Efficientamento energetico degli edifici: missione possibile

Pubblicato il 2 maggio 2017

Un nuovo studio rivela che gli edifici in Europa offrono un potenziale enorme dal punto di vista del risparmio energetico. È possibile sfruttare le opportunità nascoste dietro il calcestruzzo, il vetro e l’acciaio, creando significativi risparmi, posti di lavoro e luoghi migliori in cui vivere.

Gli edifici in cui dormiamo, mangiamo, vendiamo, studiamo e lavoriamo offrono una grandissima opportunità: 67 miliardi di euro all’anno risparmiati in bolletta per i cittadini dell’UE nel 2030 e 156 Mt di CO2 in meno, equivalenti a quelle emesse da 82 milioni di automobili. Questi straordinari risultati vengono presentati in un nuovo studio, appena pubblicato dalla società di consulenza energetica Ecofys. Il rapporto, redatto su iniziativa di Danfoss, fornisce una dimostrazione dell’enorme risparmio energetico potenzialmente ottenibile con una migliore gestione dei flussi energetici negli edifici europei. Un potenziale che finora non era stato sfruttato a sufficienza.

Trascorriamo la maggior parte del nostro tempo all´interno di edifici. Non è quindi una novità che gli edifici consumino una grande quantità di energia. Tuttavia, il 75% del nostro patrimonio edilizio è energeticamente inefficiente. La maggior parte dell’energia viene utilizzata per mantenere i corretti livelli di temperatura e di qualità dell’aria negli impianti di riscaldamento, raffrescamento e ventilazione, conosciuti collettivamente come ´sistemi tecnici´.

Quando questi sistemi non funzionano in modo ottimale, l’energia va sprecata: ciò costa denaro e provoca danni alla salute e all’ambiente. Ma oggi abbiamo le tecnologie per prevenire tutto questo. Il progresso potrebbe contribuire a ridurre gli  sprechi energetici, abbattere i costi e rendere i nostri edifici dei luoghi migliori in cui vivere. Il rapporto esamina uno scenario in cui gli edifici vengono ristrutturati nel periodo da oggi fino al 2030. Il consumo di energia di questi edifici potrebbe essere ridotto di circa il 30%, rinnovando gli impianti di riscaldamento, raffreddamento, ventilazione, illuminazione e produzione di acqua calda.

“Abbiamo tutte le tecnologie a portata di mano per rendere i nostri edifici intelligenti. Esaminando i risultati del nuovo studio di Ecofys, possiamo vedere che un controllo ottimale dei flussi energetici negli edifici e l´impiego di nuove tecnologie come la digitalizzazione, potrebbero contribuire per circa il 15% al raggiungimento dell’obiettivo europeo di efficienza energetica fissato per il 2030. È necessario un sostegno politico per eliminare le barriere e aumentare la velocità e l´entità degli investimenti. Tutto  questo darà al mercato il giusto segnale , favorendo l’innovazione, la creazione di posti di lavoro e la crescita sostenibile”, afferma Andre Borouchaki, Senior Vice President e CTO di Danfoss.

Secondo i calcoli basati sul rapporto del World Resources Institute ´Accelerare l´efficienza degli edifici´, a partire dal 2016, raggiungendo  15% dell’obiettivo di efficienza energetica EU 2030, permetterebbe di creare 300.000 nuovi posti di lavoro.

L’unico modo per migliorare significativamente l’efficienza energetica delle costruzioni è concentrarsi sugli edifici esistenti. Nel 2050, nove su dieci degli edifici esistenti nell’UE saranno abitati. La ristrutturazione del nostro patrimonio edilizio è economicamente fattibile, più di quanto attualmente si creda. I costi di investimento per le migliorie di base finalizzate al controllo dei flussi energetici negli edifici sono molto contenuti ed il tempo di rientro per ristrutturare gli elementi fondamentali è di due anni. Il denaro risparmiato ogni anno, principalmente evitando di importare gas dai paesi extracomunitari, potrebbe essere investito in Europa per offrire ai cittadini più comfort e più benessere.

“L’ottimizzazione progressiva dell’uso dell’energia nei sistemi tecnici degli edifici esistenti in tutta Europa dovrebbe iniziare subito”, afferma Andreas Hermelink, Associate Directorin di Ecofys, società di Navigant. “Parliamo di misure ´di cui non ci pentiremo´ che siano in grado di fornire rapidamente riduzioni molto significative nei consumi energetici, nelle bollette di energia e nelle emissioni di CO2. La revisione della direttiva europea sulla prestazione energetica nell´edilizia dovrebbe dare uno slancio efficace per liberare il pieno potenziale di risparmio economico nei sistemi tecnici utilizzati negli edifici.”



Contenuti correlati

  • Riqualificazione energetica con pompe di calore Thermics

    Una casa ereditata dai genitori, una porzione già ristrutturata e nuove esigenze hanno richiesto un adeguamento di spazi e struttura, le modalità dell’intervento dovevano inoltre consentire alla casa di essere luogo di memoria familiare e allo stesso...

  • Sei motivi per passare alla lettura automatica dei contatori

    Contributo a cura di Antonello Guzzetti, Country Manager di Qundis in Italia Per venire incontro ad uno stile di vita sempre più frenetico, in cui c’è sempre meno tempo da dedicare alla gestione della casa, anche un...

  • Acqua, agricoltura ed energia: fronte comune contro i cambiamenti climatici

    L’acqua è un connettore di vari settori, poiché tutti hanno bisogno dell’acqua per operare in maniera sostenibile. I collegamenti indissolubili tra acqua, energia e cibo richiedono un approccio a 360° per garantire acqua e cibo sicuri, nonché...

  • Elettrificazione, Danfoss acquisisce Visedo

    Danfoss continua a investire nelle innovazioni finalizzate alla crescita con l’acquisizione di Visedo, specializzato nelle soluzioni elettriche per veicoli pesanti e mezzi marittimi. Con questa operazione, Danfoss risponde alla domanda crescente di soluzioni elettriche per ridurre le emissioni...

  • Teleriscaldamento super efficiente per Tor di Valle

    GE e Cefla SC hanno completato in anticipo l’ammodernamento, con le tecnologie più efficienti e all’avanguardia, dell’impianto di cogenerazione di Acea di Tor di Valle, oggi dotato di due motori a gas Jenbacher J920 FleXtra di GE....

  • L’acqua al centro delle possibili soluzioni ai cambiamenti climatici

    Nonostante la gestione delle risorse idriche sia una problematica soprattutto a livello locale, le conseguenze di una mala gestione ha anche ricadute sul piano globale. Acqua e clima sono strettamente connessi, così come lo sono lo sviluppo...

  • Delta: soluzioni intelligenti a risparmio energetico

    Delta, azienda che opera a livello mondiale nelle soluzioni Power e di gestione termica, durante la fiera Sicurezza ha presentato il proprio ampio portafoglio di soluzioni intelligenti a risparmio energetico per supportare la creazione di edifici intelligenti, sicuri ed...

  • Edifici green e mobilità elettrica: soluzioni intelligenti a risparmio energetico di Delta

    Delta rende disponibile un ampio portafoglio di soluzioni intelligenti a risparmio energetico per supportare la creazione di edifici intelligenti, sicuri ed a bassa emissione di carbonio, nonché l’infrastruttura per ricaricare i veicoli elettrici con prestazioni elevate. Il...

  • Energicamente, la piattaforma per spiegare la sostenibilità alle scuole

    Meno sprechi, più risparmi, più fai bene al pianeta: l’uso intelligente dell’energia è lo strumento più prezioso per combattere gli effetti dei cambiamenti climatici. Questo è il principale messaggio che la multiutility italiana Estra e Legambiente vogliono...

  • Sensata: white paper sui sistemi di raffreddamento con refrigeranti ecocompatibili

    Sensata Technologies ha pubblicato un white paper per aiutare le aziende specializzate in sistemi di raffreddamento e HVAC a progettare soluzioni di prossima generazione capaci di utilizzare refrigeranti ecologici per ridurre il loro impatto sull’ambiente. Queste soluzioni...

Scopri le novità scelte per te x