Analizzatori di ossigeno Zirkor di Sick

Pubblicato il 9 ottobre 2017

Gli analizzatori di ossigeno della serie Zirkor di Sick sono estremamente robusti e combinano un’elevata qualità con prestazioni innovative. Questi dispositivi per l’ottimizzazione della combustione sono facili da utilizzare ed estremamente affidabili. Inoltre, effettuano le misure direttamente dopo la combustione controllando che la quantità di ossigeno si possa adattare perfettamente alla quantità di carburante.

Nel controllo di un processo di combustione ottimizzato, così come nel monitoraggio delle emissioni, una misurazione affidabile della quantità di ossigeno è molto importante. In quella che è una delle applicazioni più difficili dell’automazione industriale di processo, l’analizzatore deve essere facile da integrare ed estremamente resistente. La combustione ottimale si basa sulla perfezione del dosaggio: troppo poco ossigeno causa una combustione incompleta e, quindi, maggiori emissioni di CO; al contrario, una quantità eccessiva di ossigeno porta ad un’elevata perdita di calore attraverso i gas di scarico.

Con tre diverse versioni (Z100 per impianti più piccoli, Z200 per impianti di combustione più grandi e Z302 per regolazioni senza necessità di gas di prova), la serie Zirkor fornisce un valore di riferimento di ossigeno necessario per ottenere risultati affidabili anche nel monitoraggio delle emissioni.

Grazie alla sua innovativa tecnologia a celle, Zirkor100 è estremamente robusto. La funzione integrata di diagnostica delle celle mantiene al minimo le attività di manutenzione e tutte le informazioni importanti sono accessibili tramite Zirkor Remote. Zirkor200, invece, si distingue per la tecnologia avanzata e la facilità di collegamento. Può funzionare senza alcun problema a temperature ambientali fino a 1.600°C e si calibra automaticamente. Grazie alla lunghezza variabile delle sonde e ad un maggior numero di interfacce, può essere installato in tutti i tipi di impianti e sistemi. Alcune versioni sono conformi alla norma EN 15267. La caratteristica principale di Zirkor302 è la sua capacità di taratura automatica tramite l’aria ambiente. Non richiede, infatti, alcun gas di prova per questo tipo di calibrazione e garantisce una misurazione continua ed eccezionalmente precisa anche a temperature elevate. L’analizzatore è dotato di una pompa di misura a gas opzionale integrata o di un eiettore alimentato ad aria compressa.



Contenuti correlati

  • Sick a mcTER con soluzioni Industry 4.0 oriented per il mondo della cogenerazione

    Cogenerazione, energia ed efficienza energetica sono le protagoniste della nuova edizione di mcTER, che quest’anno ha scelto come tema della mostra-convegno “La cogenerazione verso l’Industria 4.0”. “Per raggiungere l’obiettivo Industria 4.0 le aziende hanno bisogno di ammodernare...

  • Emissioni di mercurio sotto controllo con gli analizzatori Sick

    Sotto forma di gas il mercurio (Hg) è uno degli elementi che più allarma le organizzazioni e le autorità per la tutela dell’ambiente perché, permanendo nell’atmosfera per più di sei mesi, viene trasportato dalle correnti d’aria e...

  • In Lombardia imprese sempre più green

    Cresce il settore green in Lombardia. In un anno le imprese sono aumentate del +4%, per un totale di oltre 9.000 imprese coinvolte su 50.000 in Italia. In cinque anni il settore ha un incremento regionale del...

  • Studiare il clima dal mare

    Ha già iniziato a raccogliere i primi dati la boa oceanografica che i ricercatori dell’Enea hanno posizionato in mare a circa tre miglia a sud-ovest della costa di Lampedusa. Si tratta di un vero e proprio laboratorio...

  • Sick: le potenzialità di IO-Link

    Controllo remoto dei sensori, diagnostica, facilità di impostazione nel cambio formato sono solo alcuni dei vantaggi offerti dalla tecnologia IO-Link. Tecnologia che Sick, produttore protagonista di sensori e soluzioni per l’automazione industriale, integra da tempo con successo...

  • Serie IMB di Sick

    Sick, produttore di Sensori e Soluzioni per l’Automazione Industriale, presenta IMB, una nuova famiglia di sensori induttivi, disponibile dalla taglia M08 alla taglia M30, capace di lavorare in modo affidabile in condizioni di lavoro estreme, a contatto...

  • Groenlandia: le prove dell’Early Anthropocene

    L’uomo potrebbe aver alterato il clima ben prima della Rivoluzione Industriale, già con gli incendi innescati tremila anni fa nelle foreste europee per fare spazio a insediamenti e campi per coltivazione e allevamento. A ipotizzarlo è uno...

  • Sensore Rosemount Analytical RDO

    Il sensore ed analizzatore di ossigeno disciolto Rosemount Analytical RDO di Emerson Process Management è uno strumento a principio ottico, progettato per impieghi nell’ambito dei bacini di aerazione e nelle vasche di sedimentazione degli impianti di depurazione...

  • Intergen: cogenerazione di successo

    Intergen, divisione energia di Iml Impianti, protagonista in Italia nella realizzazione e manutenzione di impianti di cogenerazione, ha presentato in anteprima all’evento mcTER, tenutosi recentemente a Milano, i risultati di una propria ricerca, condotta su decine di...

  • Cambiamenti climatici: droni del Cnr in Artico

    Droni ‘ricercatori’ saranno i protagonisti della campagna scientifica dell’Istituto di studi sui sistemi intelligenti per l’automazione del Consiglio nazionale delle ricerche (Issia-Cnr) che è partita sui fronti marini dei tre ghiacciai di Kronebreen, Kongsbreen e Conwaybree, situati...

Scopri le novità scelte per te x