Efficientamento energetico degli edifici: missione possibile

Pubblicato il 2 maggio 2017

Un nuovo studio rivela che gli edifici in Europa offrono un potenziale enorme dal punto di vista del risparmio energetico. È possibile sfruttare le opportunità nascoste dietro il calcestruzzo, il vetro e l’acciaio, creando significativi risparmi, posti di lavoro e luoghi migliori in cui vivere.

Gli edifici in cui dormiamo, mangiamo, vendiamo, studiamo e lavoriamo offrono una grandissima opportunità: 67 miliardi di euro all’anno risparmiati in bolletta per i cittadini dell’UE nel 2030 e 156 Mt di CO2 in meno, equivalenti a quelle emesse da 82 milioni di automobili. Questi straordinari risultati vengono presentati in un nuovo studio, appena pubblicato dalla società di consulenza energetica Ecofys. Il rapporto, redatto su iniziativa di Danfoss, fornisce una dimostrazione dell’enorme risparmio energetico potenzialmente ottenibile con una migliore gestione dei flussi energetici negli edifici europei. Un potenziale che finora non era stato sfruttato a sufficienza.

Trascorriamo la maggior parte del nostro tempo all´interno di edifici. Non è quindi una novità che gli edifici consumino una grande quantità di energia. Tuttavia, il 75% del nostro patrimonio edilizio è energeticamente inefficiente. La maggior parte dell’energia viene utilizzata per mantenere i corretti livelli di temperatura e di qualità dell’aria negli impianti di riscaldamento, raffrescamento e ventilazione, conosciuti collettivamente come ´sistemi tecnici´.

Quando questi sistemi non funzionano in modo ottimale, l’energia va sprecata: ciò costa denaro e provoca danni alla salute e all’ambiente. Ma oggi abbiamo le tecnologie per prevenire tutto questo. Il progresso potrebbe contribuire a ridurre gli  sprechi energetici, abbattere i costi e rendere i nostri edifici dei luoghi migliori in cui vivere. Il rapporto esamina uno scenario in cui gli edifici vengono ristrutturati nel periodo da oggi fino al 2030. Il consumo di energia di questi edifici potrebbe essere ridotto di circa il 30%, rinnovando gli impianti di riscaldamento, raffreddamento, ventilazione, illuminazione e produzione di acqua calda.

“Abbiamo tutte le tecnologie a portata di mano per rendere i nostri edifici intelligenti. Esaminando i risultati del nuovo studio di Ecofys, possiamo vedere che un controllo ottimale dei flussi energetici negli edifici e l´impiego di nuove tecnologie come la digitalizzazione, potrebbero contribuire per circa il 15% al raggiungimento dell’obiettivo europeo di efficienza energetica fissato per il 2030. È necessario un sostegno politico per eliminare le barriere e aumentare la velocità e l´entità degli investimenti. Tutto  questo darà al mercato il giusto segnale , favorendo l’innovazione, la creazione di posti di lavoro e la crescita sostenibile”, afferma Andre Borouchaki, Senior Vice President e CTO di Danfoss.

Secondo i calcoli basati sul rapporto del World Resources Institute ´Accelerare l´efficienza degli edifici´, a partire dal 2016, raggiungendo  15% dell’obiettivo di efficienza energetica EU 2030, permetterebbe di creare 300.000 nuovi posti di lavoro.

L’unico modo per migliorare significativamente l’efficienza energetica delle costruzioni è concentrarsi sugli edifici esistenti. Nel 2050, nove su dieci degli edifici esistenti nell’UE saranno abitati. La ristrutturazione del nostro patrimonio edilizio è economicamente fattibile, più di quanto attualmente si creda. I costi di investimento per le migliorie di base finalizzate al controllo dei flussi energetici negli edifici sono molto contenuti ed il tempo di rientro per ristrutturare gli elementi fondamentali è di due anni. Il denaro risparmiato ogni anno, principalmente evitando di importare gas dai paesi extracomunitari, potrebbe essere investito in Europa per offrire ai cittadini più comfort e più benessere.

“L’ottimizzazione progressiva dell’uso dell’energia nei sistemi tecnici degli edifici esistenti in tutta Europa dovrebbe iniziare subito”, afferma Andreas Hermelink, Associate Directorin di Ecofys, società di Navigant. “Parliamo di misure ´di cui non ci pentiremo´ che siano in grado di fornire rapidamente riduzioni molto significative nei consumi energetici, nelle bollette di energia e nelle emissioni di CO2. La revisione della direttiva europea sulla prestazione energetica nell´edilizia dovrebbe dare uno slancio efficace per liberare il pieno potenziale di risparmio economico nei sistemi tecnici utilizzati negli edifici.”



Contenuti correlati

  • Cresce la mobilità sostenibile in Italia con Building Energy

    Building Energy, multinazionale italiana che opera come Global Integrated IPP nel settore delle energie rinnovabili, entra nel mercato della mobilità sostenibile con Be Charge, società del Gruppo specializzata nel settore delle infrastrutture per la mobilità elettrica. Be...

  • Gli UPS Masterys di Socomec sono sempre più smart

    Il più recente sviluppo della continua innovazione Socomec combina la collaudata e comprovata tecnologia degli UPS Masterys con le tecnologie “smart” per offrire prestazioni ineguagliabili in termini di affidabilità e livello di servizio. Equipaggiato per le “Smart...

  • Economia circolare, 3 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici raccolti e riciclati

    Dalla sua fondazione nel 2002, ERP (European Recycling Platform) ha raggiunto un importante traguardo raccogliendo e trattando più di 3 milioni di tonnellate di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) in tutta Europa, che equivale alla...

  • Un mondo più green anche grazie alla consegna in bicicletta di Deliveroo

    Sono oltre 6.400 le tonnellate di CO2 non emesse in atmosfera in un solo anno grazie ai rider di Deliveroo, il popolare servizio di food delivery, di cui 700 tonnellate solo in Italia. Una stima, tutta green,...

  • Monitoraggio dell’aria “tascabile” con un mini sensore innovativo

    Nei laboratori della Rete Alta Tecnologia dell’Emilia Romagna, coordinata da Aster, è stato creato uno strumento innovativo e compatto per il monitoraggio della qualità dell’aria, prodotto dall’azienda bolognese Pollution Analytical Equipment. Uno strumento per rilevare la presenza...

  • Soluzioni rigenerative Omron per ridurre del 50% i costi energetici

    Omron fornisce unità di rigenerazione che si combinano perfettamente con gli inverter della gamma: ora è più facile che mai approfittare delle tecnologie rigenerative. Inoltre, vengono forniti anche filtri per armoniche ed EMI per garantire che l’energia c.a....

  • La Cina investe in energia pulita in Europa

    Oggi, la Cina guida il mercato mondiale delle energie rinnovabili, grazie alla più alta produzione di energia pulita e i maggiori investimenti del settore. Secondo i recenti dati dell’Agenzia nazionale per l’Energia cinese, entro il 2020 la Cina...

  • Planisfera, l’acqua 4.0 made in Italy è realtà grazie al crowdfunding

    Acqua dalla purezza primordiale, prodotta e distribuita a impatto zero: è Planisfera, il progetto italiano che attraverso un’avanzatissima  tecnologia 4.0  di affinamento dell’acqua, ispirata alla natura e alimentata con energia 100% rinnovabile, consente di ottenere diverse tipologie...

  • Solidpower ha prodotto il millesimo Bluegen

    Il produttore di celle a combustibile Solidpower ha prodotto il millesimo Bluegen. Questo traguardo è molto importante nella storia della giovane azienda, attiva a livello globale, che con i suoi micro-cogeneratori offre un’alternativa sostenibile alle fonti energetiche...

  • Siemens Italia e Prelios Integra promuovono efficienza e digitalizzazione

    Siemens e Prelios Integra uniscono le forze: le due società inizieranno una collaborazione su progetti nell’ambito delle tecnologie digitali per gli edifici, puntando alla valorizzazione degli immobili attraverso il risparmio energetico e la building performance sustainability. L’8% dei...

Scopri le novità scelte per te x