Efficientamento energetico degli edifici: missione possibile

Pubblicato il 2 maggio 2017

Un nuovo studio rivela che gli edifici in Europa offrono un potenziale enorme dal punto di vista del risparmio energetico. È possibile sfruttare le opportunità nascoste dietro il calcestruzzo, il vetro e l’acciaio, creando significativi risparmi, posti di lavoro e luoghi migliori in cui vivere.

Gli edifici in cui dormiamo, mangiamo, vendiamo, studiamo e lavoriamo offrono una grandissima opportunità: 67 miliardi di euro all’anno risparmiati in bolletta per i cittadini dell’UE nel 2030 e 156 Mt di CO2 in meno, equivalenti a quelle emesse da 82 milioni di automobili. Questi straordinari risultati vengono presentati in un nuovo studio, appena pubblicato dalla società di consulenza energetica Ecofys. Il rapporto, redatto su iniziativa di Danfoss, fornisce una dimostrazione dell’enorme risparmio energetico potenzialmente ottenibile con una migliore gestione dei flussi energetici negli edifici europei. Un potenziale che finora non era stato sfruttato a sufficienza.

Trascorriamo la maggior parte del nostro tempo all´interno di edifici. Non è quindi una novità che gli edifici consumino una grande quantità di energia. Tuttavia, il 75% del nostro patrimonio edilizio è energeticamente inefficiente. La maggior parte dell’energia viene utilizzata per mantenere i corretti livelli di temperatura e di qualità dell’aria negli impianti di riscaldamento, raffrescamento e ventilazione, conosciuti collettivamente come ´sistemi tecnici´.

Quando questi sistemi non funzionano in modo ottimale, l’energia va sprecata: ciò costa denaro e provoca danni alla salute e all’ambiente. Ma oggi abbiamo le tecnologie per prevenire tutto questo. Il progresso potrebbe contribuire a ridurre gli  sprechi energetici, abbattere i costi e rendere i nostri edifici dei luoghi migliori in cui vivere. Il rapporto esamina uno scenario in cui gli edifici vengono ristrutturati nel periodo da oggi fino al 2030. Il consumo di energia di questi edifici potrebbe essere ridotto di circa il 30%, rinnovando gli impianti di riscaldamento, raffreddamento, ventilazione, illuminazione e produzione di acqua calda.

“Abbiamo tutte le tecnologie a portata di mano per rendere i nostri edifici intelligenti. Esaminando i risultati del nuovo studio di Ecofys, possiamo vedere che un controllo ottimale dei flussi energetici negli edifici e l´impiego di nuove tecnologie come la digitalizzazione, potrebbero contribuire per circa il 15% al raggiungimento dell’obiettivo europeo di efficienza energetica fissato per il 2030. È necessario un sostegno politico per eliminare le barriere e aumentare la velocità e l´entità degli investimenti. Tutto  questo darà al mercato il giusto segnale , favorendo l’innovazione, la creazione di posti di lavoro e la crescita sostenibile”, afferma Andre Borouchaki, Senior Vice President e CTO di Danfoss.

Secondo i calcoli basati sul rapporto del World Resources Institute ´Accelerare l´efficienza degli edifici´, a partire dal 2016, raggiungendo  15% dell’obiettivo di efficienza energetica EU 2030, permetterebbe di creare 300.000 nuovi posti di lavoro.

L’unico modo per migliorare significativamente l’efficienza energetica delle costruzioni è concentrarsi sugli edifici esistenti. Nel 2050, nove su dieci degli edifici esistenti nell’UE saranno abitati. La ristrutturazione del nostro patrimonio edilizio è economicamente fattibile, più di quanto attualmente si creda. I costi di investimento per le migliorie di base finalizzate al controllo dei flussi energetici negli edifici sono molto contenuti ed il tempo di rientro per ristrutturare gli elementi fondamentali è di due anni. Il denaro risparmiato ogni anno, principalmente evitando di importare gas dai paesi extracomunitari, potrebbe essere investito in Europa per offrire ai cittadini più comfort e più benessere.

“L’ottimizzazione progressiva dell’uso dell’energia nei sistemi tecnici degli edifici esistenti in tutta Europa dovrebbe iniziare subito”, afferma Andreas Hermelink, Associate Directorin di Ecofys, società di Navigant. “Parliamo di misure ´di cui non ci pentiremo´ che siano in grado di fornire rapidamente riduzioni molto significative nei consumi energetici, nelle bollette di energia e nelle emissioni di CO2. La revisione della direttiva europea sulla prestazione energetica nell´edilizia dovrebbe dare uno slancio efficace per liberare il pieno potenziale di risparmio economico nei sistemi tecnici utilizzati negli edifici.”



Contenuti correlati

  • ENEA con Environment Park per progetti di eco-innovazione

    Realizzare progetti e iniziative congiunte nel campo della ricerca, dell’innovazione, dell’assistenza tecnica e della formazione in settori di comune interesse, con particolare riferimento ai temi dell’energia, dell’ambiente e dell’efficienza energetica negli usi finali. E’ questo il principale...

  • Alla scoperta dei refrigeranti con la Refrigerant Week Danfoss

    La Refrigerant Week, organizzata da Danfoss, debutta lunedì 18 settembre e termina il venerdì successivo, il 22 settembre 2017. Ideata con l’obiettivo di semplificare il lavoro dei professionisti, aiutandoli a muoversi in un ambiente in continua mutazione,...

  • Commander ID 300: inverter integrato per motori IMfinity di Leroy Somer

    Frutto del know-how nel campo della velocità variabile elettronica e della lunga esperienza di Leroy-Somer nella fabbricazione di motori elettrici, Commander ID300 è un nuovo inverter integrato ottimizzato per il pilotaggio dei motori asincroni IMfinity. Questo sistema...

  • Biocarburanti dai liquami: la sfida della tecnologia MABS

    Negli ultimi anni qualità dell’ambiente ed energie alternative sono stati gli argomenti più pressanti a livello globale. Nel campo della depurazione delle acque, nonostante lo sviluppo di biotecnologie moderne più efficienti, i depuratori restano uno dei costi...

  • Le opportunità del fotovoltaico in Africa

    Il futuro dell’energia, in Italia e nel mondo, è nel fotovoltaico. Lo sottolinea Gianni Silvestrini, presidente del Comitato Scientifico di Key Energy, il principale appuntamento fieristico nazionale dedicato alle energie rinnovabili (Fiera di Rimini, 7-10 novembre 2017), nella...

  • Frost & Sullivan, in crescita le innovazioni per la gestione dell’energia

    La domanda di energia efficiente e sostenibile si sta intensificando in seguito all’aumento globale degli standard di vita, della digitalizzazione e della crescita economica. I progressi tecnologici nelle piattaforme di gestione, le soluzioni di automazione e di...

  • IBM offre risorse agli scienziati per la ricerca per clima e ambiente

    Con l’accelerazione dei cambiamenti climatici, IBM sta spronando la comunità scientifica di tutto il mondo mettendo a disposizione una considerevole quantità di risorse informatiche, dati meteorologici e servizi su cloud per aiutare i ricercatori a esaminare gli...

  • Bestack premia le idee “sostenibili” dei bambini

    Bestack, il consorzio non profit di ricerca dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta, promuove da alcuni anni nelle scuole elementari italiane il Progetto delle Buone Idee, un’iniziativa ludico didattica nata con lo scopo...

  • SEN 2017, pompe di calore al centro delle riqualificazioni immobiliari

    “Dall’esame del documento in consultazione possiamo affermare che la Strategia energetica nazionale 2017 ha raccolto ed evidenziato quanto Assoclima afferma da anni in merito al potenziale dei sistemi a pompa di calore sia per il raggiungimento degli...

  • Fa tappa a Bologna la scuola per contrastare i cambiamenti climatici

    38 giovani provenienti dalle università di tutta Europa hanno studiato a Bologna soluzioni e nuovi business per il contrasto ai cambiamenti climatici. Alla fine del percorso di studi, i partecipanti dovranno elaborare un proprio progetto di impresa...

Scopri le novità scelte per te x