EcoTyre: oltre 50 milioni di kg di pneumatici fuori uso gestiti in Italia

Pubblicato il 13 giugno 2017

EcoTyre, il primo Consorzio in Italia per numero di Soci (oltre 600), raggiunge, ad appena 6 anni dalla sua costituzione, un traguardo importante: per la prima volta supera quota 50 milioni di kg di PFU gestiti attraverso attività ordinarie, interventi straordinari per PFU Zero e ritiri presso gli Autodemolitori ACI. Il Consorzio ha, inoltre, triplicato la raccolta nelle Regioni del Sud Italia, passando da 3 milioni di kg del 2015 a oltre 10 milioni di kg dell’anno appena trascorso. Particolarmente significativo il caso della Campania che ha quintuplicato la raccolta, diventando in un solo anno la seconda regione in Italia per quantitativi gestiti.

Gran parte dei 50 milioni di kg di PFU deriva dalla raccolta ordinaria che da sola contabilizza 43.753.278 kg gestiti effettuando il 5% in più di missioni rispetto all’anno precedente (22.141) presso i 10.584 punti serviti: gommisti e officine in tutta Italia. A questi si aggiungono 3.353.336 kg grazie agli 887 ritiri presso i demolitori di auto accreditati ACI. Con le attività di raccolta straordinaria e volontaria che rientrano nel progetto PFU Zero, sono stati, infine, gestiti 3.041.940 kg finanziati grazie all’avanzo di gestione che il Consorzio ha avuto negli anni precedenti. Da un punto di vista territoriale sono le Regioni del Sud Italia ad aver registrato gli incrementi più significativi: oltre alla Campania passata da un milione di kg del 2015 a oltre 5 milioni del 2016, da segnalare la Sicilia e la Calabria che hanno più che raddoppiato i quantitativi, ma anche la Puglia con un +38%. Il Molise registra il record in termini di incrementi con +730%. Al nord si continuano ad avere buone performance di raccolta in Piemonte e Liguria mentre al Centro è il Lazio a registrare i quantitativi più alti.

EcoTyre ha sempre mantenuto un approccio razionale e attento ai costi gestionali e amministrativi e questo ha permesso di mantenere sempre il contributo ambientale tra i più bassi del mercato, pur garantendo un servizio di altissimo livello.

Per il sesto anno consecutivo il numero di Soci di EcoTyre aumenta: dai 449 attivi al 31 dicembre 2015 ai 564 della fine del 2016 agli oltre 600 di oggi. Una crescita di oltre il 25% netto in un anno che dimostra la capacità di EcoTyre di attrarre il tessuto imprenditoriale italiano ed estero e di fidelizzarlo grazie a un’efficiente gestione operativa, una puntualità negli adempimenti burocratici e, non ultima, la competitività dei costi.

PFU Zero è il primo progetto nazionale di mappatura dei depositi abbandonati di Pneumatici Fuori Uso. Enti locali, associazioni e cittadini possono segnalare sul sito internet dedicato (www.pfuzero.ecotyre.it) questi casi contribuendo ad arricchire il database dei depositi. Ogni anno EcoTyre dedica una parte del proprio avanzo di gestione alla bonifica di alcuni dei casi segnalati. In circa quattro anni di attività sono stati raccolti oltre 1 milione di PFU attraverso circa 80 interventi straordinari in tutta Italia. Molte delle attività sono state accompagnate da iniziative di informazione e sensibilizzazione realizzate insieme a Gummy, la mascotte di PFU Zero che è anche un educatore ambientale.

La sensibilizzazione è, infatti, uno dei punti cardine del progetto e per questo motivo EcoTyre ha individuato dei partner strategici, tra cui Legambiente (partecipando a Puliamo il Mondo) e Marevivo (con PFU Zero nelle Isole Minori). Proprio da quest’ultima partnership sono scaturiti interventi più strutturati. Sono stati sottoscritti protocolli di intesa con i comuni di Ustica, Pantelleria e Lampedusa, aree in cui la logistica è più complessa. EcoTyre ha messo a disposizione di queste isole un canale costante di smaltimento di PFU, grazie al ritiro periodico da parte della rete logistica del Consorzio. PFU Zero ha anche un respiro internazionale grazie all’adesione alla campagna Let’s Clean Up Europe che a maggio di ogni anno culmina nello European Clean Up Day.

EcoTyre, in sinergia con Legambiente, Confartigianato, CNA, Airp, Federpneus, Ecopneus e Greentire ha poi dato vita all’Osservatorio sui flussi illegali di pneumatici e PFU in Italia: la piattaforma “CambioPulito” (www.cambiopulito.it). Grazie a questa iniziativa, si fa un altro importante passo in avanti per combattere la vendita “irregolare” degli pneumatici e l’evasione del contributo ambientale per il riciclo degli PFU. Una situazione che è possibile stimare in circa 20/30mila tonnellate di pneumatici immessi illegalmente nel mercato del ricambio, con un ammanco di contributi ambientali per 12 milioni di euro ogni anno e un’evasione IVA stimata in 80 milioni di euro, oltre ai costi degli interventi per ripulire il territorio dagli abbandoni.

“Il 2016 è stato un anno proficuo per il nostro Consorzio che ha visto confermati tutti i trend di crescita. Questo è stato possibile – ha detto Enrico Ambrogio, Presidente di EcoTyre – soprattutto grazie all’aumento nel numero di Soci, che a oggi ha raggiunto quota 606, confermando EcoTyre la prima realtà del settore per numero di aziende associate. Ma la crescita quantitativa svela anche una crescita qualitativa nelle azioni, che abbiamo deciso di certificare avviando le procedure per essere conformi agli standard ISO 9001 e 14001. Da un punto di vista operativo siamo intervenuti sulla rete organizzativa e logistica per fare in modo che il maggior numero di ritiri riguardasse i punti di raccolta del Meridione. Questo sforzo ha permesso di triplicare la raccolta al sud migliorando il servizio e dando stimolo a un tessuto imprenditoriale che ha voglia di crescere e lavorare in una logica di piena sostenibilità ambientale. Importante il lavoro volontario grazie a PFU Zero e quello fatto per combattere il problema degli PFU che ogni anno risultano in eccesso rispetto ai quantitativi immessi sul mercato a causa dalla vendita irregolare di pneumatici per i quali non viene pagato il contributo. L’ultima iniziativa – ha concluso Ambrogio – riguarda Pantelleria dove lo scorso anno siamo stati con il progetto PFU Zero pochi giorni dopo l’incendio che ha devastato i boschi dell’isola. Vedendo quello scempio abbiamo deciso di intervenire e così abbiamo aderito alla campagna 10.000 alberi per Pantelleria, promossa da Parchi per Kyoto per la riforestazione dei boschi dell’isola. Abbiamo deciso di dare il nostro contributo all’ambiente firmando un protocollo d’intesa per il ritiro gratuito degli PFU e donando un albero per ogni Socio attivo al 31 dicembre 2016, ossia 564 piante che saranno presto messe a dimora”.



Contenuti correlati

  • ENEA con Environment Park per progetti di eco-innovazione

    Realizzare progetti e iniziative congiunte nel campo della ricerca, dell’innovazione, dell’assistenza tecnica e della formazione in settori di comune interesse, con particolare riferimento ai temi dell’energia, dell’ambiente e dell’efficienza energetica negli usi finali. E’ questo il principale...

  • Biocarburanti dai liquami: la sfida della tecnologia MABS

    Negli ultimi anni qualità dell’ambiente ed energie alternative sono stati gli argomenti più pressanti a livello globale. Nel campo della depurazione delle acque, nonostante lo sviluppo di biotecnologie moderne più efficienti, i depuratori restano uno dei costi...

  • Le opportunità del fotovoltaico in Africa

    Il futuro dell’energia, in Italia e nel mondo, è nel fotovoltaico. Lo sottolinea Gianni Silvestrini, presidente del Comitato Scientifico di Key Energy, il principale appuntamento fieristico nazionale dedicato alle energie rinnovabili (Fiera di Rimini, 7-10 novembre 2017), nella...

  • Frost & Sullivan, in crescita le innovazioni per la gestione dell’energia

    La domanda di energia efficiente e sostenibile si sta intensificando in seguito all’aumento globale degli standard di vita, della digitalizzazione e della crescita economica. I progressi tecnologici nelle piattaforme di gestione, le soluzioni di automazione e di...

  • IBM offre risorse agli scienziati per la ricerca per clima e ambiente

    Con l’accelerazione dei cambiamenti climatici, IBM sta spronando la comunità scientifica di tutto il mondo mettendo a disposizione una considerevole quantità di risorse informatiche, dati meteorologici e servizi su cloud per aiutare i ricercatori a esaminare gli...

  • Bestack premia le idee “sostenibili” dei bambini

    Bestack, il consorzio non profit di ricerca dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta, promuove da alcuni anni nelle scuole elementari italiane il Progetto delle Buone Idee, un’iniziativa ludico didattica nata con lo scopo...

  • Fa tappa a Bologna la scuola per contrastare i cambiamenti climatici

    38 giovani provenienti dalle università di tutta Europa hanno studiato a Bologna soluzioni e nuovi business per il contrasto ai cambiamenti climatici. Alla fine del percorso di studi, i partecipanti dovranno elaborare un proprio progetto di impresa...

  • Xylem apre un Innovation Center per sviluppare le tecnologie idriche del futuro

    Xylem inaugura un centro di innovazione altamente tecnologico dedicato allo sviluppo delle future tecnologie di pompaggio per i settori dell’edilizia residenziale e commerciale. Xylem Innovation Center (XIC) sorge a Montecchio Maggiore, Vicenza, ed è stato progettato specificatamente...

  • Mobilità elettrica e consumi ridotti: la roadmap dell’Italia sostenibile al 2050

    È stato presentato il report di Deloitte “Verso il 2050 – un modello energetico sostenibile per l’Italia”, che evidenzia lo scenario energetico dell’Italia in direzione di un’economia sempre più verde e un ridotto impatto sul clima, con...

  • Come cambia il comportamento individuale in relazione all’efficienza energetica

    Le misure legate al cambiamento comportamentale assumono un ruolo sempre più centrale per la diffusione dell’efficienza energetica: assieme alle opportunità offerte dall’innovazione tecnologica, occorre quindi promuovere una maggiore attenzione al ruolo virtuoso, pro efficienza energetica, dei comportamenti...

Scopri le novità scelte per te x