Comuni e Province premiati da Klimaenergy

Si è conclusa l’edizione 2015 del “Klimaenergy Award”, la competizione tra i Comuni e le Province di tutta Italia più virtuosi nell’applicazione di soluzioni energetiche efficienti in ambito pubblico.

Pubblicato il 26 marzo 2015

Tavagnacco, Forlì, Bologna e Verona. Questi i vincitori della settima edizione del “Klimaenergy Award 2015”, premio nazionale che mette in luce e valorizza le migliori esperienze e i progetti energetici e ambientali più meritevoli di Comuni e Province per diffonderne le best practice anche nelle altre Amministrazioni italiane.

Hanno partecipato alla competizione, 28 Comuni suddivisi in quattro categorie.

Per la categoria “Comuni con meno di 20.000 abitanti” Tavagnacco (UD) si è aggiudicato il primo premio. Secondo la giuria, ha saputo abbinare interventi concreti sulle energie rinnovabili a una importante e originale opera di sensibilizzazione della popolazione. Le realizzazioni comprendono impianti fotovoltaici, solare, termico, geotermia con pompa di calore e il recupero di un vecchio mulino con realizzazione di una centralina idroelettrica. Sono state giudicate degne di nota le opere di promozione di gruppi d’Acquisto Solare e auto elettriche per cittadini e imprese, il concorso “Smart People” che premia l’efficienza energetica messa in atto dai cittadini e il concorso “Smart Companies” che premia l’efficienza energetica delle imprese. Non ultima, l’iniziativa mirata al censimento effettuato dal Comune per il rilevamento dei consumi energetici di famiglie e imprese.

Nell’ambito di questa categoria sono stati assegnati due premi speciali: al Comune di Introd (AO) per il connubio tra energie rinnovabili e tutela paesaggistica che, nonostante le dimensioni ridotte, ha permesso di realizzare interventi particolarmente attenti alla sostenibilità e all’efficienza energetica. Il tutto, perfettamente inserito in un luogo di massima bellezza come il Parco Nazionale del Gran Paradiso.

Il secondo premio speciale è stato assegnato a Moniteri (GR) per l’uso efficiente delle risorse energetiche locali. Partendo dalla risorsa naturale della geotermia che abbonda nella zona, è stato in grado di attrarre finanziamenti europei che ne hanno fatto uno dei siti più interessanti e innovativi per l’applicazione di questa tecnologia.

Per la seconda categoria “Comuni dai 20.000 ai 150.000 abitanti” la giuria è stata impressionata dal progetto del Comune di Forlì per il suo forte grado di innovazione. Si tratta di un campo solare su un’area di circa 20.000 m2 costituito da collettori di tipo parabolico – lineare a concentrazione e inseguimento solare funzionanti con olio diatermico. Il campo solare dispone anche di un impianto fotovoltaico di 11 kW di potenza a copertura delle richieste di energia elettrica del campo solare. L’energia termica prodotta dall’impianto è a servizio delle imprese dell’area industriale di Villa Selva di Forlì, mentre l’energia elettrica prodotta è totalmente autoconsumata.

Vincitore della terza categoria “Comuni e Province oltre i 150.000 abitanti” è il Comune di Bologna per i suoi numerosi interventi nel campo dell’illuminazione pubblica e della riqualificazione di edifici pubblici nell’ambito del Paes. Secondo la giuria il Comune è riuscito a fare un uso sapiente e strutturato di Esco, scarsamente utilizzato da Comuni e Province italiane, trasformandolo in un elemento da valorizzare.

Al Comune di Verona il “Premio Mobilità”. Nonostante le risorse limitate, il Comune è riuscito ad attuare interventi e ad attivare servizi a favore di una mobilità sostenibile. Il premio va anche all’impegno nell’implementazione di un progetto di educazione ambientale, con un programma continuativo dal 2006, che ha portato risultati tangibili. Per la giuria, Verona ha il merito di aver attuato cambiamenti importanti con determinazione grazie a un’idea precisa e a soluzioni facilmente applicabili.

Il “Klimaenergy Award” è un’iniziativa mirata a stimolare il confronto tra Comuni e Province sulla possibilità di intervenire concretamente sulla riduzione di emissioni di CO2, ancor oggi principale causa dell’inquinamento urbano, con l’impiego di fonti rinnovabili e sostenibili in ambito pubblico attraverso la scelta di un efficace mix di impianti e di soluzioni energetiche innovative.

La valutazione dei progetti è avvenuta attraverso criteri sia quantitativi, tra cui il risparmio di CO2 in termini assoluti e in termini relativi in relazione al numero di abitanti del Comune, sia criteri qualitativi che riguardano il valore aggiunto ecologico ed economico, la trasferibilità delle misure adottate in altri Comuni o Province, il grado di innovazione, il coinvolgimento della popolazione locale. Sono stati tenuti in considerazione anche i benefici del progetto per il territorio e le potenzialità dello stesso per lo sviluppo di progetti futuri. Per la quarta categoria della mobilità sostenibile le Amministrazioni sono state invece valutate sulla base dei risultati ottenuti in termini di riduzione dei volumi di traffico e di consumo energetico nel settore dei trasporti.

La premiazione ufficiale si tiene oggi 26 marzo 2015, primo giorno di Klimaenergy, fiera internazionale delle energie rinnovabili, a Fiera Bolzano sino al 28 marzo.



Contenuti correlati

  • Cogenerazione made in Italy a Times Square

    Dopo un viaggio di 21 giorni e circa 7.200 chilometri è arrivato a destinazione, nel cuore di New York a pochi passi da Times Square, il modulo cogenerativo Ecomax di AB. L’impianto, installato in questi giorni, fornirà...

  • Philips Ledinaire, LED facili da installare e super efficienti

    Philips Lighting ha reso disponibile Philips Ledinaire, la gamma di apparecchi d’illuminazione LED a efficienza energetica pensata per soddisfare compiutamente i professionisti del settore lighting, che potranno così contare su prodotti a prezzo accessibile, senza dover rinunciare...

  • Enerbrain si occupa del restyling sostenibile di 8Gallery Lingotto

    Due giorni per tagliare i consumi del 35% e ridurre le emissioni di Co2 di 309 tonnellate: l’installazione dei sistemi Enerbrain ha rivoluzionato la gestione energetica del centro commerciale 8 Gallery Lingotto Torino. L’edificio, in origine uno...

  • Vodafone e Acotel, una piattaforma IoT per l’efficienza energetica

    Vodafone e Acotel hanno siglato un accordo di partnership per proporre al mercato soluzioni IoT in ambito Energy & Building Management. La collaborazione avrà una durata di 3 anni e prevede attività di analisi e progettazione delle...

  • Impianto fotovoltaico con accumulo sotto controllo con la app Senec

    Visualizzare sempre ed ovunque le informazioni relative al proprio impianto fotovoltaico con accumulo: è possibile grazie all’app Senec, disponibile in una versione rinnovata ed arricchita sia per iOS che Android. L’app mostra la produzione dell’impianto fotovoltaico, l’energia...

  • Rinnovabili, Building Energy porta eolico e idroelettrico in Sudafrica

    Building Energy ha firmato a Johannesburg due Power Purchase Agreement con il Governo Sudafricano per la costruzione e la gestione di un impianto eolico da 147 MW a Roggeveld e di un impianto mini-idroelettrico da 4,7 MW...

  • Sistemi Danfoss nel nuovo stabilimento logistico di Lidl in Spagna

    La catena di supermercati Lidl ha recentemente aperto un nuovo stabilimento logistico nella città di Alcalá de Henares (Madrid), il decimo in Spagna e il più grande della società in Europa. Presso il sito lavoreranno inizialmente 100...

  • Soluzioni Sick per il monitoraggio continuo delle emissioni

    Spesso si è erroneamente portati a credere che solamente i più avanzati e digitalizzati sistemi per l’automazione di fabbrica possano accedere a super e iper-ammortamento, ma l’allegato A della Legge di Bilancio 2017 include, tra i dispositivi...

  • Federesco, una app per il controllo dei consumi dedicata ai privati

    L’associazione senza fini di lucro Federesco lancia una App per confrontare i consumi e valutare i risparmi conseguibili attraverso soluzioni di efficienza energetica a portata di chiunque abbia uno smartphone. Quello dell’energia è un settore che in...

  • La natura ispira l’innovazione tecnologica idrica

    Secondo le stime di Frost & Sullivan il fabbisogno idrico globale aumenterà fino a raggiungere il 40% entro il 2030. È quindi il momento di impegnarsi per garantire la disponibilità e una gestione sostenibile dell’acqua. La crescente...

Scopri le novità scelte per te x