro.

MERCEM300Z di Sick è stato sviluppato specificatamente per il monitoraggio di emissioni di mercurio nei fumi. Grazie alla brevettata misura diretta all’interno di una cella ad elevata temperatura in cui avviene la conversione dei composti del mercurio in mercurio elementare e sfruttando l’elevata sensibilità e selettività dell’effetto Zeeman, il sistema è in grado di dare una certezza della misura anche sui range estremamente piccoli in discussione. I sistemi di regolazione interna consentono di tenere sotto controllo le eventuali derive e, al bisogno, è possibile implementare un generatore di gas di test per esaminare l’intero sistema di conversione e misura. La tecnologia utilizzata garantisce misure affidabili e stabili nel lungo periodo, così come verificato dagli enti di certificazione che hanno riconosciuto un intervallo di manutenzione di 6 mesi.

L’utilizzo del MERCEM300Z permette di individuare in tempo reale gli imprevedibili picchi di Hg durante il processo di combustione. La misurazione a monte dei sistemi di abbattimento, infatti, permette di intervenire prontamente regolando in modo opportuno i sistemi di abbattimento di Hg senza rischio di brutte sorprese a camino e, consentendo un dosaggio più preciso dei carboni attivi, influisce positivamente sul contenimento dei costi operativi. MERCEM300Z è rapido ed affidabile anche in presenza di un alto tenore di polvere e delle elevate concentrazioni che si presentano in uscita caldaia, risultando la soluzione ideale per le analisi di mercurio totale in forma gassosa, per il controllo delle emissioni di Hg di centrali elettriche, cementifici e inceneritori. Sono disponibili versioni sia per l’installazione all’esterno sia all’interno di ambienti climatizzati. Il principio di misura brevettato e l’utilizzo di un’interfaccia di rete completano il profilo del MERCEM300Z come sistema di misurazione del mercurio progettato in maniera completa: semplice da integrare e utilizzare, oltre che stabile nel lungo periodo.



Contenuti correlati

  • Danfoss in prima linea per le problematiche degli impianti di raffreddamento

    La Commissione Economica dell’ONU per l’Europa ha stimato che entro il 2050 la popolazione mondiale raggiungerà circa 9 miliardi, il 70% dei quali vivrà in città, il che equivale ad avere 235 città in più della dimensione...

  • Analizzatori di ossigeno Zirkor di Sick

    Gli analizzatori di ossigeno della serie Zirkor di Sick sono estremamente robusti e combinano un’elevata qualità con prestazioni innovative. Questi dispositivi per l’ottimizzazione della combustione sono facili da utilizzare ed estremamente affidabili. Inoltre, effettuano le misure direttamente dopo...

  • PFAS in molti acquedotti italiani. Il Veneto cerca soluzioni

    “Le dichiarazioni espresse in questi giorni dai Ministeri della Sanità e dell’Ambiente sulla problematica dei Pfas non possono restare senza commento soprattutto relativamente alla confusione che essi fanno a partire dalla distinzione tra il significato di acque...

  • EBS, più spazio per l’energia da biomasse nella SEN

    Sono state avanzate le proposte da parte dell’Associazione Energia da Biomasse Solide (EBS) tramite un documento, trasmesso ai Ministeri dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dopo la recente pubblicazione della...

  • Più sostenibilità con il trattamento decentralizzato di rifiuti e acque reflue

    I rigidi standard governativi per gli effluenti, il boom della popolazione, la crescente industrializzazione in luoghi isolati e gli eccessivi volumi di rifiuti e acque reflue prodotti hanno evidenziato la necessità di tecnologie sostenibili, affidabili e convenienti...

  • Sostenibilità ambientale, l’impegno di Sanpellegrino

    Sanpellegrino ha pubblicato il primo Rapporto sulla creazione di valore condiviso che illustra l’impegno dell’azienda per la cura di una risorsa preziosa come l’acqua, dalla fonte alla tavola e oltre. Il Gruppo genera benefici tangibili sotto il...

  • In Italia oltre 55 milioni di tonnellate CO2 da veicoli privati

    Nel 2016 le auto e moto private italiane hanno emesso oltre 55 milioni di tonnellate di anidride carbonica. A rilevarlo è un’elaborazione di Facile.it, che ha calcolato il valore incrociando diversi dati, tra cui la media di...

  • I circolatori elettronici di Dab Pumps rispettano l’ambiente

    Tra i numerosi prodotti e le tecnologie a catalogo, Dab Pumps propone le gamme evosta, evotron ed evoplus di circolatori elettronici, ideali per impianti di riscaldamento e condizionamento all’interno di edifici a uso abitativo e commerciale come...

  • ENEA con Environment Park per progetti di eco-innovazione

    Realizzare progetti e iniziative congiunte nel campo della ricerca, dell’innovazione, dell’assistenza tecnica e della formazione in settori di comune interesse, con particolare riferimento ai temi dell’energia, dell’ambiente e dell’efficienza energetica negli usi finali. E’ questo il principale...

  • Biocarburanti dai liquami: la sfida della tecnologia MABS

    Negli ultimi anni qualità dell’ambiente ed energie alternative sono stati gli argomenti più pressanti a livello globale. Nel campo della depurazione delle acque, nonostante lo sviluppo di biotecnologie moderne più efficienti, i depuratori restano uno dei costi...

Scopri le novità scelte per te x