Deutsche Post DHL: logistica a emissioni zero entro il 2050

Pubblicato il 17 marzo 2017

Il Gruppo Deutsche Post DHL ridurrà a zero tutte le emissioni legate alla propria filiera logistica entro il 2050. Nel perseguimento di questo nuovo ambizioso obiettivo, il Gruppo spera di contribuire significativamente nel portare il riscaldamento globale ben al di sotto dei due gradi Celsius stabiliti nella Conferenza sul clima di Parigi del 2015 (COP 21), così come all’adempimento dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile stilata dalle Nazioni Unite. Il Gruppo Deutsche Post vuole diventare un riferimento nel settore della logistica verde e prevede di espandere il proprio portafoglio di prodotti e servizi ecologici per aiutare anche i Clienti a raggiungere i propri target ambientali. “Le decisioni che prendiamo oggi determineranno la vita dei nostri figli tra 30 anni“ ha detto Frank Appel, amministratore delegato del Gruppo Deutsche Post DHL.

L’obiettivo di protezione del clima con una logistica a emissioni zero entro il 2050 riguarda sia le attività proprie del Gruppo Deutsche Post DHL sia quelle dei suoi subappaltatori di trasporto. La missione logistica a emissioni zero sarà sostenuta da quattro tappe intermedie da raggiungere entro il 2025, come parte integrante del programma di protezione ambientale GoGreen:

  • A livello globale, il Gruppo Deutsche Post DHL aumenterà del 50% l’efficienza di carbonio delle proprie attività e quelle dei suoi subappaltatori di trasporto rispetto al valore di riferimento del 2007.
  • A livello locale, il Gruppo si propone di migliorare la vita delle persone là dove vivono e lavorano utilizzando soluzioni di trasporto non inquinanti. Il Gruppo Deutsche Post DHL gestirà il 70% delle proprie attività di primo e ultimo miglio attraverso soluzioni di ritiro e consegna pulite, come ad esempio bici e veicoli elettrici.
  • Oltre il 50% delle vendite incorporeranno le Green Solutions, rendendo più verdi le supply chain dei Clienti.
  • Il Gruppo formerà e certificherà l’80% dei suoi dipendenti come Specialisti GoGreen entro il 2025 e li coinvolgerà attivamente in iniziative di protezione ambientale e climatica. L’azienda prevede inoltre di collaborare con partner al fine di piantare un milione di alberi ogni anno.

Attraverso il programma GoGreen per la tutela ambientale, il Gruppo Deutsche Post DHL supporta anche l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile stilata dalle Nazioni Unite. L’Agenda crea le basi per la realizzazione del progresso economico globale entro i limiti ecologici della Terra e in armonia con la giustizia sociale. Le misure di protezione del clima del Gruppo supportano gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU, in particolare, l’ Obiettivo 11 ( “Città sostenibili e Comunità”) e Obiettivo 13 ( “Azioni per il clima”).

I nuovi obiettivi e attività green si basano sulla rinomata esperienza del Gruppo in materia di protezione ambientale, raccolta grazie al programma dedicato GoGreen. Il precedente target ambientale – migliorare del 30% l’indice di efficienza legato alle emissioni di CO2 rispetto al 2007 – è stato raggiunto nel 2016, quattro anni prima del previsto, grazie all’adozione di una vasta gamma di misure di ottimizzazione della flotta dei veicoli, degli edifici e delle reti logistiche del Gruppo.



Contenuti correlati

  • Il Protocollo Envision nelle infrastrutture ferroviarie

    Italferr, in collaborazione con Rete Ferroviaria Italiana e ICMQ, ha elaborato la prima Linea Guida per l’applicazione alle infrastrutture di trasporto ferroviario del protocollo Envision, sistema di rating statunitense per progettare e realizzare infrastrutture sostenibili, documento che,...

  • IFAT 2018: ambiente e riciclo in scena a Monaco dal 14 al 18 maggio

    I 18 padiglioni del centro fieristico di Monaco di Baviera (200.000 mq) saranno utilizzati per la prima volta interamente occupati, dopo la ristrutturazione che ha impiegato due anni, in occasione di Ifat 2018, salone biennale internazionale dedicato...

  • Italiani sempre più diligenti e attenti a non sprecare l’acqua

    Sono 30,5 milioni gli italiani che dichiarano di chiudere sempre i rubinetti quando si lavano i denti, mentre sono 25 milioni quelli che scelgono di fare la doccia, avendo cura di dosare bene l’acqua, anziché il bagno....

  • ABB sostiene il percorso di efficientamento energetico di Ikea

    ABB ha fornito a Ikea venti innovativi inverter solari Trio-50 per il suo principale punto vendita di Singapore, situato nel sobborgo orientale di Tampines. Si prevede che il sistema sarà in grado di produrre 1,3 milioni di...

  • Cambiamenti climatici, Giacarta rischia di affondare

    La capitale indonesiana Giacarta sta affondando più di qualsiasi altra città al mondo. A causa del crescente impatto climatico e dell’intervento dell’uomo, il 40% della città si trova attualmente sotto il livello del mare e continua ad...

  • Climate change, buona consapevolezza ma scarsa resilienza da parte delle aziende

    Un nuovo sondaggio internazionale condotto da DNV GL con il supporto di GFK Eurisko indaga se e in quale misura le aziende siano resilienti ai cambiamenti climatici. Lo studio ha coinvolto più di 1.200 professionisti provenienti da...

  • L’IoT sospinge gli investimenti in energia eolica

    Secondo una recente analisi di Frost & Sullivan, “The Global Wind Power Market, Forecast to 2025”, il mercato eolico globale ha registrato una crescita straordinaria evidenziando un incremento di più della metà della capacità di energia eolica...

  • Anie pubblica una Guida RAEE dedicata alle aziende

    ANIE ha presentato la sua Guida RAEE. Mancano, infatti, poco meno di sei mesi al 15 agosto, giorno in cui entreranno in vigore le norme sull’”apertura dello scopo” (Open scope) previste dal Decreto Legislativo 49/2014 che recepisce la...

  • Cresce la mobilità sostenibile in Italia con Building Energy

    Building Energy, multinazionale italiana che opera come Global Integrated IPP nel settore delle energie rinnovabili, entra nel mercato della mobilità sostenibile con Be Charge, società del Gruppo specializzata nel settore delle infrastrutture per la mobilità elettrica. Be...

  • Economia circolare, 3 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici raccolti e riciclati

    Dalla sua fondazione nel 2002, ERP (European Recycling Platform) ha raggiunto un importante traguardo raccogliendo e trattando più di 3 milioni di tonnellate di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) in tutta Europa, che equivale alla...

Scopri le novità scelte per te x